20161106_172228

Torta al cioccolato glassata senza glutine e senza lattosio: C’Era una volta … La storia del bruco e della Farfalla

Ciao a tutti! Come vi avevo detto settimana scorsa qui, da questo mese per la Rubrica “C’era una volta…” si mette in gioco anche la mia sorellina Greta. Per questo doppio appuntamento Greta ha scelto una delle sue favole preferite: LA STORIA DEL BRUCO E DELLA FARFALLA, tratta dal Libro della Lega del Filo d’Oro.

untitled-88“Un piccolo bruco camminava verso una grande montagna.
Lungo la strada incontrò una coccinella che gli chiese: “Dove vai?”.
Il bruco rispose: “Ieri ho fatto un sogno nel quale mi trovavo sulla cima di una montagna e
da lì potevo vedere tutta la valle. Oggi voglio realizzare il mio sogno”.
Sorpresa, la coccinella gli disse: “Devi essere pazzo! Tu sei solo un piccolo bruco. Per te, un sassolino sarà una montagna, una pozzanghera sarà un mare e ogni cespuglio sarà una barriera impossibile da oltrepassare”.
Ma il piccolo bruco era già lontano e non la sentì.
Incontrò poi un coniglio: “Dove vai con tanto sforzo?”.
Il piccolo bruco rispose: “Ieri sera ho fatto un sogno, ho sognato di essere sulla cima della montagna e da lì potevo ammirare tutta la valle. Mi è piaciuto quello che ho visto e oggi voglio realizzare il mio sogno”.
Il coniglio si mise a ridere e disse: “Nemmeno io, con le mie grandi zampe e con i miei grandi salti, affronterei un’impresa così difficile”.
E, ridendo, rimase a osservare il piccolo bruco mentre procedeva per la sua strada.
La stessa cosa accadde con la rana, la talpa e il topo. Tutti gli consigliarono di fermarsi, dicendo: “Non arriverai mai!”.
Ma il piccolo bruco, determinato e coraggioso, continuò a camminare.
Stremato e senza forze, a un tratto decise di fermarsi a riposare. Con un ultimo sforzo si preparò un posto per dormire quella notte.
“Così mi sentirò meglio” disse il piccolo bruco. Ma quella stessa notte il bruco morì.
Per giorni, gli animali si avvicinarono a vedere i suoi resti. Lì c’era l’animale più pazzo del mondo, lì c’era l’ultimo rifugio di un piccolo bruco morto per aver inseguito un sogno.
images3ws2lw59All’improvviso, però, quel bocciolo grigiastro si ruppe. Comparvero due occhioni, due antenne e due bellissime ali dai colori stupendi.
Era una farfalla!
Gli animali restarono senza parole, meravigliati da quella stupenda creatura che in un istante prese il volo e
raggiunse la cima della montagna.
Il sogno del bruco, diventato farfalla, si era realizzato. Il sogno per il quale aveva vissuto, per il quale aveva lottato, era finalmente diventato realtà.”

 

Bella vero? Greta dice che è una magia fatta dalle fate! Ora lascio la parola alla mamma per la ricetta che lei e mia sorella hanno scelto! Vi aspettiamo a Dicembre! SERENA e GRETA

Per far felice la mia piccola principessa di casa non potevo che non preparare la sua TORTA preferita, LA TORTA AL CIOCCOLATO GLASSATA E DECORATA CON TANTE MERAVIGLIOSE FARFALLE! Una torta super golosa, senza glutine e senza lattosio, perfetta per una grandiosa merenda al rientro da scuola!!!   Andiamo in cucina!

Ingredienti:

200 g di cioccolato fondente senza glutine e senza lattosio
200 g di zucchero a velo senza glutine e senza lattosio
180 g di burro senza lattosio
4 uova
2 cucchiai di farina di riso
1 cucchiaino di lievito senza glutine

per la glassa:

200gr di cioccolato fondente senza glutine e senza lattosio
50ml di latte di riso
50ml di panna senza lattosio
1 cucchiaio colmo di zucchero di canna

farfalline di zucchero colorate*

* controllare che siano senza glutine e senza lattosio

20161106_170315Fate sciogliere a bagnomaria cioccolato e burro insieme. A parte in una ciotola montate i tuorli delle uova con lo zucchero a velo. Separatamente montate gli albumi a neve. Unite delicatamente il composto al cioccolato ai tuorli, mescolando dal basso verso l’alto per non smontarli, quindi incorporate gli albumi fino ad ottenere un composto soffice ed omogeneo.
Foderate una teglia con carta forno, versate il composto ottenuto e cuocete in forno preriscaldato a 170°C per circa 35 minuti, tenendo presente che la temperatura ed il tempo di cottura potrebbe variare in base alle caratteristiche del proprio forno. Nel frattempo preparate la glassa unendo tutti gli ingredienti in pentolino e far sciogliere bene il tutto. Al termine della cottura, far raffreddare la torta nella teglia e, quando sarà fredda, sformarla, trasferirla su una graticola e glassarla completamente. Ora non vi resta che decorarla con tante farfalline colorate insieme ai vostri bimbi!

20161106_171814

20161106_172221

20161106_172328

20161124_183929

Focaccia Farcita con Cime di Rapa, Provolone e ‘Nduja

Una super ricetta per questo Venerdì in compagnia della Rubrica “L’Angolino del Papà”: FOCACCIA FARCITA CON CIME DI RAPA, PROVOLONE E ‘NDUJA. Sapori unici, mediterranei, propri della nostra terra: le fantastiche e stagionali CIME DI RAPA, che personalmente adoriamo e usiamo tantissimo; il PROVOLONE, un formaggio saporitissimo, DOP, a pasta semidura e ricco di proteine nobili e calcio. E per finire un alimento che non manca mai nella mia dispensa perché particolarmente amato dal papà di casa : ‘NDUJA, un salame spalmabile piccante tipico della bellissima CALABRIA! Lievitazione di 8 ore divisa in due fasi con FARINA 1. Vi lascio la ricetta e buon week end a tutti!!!

Ingredienti:

500gr di FARINA 1
1 bustina di lievito di birra
260ml di acqua tiepida
1 cucchiaino di miele
1 cucchiaio di sale
3 cucchiai di olio evo
400gr di cime di rapa
1 cucchiaio di ‘nduja
150gr di provolone
olio evo q.b.
sale grosso q.b.

20161124_163107Per prima cosa preparate l’impasto: in una ciotola mettete la farina con l’olio. Sciogliete il lievito nell’acqua con il cucchiaino di miele. Versate il tutto nella farina, iniziate a lavorare l’impasto e unite il sale. Lavorate il tutto fino ad ottenere un panetto bello liscio. Mettetelo in una ciotola e ricoprite con pellicola. Fate lievitare per 6 ore in un luogo caldo e lontano da correnti di aria. Nel frattempo lavate bene le cime e fatele lessare fino a quando non sono tenere (gambi compresi), scolateli e lasciateli raffreddare. Una volta lievitata la pasta, che avrà raddoppiato il suo volume, dividete l’impasto in due e stendete delicatamente una prima parte su una teglia ben oleata. Farcite con le CIME DI RAPA, il PROVOLONE a pezzetti e l‘NDUJA anche a lei a pezzettini. Stendete anche la seconda parte e ricoprite il tutto, sigillando bene i bordi. Ricoprite con la pellicola e fate lievitare ancora per 2 ore.

20161124_174836

Ora non vi resta che spennellare la superficie con acqua e olio e spolverare di sale grosso a piacere. Infornare a 210° per 20 minuti circa.

20161124_183939

Che aggiungere di altro… fatevi sotto!!

20161124_184002

20161124_184018

20160910_173121

Torta salata di carote viola, porro e ricotta senza glutine senza lattosio: essere belle dentro

73c007795274935d245b01ecfa6f23adPer l’appuntamento mensile con la Rubrica “Bellissime Mamme” oggi voglio condividere con Voi amiche mamme e donne il mio essere Donna, Madre, Moglie, Figlia, Zia, Amica e non so cos’altro. Si, perché noi, siamo tutto questo racchiuso in solo corpo. In questa Rubrica spesso vi ho dato consigli su come mantenersi in forma, abbiamo cucinato piatti light, semplici e veloci per quelle mamme che hanno poco tempo. Abbiamo scoperto cibi che non sapevamo potessero farci bene. Abbiamo curato il nostro corpo dall’interno per essere belle fuori. E DENTRO? per essere belle fuori dobbiamo esserlo dentro, il nostro corpo è lo specchio della nostra anima. Possiamo anche essere magre, con addominali scolpiti, capelli perfetti e trucco impeccabile, ma vi assicuro che se dentro vi sentite uno schifo, chi vi guarda da fuori lo percepisce! E per essere belle dentro bisogna essere sereni con se stessi e DECIDERE DI ESSERE FELICI, cercando la gioia! Lo so, tante parole , ma vi assicuro che è proprio così. La vita spesso ci travolge come uno tsunami con i suoi momenti difficili: solo con la forza e la voglia di ritrovarsi si può sopravvivere e ricominciare a VIVERE. E se vivi bene, e dentro di te la gioia domina su tutto vi assicuro che anche senza trucco, con qualche chilo in più, voi sarete BELLISSIME! Da Donna a Donne credetemi, pensate a voi più spesso, dedicatevi più tempo, magari anche solo una semplice passeggiata all’aria aperta o un bagno caldo con sottofondo la vostra musica preferita. Da Donna a Donne… NON DIMENTICATEVI MAI E AMATEVI TANTO, perché LA PACE E LA GIOIA VIENE DA DENTRO, non cercatela fuori (cit. Buddha) . Oggi volevo solo condividere con voi la mia esperienza e il lavoro che sto facendo su me stessa e la mia ritrovata passione per il cibo regalandovi una ricettina semplice e gustosa, veloce e sana, con le mie amate carote viola, di cui qui vi ho parlato tempo fa. Una TORTA SALATA CON CAROTE VIOLA, PORRI E RICOTTA MAGRA SENZA LATTOSIO. Nel mio caso ho usato una sfoglia già pronta SENZA GLUTINE, ma in questa ricetta quello che conta è il gustoso ripieno! Ci rivediamo il mese prossimo con il nostro appuntamento mensile “Bellissime Mamme”!

Ingredienti:

1 rotolo di pasta sfoglia nel mio caso senza glutine
2 porri
8 carote viola
300gr di ricotta magra senza lattosio
parmigiano grattugiato *
olio evo q.b.
sale e pepe q.b.

* stagionato 48mesi è senza lattosio

20160910_130427Pulite le carote e il porro. Stufate il porro in un tegame con due cucchiai di olio, aggiungete le carote viola e fate cuocere a fuoco lento per circa 20 minuti, fino a quando non saranno cotte. Una volta fredde versate in una ciotola e unite la ricotta, aggiustate di sale e pepe e mescolate bene il tutto.

Srotolate la pasta sfoglia in una teglia, versate tutto il ripieno e spolverizzate con parmigiano. Infornate a 180° per circa 20 minuti. Non vi resta che farla raffreddare per qualche minuto e poi gustarla!

20160910_173048

20161106_165721

Torta con farina di castagne, pere cotogne e rum senza glutine e senza lattosio

Per questo Venerdì in compagnia della Rubrica “L’Angolino del Papà” portiamo in tavola un dolce sorprendente, soffice, rustico, veramente buonissimo! La mia amica Lia mi ha omaggiato di meravigliose Pere Cotogne, un frutto eccezionale, che ho utilizzato per preparare questa profumatissima Torta senza glutine e senza lattosio con farina di castagne e un buon bicchierino di Rum! Ci spostiamo in cambusa, recuperiamo tutti gli ingredienti e poi via in cucina!

Ingredienti:

3 Pere cotogne
1 cucchiaino di cannella
1 cucchiaio di burro senza lattosio
1 cucchiaio di zucchero
100gr di zucchero di canna
400gr di farina di castagne
400ml di latte di riso
3 uova
120gr di burro senza lattosio
1 bicchierino di Rum
1 bustina di lievito per dolci senza glutine

20161106_094025

Pulite le pere cotogne, tagliatele a pezzetti e mettetele in un pentolino con un cucchiaio di burro, la cannella, e un po’ di zucchero. Fatele ammorbidire e insaporire ed eventualmente aggiungete un pochino di acqua. Fate raffreddare. In una ciotola lavorate a crema le uova con lo zucchero, unite il latte tiepido, il burro ammorbidito e il rum: mescolate bene il tutto. Aggiungete la farina e le pere cotogne, lavorate bene il composto e versate il tutto in uno stampo ricoperto da carta forno.
Infornate a 170° per circa 50/60 minuti facendo la prova stecchino.

20161106_165908
La vostra torta è pronta: una vera delizia!

20161106_165312

20161106_165732

 

 

20161008_122146

Girelle di pasta sfoglia senza glutine con crema di zucca, speck e fontina

Buon Venerdì a tutti! Oggi per la Rubrica “L’Angolino del Papà” prepariamo qualcosa di sfizioso: delle Girelle di Pasta Sfoglia, senza glutine, farcite con una semplice crema di zucca, del buonissimo speck e tanta fontina. Un piatto semplice e gustosissimo, che ho portato in tavola in occasione di una cena di famiglia come antipasto e che tutti hanno apprezzato tantissimo, in particolare il mio papà, che non ama particolarmente la pasta sfoglia! Una grande soddisfazione! Bene, tutti in cucina!

Ingredienti:

1 rotolo di pasta sfoglia senza glutine (io lo avevo rotondo ma va benissimo anche quello rettangolare)
200gr di zucca
100gr di speck
200gr di fontina
timo fresco q.b.
olio evo q.b.
sale e pepe q.b.

20161008_110426Prendete la fette di zucca pulita dalla buccia, tagliatela a cubetti, salate, pepate e aggiungete un pochino di timo e un goccio di olio. Racchiudete nella stagnola e infornate fino a quando non è ben cotta e tenera. Una volta pronta togliete il timo e schiacciatela con una forchetta, lavorandola fino ad ottenere una bella crema. Srotolate la pasta sfoglia, ricopritela con la crema di zucca, le fette di speck, le fettine di fontina e poi delicatamente, aiutandovi con la carta da forno della pasta sfoglia rigirate su stessa. Mettete in frigorifero per 10 minuti. Estraete e tagliata e a fette che posizionerete su una teglia ricoperta da carta forno. Infornate a 200° per 15 minuti, fino a quando non sono ben dorate.
Non vi resta che servire accompagnando il tutto con un buon bicchiere di vino rosso!

20161008_122108

20161008_122122

Un Favoloso week end a tutti!

20161017_121751

Muffin salati con Piselli e Prosciutto senza glutine e senza lattosio : C’Era una Volta … La Principessa sul Pisello

Torna la nostra Rubrica mensile “C’Era una Volta…” dove io e mamma collaboriamo e cerchiamo di portarvi per qualche minuto con noi nel magico mondo delle Favole: mai smettere di sognare e di essere un po’ bambini (mamma me lo dice sempre). Da questo mese c’è una novità: anche la mia sorellina Greta vuole partecipare, così l’appuntamento mensile sarà doppio, cioè due favole al mese una scelta da me e l’altra dalla piccola di casa! Vi piace come idea? Noi siamo contentissime!!! Bene, oggi tocca a me…
” C’era una volta un principe che voleva sposare una principessa ma non una principessa qualsiasi… voleva una vera principessa, una fanciulla di sangue blu. Partì per un lungo viaggio, deciso a cercarla ovunque. Attraversò molti paesi e molti regni e incontrò molte principesse ma c’era sempre qualche cosa, un particolare nel loro atteggiamento poco reale che non lo convinceva… erano vere principesse, principesse di vero sangue blu?
Triste e sconsolato, il principe tornò nel suo castello senza avere trovato la principessa perfetta.
Una sera, mentre fuori si scatenava un terribile temporale, qualcuno bussò alle porte del castello.
Il vecchio re (il padre del nostro principe) decise di andare ad aprire di persona.
Chi bussava alla porta? Era una principessa! Ma com’era mal ridotta da questa terribile pioggia… l’acqua gocciolava dai suoi capelli e da tutti i suoi vestiti, entrando dalla punta delle scarpe e uscendone dalla suola. Eppure, la fanciulla si presentò e affermò di essere una vera principessa. “Lo sapremo molto presto” pensò la vecchia regina. In gran segreto, entrò nella stanza da letto dove avrebbe dormito la principessa e mise un pisello sotto il materasso del letto; aggiunse altri 20 materassi uno sopra l’altro ed infine ancora 20 piumini… La principessa venne accompagnata nella camera e si coricò esausta.
L’indomani mattina, il re, la regina e il principe le chiesero come avesse dormito. “Male! Malissimo!” rispose “Non sono riuscita a chiudere occhio… C’era qualche cosa di duro che mi dava fastidio, talmente fastidio che sono coperta di lividi!”
Sentendo queste parole, capirono che si trattava di una vera principessa perché una pelle così sensibile non poteva appartenere che a una principessa di vero sangue blu!
Il principe le chiese subito di sposarlo e il pisello fu esposto nel museo dei tesori dove si trova ancora oggi sempre che nessuno lo abbia portato via.”
Bella vero? Questa è una di quelle favole che nonna mi raccontava quando ero piccolina e mi diceva sempre che non bisogna mai basarsi sulle apparenze (come avevano fatto il re e la regina all’inizio) ma imparare a conoscere le persone prima di giudicarle. Certo… una principessa che non riesce a dormire per colpa di un pisello sotto 20 materassi .. è un po’ viziata!
Bene, passo la parola alla mamma che vi lascerà la ricetta che abbiamo preparato io e Greta insieme a lei!
Ciao Serena

Ricettina semplice e veloce che i bambini adorano: perfetta per un buffet, come merenda salata e in tavola al posto del pane! Oggi prepariamo dei MUFFIN SALATI SENZA GLUTINE e SENZA LATTOSIO CON PISELLINI E PROSCIUTTO A CUBETTI. Leggiamo gli ingredienti e mettiamoci ai fornelli!

Ingredienti per 12 muffin

200gr di pisellini fini
100ml di latte di riso
200gr di farina di riso
50gr di sorgo integrale
100gr di parmigiano reggiano stagionato 48 mesi grattugiato *
1 bustina di lievito senza glutine
100ml di olio di semi
100gr di prosciutto cotto
2 uova
olio evo q.b.
sale e pepe q.b.

*vi ricordo che il parmigiano così stagionato non contiene lattosio

Per prima cosa lessate i pisellini, scolateli e fateli raffreddare. In una ciotola sbattete le uova con il latte e l’olio.
In un altra ciotola unite le farine e il lievito. Aggiungete questo mix ai liquidi e lavorate il tutto molto velocemente. Unite prosciutto, formaggio e piselli. Mescolate, aggiustate di sale e pepe e riempite i pirottini fino all’orlo. Io ho usato pirottini in silicone e di solito li ungo sempre un pochino prima.
Non vi resta che infornare a 180° per circa 20/25 minuti.
Le principesse sono servite!

20161017_121758

20161017_12190720161017_121815

Vi aspettiamo nelle prossime settimane con la favola scelta da Greta!

 

20160718_124640

Orecchiette di grano arso con Ricotta, Pomodorini e Origano

Venerdì vuol dire “L’Angolino del Papà“: L’amore per la pasta in ogni sua versione da parte dell’eroe di casa è oramai noto a tutti. Durante il trasloco della suocera a casa nostra, abbiamo svuotato la sua dispensa e ho trovato un pacco di Orecchiette di Grano Arso ( vi ricordate la mia focaccia preparata con questo magnifico cereale?!) che avevano regalato a mio suocero nel classico pacco natalizio. Proprio l’altro giorno ho pensato di portarli in tavola e condire questa particolare pasta Pugliese con un sughetto di pomodorini Datterini Cirio (che gentilmente mi ha omaggiato di alcuni suoi prodotti e che aderisce al Progetto Fedagri di Qui da Noi), della freschissima ricotta di capra, della buonissima ricotta salata e tanto origano siciliano. Un sughetto alla pizzaiola, dai sapori che ricordano la lontana estate, leggero e perfetto con il gusto di questa particolare pasta. Io non potevo resistere e ho ceduto alla tentazione di assaggiare, alla faccia della mia intolleranza al glutine: troppo buone!!! Come sempre vi dico che intolleranza o sensibilità al glutine e celiachia sono due cose ben distinte: nel mio caso ogni tanto posso concedermi piatti glutinosi a patto che siano di ottima qualità, preparati con materie prime eccellenti (se volete chiarimenti su questo tipo di problema andate a visitare il sito del Gluten Free Travel & Living: qui trovate tutto quello che può servirvi ). Mettiamoci ai fornelli!

Ingredienti per 4 persone:

400gr di orecchiette di grano arso
1 lattina di pomodorini Datterini Cirio
150gr di ricotta di capra
1 cucchiaio di origano
ricotta salata q.b.
olio evo q.b.
sale q.b.

20160718_121913

In un tegame con due cucchiai di olio evo versate i pomodorini, aggiungete sale e lasciate cuocere per una decina di minuti, così che si addensi la salsa. Spegnete il fuoco e aggiungete la ricotta di capra mescolando bene gli ingredienti. Unite l’origano e una grattugiata di ricotta salata. Lessate le orecchiette in abbondante acqua salata, scolatele e versatele nel tegame del sugo, fate insaporire il tutto e servite in tavola con un’altra grattugiata di ricotta salata.

20160718_124709

Buon appetito!

20160718_124721