Archivi tag: zucchine

Muffin Zucchine e Casciotta d’Urbino senza glutine

I formaggi sono da sempre uno degli alimenti preferiti dalla ciurma e, nonostante l’ intolleranza al lattosio mia e di Serena (che affrontiamo tranquillamente con un’ alimentazione adeguata e in alcuni casi con l’aiuto di prodotti come Lactease), non mancano mai sulla nostra tavola, specialmente se si tratta di prodotti di alta qualità come la Casciotta d’Urbino. Questa caciotta è un formaggio eccezionale a pasta semicotta prodotto con una miscela di latte ovino (70 – 80%) e latte vaccino (20 – 30%) interi pastorizzati.
E’ facilmente digeribile, prezioso di vitamine e di sostanze antiossidanti che aiutano a combattere l’invecchiamento delle cellule e presenta un basso tasso di colesterolo. L’area della produzione della Casciotta d’Urbino coincide con l’intera provincia di Pesaro – Urbino, in un ambiente caratterizzato da prati, pascoli, praterie ed altopiani. Le prime documentazioni scritte sull’utilizzo di questo formaggio risalgono ai grandi banchetti per le nozze degli Sforza e dei Della Rovere, avvenuti nelle Marche nel periodo compreso tra il 1400 e il 1600.
Il più illustre estimatore del prodotto fu il grande Michelangelo Buonarroti: egli fece acquistare al suo fedele servitore Francesco Amadori da Castel Durante (soprannominato l’Urbino) una serie di poderi nel territorio durantino, con l’intento di avere un continuo rifornimento di “Casciotte”.
Un nome particolare “CASCIOTTA” che deriva dall’antico termine “cascio”, variante linguistica territoriale del più diffuso “cacio”.
La “Casciotta d’Urbino” che utilizzato per questa ricetta è stata prodotta dalla Cooperativa Agricola TreValli Cooperlat che aderisce al progetto “Qui da Noi” di Confcooperative.
Oggi MUFFIN in versione salata e senza glutine, ottimi a merenda, per un aperitivo simpatico o come sostituti del pane!  Leggeri e soffici, gustosi e semplici da preparare, con verdure di stagione come le zucchine e resi ancora più sfiziosi grazie alla presenza della Casciotta!

Ingredienti:
180gr di farina di riso
40gr di farina di riso integrale
40ml di acqua della zucchina
40ml di latte di riso naturale
70ml di olio di oliva
1 zucchina grande
120gr di Casciotta d’Urbino Tre Valli
10gr di lievito senza glutine
Sale e pepe q.b.
2 uova

Tagliate la Casciotta a pezzetti. Lavate bene la zucchina e grattugiatela con la tipica grattugia per il pane. Raccogliete il tutto il un colino e strizzate bene raccogliendo l’acqua della zucchina in una ciotola. Nella stessa ciotola unite il latte, l’olio e le uova e iniziate a lavorare il tutto. Unite ora le farine con il lievito, mescolate bene, aggiungete le zucchine, la casciotta, salate, pepate e amalgamate bene il tutto. Distribuite il composto negli stampini da muffin e cuocete in forno ventilato a 180° per 25/30 minuti circa. Lasciate intiepidire e poi gustateli!

Frittata alla Santoreggia con Zucchine e Fiori di Zucchina… coraggio, libertà e felicità

Eccomi qui, dopo un mese di silenzio, ha riempire di nuovo le pagine di questo mio piccolo spazio. Il grande Osho dice : “L’uomo libero è come una nuvola bianca. Una nuvola bianca è un mistero; si lascia trasportare dal vento, non resiste, non lotta, e si libra al di sopra di ogni cosa. Tutte le dimensioni e tutte le direzioni le appartengono. Le nuvole bianche non hanno una provenienza precisa e non hanno una meta; il loro semplice essere in questo momento è perfezione.”
Ci sono periodi della vita in cui bisogna intraprendere un cammino: quello della conoscenza di se stessi, scoprire realmente chi siamo, cosa vogliamo dalla vita, tirare fuori tutto ciò che ci fa male e “riempire” questi spazi di cose belle. Questo cammino può portare a  cambiamenti, alcune persone o cose saranno allontanate, verranno messi dei paletti, il tempo scorrerà in maniera differente e tu con lui cambierai il corso delle tue giornate. Tante cose prima scontate diventeranno radici indispensabili per la tua vita e tutto avrà un’ importanza nuova: libertà e felicità!
“Il segreto della felicità è la libertà. Il segreto della libertà è il coraggio” (Tucidide)
Esatto … per fare tutto questo ci vuole Coraggio: un coraggio che io ho dovuto tirare fuori e che mi sta permettendo di intraprendere un nuovo cammino della mia vita, naturalmente accompagnata SEMPRE dalla mia splendida ciurma, che amo sempre più!! A bordo della nostra nave abbiamo ricominciato un nuovo viaggio, alla scoperta del nostro benessere e della nostra pace!

Torniamo ora a parlare di questo nostro diario di bordo: come la nostra vita è in evoluzione lo sarà anche questo mio piccolo spazio. Nei prossimi mesi sarò meno presente perché questo cammino comporta cambiamenti e per farli ci vuole tempo… ma alla fine sarà tutto più bello e vero: il reale specchio della nostra favola!
Le mie passioni rimangono sempre la base della mia vita: sapete quanto amo stare in mezzo alla natura, ortaggi, frutta, erbe aromatiche e fiori sono il mio mondo! In questo “nuovo” periodo della mia vita, le erbe aromatiche sono state le protagoniste delle mie giornate e della mia cucina. Le adoro tutte, ho letto tantissimo e ho studiato il loro utilizzo in cucina e non solo. Mi sono sorpresa nel cercarle in mezzo alla natura, nel coltivarle con più amore, nel provarle in ogni settore. Oggi voglio condividere con voi la scoperta della Santoreggia!  La Santoreggia è una pianta perenne, che assomiglia molto al timo, con fiori piccoli rosa o lilla. La medicina moderna riconosce a questa erba la proprietà di stimolare le funzioni celebrali e fisiche in chi le consuma. Cura diverse patologie: astenia, catarro, diarrea, problemi digestivi e ulcera alla bocca.  Nell’uso del medicamento la santoreggia ha virtù digestive, antispasmodiche e carminative. La medicina popolare le attribuisce anche proprietà vermifughe e antidiarroiche, antiemetiche, espettoranti e stimolanti della sfera intellettuale e sessuale. Per uso esterno la pianta viene usata come cicatrizzante, blando antisettico e stimolante utile nella pratica domestica per favorire la regressione di piccole ulcere della bocca e della gola e per purificare la pelle. Bagni o pediluvi con una manciata di santoreggia sono stimolanti, tolgono la stanchezza, purificano e deodorano. Frizionando sul cuoio capelluto l’infuso migliora le condizioni del bulbo pilifero. Ora parliamo di questa pianta in cucina: La santoreggia viene usata su pietanze dal gusto forte, come legumi, arrosti, salsiccia e pollame. Si sposa particolarmente bene alle uova e contrasta gradevolmente il gusto deciso di formaggi a pasta dura e semidura. Aggiunge inoltre un tocco delicato alle verdure saltate, e si usa in zuppe e torte salate. E’ un’erba tradizionale in Canada, dove è usata nel tacchino ripieno, e in Bulgaria, dove è chiamata chubritsa e è usata per la moussaka bulgura,  un piatto tradizionale di patate e carne di maiale.
La santoreggia è una delle componenti delle Erbe di Provenza francesi, ed è inoltre usata nella preparazione di liquori, amari e infusi. Io ho voluto abbinarla alle uova perché trovo che sia un connubio perfetto e dona a questo semplice alimento un tocco magico. Vi presento la mia  FRITTATA alla Santoreggia con Zucchine e fiori di zucchina, un pizzico di curcuma e pepe, che fanno sempre bene alla nostra salute e una spolverata di pecorino toscano. Voilà il piatto è pronto: semplicissimo, profumato e gustoso ! Non mi resta che portavi con me in cucina!

Ingredienti per 4 persone:

8 uova
3 rametti di santoreggia fresca
1/2 cucchiaino di curcuma
8 zucchine piccole con i suoi fiori
pecorino toscano q.b.
sale e pepe q.b.
olio evo q.b.

Togliete dalle zucchine i suoi fiori, puliteli togliendo l’interno, sciacquateli e tagliateli a listarelle. Lavate le zucchine e tagliate a rondelle sottili. In una ciotola sbattete grossolanamente le uova con la curcuma, un pizzico di sale, una generosa spolverata di pepe, il pecorino grattugiato e le foglioline di santoreggia ben lavate. Unite zucchine e fiori e versate il tutto in una pirofila precedentemente rivestita di carta da forno inumidita e unta con un filo di olio. Infornate a 200° per circa 15/20 minuti.
Soffice e profumata… pronta da portare in tavola!

Spiedini con bocconcini di salsiccia e provola senza lattosio ricoperti di zucchine

Per questo Venerdì insieme alla Rubrica “L’ Angolino del Papà”, prepariamo un piatto molto semplice e gustoso, ideale per i primi pranzi sotto il sole primaverile: buonissimi spiedini con bocconcini di salsiccia e provola, ricoperti di zucchine.
Prodotti di prima qualità, salsiccia magra arricchita da pezzettini di provola senza lattosio, il tutto avvolto da fettine sottili di zucchine, le prime che iniziamo a trovare sui banchi del mercato. Io li ho cotti in forno, ma sono perfetti anche in padella o addirittura sulla griglia di ghisa!

Ingredienti:

250gr di salsiccia magra*
120gr di provola senza lattosio
1 zucchina
1 rametto di rosmarino fresco
sale e pepe q.b.
pangrattato senza glutine
stuzzicadenti grandi per spiedino
olio evo q.b.

*controllare per i celiaci e intolleranti che sia senza glutine

In una ciotola sbriciolate la salsiccia, unite una spolverata di pepe e un pizzico di sale. Tagliate la provola a pezzetti piccolini oppure grattugiatela con la classica grattugia per il formaggio. Lavate il rosmarino e tagliatelo finemente. Unite il tutto nella ciotola della salsiccia e iniziate a lavorare l’impasto in modo da amalgamare tutti gli ingredienti. Fate tante polpettine ovali. Lavate la zucchina e tagliatela a fette sottilissime: io ho usato l’apposito attrezzo. Ora avvolgete ogni polpettina con la fettina di zucchina e infilzate negli stuzzicadenti. Una volta ultimato il tutto oliate ogni spiedino: io ho usato lo spruzzino da olio apposito e passate nel pangrattato. Disponete su una teglia e infornate a 180° per i primi 15 minuti e poi alzate a 200° per altri 10 minuti. Servite con una spolverata di pepe macinato fresco!

Buon appetito!!!

Tortino di Zucchine, Basilico e Nocciole: coccole da asporto

In questo ultimo periodo sto portando in tavola i piatti che più piacciono alla ciurma anche per far “ambientare” la nuova arrivata in famiglia, la nonna Teresa, che ormai ufficialmente si è stabilita da noi, ai nostri gusti e alla mia cucina. Devo dire con gioia che l’apprezzamento della nonna ai miei piatti è cosa molto gradita, specialmente perché a dirmelo è una ex-cuoca! La cosa bella è la scoperta di cose nuove da entrambe le parti e lei, nonostante non metta più le mani in cucina, è una fonte inesauribile di informazioni, trucchetti e ricette della tradizione! In questi giorni la nonna è in ospedale per l’intervento al ginocchio e starà lontano da casa per qualche settimana. La cucina dell’ospedale è… come dire… una cucina da malati e la mia cara Teresina, dopo i primi giorni di digiuno e di malessere, ora naturalmente ha fame. 20140624_120657Così ogni tanto ci scappa qualche manicheretto da casa, per coccolarla anche se lontana, come una porzione di questo Tortino di Zucchine, Basilico e Nocciole, senza glutine e senza lattosio, una delle ricette preferite da Serena e che ultimamente prepara da sola. Un Tortino semplicissimo e veloce, leggero e gustoso, pieno di zucchine dell’orto, tantissimo profumato basilico e con una sfiziosa granella di nocciole! Non  mi  resta che lasciarvi la ricetta e augurarvi una serena settimana!

Ingredienti:

6 zucchine
4 uova
1 mazzetto di basilico
4 cucchiai di granella di nocciole
olio evo q.b.
sale e noce moscata q.b.

Lavate bene le zucchine, grattugiatele e disponete il tutto all’interno di una colapasta, così che rilascino tutta la loro acqua di vegetazione. Nel frattempo pulite il basilico e tritate grossolanamente le foglie. Rompete le uova in una ciotola, sbattetele e unite il basilico e le zucchine grattugiate ben strizzate. Aggiustate di sale e noce moscata, aggiungete 2 cucchiai di granella di nocciole e mescolate bene. Foderate una teglia con carta da forno inumidita e ben strizzata, ungete leggermente il fondo e versate il tutto.

20160309_184340

Infornate a 160° per 20/25 minuti circa, controllando la cottura con uno stuzzicadenti. Una volta pronta, fate raffreddare e poi estraete dallo stampo.

20160309_194038

E’ ottima sia tiepida che fredda, perfetta per una gita fuori porta o un semplice pic nic…vedrete, piacerà proprio a tutti!

20160309_194238

Filetti di cernia alla birra con pomodorini e zucchine

Oggi per il Venerdi con “L’ Angolino del Papà” portiamo in tavola PESCE. Il mare, come la terra, ha il suo ciclo vitale da rispettare: il pesce quindi varia da mese a mese. A Maggio i pesci a nostra disposizione sono tantissimi: alici, cefalo, dentice, gallinella, nasello, ricciola, sgombro e tantissimi altri. Tra questi troviamo anche la CERNIA, un pesce che vive nel Mar Mediterraneo e nell’Oceano Atlantico Orientale e comuni nei nostri mari italiani. La carne della cernia è molto prelibata , ha un sapore delicato , una consistenza soda, ed è ricca di sali minerali come potassio e fosforo. La ricetta di oggi è molto buona, semplice e veloce da preparare, leggera e delicata: il filetto di cernia, leggermente passato nella farina di riso senza glutine, viene cotto e sfumato in padella con della birra chiara, nel mio caso senza glutine, e servito con pomodorini e zucchine. Pochi passaggi per portare in tavola un buon secondo piatto, che  piacerà molto ai vostri Eroi di casa e non solo a loro!

Ingredienti per 4 persone:

4 filetti di cernia grandi oppure 8 piccoli
2 cucchiai di farina di riso*
1/2 birra Daura senza glutine
2 zucchine
300gr di pomodorini ciliegia
olio evo q.b.
sale e pepe q.b

*per i celiaci e intolleranti certificata SENZA GLUTINE

Lavate zucchine e pomodorini, tagliate le prime a cubetti e i secondi a metà. In una larga padella con due cucchiai di olio fate cuocere per 10 minuti le verdure, aggiustate di sale e pepe.

20160114_185306

Prendete i filetti di cernia, passateli nella farina e cuoceteli in una padella con due cucchiai di olio da entrambi i lati per un paio di minuti, sfumate con la birra e portate a cottura, ci vorranno 15 minuti circa: il pesce deve essere ben cotto ma rimanere umido e tenero.

20160114_185324

Prendete i filetti e ripassateli un minuto nella padella delle verdure così che si insaporiscano con i sughi rimasti sul fondo. Il piatto è pronto: non vi resta che servire in tavola!

20160114_19143820160114_191445

 

Spaghetti al pesto di pecorino con fiori di zucchine e zucchine: la spesa fatta dai bambini

Martedì 19 la mia piccola Greta ha compiuto 3 anni: da quel giorno un’ondata di gioia ha abbracciato tutti noi come mai avrei pensato. Il suo sorriso simpatico sempre presente e la sua dolcezza rendono le mie giornate meno pesanti e un suo piccolo bacio seguito dalle dolci parole “mamma sei la mia gioia” riempiono completamente il mio cuore. Dopo questa dichiarazione d’amore di mamma, torniamo a parlare della ricetta che vi propongo oggi. Proprio martedi, durante il nostro giretto in bicicletta, siamo passati davanti ad un bottega di frutta e verdura e in vetrina c’erano alcune cassette di bellissimi fiori di zucca. Obbligo fermarsi: Greta li voleva assolutamente! Così la piccola principessa ha fatto la SUA spesa e, vista la giornata importante dedicata interamente a lei, per pranzo ho portato in tavola come da sua richiesta quei meravigliosi fiori di zucchina. Per rendere il piatto di pasta (per noi ho usato la pasta senza glutine) ancora più gustoso e appetibile alla mia piccola festeggiata, ho preparato un pesto molto particolare, al pecorino, formaggio che noi amiamo moltissimo. Ricetta buonissima e semplicissima, che ha regalato alla mia piccolina un sorriso ancora più grande sul viso e naturalmente ha ripulito il piatto alla perfezione! I festeggiamenti in famiglia sono continuati sino a sera, con una buonissima torta al cioccolato a forma di orsetto

20150519_165325

e i festeggiamenti continueranno Sabato con una super festa con i suoi amichetti!

Eccovi la ricettina di oggi!

Ingredienti per 4 persone:

320gr di Spaghetti (per noi Farabella senza glutine)
10 fiori di zucchina con la loro zucchina attaccata
1/2 bicchiere di vino bianco
1 cucchiaino di curcuma
2 cucchiai di olio evo
sale e pepe q.b.

200gr di pecorino romano DOP
30 foglie di basilico fresco
1 cucchiaio di pinoli
1 cucchiaio di latte di riso
sale e pepe q.b.
olio evo q.b.

20150514_110522

Staccate i fiori dalle loro zucchine, apriteli, togliete il picciolo interno delicatamente, lavateli e asciugateli bene e tagliateli a striscioline. Lavate le zucchinette e tagliate anch’esse a striscioline. In un tegame con due cucchiai di olio fate rosolare con un cucchiaino di curcuma le zucchine, sfumate con 1/2 bicchiere di vino bianco e fate ammorbidire.

20150515_114117

Unite i fiori, aggiustate di sale e pepe, lasciate sul fuoco 1 minuto e poi spegnete il fuoco.

20150515_114704

Nel bicchiere del mixer unite il pecorino, il basilico, i pinoli, il latte e iniziate a frullare aggiungendo olio a filo, sino ad ottenere un pesto. Assaggiate e aggiustate eventualmente di sale e impepate.
Mettete l’acqua sul fuoco, quando bolle salate e versate gli spaghetti. Scolateli al dente, conditeli con il pesto di pecorino e aggiungete una parte del condimento di zucchine e fiori. Impiattate e decorate con altro condimento e per noi grandi con una ulteriore generosa macinata di pepe!

20150515_122557 Vi assicuro che è fantastica e il pesto di pecorino non copre assolutamente il sapore delicato dei fiori di zucchina e delle zucchine! Che dirvi di altro …  a me e Greta ha fatto impazzire!

20150515_122618

Tagliatelle alla zucca con salsiccia e zucchine: io tiro la pasta, tu la taglia e lei … mangia!

Preparare la pasta fresca oramai è diventata cosa abitudinaria: una volta alla settimana mi cimento in preparazioni diverse, specialmente da quando alla suocera hanno diagnosticato il diabete. Eh si, perché la mia cara Teresina ora deve seguire una dieta ferrea e la cosa migliore per non farla cadere in tentazioni e non farle più preparare certi piatti, come la sua amata pasta fatta in casa che almeno 4 volte alla settimana portava in tavola e che spesso finiva sempre nella nostra cucina! L’altro pomeriggio Serena non aveva da studiare (evvivaaaaaaa) così abbiamo pensato di preparare delle tagliatelle e la zucca che mi aveva dato mio papà faceva proprio al caso nostro: nell’impasto ci sarebbe stata benissimo! Io mi dedico alla pasta e Sere si prepara per tagliare le tagliatelle e, ormai bravissima, monta la macchinetta della pasta. “Greta tu cosa vuoi fare?” gli chiede Sere. “Io mangio” risponde la mia piccola monella! Si si, lei mangia, tutta figlia di suo padre!
Intanto il sugo gustosissimo di salsiccia e zucchine è sul fuoco, le tagliatelle sono pronte e Mauro arriva giusto in tempo per aiutarci a preparare la tavola! Il piatto vuoto di Greta e le sue parole “Buoneee! Bava mamma, bava Sere” vi dice tutto!

Ingredienti per 4 persone:

200gr di zucca cotta
300gr di farina Pasta Fresca Mulino Marino
1 uovo
pizzico di sale
1 scalogno
3 zucchine
300gr di salsiccia magra
1 bicchiere di vino bianco
olio evo
sale e pepe q.b.

Setacciate la zucca precedentemente cotta e incorporatela alla farina, all’uovo, e mettete un pizzico di sale. Lavorate tutto fino ad ottenere una pasta liscia e morbida che lascerete riposare avvolta nella pellicola per 30 minuti.

20141110_180758

Stendete la pasta in una sfoglia non troppo sottile e tagliatela a strisce modo tagliatelle, oppure fatevi aiutare dalla macchina per la pasta come abbiamo fatto noi. Posate le tagliatelle su un vassoio infarinato e lasciate seccare un pochino (trucco della suocera).

20141110_191513

In una larga padella con un cucchiaio di olio fate rosolare lo scalogno tritato, unite la salsiccia e le zucchine lavate e tagliate a cubettini. Fate insaporire bene il tutto, sfumate con un bicchiere di vino bianco e lasciate cuocere fino a quando la salsiccia non è cotta (circa 20 minuti). Lessate le tagliatelle in acqua in ebollizione salata, scolatele al dente e fatele saltare nella padella del sugo in modo che si insaporiscano bene.

20141110_194644

Servite calde e a piacere spolverizzate con le formaggio grattugiato.

20141110_194746

Sono venute bene vero? ed erano buonissime!