Archivi categoria: NATALE

Biscotti di Natale all’Arancia e Vaniglia senza glutine : C’Era una Volta … Il mio albero di Natale

15337809-rinfrescata-albero-di-natale-con-doni-e-giocattoli-contiene-oggetti-trasparenti-archivio-fotografico“Oggi voglio fare un albero di Natale
che non sia solo bello, ma anche assai speciale!
Ci metterò le luci di mille e più colori
così rallegrerò di tutti quanti i cuori.
Ci metterò palline più grandi e piccoline;
ci metterò nastrini, ghirlande e candeline.
Ci metterò una stella proprio sulla cima
che brillerà ogni giorno: da sera alla mattina.
E sotto all’alberello un sacco di regali
con dentro sorpresone davvero eccezionali!
E il giorno di Natale, chissà che meraviglia,
aprirli tutti quanti con la mia famiglia!”
(Jolanda Restano)

Per la Rubrica mensile “C’Era una Volta…” oggi è il turno di Greta che ha voluto condividere con voi una delle filastrocche che più gli piacciono e insieme alle mie piccole principesse abbiamo preparato per l’occasione proprio dei BISCOTTI DI NATALE A FORMA DI ALBERELLO e ci siamo divertite a decorarli e renderli proprio belli! Una frolla semplice con farine naturali senza glutine aromatizzata con arancia e vaniglia! Non ci resta che lasciarvi la ricetta e ricordarvi di non perdervi l’appuntamento con questa Rubrica settimana prossima dove Serena vi racconterà una favola molto speciale!

Ingredienti:

70gr di farina di riso Almaverde
70gr di maizena
70gr di farina di mais per dolci senza glutine
80gr di olio di mais
80gr di zucchero di canna integrale
1 uovo
1 pizzico di sale
1 cucchiaino di lievito per dolci S.Martino senza glutine
succo e scorza di arancia
fialetta alla vaniglia

Zucchero a velo senza glutine q.b.
coloranti alimentari verde q.b.*
* per spiegazioni in merito ai coloranti alimentari e per le marche da utilizzare vi lascio il link all’articolo di Gluten Free Travel & Living: Coloranti alimentari, come orientarsi!

Unite e setacciate le farine insieme al lievito. Lavorate l’uovo con lo zucchero, il pizzico di sale la scorza di un arancia, aggiungete le farine e iniziate a lavorare. Ora unite un pochino di succo di arancia e la fialetta di vaniglia, fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo. Avvolgetelo nella pellicola e lasciate riposare in frigorifero per 30 minuti.
20161213_165954Tirate l’impasto con un mattarello e con l’aiuto di una formina ad alberello fate i vostri biscotti. Infornate su una placca ricoperta da carta forno per circa 10 minuti a 180°. Fate raffreddare. Per ottenere una bella glassa all’acqua mettete lo zucchero a velo ben setacciato in una ciotola, e aggiungete piano piano dell’acqua calda. Mescolate fino a sciogliere lo zucchero completamente ed evitare grumi. Se la glassa è troppo liquida aggiungete ancora zucchero, viceversa se è troppo compatta unite poche gocce di acqua. A vostro piacere unite il colorante, nel mio caso verde. Deve risultare una glassa bella compatta e vischiosa. Non vi resta che divertirvi a decorare!

20161213_175600

20161213_175622

20161213_194016

Con questa mia ricetta, partecipo alla raccolta Un biscotto Free per Natale del blog Shake your Free Life

img_0930-1024x1024

 

Salmone marinato alla Giardiniera: Buon Anno

Ed eccoci qui a pubblicare l’ultima ricetta per questo 2015. Non voglio pensare all’anno appena passato ma solo a quello che ci aspetta, accoglierlo con un sorriso e con uno spirito gioioso, perché VORREI un anno diverso e speciale: tanta salute e un pizzico di fortuna… non chiedo altro. Per il resto “l’ottimismo è il profumo della Vita” e sarà sicuramente il motto della ciurma per questo 2016: PENSARE POSITIVO!  E con questo spirito festeggeremo anche l’ultimo giorno dell’anno con una bellissima Cena in famiglia per festeggiare anche l’ultimo giorno di lavoro del mio papà che ufficialmente dal 01/01/2016 andrà in pensione: il Nonno Gianni potrà finalmente riposarsi e dedicarsi totalmente a tutti noi, che anche se lontani, potremo così vederlo più spesso! Sarà quindi per noi un finale pieno di amore, tutti stretti intorno ad una meravigliosa tavola piena di cose buone! Il menù dell’ultimo prevede una serie di antipasti sfiziosi, ai quali mi dedicherò in prima persona, dalle tartine a stella con salse fatte in casa ai Grissini di sfoglia con pesto e pancetta, non mancherà il salame cotto in sfoglia  , il polpo in insalata e una buona impepata di cozze. E poi un altro antipastino a base di PESCE, quello che vi presento oggi e che da sempre mamma prepara in queste occasione. Questa volta l’ho fatto io: salmone marinato in aceto servito con giardiniera! Il Salmone è un pesce molto apprezzato dalla ciurma e questa ricetta, semplicissima e buonissima, lo renderà ancora più buono. Come vi dicevo prima, piatto semplicissimo da preparare, con pochissimi ingredienti da comprare, addirittura noi lo prepariamo con la giardiniera già pronta in vasetto; la cosa importante è il pesce fresco, mi raccomando!
Ma non finisce qui: come primo piatto la nonna ha deciso di cimentarsi in una buonissima spaghettata ai frutti di mare, mentre la sottoscritta preparerà come secondo gli spiedini di mazzancolle al pepe rosa e arancia il tutto accompagnato da una deliziosa insalata di mele e naturalmente cotechino e lenticchie per la mezzanotte!
Non mi resta che lasciarvi la ricetta e augurare a tutti voi uno strepitoso finale di anno e un 2016 sereno e pieno di tante cose belle, che tutti i vostri sogni si possano avverare !

auguri-buon-anno-2016-fuochi

LA CIURMA AL COMPLETO VI RINGRAZIA PER QUESTO ANNO TRASCORSO INSIEME: VI VOGLIAMO BENE!

Ingredienti per 6 persone:

600gr di salmone fresco
1 vasetto di giardiniera sott’aceto
aceto q.b.
sale q.b.
olio evo q.b.

Scaloppate il salmone in fette sottili, disponetele in un contenitore e ricopritelo completamente da una marinata preparata con sale e aceto. Chiudete e lasciate in frigorifero per almeno 24 ore. Tritare grossolanamente la giardiniera ben scolata e lasciatela da parte in una ciotola. Scolate dalla marinatura il salmone, adagiatelo su un vassoio e ricoprite con la giardiniera tritata. Ora non vi resta che condire il tutto con un buon olio evo.

20151226_113137

Conservato in un contenitore a chiusura ermetica si mantiene in frigorifero anche una settimana.

20151226_113134

AUGURI!

TCgcTaG

Grissini di sfoglia al pesto e con pancetta: sempre buoni!

Anche oggi voglio proporvi un delizioso e facile antipastino da portare in tavola per il Cenone di Capodanno. Bhe, a dir la verità, sono un ottima idea, veloce e gustosa, da preparare per ogni occasione, da buffet, a pranzi in famiglia, a compleanni. Croccantissimi grissini di pasta sfoglia, preparati in due versioni: quella classica, che conoscerete già, con affettato a scelta, e noi abbiamo optato per la pancetta piacentina, buonissima, che sciogliendosi in cottura rende questi grissini super golosi. La seconda versione è la preferita dalla ciurma, quella con il pesto classico, che io preparo regolarmente ogni settimana, perché è uno dei condimenti preferiti dalle bambine (qui vi avevo postato alcuni dei pesti che più frequentemente preparo).  Per la sfoglia io ho utilizzato quella senza glutine DS Schar , rettangolare e una delle mie preferite gluten free. Voi naturalmente, se non avete problemi di intolleranza al glutine, potete utilizzare quella che preferite! Per ogni sfoglia rettangolare otterrete 12 grissini con la pancetta e 10 con il pesto.

20151226_113055

Grembiule indossato, ingredienti sul tavolo, mettiamoci al lavoro!

Ingredienti:

rotoli di pasta sfoglia rettangolare
pancetta o affettato a scelta
pesto (nel mio caso fatto in casa, ma va bene anche quello già pronto)

Prepariamo quelli con la pancetta: stendete la sfoglia, tagliate per il lato più lungo 12 strisce dove avvolgerete le fettine di pancetta a spirale. Disponete i grissini su una placca rivestita di carta forno e infornate a 190° per 15 minuti circa, devono dorare bene.
Per i grissini con il pesto dividete la sfogli in 10 strisce, che saranno naturalmente un pochino più larghe. Spalmate di pesto e ripiegate su stesse nel senso della lunghezza sigillando il bordo. Avvolgete a spirale e appoggiate su una placca ricoperta da carta forno. Una volta terminato, non vi resta che infornare a 180° per 15/20 minuti: in cottura un pochino di pesto uscirà, ma sarà proprio quello che darà ai grissini un gusto meraviglioso.

20151226_113014

Una volta freddi potete servirli tranquillamente in tavola, magari dentro a dei semplici barattoli ricoperti con stoffa in stile natalizio!

20151226_113003

Buona giornata!

Tartine a Stella : idee semplici per il buffet di capodanno

E anche il Natale è passato… lo si aspetta con tanta trepidazione e poi puff… tutto è già finito! Passate bene le Feste? e Babbo Natale cosa vi ha portato? E’ sempre bello svegliarsi la mattina e trovare sotto l’albero illuminato piccoli pacchettini pronti per essere scartati e guardare gli occhi dei nostri bimbi pieni di felicità e sorpresa. Per la piccola Greta è stato il “primo Natale” di vera comprensione della Magia di questa notte: la prima cosa che ha fatto è stata quella di vedere se aveva mangiato i biscotti e bevuto il latte! Lei è veramente una bimba speciale. E le Renne? si, anche loro hanno mangiato tutte le carote! e poi via di corsa verso l’albero:” Babbo Natale mi ha portato quello che gli avevo chiesto mamma perché io ho fatto la brava!” Qualche vestitino, un paio di bambole e tanti giochini per cucinare, dal set di tazzine in ceramica per il tè, ai piccoli attrezzi e pentolini per sbizzarirsi a preparare tante cose buone, naturalmente con il Didò! Serena ormai è grande:  vestiti e libri, tanti libri, cd e i biglietti per il concerto di Marco Mengoni, GRAZIE BABBO NATALE, anche da parte del Capitano, che accompagnerà la figlia al concerto 😉 ! E così.. ci avviciniamo alla fine di questo 2015, un anno molto particolare per noi, direi “faticoso” ma siamo qui e ci prepariamo per festeggiare l’arrivo di un Nuovo Anno, che speriamo sia più leggero e magari più fortunato! Che fate per Capodanno? Pronti per il Cenone? In questi giorni che ci accompagnano al 31 voglio proporvi qualche semplice idea da portare in tavola: cose buone e veloci da fare in compagnia dei vostri bambini!
Tra gli antipasti non mancano mai le tartine: e se le facessimo a stella? Si, sono proprio belle e farcite con salsine fatte in casa e qualche affettato riempiono la tavola e la pancia! Salame e Pancetta sono gli affettati scelti dalla ciurma, ma voi potete metterci quello che più vi piace e per le Salse ho deciso di preparare la classica salsa Cocktail o salsa rosa, e la Salsa Tartara, una delle preferite dal Capitano! Naturalmente in commercio le trovate già pronte, ma se avete tempo di farle, noterete la differenza, ve lo assicuro! Bene, tutti in cambusa, mettiamoci al lavoro!

Ingredienti per 30 tartine

3 confezioni di pane per tramezzino Roberto Essenza (con olio di oliva)
15 fettine di salame
15 fettine di pancetta

per la salsa cocktail :
maionese vegana home made (oppure maionese già pronta)
4 cucchiai di ketchup
1 cucchiaino di senape
2 cucchiaini di sauce Worcestershire
1 cucchiaino di cognac (facoltativo)

per la salsa tartare:
2 cucchiai maionese vegana home made
1 cucchiaio di prezzemolo tritato finemente
1 cucchiaio di capperi
3 cetrioli piccoli
3 tuorli sodi
1/2 cucchiaio di aceto di mele
sale q.b.

Partiamo dalla salsa rosa: in una ciotola unite tutti gli ingredienti e mescolateli con un cucchiaio fino a quando non sono ben amalgamati. Assaggiate e regolate secondo i vostri gusti.
Per la salsa Tartara, schiacciate i tuorli dell’uovo, unite aceto e un pizzico di sale e iniziate a lavorare amalgamando bene tutti gli ingredienti. Unite poi la maionese (le dosi variano in base alla grandezza dei tuorli) e continuate a mescolare: dovrete avere una salsa cremosa e soda. Aggiungete il prezzemolo, i capperi e i cetrioli tritati molto finemente. Mescolate, assaggiate ed eventualmente aggiustate secondo il Vostro gusto.
Ora che le salse sono pronte non vi resta che preparare le tartine. Su ogni fetta di pane si riescono a fare 4 stelle, quindi con 3 pacchi otterrete 60 stelle, per 30 tramezzini. Fatevi aiutare dai vostri bambini a ritagliare le formine, si divertiranno e potranno dire di averle fatte con Voi. Spalmate la salsa su una stella, adagiate una fettina ripiegata a ricciolo e poi un altra stella anch’essa spalmata internamente dalla stessa salsa. Unite le due parti di tramezzino non facendo combaciare le punte della stella ma alternandole e fermate il tutto con uno stuzzicadenti.

20151226_112818

Procedete così fino alla fine. Noi abbiamo abbinato salsa rosa con pancetta e salsa tartara con salame. Disponete su un bel vassoio, coprite con stagnola e riponete in frigorifero; tirate fuori mezz’ora prima di sedervi a tavola. Mi raccomando, i ritaglia di pane avanzato non buttateli: conservatelo in un sacchetto in frigorifero, settimana prossima vi farò vedere come utilizzarlo per preparare una ricetta di famiglia!

20151226_112809

Ecco qui un antipastino veloce e bello!

20151226_112813

20151226_112910

Buon lunedi!

Biscotti di pan di zenzero: la magia del Natale

I biscotti sono da sempre uno dei dolci preferiti dai bambini, non solo da mangiare ma quanto più da preparare. Poter ritagliare tante formine diverse e vederle cuocere in forno è una meravigliosa magia che ha da sempre incantato le mie bimbe, Greta in particolare, lei è la piccola chef di casa. Sotto Natale poi, tutto diventa ancora più bello, più magico, un momento speciale da ricordare.  Mi ero ripromessa di comprare la famosa formina dell’omino di pan di zenzero, ma accidenti a me, me ne sono dimenticata.  Così ieri, quando la ciurma ha deciso di dedicarsi ai biscotti, in versione senza glutine e senza lattosio, ho rispolverato alcune formine vecchie, che avevo conservato in una scatola di latta in fondo alla dispensa: i miei primi stampini, li avevo presi quando sono andata a vivere da sola. Come fare questi biscotti? bè, siamo a natale quindi prepariamo il classico impasto pan di zenzero o conosciuto anche come gingerbread. L’impasto è a base di spezie: cannella, chiodi di garofano, noce moscata, e tanto tanto zenzero. Naturalmente non può mancare la glassa colorata per decorarli: ecco, a questo punto voglio chiedere scusa a tutti coloro che con tanto amore decorano biscotti e torte, pasticceri e appassionati di questa magnifica arte. Chiedo perdono, ho fatto il massimo che potevo, visto che non avevo a disposizione nessuno strumento, e mi sono arrangiata con cucchiaini e stuzzicadenti. PERò MI SONO TANTO DIVERTITA, glassa colorata ovunque… le bimbe hanno riso tanto e io ho ritrovato quella spensieratezza che tanto mi mancava!
Non mi resta che lasciarvi la nostra versione di questi biscottini di Natale, tanto buoni e profumati! Auguro a tutti un sereno week end … il nostro sarà particolarmente intenso tra saggi di danza e spettacoli di natale: ciurma … si parte!

images2675XOM8

Ingredienti:

200gr di farina di riso Naturasì senza glutine
150gr di mix Shar per dolci senza glutine
100gr di zucchero finissimo
100gr di miele d’acacia
150gr di burro senza lattosio
1 uovo grande
1 cucchiaino di cannella
1/4 noce moscata
2 cucchiani di zenzero
1/4 cucchiaino di chiodi di garofano
1/2 cucchiaino di bicarbonato

per la glassa colorata
Coloranti alimentari giallo, blu, rosso
150 gr di zucchero a velo
1 albume

In una ciotola unite le farine e lo zucchero, aggiungete le spezie, il bicarbonato  e per ultimo il burro freddo a tocchetti. Iniziate a lavorare gli ingredienti insieme con le punta delle dita, unite il miele e quando avrete un composto bricioloso aggiungete l’uovo e amalgamate il tutto lavorando gli ingredienti fino ad ottenere un impasto liscio e omogeneo. Formate il classico panetto, avvolgete nella pellicola e posizionate in frigo per 2 ore. Riprendete l’impasto, stendetelo con il mattarello e ricavate le formine che volete. Mettete su una placca da forno rivestita da carta forno e infornate a 180° per circa 10 minuti.

20151205_180439

Prepariamo la glassa: montate a neve l’albume e incorporate sempre sbattendo lo zucchero a velo poco per volta. Suddividete la glassa in ciotoline e aggiungete il colorante a scelta.
Una volta che i biscotti si sono raffreddati non vi resta che decorarli: armatevi di tasca da pasticcere con bocchetta stretta e riempite ognuna con una glassa diversa. Nel mio caso … tanta pazienza, un cucchiaino, uno stuzzicadenti per aiutarmi a decorare e tanta gioia nel cuore!

20151206_092059

Però sono carini vero?

20151206_092208

comunque erano buonissimi… parola di monelle!

20151206_092518

Plum cake alla frutta candita: il nostro panettone

In questi giorni le mie amiche food blogger stanno sfornando dei meravigliosi Panettoni e Pandori, con e senza glutine: SIETE TROPPO BRAVE! Io non mi sono ancora cimentata in questa avventura culinaria, per due semplici motivi: primo non ho ancora fatto il mio lievito madre (ma in queste vacanze invernali ho deciso di farlo e in versione gluten free) che trovo sia il migliore per queste preparazioni e secondo… noi siamo probabilmente una delle poche famiglie che non ama i dolci classici di Natale, come Pandoro e Panettone. Se proprio dobbiamo sceglierne uno, optiamo per il secondo: la cosa importante è che sia pieno, e ripeto pieno, di uvetta e canditi e che venga accompagnato da tanta, e ripeto tanta, crema al mascarpone.  Dovreste vedere cosa rimane della fetta di panettone messa davanti alla piccola Greta: distrutta, completamente fatta a pezzi senza più nemmeno un candito o un chicco di uvetta! Che ci volete fare, ognuno ha i suoi gusti! Quindi, secondo voi, mi devo mettere a preparare con tanta fatica e  impegno un dolce che poi nessuno mangia? DIREI DI NO!! Così, come ogni anno, in questo periodo di festa io preparo il “nostro panettone” che è semplicemente un PLUM CAKE con tanta frutta candita all’interno: *uvetta, zenzero mango papaia mela e arancia candita, albicocche secche e tanti mirtilli rossi. Un dolce dei più semplici da preparare, in versione senza glutine e senza lattosio,  aromatizzato con zenzero in polvere e profumato con succo d’arancia e mandarino.  Buono… veramente buono!!! Perfetto per la colazione, inzuppato in un tiepido tè verde o in una scodella di caffè-latte!

20151204_075331

Noi siamo così, la semplicità fa sempre da padrona nella nostra Vita, sulla nostra Nave e sulla nostra Tavola!

Ingredienti:

1 Confezione di Preparato Tante Torte Tre Mulini senza glutine
3 uova
1 arancia succo
3 mandarini succo
120gr di burrolì
150gr di frutta candita varia *

In una ciotola lavorate il burrolì con la farina, unite le uova, i canditi e mescolate bene il tutto. Aggiungete il succo di arancia e mandarino amalgamando bene gli ingredienti. Versate in uno stampo da plum cake foderato di carta forno e infornate a 180° preriscaldato per 30/35 minuti circa (fate prova stecchino). Sfornate, lasciate riposare, estraete dallo stampo e fate raffreddare su una graticola.

20151204_074012

A piacere spolverate di zucchero a velo!

20151204_075422

20151204_074226

Salame cotto in sfoglia con Raspadura: l’antipasto del cenone

Come vi avevo anticipato ieri, il salame cotto in crosta è una delle ricette che non mancano mai per il cenone di San Silvestro. Il mio rifornitore ufficiale è la macelleria Polenghi di Santo Stefano Lodigiano, un paesino qui vicino: ha dei prodotti di altissima qualità, ottimi e la poca carne che compro è eccezionale e con un ottimo rapporto qualità prezzo. Io non amo il cotechino, nè il salame cotto e tantomeno lo zampone, cibi che invece adorano la ciurma. Ma questo salame cotto è l’unico che riesco ad assaggiare. La crosta è una semplice pasta sfoglia, che io trovo perfetta perchè si abbina alla morbidezza della carne e il mio tocco personale sta nell’aggiunta della Raspadura, formaggio tipico lodigiano che ormai chi mi segue conosce bene, visto che fa parte della mia cucina. Un antipasto facilissimo, ottimo, gustoso che, come dice la ciurma, “apre alla grande la cena”!

Ingredienti:

1 salame cotto o cotechino
1 rotolo di pasta sfoglia senza glutine
100gr di raspadura Bella Lodi
1 uovo

Riempite un tegame di acqua fredda e fate cuocere il salame cotto che avrete bucato leggermente con la pelle con una forchetta. Una volta cotto fate raffreddare e spellate.

20141228_112606

Srotolate la pasta sfoglia, ricoprite di formaggio raspadura e disponete il salame cotto,

20141228_112744

arrotolatelo bene, sigillate i bordi, spennellate con l’uovo sbattuto, bucherellate la superficie e infornate a 180° in forno preriscaldato per 20 minuti circa sino a doratura.

20141228_113125

Sfornate, fate raffreddare leggermente, tagliate a fette e riponete in forno caldo ancora qualche istante prima di servire in tavola!

20141228_122345

-1 al 2015: siamo pronti???

20141228_122401