Archivi categoria: Ricette “Bellissime Mamme”

Biscotti all’Amaranto con Cioccolato e Zenzero: voglia di dolce

Non vi capita mai, soprattutto quando siete a dieta, quell’impulso irrefrenabile di voglia di dolce? Che fai una fatica immane per resistere alla tentazione? A me capita sempre, specialmente in quei periodi di stress, dove l’appetito spunta all’improvviso, a tradimento! Voi Che fate? Cedete alla tentazione o siete così brave da resistere?
Io non ci riesco, già per me è complicato seguire una dieta, figuriamoci rinunciare a un pezzetto di cioccolato o ad un biscottino quando la voglia arriva! Così ho deciso di affrontare questi momenti avendo sempre a disposizione qualche dolcetto light sano e goloso, bilanciando gli zuccheri del dolce extra con un po’ di grassi e proteine, per limitare le conseguenze negative. Qui è arrivato in soccorso il mio amico Amaranto, costituito per la maggior parte da carboidrati e da un elevato apporto proteico. Le proteine presenti sono di alto valore biologico ossia contengono amminoacidi essenziali, che il nostro organismo non è in grado di sintetizzare ma devono essere assunti con l’alimentazione.
Pur essendo un alimento ad alto contenuto di carboidrati, l’amaranto presenta un basso indice glicemico, è una fonte di vitamina E e di sali minerali come calcio, fosforo e potassio. Insomma è un alimento benefico e salutare, leggero, facile da digerire e da metabolizzare, ed è senza glutine!
Così l’ amaranto si è trasformato in deliziosi biscottini ancora più golosi con l’aggiunta di buon cioccolato extra fondente, un po’ di zenzero, che come ben sapete è un ottimo alleato nei periodi di dieta e addolciti da un poco di zucchero di cocco, fonte naturale di vitamine B1, B2, B3, B6 e C, che non contiene conservanti e con un indice glicemico bassissimo!
Adesso, io non so se questi biscottini siano veramente salutari, ma vi posso assicurare che io non posso più farne a meno in quei momenti di “voglia di dolce” e che il mio ago della bilancia non è mai salito! Allora mi sono detta, perché non condividere con le mia amiche della Rubrica ” Bellissime Mamme” questi semplici e buonissimi BISCOTTI ALL’AMARANTO CON CIOCCOLATO E ZENZERO senza glutine e senza lattosio? A voi la ricetta e … fatemi sapere se vi sono piaciuti!

Ingredienti:

100gr di farina di teff senza glutine
50gr di zucchero di cocco senza glutine
100gr di cioccolato extra fondente senza glutine e senza lattosio
70gr di amaranto
100gr di latte di soia
1 cucchiaio di olio
1/2 bustina di polvere lievitante senza glutine
1 cucchiaino di zenzero in polvere

In una grande padella bollente scoppiettate l’amaranto, stando attenti a non bruciarlo. In una ciotola unite la farina, lo zucchero, il cioccolato tritato grossolanamente, il lievito, lo zenzero e l’amaranto.
Mescolate il tutto e aggiungete piano piano olio e latte, fino ad ottenere un composto omogeneo. Fate una palla, ricoprite con la pellicola e mettete in frigorifero a riposare per 30 minuti.


Riprendete l’impasto e formate tante palline che poi schiaccerete delicatamente con il palmo della mano formando dei dischetti. Adagiate i biscotti su una placca rivestita con carta forno e infornate a 180° per 15 minuti.

Sfornate, fate raffreddare e assaggiate questi deliziosi biscottini croccanti e golosi!

Con questa ricetta partecipo al contest “ The Free Food Lover ” organizzato da ‘’Shake Your Free Life’’ e ‘’Senza è buono’’

 

Tartine con Salsa all’Avocado e Salame allo Zenzero senza glutine e senza lattosio

Questa estate ho scoperto un lato di Serena che non conoscevo: la passione sfrenata per gli antipasti! Tramezzini, bruschette, tartine di ogni genere, piattini di affettati e formaggio… la sua estate è all’insegna di una cucina leggera e gustosa, piena di fantasia. Così, quando Clai mi ha omaggiato di una serie di prodotti eccezionali come il Salame allo Zenzero, Serena non ha perso tempo e si è cimentata nella preparazione di tantissimi stuzzichini da leccarsi i baffi. Come vi ho già detto qui, Clai è una Cooperativa Imolese, che aderisceaderisce al progetto FEDAGRI Qui da Noi . Opera sia nell’agroalimentare sia nel settore dei salumi, con una particolare specializzazione nel segmento del salame, che in quello delle carni fresche bovine e suine.
Il Salame Strolghino aromatizzato allo Zenzero è stata una fantastica scoperta: caratterizzato dalla facile pelabilità, dal gusto dolce, rimane tenero e scioglievole al palato. Il nome “strolghino” deriva dal verbo dialettale emiliano “strolgare”, trovare una soluzione, indovinare, perché, per le sue caratteristiche di stagionatura, veniva utilizzato per prevedere l’andamento della stessa per i salami di pezzatura maggiore. Un salame dal gusto unico,dove i sapori del territorio si sposano con le note orientali.
“Mamma, con questo salame ci vuole una salsa particolare… cosa mi consigli?” Ci vuole una salsa fresca, gustosa e che dia leggerezza al salame, dal sapore delicato e che si sposi bene con lo zenzero. In frigorifero un  bel Avocado maturo, perfetto per dare un tocco in più ai piatti, come a questa insalata di quinoa e bulgur o a questo riso venere con i gamberetti.  

Oltretutto l’ Avocado, come vi ho già detto qui, è un importante alleato per mantenersi in salute. E’ vero che contiene molte calorie perché è un frutto a pasta grassa, ma se lo mangi senza abusarne puoi gustarlo anche a dieta, anzi ti darà anche una mano a mangiare di meno perché assicura un elevato indice di sazietà. Oltre che un alleato per dimagrire, l’avocado è anche ricco di grassi monoinsaturi come acido linoleico e Omega 3 che fanno bene al cuore e al colesterolo. Grazie all’alto contenuto di antiossidanti, vitamine, sali minerali e grassi vegetali, l’avocado è particolarmente adatto quando hai bisogno di energie, ad esempio prima di fare sport o dopo l’attività, o quando devi recuperarle. E’ utile per tutti, donne, uomini e bambini, di ogni età e condizione fisica, grazie alla ricchezza di nutrienti di facile assimilazione.

Quindi care amiche mamme che tanto seguite la mia Rubrica “Bellissime Mamme” oggi per voi una salsa Avocado fantastica, semplice e perfetta da portare in tavola anche nei periodi di dieta! Concediamo ogni tanto anche qualche sfizio, come una di queste super tartine!!

Ingredienti:

pane da tramezzino senza glutine Orva
1 avocado maturo
radice di zenzero
100gr di formaggio cremoso senza lattosio
olio evo q.b.
sale e pepe q.b.
Salame allo zenzero Clai

Per prima cosa prepariamo la salsa: sbucciate l’avocado, togliete il nocciolo e tagliatelo a pezzetti. Mettete l’avocado nel bicchiere del frullatore, unite due cucchiai di olio evo, una grattugiata di zenzero fresco e frullate il tutto fino ad ottenere una crema. Unite il formaggio cremoso e una generosa macinata di pepe.
La crema è pronta, non vi resta che tagliare il pane da tramezzino nella forma desiderata, spalmare ogni fetta con la crema e finire il tutto con una fettina di salame allo zenzero! Un aperitivo originale e gustoso… provatelo!!

 

Cestini di sfoglia senza glutine con Insalatina mediterranea e germogli di porro

Per la Rubrica “Bellissime Mamme” oggi voglio proporvi un’ aperitivo molto simpatico ed elegante che stuzzicherà l’appetito di tutti: Cestini di sfoglia senza glutine ripieni di una insalatina mediterranea e germogli di porro.
Questa insalata è molto ricca perché insieme a radicchio e rucola troviamo il mix meditteraneo della Valfrutta: Mais, Piselli, Olive verdi, Olive nere e Peperoni rossi. Un insieme di vegetali genuini e pieni di gusto che arricchiscono di sapore una semplice insalata. Valfrutta aderisce al progetto Fedagri di Qui Da Noi.
E poi il tocco in più: i germogli di porro, con un gusto identico a quelo dell’ortaggio da cui provengono. I germogli sono una vera e propria riscoperta di un prodotto che è sempre esistito nell’antichità fin dal 3000 a.C, quando il grande erbario di medicina cinese Pen Tsao attribuì ai germogli di soia effetti terapeutici contro crampi, disturbi intestinali, edemi e molto altro, fino ad arrivare nel 2001, quando la navetta spaziale Atlantis portò con sé in orbita semi da far germogliare in assenza di gravità. Hanno diverse proprietà: diuretico, lassativo, tonico nervino, antisettico, molto digeribile. Certamente utile in caso di anemie, dispepsie, reumatismi, artrite, gotta, azotemia, obesità, arteriosclerosi. Insomma un’insalata leggera e gustosa, perfetta anche per chi ci tiene a mantenere la linea senza rinunciare al gusto!

Ingredienti per 10 cestini:

1 rotolo di pasta sfoglia senza glutine
1/2 ceppo di radicchio rosso
100gr di rucola
2 barattoli di Mix Mediterraneo Valfrutta
100gr di germogli di porro
olio evo q.b.
sale q.b.
aceto di mele q.b.

Stendete la sfoglia e con l’aiuto di un coppa pasta piccolo (o di un bicchiere) ritagliate 10 cerchi. Adagiate ogni cerchio all’interno di uno stampo per muffin precedentemente unto. Bucate la base della sfoglia, così non si gonfierà, e infornate a 200° per 10 minuti circa. Sfornate e fare raffreddare prima di estrarre dagli stampini.
In una grande ciotola unite il radicchio e la rucola finemente tagliati e il mix mediterraneo. Condite il tutto con olio, sale e una spruzzata di aceto di mele. Riempite ogni cestino con un po’ di insalatina e decorate la superficie con i germogli di porro.

Buon aperitivo!

 

Bruschetta con Stracchino senza lattosio, melanzane a filetti sott’olio e cipolla rossa di tropea

Le bruschette sono uno dei nostri piatti preferiti per questa stagione estiva: facili e veloci da preparare, si posso farcire con prodotti freschi di stagione, come le mie melanzane a filetto sott’olio, della cipolla rossa di Tropea, cremoso formaggio stracchino (senza lattosio), pomodorini ciliegino confetto, basilico e un filo di un buon Olio extra vergine di Oliva, come L’olio Feudotto Dop Val di Mazzara.
Un prodotto eccezionale dalla Cooperativa La Goccia d’Oro di Menfi (Ag), spremuto e non filtrato che nasce dalle olive Nocellara, Cerasuola e Biancolilla raccolte con “brucatura a mano” e spremute in giornata nel frantoio di proprietà.
Un olio che nasce nella parte occidentale della mia splendida Sicilia, tra le migliori zone olivicole del mondo.L’area racchiude preziosi rilievi caratteristici del paesaggio siciliano, piani e colline; paesi antichi e atmosfere confermano lo stretto legame tra cultura e territorio presente in queste zone.Ognuno da quelle parti ha il senso della terra, ha imparato ad interpretare gli umori del tempo, sa riconoscere e prevedere le caratteristiche del raccolto dell’annata. La simbiosi tra la comunità e l’agricoltura, che ne scaturisce quasi i tempi, è evidente e trova la massima esaltazione nei periodi del raccolto.

Ad Ottobre è una festa, il territorio si anima, il fermento è visibile nelle campagne come nelle piccole stradine bianche percorse dai mezzi carichi di olive pronte per il frantoio.

L’orgoglio di appartenenza e la nota ospitalità permettono di vivere a chi, per qualche ragione, magari di piacere, si trovi da quelle parti, un’esperienza di ospitalità, calore e gusto indimenticabile.

La cooperativa La Goccia d’Oro aderisce a Confcooperative e al progetto Qui da Noi

Per queste buonissime e fresche bruschette ho usato il mio pane siciliano con il cimino, che l’ultima volta vi avevo presentato in versione “cunzato” tipico della mia bella Sicilia!

 

 

Assembliamo gli ingredienti e gustiamoci questa deliziosa bruschetta fresca e leggera, perfetta per la mia Rubrica “Bellissime Mamme”.

Ingredienti per 2 bruschette:

2 fette di pane siciliano al sesamo
80gr di stracchino senza lattosio
6 pomodorini ciliegino
Cipolla rossa di tropea q.b.
Foglie di basilico q.b.
Melanzane sott’olio q.b.
OLIO EXTRA VERGINE FEUDOTTO q.b.
Sale e pepe q.b.

Lavate e tagliate i pomodorini a cubetti. Mettete in una ciotola, aggiungete sale e pepe, le foglie di basilico spezzettate, la cipolla rossa di tropea tagliata a fettine sottili, le melanzane ben scolate dal loro olio di conserva, un cucchiaio di olio extra vergine e mescolate il tutto. Abbrustolite le fette di pane su una piastra, spalmate ogni fetta con abbondante stracchino, e condite con le verdure. Versate ancora un filo di Olio extra vergine a crudo su ogni bruschetta e portate in tavola!

L’ Aloe e la sua storia

L’appuntamento mensile con la Rubrica “Bellissime Mamme” ci porta oggi a viaggiare nel passato dagli antichi egizi ad oggi per scoprire una pianta magnifica e dai “poteri magici” di guarigione: L’ ALOE!

Per gli antichi Egizi, l’Aloe vantava proprietà addirittura immortali: questa pianta aiutava i faraoni defunti a trovare il cammino verso la terra dei morti. Infatti, secondo il “papiro di erbes” l’Aloe assicurava una lunga vita al corpo mummificato del faraone. Per Cleopatra, l’utilizzo dell’Aloe, associato ai bagni di latte, era prodigioso per la sua bellezza.

Gli antichi romani sfruttavano l’Aloe per le sue proprietà cicatrizzanti: era utilizzato sottoforma di balsamo lenitivo e cicatrizzante per il trattamento delle ferite di guerra dei soldati.

Nel trattato “Historia Naturalis” di Plinio il Vecchio, venivano descritte le proprietà terapeutiche dell’Aloe per i disturbi di stomaco, per accelerare la guarigione delle ferite, per il mal di testa, per i problemi di stipsi, per le irritazioni cutanee e addirittura per la calvizie.

I Maya utilizzavano l’Hunpeckin-ci (l’Aloe, appunto) per contrastare il mal di testa. L’Aloe riveste un’importanza tale da essere citata persino nel Kamasutra, guida sessuale di fama mondiale, per le sue (presunte) proprietà afrodisiache.
Esistono centinaia di specie di Aloe: quella che noi conosciamo di più è l’ALOE VERA. Ad essere utilizzate per l’estrazione sia del gel (per uso esterno) che del succo (per uso interno) sono le foglie di questa pianta che si può anche coltivare facilmente sul balcone. Il gel e il succo d’Aloe sono davvero molto versatili e possono essere utilizzati al bisogno in tante situazioni.

Il succo e il gel di Aloe apportano benefici perché:

•Depura l’organismo
•Protegge il cuore
•Protegge la pelle
•Fa bene alle gengive e alla bocca
•Salvaguarda la salute dentale
•Riduce l’infiammazione
•Regola gli zuccheri nel sangue
•Migliora la digestione
•Rafforza il sistema immunitario
•Ha un’azione anti-age
•Ha un’azione ipoglicemizzazione
•Cura la pelle
•Protegge l’intestino
•È antinfiammatorio
•Aiuta la guarigione di ustioni e ferite

Estrarre il gel è molto semplice: tagliate la foglia di Aloe Vera dalla vostra pianta partendo dal basso. Incidetela lungo tutto il suo contorno con un coltello. Eliminate la parte spinosa, incidete bene un punto della foglia e lasciate fuoriuscire il liquido giallo presente (che ha effetto lassativo). In questo modo potrete spremere la foglia in modo da avere a disposizione soltanto del gel d’Aloe Vera. Se il gel d’Aloe Vera così conservato dovesse cambiare colore, significa che si è rovinato e non è più utilizzabile. Dovrete procedere ad estrarre del nuovo gel d’Aloe Vera da una foglia della pianta al momento del bisogno.

Ma come tutte le piante l’aloe è sconsigliato in alcuni casi, come in gravidanza (non ci sono studi che ne provino la sicurezza) e durante l’allattamento (renderebbe il latte amaro e poco gradito al bambino).Il gel invece non ha dimostrato effetti collaterali e può essere utilizzato da tutti, ottimo anche per i bambini. VI consiglio comunque di chiedere sempre il parere del vostro medico curante!

Non posso certo lasciarvi così a mani vuote dopo tutti questi bei consigli di utilizzo. Ecco quindi per voi una “ricettina” semplicissima per preparare in casa uno SCRUB all’ALOE :

Unite il gel (sia da estrazione che quello comprato in erboristeria) con dello zucchero o del sale (un cucchiaio per ogni cucchiaio di gel d’aloe). Per avere un effetto maggiormente idratante si può aggiungere anche un cucchiaio di olio d’oliva. Applicatelo delicatamente sulle zone del corpo che ne hanno bisogno, massaggiate per qualche minuto e poi risciacquate. La pelle risulterà liscia e morbida e i segni della ritenzione scompariranno. Mi raccomando da usare su pelle asciutta non più di due volte alla settimana!

A presto amiche Donne e Mamme, vi abbraccio!

Biscotti al Profumo di Rosa Canina e gocce di cioccolato … la storia di San Valentino

100x-amore-cuore-in-legno-matrimonio-tavolo-decorQuesto nostro appuntamento mensile con la Rubrica “Bellissime Mamme” cade il giorno prima di San Valentino.
San Valentino, nato a Interamna Nahars, l’attuale Terni, nel 176 d.C. era un vescovo romano che era stato martirizzato.  È considerato il patrono degli innamorati poiché la leggenda narra che egli fu il primo religioso che celebrò l’unione fra un legionario pagano e una giovane cristiana:
Si dice che un giorno San Valentino sentì passare, vicino al suo giardino, due giovani fidanzati che stavano litigando. Allora gli andò incontro con in mano una rosa che regalò loro, pregandoli di riconciliarsi stringendo insieme il gambo della stessa, facendo attenzione a non pungersi e pregando affinché il Signore mantenesse vivo in eterno il loro amore. Qualche tempo dopo la coppia gli chiese la benedizione del loro matrimonio. Quando la storia si diffuse, molti decisero di andare in pellegrinaggio dal vescovo di Terni il 14 di ogni mese, il giorno dedicato alle benedizioni. Poi la data è stata ristretta solo a febbraio, perché in quel giorno del 273 San Valentino morì.
rosa-caninaPer questo meraviglioso giorno ho voluto preparare dei semplicissimi biscotti al profumo di Rosa Canina, senza glutine e senza lattosio, con gocce di cioccolato, in ricordo della rosa donata da San Valentino. La Rosa Canina è un arbusto spinoso, appartenente alla famiglia delle Rosaceae. Già conosciuta al tempo degli Antichi Romani, la rosa canina deve il suo nome a Plinio il Vecchio che curò, dai sintomi della rabbia, un soldato della legione romana morso da un cane infetto, facendogli bere un decotto ricavato dalle radici di questa pianta. Sempre Plinio il Vecchio, poi, utilizzò la rosa canina per altri scopi terapeutici e raccolse in un trattato tutti i suoi utilizzi. Risalgono al Medio Evo erbari medici con la descrizione di vari rimedi naturali a base di rosa canina; per lo più tisane e sciroppi per curare le affezioni delle vie respiratorie, ma anche marmellate e salse utilizzate per preparare dolci tipici di quel periodo storico. Durante la Seconda Guerra mondiale, in Inghilterra, la rosa canina venne utilizzata massivamente, per la preparazione di uno sciroppo da somministrare ai bambini come integratore di vitamina C, al posto delle arance. Ai giorni nostri, si fa largo uso di tisane e infusi a base di rosa canina. E’ proprio con uno di questi infusi che ho voluto profumare i miei biscotti.
Ma prima della ricetta scopriamo le caratteristiche di questo magnifico arbusto:
uid_1555eeef9dd-650-340La rosa canina è ricchissima di vitamina C, tanto che 100 grammi di queste bacche hanno lo stesso contenuto di vitamina C che può avere un chilo di arance. Altre vitamine in essa contenute sono le vitamine A, E, K e alcune del gruppo B. Contiene inoltre, acido folico, flavonoidi, tannini, carotenoidi (tra cui licopene e beta-carotene) e acidi grassi (tra cui acido oleico, palmitico, oleanolico, stearico e linoleico). E’ ricca anche come contenuto di sali minerali, in particolare ferro, zinco, rame, calcio, manganese, boro, sodio, fosforo, potassio e magnesio. Le bacche di rosa canina sono ricche di acqua (75%) e fibre (24%), proteine (7,2%), pectina (5,1%).
Le bacche le trovate in qualsiasi erboristeria. * L’infusione va fatta con acqua calda, ma non bollente, altrimenti si perde in contenuto vitaminico, per almeno 10 minuti. Filtrare e dolcificare a piacere con miele o succo d’agave. Gustare la bevanda calda, per un effetto rilassante, oppure anche fresca, per un effetto rinvigorente.
Non mi resta che lasciarvi la ricetta e augurare a tutti voi un FAVOLOSO SAN VALENTINO!

Ingredienti:

70gr di farina di riso Almaverde
70gr di maizena
70gr di farina di mais per dolci senza glutine
80gr di olio di mais
80gr di zucchero di canna integrale
cioccolato senza glutine e senza lattosio (io ho usato Cioccolato fondente Leoni)
1 uovo
1 pizzico di sale
1 cucchiaino di lievito per dolci S.Martino senza glutine
infuso di rosa canina*

Preparate l’infuso di rosa canina come descritto sopra* e lasciatelo raffreddare. Tritate il cioccolato grossolanamente e unitelo alle farine setacciate insieme al lievito. Lavorate l’uovo con lo zucchero, il pizzico di sale, aggiungete le farine e iniziate a lavorare. Ora unite un pochino di infuso di rosa canina, fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo. Avvolgetelo nella pellicola e lasciate riposare in frigorifero per 30 minuti.
Stendete l’impasto con l’aiuto di altra farina e ritagliate i vostri biscottini con la formina a cuore. Noi ne abbiamo fatti un po’ a cuore e un po’ a forma di sole.
Infornate a 180° per 10 minuti circa. Spolverate con zucchero a velo a piacere!

20160322_175004

20160322_174946

Verdure al Curry al Latte di Cocco con Riso Integrale alla Cannella e Pepe… un tuffo in India

Amiche mamme, eccoci di nuovamente con la Rubrica mensile “Bellissime Mamme”. Chiedo scusa a tutte voi per la mia assenza ma come ben sapete, tra lavoro e famiglia, il tempo ha disposizione è sempre meno. Oggi voglio portarvi con me in un paese unico e magico come L‘India. 9788871667300_0_0_259_80Per natale ho ricevuto un libro bellissimo ” La cucina Indiana Da madre in figlia” di Anjali Mendes: “Fiera della cultura tramandatale dalla madre e dalla nonna, Anjali Mendès ci fa scoprire l’arte raffinata della cucina indiana, attraverso duecentotrenta ricette. Dal Goa a Benares, passando per il Kerala e per il Kashmir, ci invita a intraprendere un viaggio nel cuore del ricco patrimonio gastronomico dell’India, grande punto di incontro fra musulmani e indù, fra vegetariani e amanti della carne di manzo e di maiale, fra montagne e città portuali, fra Oriente e Occidente.” Tantissime ricette da provare, tantissimi ingredienti speciali e tantissime spezie. La ricetta di oggi è una delle più conosciute al mondo, vegetariana, semplice e profumatissima... una delle mie preferite: VERDURE AL CURRY con latte di cocco accompagnata da Riso Integrale alla Cannella e Pepe. Una ricetta light, senza lattosio e senza glutine, adatta a tutti, con un profumo spettacolare. Un piatto completo, che vi riempirà e che vi farà sentire bene lasciandovi sazie ma allo stesso tempo leggere. E poi diciamolo…. se amate le spezie, questa ricetta è perfetta!!! Al mese prossimo!

Ingredienti per  1 persona:

60gr di riso integrale
1/2 stecca di cannella
1 patata
1/2 peperone rosso
1/2 peperone giallo
1/2 melanzana
1 cipollotto
200ml di latte di cocco
1 mestolo di brodo vegetale o acqua
2 cucchiai di curry
coriandolo q.b.
peperoncino q.b.
pepe q.b.
sale q.b.
oli evo q.b.

Tagliate le verdure a cubetti e affettate il peperoncino e il cipollotto. Fate dorare in una padella il cipollotto con il peperoncino in due cucchiai di olio per un paio di minuti, unite le altre verdure e aggiustate di sale. Fate cuocere per 5 minuti e poi aggiungete il latte di cocco e il brodo. Lasciate cuocere piano piano a fuoco bassissimo per circa 10/15 minuti fino a quando le verdure sono cotte. Unite il curry e il coriandolo tritato, mescolate il tutto, aggiustate di sale e lasciate riposare.
Nel frattempo lessate il riso integrale insieme alla stecca di cannella. Scolate il tutto e condite con una macinata di pepe fresco. Componete il piatto con il riso, le verdure e il loro sughetto che condirà il riso senza aggiungere olio o burro, mantenendo il piatto leggero!

20160908_190301

20160908_190412