Archivi tag: carote

Plum cake alle Carote con Mandorle e Cioccolato senza glutine senza lattosio

Adoro le carote e in questo ultimo periodo ne mangio tantissime, non solo fanno bene ma sono anche buonissime! Ieri ho pensato di prepararci anche un dolcetto, leggero ma allo stesso tempo goloso. Ecco allora il mio PLUM-CAKE alle CAROTE, con MANDORLE e CIOCCOLATO, da inserire nella nostra Rubrica “Bellissime Mamme”. Una torta senza glutine e senza lattosio, perfetta per le mie intolleranze e adatta anche ai più piccoli di casa. Mettiamoci ai fornelli!

Ingredienti:

450gr di carote
350gr di mandorle pelate
200gr di zucchero integrale di canna
2 uova
150gr di farina integrale di riso
150gr di gocce di cioccolato senza glutine e senza lattosio
20gr di polvere lievitante senza glutine

Spuntate le carote, raschiatele, lavatele, asciugatele e tagliatele a pezzetti. Unite nel frullatore lo zucchero, le mandorle, le carote e tritate tutto. Versate il tutto in una ciotola e unite le uova una alla volta, mescolando bene. Aggiungete la farina, il lievito e le gocce di cioccolato. Continuate a mescolare con un cucchiaio di legno fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo. Rivestite uno stampo da plum-cake con carta da forno inumidita e versate il composto livellando bene. Infornate a 180° per 40/45 minuti. Non vi resta che aspettare che si raffreddi per togliere dallo stampo e gustare questo buonissimo Plum-cake!

20170914_185736

20170914_18591020170914_190053

Con questa ricetta partecipo al Contest “The Free food Lover”

banner-inst

Con questa ricetta partecipo al contest “the mystery basket” di La mia famiglia ai fornelli, ospitato questo mese dal blog I biscotti della zia”

Crostatine integrali con marmellata Ace: aprile dolce dormire!

Aprile, dolce dormire
“Svegliati, svegliati, campanaro,
la rondine canta, il cielo è chiaro!
Piglia la corda e suona le campane,
chè il fornaio vuol fare il pane,
ogni cuor vuol palpitare.
Ma in ogni casa mamma è desta,
e spalanca la finestra,
e fa tutto, ma pianino,
chè ancora dorme il suo bambino…
(Dorme con le manucce strette
e l’angelo chissà cosa ci mette).
E le campane delle chiesuole:
“Ah, che buon’aria! Oh, che buon sole!”
Fiorito è il monte, lucente il mare,
e tu, perchè non ti vuoi svegliare?” (U. Betti)

Sonno, tanto sonno! In queste mattine è difficilissimo alzarsi dal letto… lunedì mattina una volta spenta la sveglia, sono ripiombata nel più bel sonno del mondo! E’ un problema, perché se non mi alzo io qui la ciurma continua a dormire beata, suocera compresa! Meno male che c’è la mia Lady che con qualche affettuosa leccata mi ha svegliato: povera, anche lei ha i suoi bisogni da fare! Sarà la primavera? Sarà il bisogno di recuperare ore di sonno oramai perse? Non ne ho idea, so solo che ho tanto tanto tanto sonno! Per mia fortuna riesco ancora, con un minimo di lucidità, ad organizzarmi e così al nostro brusco risveglio la colazione era già pronta in tavola: domenica pomeriggio biscotti e crostatine hanno intrattenuto le bimbe dopo il giretto in bicicletta e profumato la casa di buono, proprio in previsione della settimana piena di impegni che avrei avuto! E proprio le Crostatine hanno  attirato l’attenzione della ciurma: deliziose tortine integrali #senzaglutine e #senzalattosio con farina di riso integrale e farina di sorgo, farcite con la mia marmellata Ace, profumata e fresca. Una pasta frolla deliziosa, friabile e leggera: farina di riso e farina di sorgo insieme sono una garanzia! Vi lascio la ricettina e vi auguro un meraviglioso Giovedì!

Ingredienti:

80gr di farina di riso integrale
40gr di farina di sorgo
70gr di zucchero di canna
100gr di burro senza lattosio
1 cucchiaio di latte di riso
marmellata di Ace

In una ciotola unite le farine con lo zucchero. Aggiungete il burro, fate amalgamare bene e unite il latte piano piano, dovete ottenere una frolla consistente e non troppo molle. Fate una palla, avvolgete nella pellicola e lasciate in frigorifero 2 ore. Riprendete l’impasto, infarinate il piano di lavoro e stendete con il mattarello. Con l’aiuto di un coppa pasta ritagliate dei cerchi di diametro maggiore delle formine delle crostatine. Rivestite le formine, riempite con la marmellata e con le restanti parti di pasta frolla fate le classiche striscioline: questo è un lavoretto che i bimbi adorano fare, lasciateli divertirsi, anche se il risultato non sarà perfetto, per loro sarà bellissimo! Non vi resta che infornare a 180° per 20 minuti e le crostatine sono pronte! Aspettate che si raffreddino un pochino prima di toglierle dallo stampo e poi fatele raffreddare completamente su una griglia.

20160315_195712

20160315_195755

Spolverate con zucchero a velo e gustate a colazione, per merenda, come dolcetto dopo pasto… insomma, quando volete!! Sono buonissime!

20160315_200036

Questa ricetta è il mio contributo per la Raccolta di questo mese “L’Orto del bimbo intollerante”

12966718_1698018113810742_1024524985_n-300x199

 

Marmellata ACE, Arance Carote e Limoni: la mia dose di amore

“L’amore è il più prezioso dei totem e si rivela a noi in modi inaspettati” (Koda – Fratello Orso)

Non amo l’inverno, è una stagione che mi spegne, raffredda le mie emozioni e porta con se ricordi tristi. Quando l’aria inizia ad avere quel meraviglioso profumo di primavera, il mio cuore si apre e chiede amore. Il Sole alto accarezza il viso, riscalda il corpo e l’anima. La Fantasia si riaccende insieme alla voglia di coccole, di colori e di profumi unici e la mia passione per le marmellate risboccia. Qualche settimana fa vi avevo proposto quella di Mele e Zenzero, dolce e leggermente pizzicosa, fantastica con pane e burro e superba con formaggi stagionati. I giorni scorsi invece ho voluto preparare una marmellata particolare, ricca di vitamine e preparata con quei frutti che io amo particolarmente non solo per il sapore ma anche per il colore.. il colore dell’estate: Arance e Limoni, Arancione e Giallo! La marmellata di Arance, insieme a quella di Limoni, sono le più gettonate in casa, la ciurma le ama tantissimo, ma insieme non l’avevo mai preparata. In frigorifero avevo anche qualche  bella carota, che in passato avevo usato proprio per una marmellata spettacolare che era sparita in un batter d’occhio, quella con Carote, Limoni e Mandorle . Perché non preparare una deliziosa marmellata che avesse il sapore del buonissimo succo ACE? Detto fatto! Ecco per voi la ricetta della mia Marmellata ACE, dolce e fresca, gustosa e colorata, perfetta per ogni momento della giornata! Buon inizio di settimana!

Ingredienti:

600gr di arance
200gr di limoni
200gr di carote
300gr di zucchero d’uva
1 bicchiere di acqua

Per prima cosa lavate frutta e verdura molto bene, perché vi servirà anche la buccia.

20160315_101609

Iniziamo con le arance: sbucciatele tenendo la buccia da patte, pulite gli spicchi dalla parte bianca, tagliateli a pezzetti raccoglieteli in una ciotola. Ora prendete le bucce, togliete la parte bianca e tagliate a julienne la parte arancione che unirete nella ciotola agli spicchi. Ora passiamo ai limoni: con un pelapatate sbucciateli tutti, tagliate la buccia a julienne e unitela nella ciotola. Prendete gli spicchi di limone, togliete la parte bianca e tagliateli a pezzetti. Ultimo passaggio riguarda le carote: grattugiatele e unitele al resto degli ingredienti. Ora non vi resta che mescolare il tutto e versare in una capiente pentola, aggiungere lo zucchero e un bicchiere di acqua. Fate cuocere a fiamma moderata per circa 20 minuti, mescolando spesso in modo che non si attacchi sul fondo. Trascorso il tempo, con l’aiuto di un mixer ad immersione date una frullata al tutto: a noi piace sentire i pezzetti di frutta quindi ho frullato in modo molto grossolano. Rimettete sul fuoco e fate raggiungere la densità giusta: per capirlo, come già vi ho detto più volte, basta prelevare un cucchiaino di composta e metterlo su un piattino. Girando il piattino la marmellata sono deve cadere, ma scivolare piano piano. Nel frattempo, dopo aver sterilizzato i barattoli, metteteli nel forno ben caldo. Quando la marmellata è pronta versatela nei barattoli bollenti: vedrete che frigge! Questo è l’invasamento a caldo, quello che io preferisco! Chiudete bene i barattoli e lasciate raffreddare in un luogo buio.

20160315_195515

Dopo qualche giorno potete tranquillamente gustarvi questa meravigliosa creazione!

20160315_195442

Tortine di Carote, Arancia e nocciole : tanta voglia di dolci

Nell’aria il profumo di Feste si sente già e il gran freddo arrivato improvvisamente fa venire voglia di coccole, di cibi più confortanti, voglia di … DOLCI! La ciurma per colazione e per merenda non si accontenta più di qualche biscotto o di pane e marmellata (dopo aver finito quella all’arancia,  hanno svuotato anche i barattoli di quella  pere e camomilla, la preferita di Greta), ma CHIEDE qualcosa di più goloso. Dopo aver sfornato la Torta al Cioccolato con mandorle, nocciole e cocco per il mio 2 compliblog, ho pensato di preparare qualche dolcetto diverso dal solito e questa volta senza cioccolato. Sapete bene quanto io sia attenta all’alimentazione delle mie piccoline e quanto io eviti di comprare le classiche merendine al supermercato: se devo comprare prodotti pronti vado sui biscotti, senza olio di palma naturalmente e con pochi zuccheri. Lo so, molti di voi non hanno tempo e passione per la cucina, ma garantire una sana alimentazione ai nostri bimbi è un nostro Dovere: mi raccomando, leggete sempre le etichette dei prodotti che mettete nel carrello! Se invece volete dedicare un po’ di tempo, e spesso ne basta veramente poco, per preparare un dolcetto in casa, vi lascio qualche idea come la mia Ciambella ai frutti di bosco (i vostri bimbi impazziranno), facile e veloce, oppure  il Plumcake alla Vaniglia con cioccolato bianco (golosissimo) o il Variegato alla cannella (ha un profumo meraviglioso). Ce ne sono tanti altri, basta curiosare nel blog per trovare suggerimenti e ricette di ogni genere. Oggi ne aggiungiamo una nuova, un dolcetto unico, goloso e Sano, con tante proprietà benefiche all’interno, un dolce da gustare a qualsiasi ora del giorno e della notte, un dolce a prova di Ciurma.  ECCOVI la ricetta delle TORTINE DI CAROTE, ARANCIA E NOCCIOLE , senza glutine, senza lattosio, senza burro, ricoperte da una deliziosa GLASSA di zucchero.

Ingredienti:

500gr di carote
1 arancia bio
200gr di nocciole tritate
400gr di farina di Riso
3 uova
190gr di zucchero di canna integrale
100gr di olio di mais

per la glassa

5 cucchiai di latte di riso
200gr di zucchero a velo senza glutine

Lavate, pelatele e grattugiate le carote. Raccogliete le carote in una ciotola e unite le nocciole, la farina, la scorza dell’arancia e il suo succo. Mescolate bene. Dividete i tuorli dall’albume e montate a neve quest’ultimi. Lavorare i tuorli con lo zucchero, aggiungeteli al mix di carote e farina e aggiungete l’olio. Lavorate il tutto e per ultimo unite gli albumi incorporandoli delicatamente. Versate l’impasto in uno stampo rettangolare leggermente unto, infornate in forno preriscaldato per 40 minuti a 175° e una volta pronta fate raffreddare. Nel frattempo preparate la glassa mettendo il latte a scaldare e amalgamandolo allo zucchero. Dividete la torta in piccole tortine e spalmate di glassa.

20151121_172917

20151121_174905

Il colore scuro è dovuto all’uso di zucchero di canna integrale, se volete il classico arancione delle carote basta sostituirlo con zucchero normale.

20151121_175343

La colazione perfetta per tutta la famiglia: vitamine, energia e gusto!

20151121_175919

20151121_180411

Queste tortine sono anche un buonissimo dolcetto post-pranzo … parola di Vice – capitano 😉

Crostata di Farro con pollo, capperi, carote e timo: lucida come non mai

Dedicare del tempo a me stessa (anche se comporta correre molto di più) era quello che mi serviva per ritornare sulla retta via e la lucidità mentale che ho ritrovato è uno dei benefici maggiori oltre a quello fisico. Il mercoledì è uno di quei giorni super incasinati dove la nave cambia rotta in continuazione: Serena sbarca per le 8, io e Greta per le 8.30, corso di yoga, recupero di Greta, pranzo, organizzare la cena, visita di controllo al suocero, ritiro Serena a scuola, merenda veloce e poi corso di latino di Serena, rientro a casa, tutti in doccia e finalmente cena! Ma arrivo a sera con una spensieratezza e una tranquillità che non ricordavo possibile avere!
E questa lucidità mi permette di organizzarmi in maniera fantastica e riuscire a portare in tavola piatti buonissimi come quello che vi presento oggi: una torta salata, modi crostata, con farina di farro integrale e con un ripieno delizioso e saporito che la ciurma ha amato particolarmente per i contrasti al palato. La consistenza e delicatezza del pollo, la dolcezza delle carote e il salato dei capperi, il tutto condito dal sapore e dal profumo di una delle erbe aromatiche più amate da tutti noi, il timo! Vi lascio la ricetta al volo… dovete assolutamente provare questo fantastico piatto unico: è buonissimo!
Tutto è più facile da gestire, il mare sempre calmo e un sole che illumina virtualmente la mia giornata: mi bastavano veramente poche ore a settimana!

Ingredienti:

200gr di farina di farro integrale Mulino Marino
3 cucchiai di olio evo
un pizzico di lievito istantaneo
acqua gelata (circa 70/80ml)
400gr di petto di pollo
200gr di carote
2 cucchiai di capperi di Pantelleria
1 cucchiaio di farina
1 bicchiere di vino bianco
timo fresco
olio evo
sale e pepe q.b.

Per prima cosa preparate la pasta per la crostata: in una capiente ciotola mescolate la farina di farro con il lievito e un pizzico di sale, aggiungete l’olio e poi piano piano l’acqua gelata sino ad avere un impasto liscio e morbido. Lasciare riposare 30 minuti in frigorifero.

20150109_190053

Lavate le carote, affettatele a rondelle sottili e mettete in un largo tegame con due cucchiai di olio e il timo. Cuocete per 5/6 minuti e poi unite i capperi e il pollo tagliato a dadini.

20150109_121640

Fate insaporire, sfumate con il vino bianco, aggiustate di sale e pepe e lasciate sul fuoco a fiamma bassa per 10 minuti. A questo punto unite la farina e se necessita un pochino di acqua, mescolate bene e portate a cottura finale, ci vorranno altri 5/6 minuti.

20150109_123350

Stendete la pasta in una forma rotonda, trasferite in una teglia precedentemente unta e infarinata, riempite con il composto e richiudete i bordi all’interno.

20150109_190717

A questo punto potete conservarla in frigorifero e infornarla come ho fatto io prima di cena, oppure cuocerla subito e al momento della cena passarla in forno un paio di minuti per risaldarla.
Trasferite in forno preriscaldato a 180° per 30/35 minuti circa (deve cuocersi solo la pasta).

20150109_195038

Un profumo fantastico ha invaso la cucina di bordo…

20150109_195057

questa crostata è da mangiare con le mani!

20150109_195200

Zuppa di ceci e carote: il Vice Capitano ha freddooooo!

Settimana scorsa le piogge e le temperature più basse hanno “scombussolato” il nostro viaggio tranquillo di ritorno dal Polo Nord (letterine consegnate a Babbo Natale): il Vice Capitano Mauro, tutto il giorno in giro sotto le intemperie, ha preso freddo! Così abbiamo attraccato al porto più vicino e la ciurma al completo si è adoperata per accudirlo, con coccole e baci in dose raddoppiata e naturalmente piattini leggeri, gustosi e caldi, per farlo tornare in perfetta forma. Le Zuppe sono proprio quello che ci vuole nei momenti OUT e quella che vi propongo oggi è veramente buona, una delle preferite dalla piccola Greta. Ricetta semplice come sempre, con pochi ingredienti tutta salute e che, se accompagnata come nel mio caso da carboidrati (pane), diventa un ottimo piatto unico! Un paio di giorni sono bastati al Vice Capitano per rimettersi in piedi, giusto giusto per la ricetta dell’ Angolino del Papà (vi aspetto domani!!). La nave ha ripreso il suo viaggio … settimana prossima arriva Santa Lucia!

Ingredienti per 4 persone:

1 scalogno
1/2 peperoncino
1 rametto di rosmarino
4 cm di zenzero fresco
6 carote
250 gr di ceci già cotti oppure secchi
1/2 cucchiaio di concentrato di pomodoro
brodo vegetale
olio evo
sale q.b.

Se utilizzate i ceci secchi dovete lasciarli in ammollo dalle 12 alle 24 ore. Pulite le carote e tagliatele a pezzetti. In un tegame con tre cucchiai di olio fate rosolare il peperoncino a pezzetti con lo scalogno tritato, aggiungete poi le carote, i ceci ben scolati, il rosmarino e lo zenzero grattugiato.

20140818_103946

Mescolate bene e fate insaporire, unite tanto brodo da coprire tutto, aggiungete il concentrato di pomodoro, mescolate, salate e lasciate cuocere sino a quando le carote e i ceci non saranno ben cotti, quasi al punto di sfaldarsi (circa 30 minuti con ceci cotti, 1 ora e mezza con quelli secchi lasciati ammollare). Servite questa zuppa ben calda con crostini di pane e a piacere formaggio grattugiato!

 

20140818_121224

20140818_121309

ecco il piattino bis della piccola Greta, che adora i ceci (per ora)

20140818_121430

Vi ricordo il Contest in corso “Ricordi d’infanzia in un piatto” … aspettiamo le vostre ricette e i vostri ricordi di bambino!

Marmellata di Carote Limone e Mandorle: magia di sapori!

La dolcezza unica delle carote dell’orto, splendide e profumate bucce di limone di Sorrento, la meravigliosa croccantezza delle Mandorle di sicilia e il profumo della mia menta: un mix intrigante, perfetto su una fetta di pane integrale rustico … un piacere unico per iniziare bene la giornata!
Una ricetta scovata nelle tante riviste accatastate negli angoli della casa, modificata con prodotti eccezionali e di alta qualità: la magia in tavola!

Ingredienti per 2 barattoli da 250ml:

500gr di carote bio (io ho usato quelle dell’orto)
500gr di zucchero
succo di 1 limone di Sorrento Bio
1 limone di Sorrento Bio
1 bicchiere di acqua
50 gr di mandorle
menta fresca

Lavate le carote e tritatele con il tritatutto. Mettete in una casseruola, aggiungete lo zucchero, il succo del limone e l’acqua.

20140526_104940

Fate cuocere a fuoco basso, mescolando spesso, per almeno 1 ora e mezza. Dieci minuti prima della fine della cottura unite le mandorle, la menta e la buccia del limone a pezzetti.

20140526_122212

Versate la marmellata in vasetti sterilizzati caldi e gustate questa meraviglia!

20140526_122823

Consiglio:lasciate riposare almeno 3 giorni prima di consumarla e … con il pane integrale o di segale troverete l’abbinamento perfetto.

Ideasalvavanzi: il limone di Sorrento senza buccia che vi è avanzato diventa buonissimo tagliato a fettine sottili insieme ad un arancio, spolverato di zucchero a velo e messo in forno a caramellare per 10 minuti: un dolce lampo!

20140526_122806