La Carota

In questo mese di Maggio ci occuperemo di tre verdure sempre presenti nei nostri frigoriferi e nelle nostre dispense: Una di queste è la nostra amatissima CAROTA!
Per le altre due vi rimando ai prossimi post!
Il nome “carota” deriva dal greco “Karotòn”, mentre in botanica è nota come “Daucus carota”.

Sebbene le sue origini risiedano in Oriente, dov’è stata coltivata per migliaia di anni, già gli antichi Greci e i Romani utilizzavano le carote, non tanto a uso culinario (a causa della tipica consistenza legnosa e dura del vegetale), quanto come piante officinali.
La coltivazione della carota è molto diffusa in tutta Europa, nell’Africa del nord e nel continente asiatico. E’ una pianta erbacea perenne, appartenente alla famiglia delle Ombrellifere: la parte commestibile della carota è la radice.

20140428_101705

Quando si acquistano le carote controllare che siano sode e prive di macchie e provenienti da colture biologiche: è garanzia di una maggiore quantità di principi attivi e assenza di pesticidi. In tal caso, mangia anche la buccia, la parte più ricca di betacarotene. Più il colore è intenso, maggiore è il contenuto di betacarotene. Conservarle in frigorifero in un sacchetto per non più di 7 giorni. Cercate di consumarle subito appena tagliate e poco dopo la cottura: la lunga conservazione può sviluppare sostanze cancerogene.
Per quanto riguarda le proprietà nutritive, la carota è una vera e propria miniera di minerali: ferro, calcio, magnesio, rame, zinco. La carota apporta pro-vitamina A (carotenoidi), vitamina B e C; tra tutti i vegetali rappresenta la fonte più ricca di beta-carotene, trasformato in vitamina A dall’organismo in caso di bisogno. Il carotene è il pigmento responsabile della tipica colorazione arancione della carota: proprio per questo motivo, i caroteni vengono estratti dalla radice ed impiegati come colorante naturale nell’industria agro-alimentare (E160).
La radice di carota è ricca di riserve zuccherine, mentre nella parte erbacea si trovano moltissimi flavonoidi, furano cumarine ed olio con molecole a basso peso molecolare.
Questa radice è un prezioso alleato contro i radicali liberi e la degenerazione cellulare; i suoi principi attivi aiutano occhi, pelle e sistema immunitario. Inoltre rinforza il sistema immunitario e consumarla quotidianamente riduce il rischio di contrarre tumori soprattutto ai polmoni, alla pelle e al colon.
Grazie ai Sali minerali che contiene, è un toccasana anche per il fegato, migliorando il metabolismo dell’intestino. Il passato di carote è impiegato come rimedio per le diarree, in particolar modo nei bambini.
L’olio di semi di carota trova largo impiego in profumeria, per accendere note fresche e dolci: è molto utilizzato anche per il suo bassissimo costo. Nel settore cosmetico, unito ai caroteni, è sfruttato anche per la formulazione di creme abbronzanti, anti-invecchiamento e in prodotti che stimolano la crescita dei capelli. Inoltre, l’industria cosmetica prevede l’utilizzo della polpa di carota per il trattamento di scottature, foruncoli, pelli secche e screpolate, e per risanare piaghe.

carote+viola

La radice fresca di carota può essere utilizzata anche per il decotto: in questo modo può esplicare proprietà diuretiche ed espettoranti, per contrastare tosse e raucedine. Alla carota sono legate anche altre proprietà: potrebbe essere sfruttata per le sue capacità diuretiche e carminative, per alleggerire disturbi come calcoli, cistiti e problemi urinari.

In cucina il suo uso è illimitato, da piatti salati a dolci. A differenza di altre verdure che perdono parte del contenuto vitaminico e minerale con la cottura, la carota cotta (per poco tempo e non ad alte temperature) vede aumentare la biodisponibilità di betacarotene (come succede anche al pomodoro che durante la cottura libera una maggiore quantità di licopene).
Questo mese coloreremo le nostre tavole di Arancione: prepariamoci all’estate!

20140429_181859

6 pensieri su “La Carota

  1. Pingback: Centrifugato Carote, Pesca e Pompelmo: energia e depurazione in un solo sorso! | Una Favola in Tavola " Il Mondo di Ortolandia"

  2. Pingback: Risotto con zucchine, carote, piselli e funghi: la magia della neve | Una Favola in Tavola " Il Mondo di Ortolandia"

  3. Pingback: Tagliatelle senza glutine con ragù di salsiccia | Una Favola in Tavola " Il Mondo di Ortolandia"

  4. Pingback: Torta salata di carote viola, porro e ricotta senza glutine senza lattosio: essere belle dentro | Una Favola in Tavola " Il Mondo di Ortolandia"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...