Archivi tag: ciambella senza lattosio

Ciambella senza glutine con Banane e Nocciole : C’era una volta … La Fata nella Nocciola

“E’ tutta sola, Lola,
la fata della nocciola
ma si consola.
Delicata, bionda carina
è la fata, della brina.
Nutrita da scoiattoli, circondata da usignoli,
dai loro voli.
Saltella trai fiori tra mille colori,
E’la fata dell’ arcobaleno,
del cielo, sereno,
della gioia della serenità.
Fin’ora nessuno l’ha vista, la vedrà
Vive, in un albero cavo custodita,
da scoiattoli. Lola è piu’ piccola della
fata madrina.
E’ una fatina.”
(fiaba copiata dal sito Ti racconto una fiaba)

Per rendere omaggio a questa bellissima Filastrocca, che la piccola Greta adora, abbiamo preparato un dolcetto buonissimo: una CIAMBELLA senza glutine e senza uova con NOCCIOLE e BANANE. La cosa particolare di questa ricetta è la farina che abbiamo utilizzato: la farina di Vinaccioli. I vinaccioli sono semplicemente i semi contenuti negli acini di uva, sia bianca che rossa. L’acino è costituito dalla buccia, dalla polpa e proprio dai vinaccioli. La farina di vinaccioli si ricava proprio dai semi di uva essiccati e macinati finemente dopo la separazione dall’acino e l’essiccatura. La farina di Vinaccioli, naturalmente priva di glutine e lattosio, può essere tranquillamente utilizzata in cucina associandola ad altre farine. Ha un colore bruno, con un sapore intenso e sentori di nocciola, quindi perfetto per questa nostra ricetta! Che dite, ci mettiamo ai fornelli?

Ingredienti:

100gr di farina di Vinaccioli
100gr di farina di riso
50gr di farina di nocciole
16gr di lievito senza glutine
100gr di zucchero di canna integrale mascobado
100gr di olio di girasole
300gr di banane
130gr di latte di riso
50gr di nocciole senza buccia

In una ciotola mettete le banane tagliate a pezzetti con lo zucchero. Schiacciate il tutto con una forchetta creando una specie di pappetta. Versate piano pianto il latte e l’olio e mescolate bene. Aggiungete le farine e il lievito setacciati e continuate a mescolare il tutto. A parte tritate le nocciole grossolanamente e aggiungetele all’impasto. Ungete e infarinate uno stampo da ciambella, versate il composto e infornate a 180° per 40/45 minuti circa, facendo sempre la prova stecchino per vedere la cottura.
Una volta cotta, sfornate, fate raffreddare, togliete dallo stampo e spolverate con zucchero a velo a piacere (mi raccomando senza glutine per gli intolleranti e celiaci).

20170917_154851

20170917_155022

Soffice, leggera e dolce… una vera bontà!

20170917_155009

Con questa ricetta partecipo al BELLISSIMO contest The Free Food Lover della mia carissima amica Leti (Senza è buono) in collaborazione con Shake Your Free Life.

banner-inst

 

 

 

Ciambella al Cioccolato e Mandorle: sforniamo dolci

I giorni scorsi avevo tutta la ciurma a casa: dopo Greta, che si è rimessa abbastanza bene, anche Serena e il Vice Capitano Mauro si sono ammalati. Che fare? Li ho chiusi tutti nelle loro cabine, a letto al calduccio, cercando di coccolarli ma di non stargli troppo vicino: io non posso permettermi di ammalarmi! Coccola per me vuol dire dolci, tanti dolci … così dopo la Ciambella ai Ribes e More, eccone un’altra, sempre senza glutine e senza lattosio, con tanto cioccolato e con il frutto del mese, le Mandorle.
Inzuppata nel latte è qualcosa di paradisiaco, gustata con una tazza di thè verde è buonissima: soffice e morbida, leggera e profumata di mandorle.. una vera favola!
Sfornata ieri mattina è stata divorata in 24 ore dalla ciurma… sono rimaste solo le briciole a ricordarmi che devo velocemente preparare un altro dolce!

Ingredienti:

3 uova
200gr di zucchero di canna
300gr di farina di riso Almaverde
100gr di farina di mandorle
1 bustina di lievito senza glutine S.Martino
200ml di latte di mandorle
120ml di olio di semi
200gr di cioccolato fondente  senza lattosio Chocolight 75%  Venchi

Per la farina di mandorle io ho grattugiato le mandorle senza buccia nel mixer.
Lavorate le uova con lo zucchero sino ad ottenere una crema, unite piano piano le farine e il lievito mescolando delicatamente e aggiungete per ultimo il latte, l’olio e il cioccolato, che avrete precedentemente sciolto a bagnomaria, amalgamando bene tutti gli ingredienti sino ad ottenere un composto senza grumi. Oliate e infarinate lo stampo da ciambella e versate il composto, decorando la superficie con qualche mandorla intera. Infornate a 180° in forno preriscaldato per 35/40 minuti circa (fate prova stecchino).
Fate raffreddare e poi togliete dallo stampo.

20150119_204215

A piacere spolverate con zucchero a velo!

20150120_070848

Il profumo di mandorle e cioccolato che riempie la stanza durante la cottura è buonissimo!

20150120_070941

vi assicuro che è così soffice che si scioglie in bocca

20150120_070955

C’era una volta .. “La bella Addormentata del Bosco” e la sua Ciambella con Ribes e More

Dopo l’interruzione delle Vacanze di Natale, eccoci ancora qui per ritornare insieme nel Magico Mondo delle Favole, con la nostra Rubrica “C’Era una Volta…”. Oggi Serena ha scelto per Voi la romantica favola di Rosaspina, meglio conosciuta come “La Bella Addormentata nel bosco”.

C’era una volta, in un paese lontano, un re di nome Stefano e la sua regina. Dopo molti anni finalmente la regina rimase incinta e nacque una bambina che chiamarono Aurora, come la dea del mattino, perché riempiva di sole la loro vita. Organizzaro una grande festa per festeggiare la sua nascita e tra gli invitati c’era Re Umberto insieme al suo giovane figlio, il principe Filippo. I due re volevano unire i loro Paesi facendo sposare i lori figli e così quel giorno annuciarono il fidanzamento della principessa Aurora con il principe Filippo.
Alla festa c’erano anche le tre fate buone che si avvicinarono alla culla per offrire i loro doni alla principessa Aurora. “Piccola principessa, il mio dono sarà la bellezza” disse Flora, mentre la sua bacchetta spruzzava scintille di polvere fatata. “Piccola principessa, il mio dono sarà una voce dolcissima” disse Fauna.

images (4)

Ma mentre la terza fata, Serena, stava per offrire il suo dono di felicità, comparve in mezzo alla sala Malefica ,la strega cattiva, molto arrabbiata per non essere stata invitata ai festeggiamenti.

imagesSSHA7JVS

Alzò le braccia e annunciò: “Anch’io farò un dono alla bambina. La principessa Aurora crescerà in grazia e bellezza, amata da tutti quelli che la conoscono. Ma prima che cali il sole sul giorno del suo sedicesimo compleanno, si pungerà un dito con il fuso di un arcolaio… e morirà!” e con la sua potente magia si circondò di fiamme e scomparve in una nuvola di fumo. Serena, che non aveva ancora offerto il suo dono, agitò la sua bacchetta e disse: “Re e regina non disperate! Benché non abbia il potere di annullare questa terribile maledizione, posso essere d’aiuto. Dolce principessa, un fuso ti pungerà il dito, ma non morrai; ti addormenterai e dormirai fino a quando non riceverai il primo bacio d’amore!” Re Stefano ordinò che lo stesso giorno tutti i fusi e gli arcolai del reame venissero bruciati e prepararono un grande rogo nel cortile. Le tre fate però avevano ancora paura, così dopo aver convinto il re e la regina decisero di nascondere la piccola: l’avrebbero portata a vivere in mezzo alla foresta e si sarebbero tutte travestite da contadine dando un nuovo nome alla principessa: Rosaspina Malefica cercò di trovare la ragazza negli anni successivo ma non ci riuscì mai perché le tre fate promisero di vivere come mortali e non usare mai la magia, ne l timore che , se lo avessero fatto, Malefica avrebbe potuto scoprirle . Arrivò il l giorno del sedicesimo compleanno della principessa e le tre fate decisero di farle una sorpresa: la mandarono a raccogliere bacche nel bosco mentre loro preparavano una torta e un vestito nuovo.

untitled (13)

Ma la torta e il vestito riuscirono proprio male così disperate presero senza pensarci le loro bacchette magiche che proiettarono raggi di magia per tutta la stanza e crearono una meravigliosa torta e un bellissimo vestito. Sfortunatamente, le scintille colorate salirono su per il camino e il corvo di Malefica, le vide e volò subito dalla sua padrona per dirle che aveva scoperto il nascondiglio delle fate. Nel frattempo il principe Filippo stava cacciando in mezzo al bosco e trovò Rosaspina che danzava e cantava con le animali. I due, dopo aver cantato insieme

untitled (14)

si accorsero di essersi innamorati ma la principessa doveva andare così disse al principe : “Vieni questa sera alla capanna nella foresta. Sarò là con le mie zie.” E scappò verso casa per raccontare a Flora, Fauna e Serena del suo incontro con un meraviglioso cacciatore. Ma quando arrivò le fate le dissero: “Mia cara, tu sei in realtà la principessa Aurora” cominciò Flora. “E stanotte ti riporteremo a tuo padre, il re Stefano. Devi dimenticare quel cacciatore. Non fa per te.” Triste la fanciulla lasciò la capanna e con le fate ritornò al castello dove su subito accompagnata nella sua stanza. “Lasciamola sola per un po’” disse Flora chiudendo la porta dietro di sé. “Povera cara”.
I due Re , Stefano e Umberto , che tavano festeggiando il ritorno della principessa,

images (22)

e brindando al futuro matrimonio furono interrotti dall’arrivo del principe Filippo “Padre, ho appena incontrato la ragazza che sposerò. Non la principessa Aurora, ma una contadinella.” Re Umberto s’infuriò e supplico il figlio, ma Filippo voleva sposare la fanciulla che amava e in sella al suo cavallo partì per incontrare Rosaspina nella capanna del bosco.
Intanto Rosaspina, sotto incantesimo di Malefica, segunedo una dolce voce venne condotta in una stanza segreta. Lì c’era un arcolaio, l’unico rimasto in tutto il Paese. “Cosa sarà mai?” disse Aurora. La voce le ordinò: “Tocca il fuso!” e Aurora tese la mano verso il fuso e si punse il dito. Immediatamente cadde al suolo svenuta e addormentata .

images (20)

Le tre fate la trasportarono in una meravigliosa stanza e con la magia addormentaroso tutti nel palazzo. Poi volarono via a cercare il principe Filippo, perché solo lui avrebbe potuto svegliare la principessa. Filippo venne catturato da Malefica appena arrivò nella capanna e su catturato e imprigionato nel castello della steega cattiva che gli rivelò che la sua contadinella non era altro che la principessa Aurora ormai addormentata per sempre nel castello che poteva essere svegliata solo dal suo bacio d’amore. Le tre fate riuscirono a liberare Filippo e dopo avergli dato uno scudo magico della Virtù e la Spada della Verità lo accompagnarono al castello che era circondato da una foresta di rovi, mente Malefica, trasformata in un drago che sputava fuoco, era di guardia .

images (21)

La spada magica del principe volò diritta al cuore del drago e lo uccise e lui corse a baciare la sua principessa che si svegliò dal suo sonno incantato e assieme a lei anche tutti gli abitanti del regno.

images (23)

untitled (15)

Aurora e Filippo iniziarono a danzare felici … molto presto si sarebbero sposati e avrebbero vissuto per sempre felici e contenti!”

Quanto è bella questa favola e ci fa capire che l’amore è capace di sconfiggere ogni cosa e i veri e buoni sentimenti vincono sempre. Essere invidiosi e cattivi, come Malefica, alla fine non porta a niente! Passo la penna alla mamma, che vi spiega la ricetta che abbiamo scelto: buonissima! Ci vediamo a Marzo con un altra favola…

ciao Serena

IMMAGINI PRESE DAL WEB

Naturalmente non potevamo che preparare un dolce e, visto che Rosaspina stava raccogliendo bacche nel bosco quando ha incontrato Filippo, abbiamo pensato a una torta con tanti frutti di bosco. Ma ci voleva una torta rustica, preparata in campagna, con mani contadine, semplice e buona: una ciambella. Ribes e more sono perfetti insieme… ecco quindi la ricetta della Ciambella di Rosaspina!

Ingredienti:

300gr di farina di riso Almaverde
100gr di fecola di patate
120ml di olio di semi
200ml di latte di soia
200gr di zucchero di canna
1 bustina di lievito per dolci senza glutine S.Martino
4 uova
250gr di ribes rossi
100gr di more

Con una frusta lavorate lo zucchero con le uova fino a ottenere una crema. Aggiungete le farine setacciate e continuate a mescolare unendo piano piano il latte e l’olio. Aggiungete il lievito per dolci e lavorate sino a quando il composto non è ben amalgamato e senza grumi. Ungete e infarinate uno stampo da ciambella, versate il composto e poi a caso i ribes e le more precedentemente lavati e asciugati. Durante la cottura scenderanno piano piano all’interno della ciambella. Infornate in forno preriscaldato a 180° per 30/35 minuti, fate sempre la prova stecchino. Attendete che la ciambella si sia raffreddata e poi togliete delicatamente dallo stampo. Spolverata a piacere con zucchero a velo e decorate con qualche ribes e mora.

20150129_152303

Bellissima, profumata e soffice, morbida e succosa, senza burro, senza latte, senza glutine…insomma adatta proprio a tutti!

20150129_164436

Vi lasciamo una fettina di torta

20150129_164452

e vi aspettiamo a Marzo con un’altra meravigliosa favola!

Manu & Serena