Archivi categoria: Zuppe

Vellutata di Carciofi con bacon e crostini di pane senza glutine: Raccolta di Febbraio “L’Orto del bimbo intollerante”

Per il mese di Febbraio  la Raccolta “L’orto del bimbo intollerante”   si colora di VERDE  e ARANCIO, infatti gli ingredienti che io  e Leti abbiamo scelto per voi sono i  CARCIOFI e le ARANCE.

 untitled (38)   untitled (45)

imagesH6CT7I86L’intolleranza di cui ci occupiamo è quella al glutine, quindi ricette GLUTEN  FREE adatte al palato dei nostri piccoli di casa. Oggi vi presento la mia proposta, naturalmente fuori gara, che ho portato in tavola alla mia ciurma e che ha avuto un enorme successo: ho scelto uno degli ingredienti più difficili, IL CARCIOFO, ma che in questi ultimi anni ho presentato in svariati modi alle due principesse e che sono riuscita a far apprezzare tantissimo, al punto che, quando andiamo a fare la spesa, la piccola Greta me li indica da mettere nel carrello. Una delle cose che ho imparato è che non devo mai nascondere alle mie bimbe quello che c’è nel piatto: mentre spesso questo può essere un trucchetto fantastico nei primi anni, dopo è stato per me indispensabile fargli capire e vedere quello che mangiano. Specialmente la piccola Greta, che ama spesso cucinare con me e affiancarmi nelle preparazioni: lei vuole sapere e vuole assaggiare tutto, anche le verdure crude. Così proprio con lei ho preparato questa Vellutata di Carciofi e ho cercato di renderla ancora più gustosa aggiungendo del bacon affumicato  a cubetti ben croccante e dei deliziosi crostini di pane. Un piatto fantastico, un profumo delizioso e una consistenza in bocca meravigliosa. Bisogna dire che alle mie bimbe piace tantissimo mangiare il minestrone con il pane, addirittura lo preferisco che con riso o pasta. Spesso lo preparo con le verdure che ho in frigorifero, lo frullo un pochino, aggiungo olio a crudo e erbe aromatiche e poi ci tuffo dentro dei pezzettini di pane croccante: ne vanno matte! Naturalmente pane senza glutine e io ho usato qualche fetta della mia pagnotta con farine naturali senza glutine e lievito madre.

Una ricetta semplicissima ma di grande effetto e davvero buonissima: cercate sempre di rendere le verdure più appetitose ai vostri bambini, aggiungendo magari qualche ingrediente che a loro piace molto: io appunto ho usato il bacon affumicato, che in particolar modo Serena A D O R A! Non mi resta che lasciarvi la ricetta e mi raccomando, aspetto le VOSTRE PROPOSTE per la Raccolta di questo MESE: forza tutti ai fornelli, il bimbo intollerante e i suoi amichetti hanno bisogno di voi!

Ingredienti per 4 persone:

2 patate
8 carciofi
1 cipollotto
1 limone
brodo vegetale q.b.
sale e pepe q.b.
rosmarino 1 rametto
olio evo q.b.
1 fetta di bacon affumicato senza glutine(circa 200gr)
4 fette di pane senza glutine

Preparate una ciotola con acqua e limone. Pulite i carciofi: tirate via le foglie esterne più dure, tagliate la sommità con le spine e il gambo e immergete il tutto nella ciotola. Nel frattempo sbucciate la patata e tagliatela a cubetti. In un tegame con tre cucchiai di olio evo mettete a rosolare il cipollotto tritato, unite la patata, il rametto di rosmarino e fate insaporire. Prendete i gambi del carciofo, asciugateli, tirate via la parte esterna più filamentosa e tagliateli a pezzetti. Uniteli nel tegame. Prendete i carciofi, asciugateli, divideteli in due, tirate via con la punta di un coltellino la parte interna della barbetta, risciacquateli e mettete anche questi nel tegame. Aggiustate di sale e pepe e coprite il tutto con il brodo bollente. Fate cuocere per una ventina di minuti circa. Nel frattempo tagliate il bacon a striscioline e poi a pezzetti e fatela rosolare in una tegame con un goccio di olio: deve diventare croccante ma non bruciarsi. Tagliate il pane a cubetti e unitelo alla pancetta così che prenda bene il sapore. Un pizzico di sale e pepe e poi spegnete la fiamma. Tirate via il rametto di rosmarino e frullate le verdure con un frullatore ad immersione ed eventualmente aggiungete un pochino di brodo se dovesse essere troppo corposa. Riscaldate bene il tutto e servite in ciotoline con un paio di cucchiai di bacon e di pane croccante. Dimenticavo…. un giro di olio a crudo non può mancare!

20160204_120709

20160204_120722

20160204_120746

Questa ricetta è la mia proposta per la Raccolta di Febbraio “L’Orto del bimbo intollerante”

banner-raccolta-febbraio

Volete qualche altra idea per portare in tavola i carciofi? ecco qui alcune mie ricette approvate dalla Ciurma:

CARCIOFI FRITTI in pastella senza glutine
STRUDEL DI CARCIOFI
INVOLTINI DI CARNE CON CARCIOFI E FORMAGGIO
CARBONARA DI CARCIOFI
CARCIOFI ALLA PIZZAIOLA
PARMIGIANA DI CARCIOFI
ORZO AI CARCIOFI CON POLPETTINE
PASTA ALLA CREMA DI CARCIOFI

Zuppa di Sorgo con broccolo romano, zucca e castagne: scoprire insieme nuovi cereali

A che ora torni stasera? Perché volevo preparare una calda zuppa di Sorgo” domanda carina e gentile della sottoscritta “Che roba prepari? Cos’è sto .. Sorgo?” risposta scorbutica del marito! Sempre diffidenti questi uomini, il mio poi è il primo ad arricciare il naso quando in tavola compare qualcosa di “nuovo”, mai assaggiato prima! Devo dire però che non si tira mai indietro e l’assaggio non manca mai! Presentiamo quindi questo new entry nella nostra dispensa: IL SORGO, cereale antico dalle origini millenarie.  Il sorgo è uno dei primi cereali a essere stato coltivato dall’uomo, vista la sua capacità di resistere alla siccità e agli agenti atmosferici. Si pensa che la pianta cominciò a essere coltivata in Africa Nordorientale (tra l’odierna Etiopia e il Sahel semi-desertico) addirittura intorno all’8000 a.C. Successivamente il sorgo si è diffuso e adattato a numerosi ambienti: dall’India alla Cina, fino ad arrivare in Europa, nelle Americhe e in Australia. Attualmente il maggiore produttore mondiale di sorgo sono gli Stati Uniti. In Italia viene coltivato in Emilia Romagna, Toscana, Marche e Umbria. E’ ricco di fibre, è un cereale privo di glutine e altamente digeribile. Contiene importanti sali minerali come ferro, calcio, potassioVitamina come la B3 e la vitamina E che rendono quest’alimento ricco di proprietà nutritive. Contiene inoltre antiossidanti naturali e fitocomposti quali acidi fenolici, fitosteroli e flavonoidi. Cento grammi di sorgo bianco forniscono circa 380 calorie.
Era da un po’ di tempo che volevo provarlo e durante la mia visita alla Fiera di Rimini Gluten Free 2015 ho avuto l’occasione di conoscerlo e portarlo a casa sia in formato di chicchi bianchi decorticati senza tannini ( vi ricordo che i tannini sono sostanze antinutrizionali che ostacolano la digeribilità e l’assimilazione delle proteine; per questo motivo nonostante siano utili a proteggere il chicco dagli agenti atmosferici e da muffe, si preferisce decorticare la granella e renderla priva di questa sostanza) che in farina.

20151214_175055

Proprio con questa granella particolare ho deciso di preparare una deliziosa zuppa, con verdura di stagione come broccolo romano, zucca e castagne. E’ un cereale che necessita di ammollo, almeno 1 – 2 ore prima di iniziare a cuocerlo. Dopodiché ha bisogno di una cottura lenta, circa 40 minuti. Lo so, è una procedura un po’ lunga, ma vi assicuro che otterrete una zuppa magnifica e assaggerete un cereale stupendo e molto buono, con un sapore delicato ma gustoso. Lo trovo perfetto come sostituto del riso, conferisce alla zuppa un non so che di rustico e vi assicuro che non avrete problemi a portarlo in tavola: marito  e bimbe completamente conquistate, addirittura Serena e Greta hanno esordito con  la frase “meglio del riso “, lasciandomi a bocca aperte visto il loro amore folle per questo cereale!

Ingredienti per 4 persone:

200gr di sorgo
750ml di brodo vegetale
1/2 cipolla dorata
1 broccolo romano
150gr di zucca
25 castagne lessate
olio evo q.b.
rosmarino q.b.
salvia q.b.
sale e pepe q.b.

Lasciate il sorgo in ammollo per almeno un’ora, poi risciacquate bene e tenete da parte. In una casseruola con due cucchiai  di olio fate rosolare la cipolla tritata finemente, aggiungete la zucca pulita e tagliata a cubetti, il sorgo, le erbe aromatiche tritate e fate insaporire il tutto. Unite ora il brodo ben caldo, aggiustate di sale e pepe e fate cuocere per una ventina di minuti mescolando bene. Aggiungete a questo punto il broccolo romano pulito e diviso per fiori, allungate con brodo o acqua se necessita e lasciate sul fuoco per una decina di minuti aggiungendo per ultimo le castagne. Fate insaporire bene il tutto, regolate di sale e pepe se necessita e lasciate sul fuoco ancora dieci minuti per un totale di cottura della zuppa di circa 40 minuti. La zucca sarà morbida ma non si sfalderà così come il broccolo che rimarrà leggermente croccante. Le castagne, essendo già cotte, insaporiranno la zuppa sbriciolandosi leggermente.

20151209_185535

Servite la zuppa ben calda con una macinata di pepe fresco e a piacere una spolverata di parmigiano reggiano, che vi ricordo stagionato 36 mesi non contiene lattosio.

20151209_185518

20151209_185531

Manteniamoci leggeri prima delle abbuffate di Natale!

Crema di Rapa bianca e broccoli: ben tornata “Bellissima Mamma”

Pensavate che avessi abbandonato la mia Rubrica del Martedì vero? E invece no, ho ripreso saldamente il timone nelle mie mani, dopo un periodo un po’ frenetico, e dopo aver “riaperto” la Rubrica del Venerdì dedicata agli eroi di casa, i papà, “L’Angolino del papà”, oggi ritorna anche lo spazio dedicato a noi, alle Donne, la Rubrica del Martedì “Bellissime Mamme”, dove cercherò di proporvi tanti piattini light e gustosi, tanti consigli di bellezza, sempre e solo usando ciò che la natura ci regala: diventare più belle mangiando sano!
Per riaprire al meglio, oggi prepariamo una calda e avvolgente crema, buona e sana, naturalmente light con verdure di stagione come le Rape bianche lodigiane e i broccoli. Dei broccoli ve ne avevo tanto parlato qui, ortaggio meraviglioso, ricco di vitamina C, vitamina A, potassio magnesio, ferro e fosforo,  inoltre, come gli altri componenti della famiglia dei cavoli, è ritenuto un antitumorale poiché contiene betacarotene. Oggi quindi voglio presentarVi la RAPA, un ortaggio considerato poco sulla nostra tavola, ma davvero straordinario: ha un ottimo sapore ed è un vero toccasana per la nostra salute, per il nostro benessere e per la nostra bellezza. Oggi portiamo in tavola un nuovo amico, un nuovo alleato e scopriamo insieme tutte le sue proprietà e benefici: ortaggio ricco di acqua, fonte primaria di vita, miscelata a potassio, fosforo, ferro, magnesio, calcio, manganese e vitamine, tra le quali A e C. Le rape sono indicate per le donne perché contengono acido folico, di cui abbiamo bisogno soprattutto durante la gravidanza.  Essendo prive di glutine, sono perfette per tutte le persone celiache e chi soffre di intolleranza. Sono povere di calorie e ricche di fibre, aiutano a regolarizzare la digestione e grazie al grande quantitativo di antiossidanti,  sono perfette per contrastare i radicali liberi e quindi l’invecchiamento delle cellule. Sono invece sconsigliate per le persone affette da disfunzione della tiroide, perché contengono particolari composti che interferiscono con la ghiandola. Grazie alla rapa il nostro corpo rimane più sano, più giovane e il nostro aspetto è più radioso e brillante.

La Rapa è stata tradizionalmente un cibo dei tempi duri, perché resiste bene al freddo e si conserva fino al raccolta successivo. Sempre seconda la tradizione la rapa è priva di sapore, per questo è entrata in molti proverbi e modi di dire a indicare la vuotezza : “testa di rapa”, ecc…

Ora mettiamoci ai fornelli e prepariamo questo delizioso piatto, aromatizzato da curcuma e zenzero (così da aumentare i suo effetti benefici), perfetto per la stagione fredda… una ricetta confortante che ci fa più belle!

Ingredienti per due persone:

1 rapa bianca lodigiana grande
1 broccolo piccolo
brodo vegetale (carote, sedano, cipolla bianca)
1 cucchiaino di curcuma
2cm di zenzero fresco
olio evo q.b.
sale e pepe q.b.

20151102_164937

Lavate la rapa, tagliatela a tocchetti. Pulite il broccolo e dividete le cimette. Riunite le verdure in una pentola con il brodo vegetale e fate cuocere sino a quando non sono belle tenere. Scolatele e mettetele in una ciotola con un paio di mestoli di brodo rimasto nella pentola. Frullate il tutto con un mixer ad immersione ottenendo una bella crema. Se necessita, a vostro piacere, aggiungete altro brodo. Versate il tutto in una pentola, aggiustate di sale, unite le spezie, mescolate bene e fate riscaldare.

20151102_185358

La Crema è pronta, non vi resta che impiattarla, aggiungere un filo di olio evo a crudo e una generosa spolverata di pepe.

20151102_185622

Minestrone con le uova

Prepariamo  una buona ricettina light per la nostra Rubrica del martedi “Bellissime Mamme”. Il minestrone è uno di quei piatti sempre presenti nelle diete: oggi lo trasformiamo in un piatto unico, rustico e leggero, aggiungendo un altro alimento molto importante nelle diete, l’uovo! Le uova sono fonte di proteine più facilmente assimilabili rispetto a quelle della carne , aiutano a tenere sotto controllo il colesterolo e combattono l’anemia. Inoltre un uovo contiene solo 5 grammi di grasso! Mi raccomando però, non più di 2/3 a settimana!

Ingredienti per 2 persone:

2 uova
300gr di minestrone Orogel leggerezza
2 cucchiai di olio evo
sale e pepe q.b.
4 fette di pane in cassetta (nel mio caso senza glutine)

Io tengo sempre qualche confezione di minestrone surgelato nel congelatore, perché non sempre riesco a prepararlo fresco e se ne ho voglia, in poco tempo è pronto. Se lo preparate fresco vi consiglio queste verdure, a basso contenuto calorico: carote, zucchine, pomodoro, fagiolini, zucca, cavolfiore, sedano, spinaci, porro o cipolla, broccoli.
Preparate il minestrone come da confezione, aggiustatelo di sale e pepe e conditelo con l’olio evo. Quando è pronto versate in piatti che possono andare nel microonde o nel forno. In ciascun piatto sgusciate un uovo, che già con il calore della minestra si inizierà a rapprendere. Passate in forno (o nel microonde) un paio di minuti. Insaporite con una generosa spolverata di pepe, che vi ricordo è un ottimo alleato nelle diete perché brucia grassi. Tostate le fette di pane e servite il piatto!

20150122_122725

Vi assicuro che questa ricetta piacerà a tutta la famiglia, bambini compresi, parola di Capitano!

20150122_122751

 

Vellutata di finocchi

Il Martedì è la giornata di noi Mamme-Donne:  ricette semplici e veloci di cucina e non solo, per prenderci cura del nostro corpo. Oggi per la Nostra Rubrica “Bellissime Mamme” ho deciso di proporvi una ricettina light, facile e deliziosa, sfruttando tutte le proprietà del Finocchio. La Vellutata è uno di quei piatti “confort-food” che riscaldano cuore e anima, che appagano tutti i sensi e che mantengono il nostro corpo in linea. Come sempre pochi e ottimi ingredienti per una preparazione  semplice e veloce.

Ingredienti per 4 persone:

4 patate
4 finocchi
1/2 cipolla
1 rametto di rosmarino
acqua
olio evo q.b.
sale e pepe q.b.
semi di chia

Lavate bene i finocchi e pelate le patate, tagliate le verdure a pezzi e mettetele a lessare in una pentola con abbondante acqua salata.

20150127_093200

Quando le verdure si sono ammorbidite, scolatele, tenendo da parte il brodo.
Nel frattempo fate imbiondire la cipolla tritata in una pentola con due cucchiai di olio evo, aggiungete le verdure e metà del brodo, lasciate sul fuoco qualche minuto. Con l’aiuto di un mixer ad immersione frullate finchè non avrete ottenuto una crema liscia e omogeneo, aggiungete ancora un pochino di brodo, condite con il rosmarino tritato, aggiustate di sale e pepe e portate a bollore.

20150127_181908

Servite subito la vostra vellutata con un filo di olio evo e con una spolverata di semi di chia.

20150127_192356

Per i vostri bambini, qualche crostino di pane tostato è perfetto!

20150127_192408

Zuppa di ceci e carote: il Vice Capitano ha freddooooo!

Settimana scorsa le piogge e le temperature più basse hanno “scombussolato” il nostro viaggio tranquillo di ritorno dal Polo Nord (letterine consegnate a Babbo Natale): il Vice Capitano Mauro, tutto il giorno in giro sotto le intemperie, ha preso freddo! Così abbiamo attraccato al porto più vicino e la ciurma al completo si è adoperata per accudirlo, con coccole e baci in dose raddoppiata e naturalmente piattini leggeri, gustosi e caldi, per farlo tornare in perfetta forma. Le Zuppe sono proprio quello che ci vuole nei momenti OUT e quella che vi propongo oggi è veramente buona, una delle preferite dalla piccola Greta. Ricetta semplice come sempre, con pochi ingredienti tutta salute e che, se accompagnata come nel mio caso da carboidrati (pane), diventa un ottimo piatto unico! Un paio di giorni sono bastati al Vice Capitano per rimettersi in piedi, giusto giusto per la ricetta dell’ Angolino del Papà (vi aspetto domani!!). La nave ha ripreso il suo viaggio … settimana prossima arriva Santa Lucia!

Ingredienti per 4 persone:

1 scalogno
1/2 peperoncino
1 rametto di rosmarino
4 cm di zenzero fresco
6 carote
250 gr di ceci già cotti oppure secchi
1/2 cucchiaio di concentrato di pomodoro
brodo vegetale
olio evo
sale q.b.

Se utilizzate i ceci secchi dovete lasciarli in ammollo dalle 12 alle 24 ore. Pulite le carote e tagliatele a pezzetti. In un tegame con tre cucchiai di olio fate rosolare il peperoncino a pezzetti con lo scalogno tritato, aggiungete poi le carote, i ceci ben scolati, il rosmarino e lo zenzero grattugiato.

20140818_103946

Mescolate bene e fate insaporire, unite tanto brodo da coprire tutto, aggiungete il concentrato di pomodoro, mescolate, salate e lasciate cuocere sino a quando le carote e i ceci non saranno ben cotti, quasi al punto di sfaldarsi (circa 30 minuti con ceci cotti, 1 ora e mezza con quelli secchi lasciati ammollare). Servite questa zuppa ben calda con crostini di pane e a piacere formaggio grattugiato!

 

20140818_121224

20140818_121309

ecco il piattino bis della piccola Greta, che adora i ceci (per ora)

20140818_121430

Vi ricordo il Contest in corso “Ricordi d’infanzia in un piatto” … aspettiamo le vostre ricette e i vostri ricordi di bambino!

Crema di zucca e Rape Rosse al profumo di Rosmarino e noce moscata con Chips di Zucca e Crostini croccanti: il colore della cameretta

Babbo Natale quest’anno dovrebbe (dico dovrebbe) portare la cameretta nuova. Dopo mesi di “discussioni” sul modello ora siamo arrivati tutti e tre ad una soluzione unica. Dico tutti e tre perchè la piccola Greta si troverà quello che sua sorella più grande, insieme a noi naturalmente (ed è per questo che la decisione è  più lunga), ha deciso. Ora non ci rimane che il colore! Vi sembra facile? La Signorina voleva azzurro: ma scusa, due femmine in casa e la cameretta azzurra?? E’ il suo colore preferito! Bocciato in partenza, mi rifiuto! Poi abbiamo visto una cameretta giallo-arancione: molto carina! Ma solo per me, bocciato! In fondo al tunnel vedo una luce: lilla! Si ci piace a tutti, un colore femminile ma non il solito rosa. Quando pensavamo di essere arrivati ad una unanime decisione, l’altra sera mentre stavamo gustando la crema che vi presenterò stasera, Serena esordisce a tavola con la frase : “eh però, pensavo che visto che io amo la scienza, vorrei una cameretta più da scienziato, con colori della natura”. Io e Mauro ci siamo guardati in faccia: Quindi che colori vuoi? “Mi piacerebbe qualcosa appeso in camera, dei disegni sulle pareti…” si certo… e anche un banchetto con il microscopio e gli attrezzi per gli esperimenti!
IO PENSO CHE BABBO NATALE non porterà la cameretta, passerà la consegna al CONIGLIO di Pasqua! La “chiaccherata” si è protratta per tutto il pasto, alcune volte il mare era molto mosso e i piatti sballottavano da una parte all’altra, ma almeno la cena era deliziosa. Questa crema è superlativa e me lo hanno dimostrato i piatti puliti che la ciurma ha lasciato sulla tavola. Avevo paura che alla piccola Greta non piacesse molto, invece l’idea dei crostini croccanti, leggermente salati che hanno bilanciato il dolce della crema, è stata la mossa giusta! Cremosità unica, dolcezza delicata, profumo di rosmarino e noce moscata spettacolare: dovete provarla!
Intanto noi proseguiamo il nostro viaggio… la rotta è segnata e l’obiettivo da raggiungere è fissato: il colore della cameretta!

Ingredienti:

600gr di zucca cotta
200gr di rapa rossa cotta
100ml di panna di soia bio
2 rametti rosmarino
1/2 cipolla
1 cucchiaio di noce moscata
8 fette sottili di zucca violino
pane
sale q.b.
olio evo

Per prima cosa fate cuocere la zucca: pulite bene dai semi e dall’eventuale terra, avvolgetela nella carta stagnola e infornate a 200° per circa 15/20 minuti, deve risultare morbida quando infilate uno stecchino. Pulitela dalla buccia e mettetela da parte. Prendete la rapa rossa, io ho usato quella cotta alla brace che compro dal mio fruttivendolo ma va bene anche quella del supermercato sotto vuoto, togliete la buccia e tagliatela a pezzetti. In un largo tegame con tre cucchiai di olio mettete a rosolare un rametto di rosmarino tritato finemente con la cipolla tritata, unite la rapa e la zucca a pezzetti e fate insaporire il tutto per qualche minuto. Con l’aiuto di un frullatore ad immersione frullate bene il tutto a crema, unite la panna, la noce moscata, aggiustate di sale e lasciate cuocere per qualche minuto continuando a girare: deve essere molto cremosa e non acquosa.

20141013_190710

Nel frattempo mettete le fette di zucca in una teglia ricoperta di carta forno, conditele con un filo di olio evo, del rosmarino e del sale grosso e infornate a 180° per circa 10 minuti: devono diventare belle croccanti fuori, come delle chips.

20141013_180750

Prendete del pane, io ho usato il mio pane rustico al timo che ormai preparo spesso nella forma di pane in casetta, tagliatelo a quadrotti e fate saltare in padella con un filo di olio evo e una spolverata di sale in modo che diventino croccanti.
Servite la crema accompagnata dalle chips di zucca croccanti e profumate e dai crostini di pane, che io faccio sempre in abbondanza perché la ciurma li adora ed è un modo simpatico per far mangiare ai bimbi questo tipo di piatto!

20141013_191608

è anche bella vero? un colore bellissimo… ecco potrei proporlo a Serena! 😉

20141013_191608 - Copia

CON QUESTA RICETTA PARTECIPO AL CONTEST di Cinzia ai Fornelli ” Cucinare con le SPEZIE, AROMI ed ERBE AROMATICHE”

contest spezie.001