Archivi tag: torta senza lattosio e senza glutine

Torta allo Yogurt, Pere, Arancio e nocciole (senza glutine): piede, schiena e spalla!

La settimana appena trascorsa è stata veramente dura: zoppa, con mal di schiena e spalla destra bloccata! Si, sono una sfigata! Sul conto mille impegni, visite mediche dei suoceri, Mauro bloccato senza macchina e una casa da portare avanti. Non nego di essere scoppiata in un pianto pieno di rabbia, oltre alle lacrime per la botta “Stupida” al piede: ore 23.45, Greta piange, mi alzo di corsa dal divano, dove ero crollata in un sonno profondo, per andare in cameretta e non so come ho messo male il piede sinistro e sono inciampata nelle ciabatte di mauro. Un solo rumore … CRACK!! Piede gonfio sul lato, impossibile appoggiarlo e muovere le dita finali. Visto l’orario, solo ghiaccio e crema. Pronto soccorso il giorno dopo? no, troppe cose da fare. Quindi tanta pomata, fascia e cercare di camminare. Risultato un mal di schiena da paura e, non potendomi chinare, ho forzato il braccio destro e mi sono fatta male alla spalla. A questo punto non mi restava che stare sdraiata sul divano e riposare almeno un giorno. Fatto… ma in parte: avevo una voglia matta di coccole, di qualcosa di dolce. Così mezza sbilenca e con l’aiuto di Greta e Serena, ho preparato una Torta, usando farine senza glutine (così da poterla mangiare senza problemi anch’io), yogurt di soia, delle nocciole tritate, delle pere succose e al posto del latte, il succo di arance fresche spremute. Soffice, leggera, morbida e succosa, profumatissima e bella: una dolce coccola! Accompagnata da una tazza di thè caldo o da una semplice spremuta di arancio come hanno fatto le bimbe è veramente la colazione e la merenda ideale in queste giornate uggiose e fredde!
Il Capitano si è rimesso in piedi, solo un lieve dolore al braccio! Ma se Capitan Uncino riusciva a guidare la sua nave perché non può farlo anche Capitan Manu? Forza ciurma, il viaggio continua!

Ingredienti:

200gr di farina di riso
100gr di farina per dolci senza glutine Farmo
90gr di fecola di patate
125gr di yogurt di soia
100gr di zucchero di canna
125ml di spremuta di arancio
1 bustina di lievito senza glutine S.Martino
3 cucchiai di nocciole tritate
2 pere
1 limone bio
2 arance bio succo + buccia
1 cucchiaino di zenzero in polvere
65gr di olio di mais
2 uova

Sbucciate le pere, tagliatene una e mezza in cubetti e l’altra metà a fettine sottili, irrorate con del succo di limone in modo che non diventino nere. In una ciotola lavorate le uova con lo zucchero e l’olio. Unire le farine setacciate con il lievito, le nocciole, lo zenzero in polvere e lavorate bene il composto. Unite la spremuta di arancio, la buccia dell’arancio grattugiata e la pera a pezzetti. Versate il tutto in una teglia ricoperta da carta forno, decorate la superficie con le fette di pera, spolverizzate con dello zucchero di canna e infornate a 180°, forno preriscaldato, per 40 minuti.
Sfornate, fate raffreddare e togliete dallo stampo.

20141018_082351

Servite in tavola con una spolverata di zucchero a velo a piacere!

20141018_082705

Vi presento Ciop, lo scoiattolino che si nasconde nella stiva e divora tutte le noccioline!

 20141018_082549

Torta alle Mele con farina di Castagne e Timo: come sorprendere un bambino!

Mesi fa in questo articolo “Diventare Grandi a tavola “ , vi avevo parlato di come fosse importante educare, in base all’eta, i bambini ad una sana alimentazione. Questo non è facile, me ne rendo conto da mamma: sappiamo tutti quanto i bambini possano essere abitudinari, diffidenti e poco inclini alla sperimentazione, soprattutto a tavola. Tuttavia, come vi dico spesso, coinvolgerli fin da piccoli nelle attività in cucina è un ottimo modo per vincere alcune resistenze. Se diventano attivi nella preparazione del cibo, della spesa tutto diventa più semplice e loro sono più disponibile ad accettare e quindi assaggiare qualcosa alla cui creazione hanno partecipato. Può non essere facile, ma mai demordere e farsi prendere dalla fretta dei primi “No” ricevuti:  usate tanta fantasia ma non nascondete il cibo in strane preparazioni, il bimbo potrebbe percepirlo come “questo cibo non è buono, è poco appetibile” . Inoltre fate in modo che i piatti siano belli, che i cibi siano ben distinguibili fra loro, i bimbi non sopportano di vedere nel piatto tante cose troppo vicine le une alle altre, ad esempio il pezzo di prosciutto immerso nel sugo delle carote saltate in padella (vedi piatti delle mense scolastiche). Cercate sempre di essere sinceri e fidatevi del loro senso dell’appetito: non fatevi prendere dal panico se non mangiano, se hanno fame, i bimbi mangiano! Vedrete che piano piano la loro diffidenza si trasformerà in curiosità. Vi dico tutto questo per esperienza personale, prima con Serena(tutt’ora la “schittignosa” e difficile di casa) e ora con la piccola Greta. Tutta questa premessa perché? Settimana scorsa la mia amica Maria mi ha portato dalla montagna un sacchetto pieno di castagne: che bontà! Chiacchierando proprio con Serena mentre le stavamo preparando le dicevo che volevo fare una torta con la farina di castagne: “no mamma, che schifo, se fai quella roba appiccicosa che hai preparato l’anno scorso io non te la mangio”!
Si riferiva al mio adorato castagnaccio, di cui io sono estremamente golosa e che lo scorso inverno ho mangiato praticamente tutto io perché alla ciurma non piace!
Ah si?! Un capitano non si arrende mai, e così ho preso dalla dispensa la farina di castagne, le belle mele del nonno, un po’ di timo dal mio piccolo angolo di erbe aromatiche e mi sono messa subito all’opera per preparare LA TORTA di mele con farina di castagne e timo!
A parte un quarto che ho “regalato” alla mia amica Gloria, che come me adora le castagne, il resto della torta l’hanno praticamente mangiata tutta loro, la mia ciurma: tè vist che sorpresa! Bene, ho rifatto questa torta già due volte su esplicita richiesta della Signorina Serena, il vero capociurma di questa nave!
Profumatissima, soffice e morbida, succosa, ogni boccone si scioglie in bocca, leggera e semplice da fare, senza glutine e senza lattosio: che volete di più? Provatela! Il viaggio continua, la favola non è finita!

Ingredienti:
usate come dosatore un bicchiere di yogurt da 125ml

1 bicchiere di yogurt di soia
3 bicchieri di farina di castagne
1 bicchiere di zucchero di canna
1 bicchiere di olio Carapelli ai semi e cereali
1 cucchiaio di miele al timo
3 uova
3 mele annurca
1 bustina di lievito senza glutine
1 cucchiaino di timo fresco

In una ciotola unite lo yogurt, la farina, lo zucchero, l’olio, il miele, le uova, e il timo fresco. Mescolate bene sino ad ottenere un composto morbido e senza grumi, aggiungete le mele a fettine sottili e il lievito. Mescolate incorporando bene tutti gli ingredienti e versate il tutto in una tortiera precedentemente unta.

20141007_224834

20141007_225101

 Infornate a 180° per 45 minuti circa.
Voilà, la torta è pronta.

20141007_233645

Un profumo meravigliosa avrà riempito la vostra cucina… attendete che si raffreddi bene e poi servite con una spolverata di zucchero a velo a piacere!

20141008_091655

Ideale come dolce dopo cena e per merenda!

20141008_091911

Buona vero???

20141008_091932

Con questa ricetta partecipo al Contest “Ricette d’Autunno” del blog C’è Crisi C’è Crisi

contest-ricette-d'autunno-con-a tutto pepe