Archivi tag: senza lattosio

Crema di Rapa bianca e broccoli: ben tornata “Bellissima Mamma”

Pensavate che avessi abbandonato la mia Rubrica del Martedì vero? E invece no, ho ripreso saldamente il timone nelle mie mani, dopo un periodo un po’ frenetico, e dopo aver “riaperto” la Rubrica del Venerdì dedicata agli eroi di casa, i papà, “L’Angolino del papà”, oggi ritorna anche lo spazio dedicato a noi, alle Donne, la Rubrica del Martedì “Bellissime Mamme”, dove cercherò di proporvi tanti piattini light e gustosi, tanti consigli di bellezza, sempre e solo usando ciò che la natura ci regala: diventare più belle mangiando sano!
Per riaprire al meglio, oggi prepariamo una calda e avvolgente crema, buona e sana, naturalmente light con verdure di stagione come le Rape bianche lodigiane e i broccoli. Dei broccoli ve ne avevo tanto parlato qui, ortaggio meraviglioso, ricco di vitamina C, vitamina A, potassio magnesio, ferro e fosforo,  inoltre, come gli altri componenti della famiglia dei cavoli, è ritenuto un antitumorale poiché contiene betacarotene. Oggi quindi voglio presentarVi la RAPA, un ortaggio considerato poco sulla nostra tavola, ma davvero straordinario: ha un ottimo sapore ed è un vero toccasana per la nostra salute, per il nostro benessere e per la nostra bellezza. Oggi portiamo in tavola un nuovo amico, un nuovo alleato e scopriamo insieme tutte le sue proprietà e benefici: ortaggio ricco di acqua, fonte primaria di vita, miscelata a potassio, fosforo, ferro, magnesio, calcio, manganese e vitamine, tra le quali A e C. Le rape sono indicate per le donne perché contengono acido folico, di cui abbiamo bisogno soprattutto durante la gravidanza.  Essendo prive di glutine, sono perfette per tutte le persone celiache e chi soffre di intolleranza. Sono povere di calorie e ricche di fibre, aiutano a regolarizzare la digestione e grazie al grande quantitativo di antiossidanti,  sono perfette per contrastare i radicali liberi e quindi l’invecchiamento delle cellule. Sono invece sconsigliate per le persone affette da disfunzione della tiroide, perché contengono particolari composti che interferiscono con la ghiandola. Grazie alla rapa il nostro corpo rimane più sano, più giovane e il nostro aspetto è più radioso e brillante.

La Rapa è stata tradizionalmente un cibo dei tempi duri, perché resiste bene al freddo e si conserva fino al raccolta successivo. Sempre seconda la tradizione la rapa è priva di sapore, per questo è entrata in molti proverbi e modi di dire a indicare la vuotezza : “testa di rapa”, ecc…

Ora mettiamoci ai fornelli e prepariamo questo delizioso piatto, aromatizzato da curcuma e zenzero (così da aumentare i suo effetti benefici), perfetto per la stagione fredda… una ricetta confortante che ci fa più belle!

Ingredienti per due persone:

1 rapa bianca lodigiana grande
1 broccolo piccolo
brodo vegetale (carote, sedano, cipolla bianca)
1 cucchiaino di curcuma
2cm di zenzero fresco
olio evo q.b.
sale e pepe q.b.

20151102_164937

Lavate la rapa, tagliatela a tocchetti. Pulite il broccolo e dividete le cimette. Riunite le verdure in una pentola con il brodo vegetale e fate cuocere sino a quando non sono belle tenere. Scolatele e mettetele in una ciotola con un paio di mestoli di brodo rimasto nella pentola. Frullate il tutto con un mixer ad immersione ottenendo una bella crema. Se necessita, a vostro piacere, aggiungete altro brodo. Versate il tutto in una pentola, aggiustate di sale, unite le spezie, mescolate bene e fate riscaldare.

20151102_185358

La Crema è pronta, non vi resta che impiattarla, aggiungere un filo di olio evo a crudo e una generosa spolverata di pepe.

20151102_185622

Crema catalana

Per la Rubrica del Venerdì “L’Angolino del Papà”, oggi vi lascio una delle ricette che più ama il nostro papà di casa: la Crema catalana! Un dolce spagnolo buonissimo e molto semplice da preparare, che diventa un ottimo dessert al cucchiaio per concludere in bellezza una buona cena. Noi lo abbiamo preparato i giorni scorsi, in versione senza lattosio così da poterlo assaggiare anch’io, regalando al nostro papà di casa un solare sorriso sul volto! Che dite? potrebbe essere anche un’ottima idea per festeggiare il 19 Marzo la loro Festa!

Ingredienti per 4 porzioni:

500ml di latte di soia
100gr di zucchero
4 tuorli
25gr di amido di mais
1 pizzico di cannella
scorza di limone
zucchero di canna

Montate i rossi delle uova con lo zucchero sino ad ottenere una crema soffice e spumosa. In un’altra ciotola sciogliete l’amido di mais setacciato in un paio di cucchiai di latte. Prendete un pentolino, versate il latte e portate a bollore, aggiungete la scorza del limone e la cannella.
Togliete dal fuoco, fate raffreddare e poi unitelo alla crema di uova, ricordandovi di eliminare la scorza del limone, e all’amido sciolto. Mescolate, rimettete sul fuoco e portate nuovamente a bollore mescolando continuamente sino a raggiungere la giusta densità. Versate nelle coppette, lasciate raffreddare a temperatura ambiente e poi mettete in frigorifero almeno per 4/5 ore. Prima di servire la crema, cospargete la superficie con zucchero di canna e poi con l’aiuto della fiamma ossidrica (piccolo attrezzo che trovate in tutti i negozi di casalinghi)  o del grill del forno fate caramellare lo zucchero che dovrà diventare marrone ma non bruciare. Fate raffreddare e quando la superficie è solida e croccante portate in tavola!

20150227_191944

Sotto questa deliziosa crosticina troverete una crema leggera e profumata, dal sapore unico e inconfondibile: noi amiamo la Spagna!

20150227_192014

A venerdì prossimo!

Insalata di Radicchio e semi vari con uova sode e salsa allo yogurt di soia

E’ arrivato Martedì e oggi tocca alla ricetta per la nostra Rubrica “Bellissime Mamme”. Si avvicina la bella stagione, e rimettersi in forma è una delle priorità di noi donne, pertanto un piattino light e gustoso oggi lo portiamo in tavola. Il Radicchio è una delle insalate che più amo e mi piace tantissimo utilizzarla per delle belle insalatone complete. Oggi aggiungiamo tanti buoni e salutari semi (zucca, girasole, lino), uova sode, alimento sempre presente in ogni dieta e condiamo il tutto con una leggera e semplice salsina allo yogurt di soia, con barba del finocchio e senape!

Ingredienti:

1 ceppo di radicchio tondo
2 uova sode
2 cucchiai di semi vari
100ml di yogurt di soia naturale
1 cucchiaio di senape
barba del finocchio
1 cucchiaio di olio evo
1 cucchiaio di aceto di mele
sale q.b.

Prepariamo per prima cosa la salsa: in una ciotola unite lo yogurt, la senape, l’olio, l’aceto di mele e un pizzico di sale. Mescolate energicamente creando una densa e cremosa crema, unite ora la barba del finocchio tritata fine che avrete precedentemente lavato bene e asciugato: non si butta nulla in cucina e vi accorgerete di quanto sta bene in questa preparazione! Riponete in frigorifero.
Lavate e pulite il radicchio, tagliatelo a pezzetti e mettetelo in un bel piatto (vi ricordo che, specialmente nei periodi di dieta, l’occhio vuole la sua parte). Aggiungete le uova sode a spicchi, i semi vari e condite il tutto con la salsa allo yogurt!

20150226_120259

 Un pranzo leggero e gustoso, completo e sano!

20150226_120333
A martedì prossimo!
Manu

Piadina di farinata di ceci con bietole e pomodorini secchi:

Buon lunedì amici, spero che abbiate tutti passato un sereno week end! La ciurma ha approfittato del magnifico tempo per godersi la campagna qui attorno con lunghe passeggiate e qualche ora al parco! In prima mattinata tutti a bordo, la nave ha già preso la rotta per questa nuova settimana, ricca di impegni!
Oggi voglio proprio presentarVi una ricetta fantastica che abbiamo gustato i giorni scorsi: la Piadina di farinata di ceci . Un piatto gustosissimo che ho scoperto grazie a lei, la Zia  Erica, la Cuocherellona, che riesce sempre a darmi suggerimenti fantastici e sani in cucina, per portare in tavola piatti sempre diversi alla ciurma! Il suo sandwich di farinata di ceci mi ha incantato al primo sguardo, così visto il mio amore per questa preparazione, ho voluto subito provarla e con qualche piccolo cambiamento alla sua ricetta di base, ho sperimentato questa particolare Piadina che… è cotta in padella! Erica è un genio!
Una farcia  a base di verdure è secondo me la migliore, Erica ha usato olive e zucchine, io ho optato per bietole e i nostri adorati pomodorini secchi! Oltretutto vi ricordo che i ceci sono già fonte di proteine e questo piatto è vegetariano, vegano, senza glutine e senza lattosio: cosa volete di più? Quella crosticina esterna croccante… l’interno morbido, la delicatezza delle bietole… il saporito dei pomodorini … devo dirvi altro? … provatela!!!!

Ingredienti per 4 piadine:
per la pastella
180gr di farina di ceci
520gr di  acqua
30gr di olio evo
1 cucchiaino di curcuma
per la farcia
2 bietole
1 spicchio di aglio
15 pomodorini secchi
sale e pepe q.b.
olio evo q.b.

Dedichiamoci per prima cosa alla preparazione della pastella per la farinata. In una ciotola mettete la farina, un pizzico di sale e di pepe, la curcuma e aggiungete piano piano l’acqua e l’olio. Mescolate il tutto con una frusta, in modo da sciogliere bene i grumi, coprite con la pellicola e lasciate riposare in frigorifero almeno per due ore (io l’ho preparata la mattina per la sera).
Nel frattempo prepariamo la farcia: pulite le bietole, lavatele bene e tagliatele grossolanamente. Mettetele a lessare in una pentola con abbondante acqua salata. Una volta morbide, scolatele bene e fatele saltare in una padella con un cucchiaio di olio e uno spicchio d’aglio in camicia, aggiustate di sale.
Prendete una padella piccola, dal diametro di circa 15cm, versate un pochino di olio e quando è bello caldo, spargetelo bene su tutta la superficie e versate un mestolo e mezzo di pastella. Lasciate cuocere a fuoco medio con coperchio per una ventina di minuti. Piano piano, con l’aiuto di una spatola, girate la farinata dall’altro lato e lasciate sul fuoco una decina di minuti. Rigiratela ancora, farcitela con le bietole e con qualche pomodorino secco

20150304_190140

 ripiegate a metà e servite in tavola, calda, croccante fuori e super morbida e gustosa dentro!

20150304_190413

20150304_190351

Io stasera replico, con una farcia di melanzane e pomodorini… vi saprò dire!

Castagnaccio di mele con uvetta e pinoli: era.. solo per me!

Il dolce che vi propongo oggi è uno dei miei preferiti, che mangiavo sin da piccolina e che “sfortunatamente” non piace molto alla ciurma… anzi… mi correggo.. non piaceva! Un dolce che non preparavo mai ma, l’altro giorno, sistemando la dispensa e rimanendo in tema “non buttare gli avanzi”, ho trovato un sacchettino aperto di farina di castagne in scadenza usato qualche mese fa per fare questa Torta di mele  che aveva conquistato la ciurma al primo assaggio. Che fare? Nel cestino della frutta qualche mela ammaccata mi guardava, così ho pensato di farmi felice e preparare il mio adorato Castagnaccio, arricchendolo di mele, uvetta e pinoli. Un risultato fantastico, una versione buonissima, senza glutine e senza lattosio, che la ciurma ha voluto assaggiare e che ha gradito come mai avrei pensato! L’aggiunta della frutta lo ha reso meno “castagnaccio” più gustoso e umido. Sono riuscita a farlo assaggiare anche a mia zia Piera, che come me ama questo dolce: approvato!
Quindi non mi resta che darvi la ricetta !

Ingredienti:

300gr di farina di castagne
4 mele rosse
50gr di uvetta
50gr di pinoli
1/2 bicchiere di olio di semi vari
500ml di acqua circa
succo di 1 limone
40gr di zucchero di canna grezzo

Per prima cosa mettete l’uvetta in ammollo in acqua tiepida. Sbucciate le mele e tagliatele a spicchi, mettetele in una ciotola e irroratele del succo di un limone spremuto, in modo da non farle annerire.
In un’altra ciotola versate la farina di castagne setacciata con lo zucchero e unite piano piano l’acqua e l’olio, amalgamando bene tutti gli ingredienti. Lasciate riposare in frigorifero per una ventina di minuti.

20150203_183107

Nel frattempo ungete una tortiera e adagiatevi sopra le fette di mela, l’uvetta e i pinoli (la piccola Greta mi ha aiutato)

20150203_183702

cospargete con zucchero e versate poi sopra la il composto di farina. Infornate a 200° in forno preriscaldato per 50/60 minuti circa. A metà cottura coprite con un foglio di alluminio per evitare che si bruci la superficie.Sfornate, fate raffreddare e poi aiutandovi con un piatto capovolgete il castagnaccio decorando ancora a piacere con dei pinoli.

20150204_073041

Se vi piace più basso non dovete fare altro che usare una teglia più larga… io lo preferisco così

20150204_073058

buono buono… da rifare magari con le pere!

20150204_073153

 

Brownies al cioccolato con Pere e Nocciole (senza glutine e senza lattosio): il thè delle 5… tra bimbe!

Un giorno torna da scuola tua figlia e ti dice: “Mami, posso invitare qui alcune amiche per un thè?”. Da quando Serena beve il thè? L’unica cosa simile che beve è la camomilla e la tisana al lampone! “Va bene amore”. Così dopo aver deciso il giorno, mi organizzo per preparare al meglio la merenda. Mentre la piccola Greta fa il pisolino dopo pranzo, getto l’ancora e torno in cucina per preparare la tavola, così all’arrivo delle ragazze tutto è pronto: le tazze da thè e le varie bustine di gusti diversi sono accanto ai miei biscottini alle mele. Giro e rigiro tra la cambusa e la cucina: ma quelle tre il thè non lo bevono!!!
Così preparo una mega spremuta d’arancia, la metto nella caraffa e via in frigorifero! E da mangiare? Ci vogliono i miei brownies, veloci e semplici da fare, golosissimi e sostanziosi, perfetti per la merenda del dopo scuola!
Meno male che i Capitani hanno quel sesto senso in più: le tazze di thè sono rimaste perfettamente pulite mentre la caraffa di spremuta è stata svuotata e il dolce è stato divorato a bocconi interi. Sono riuscita a mettere via qualche pezzetto per il vice Capitano Mauro, che ha goduto di questa nuova versione improvvisata con il caffè del dopo cena. Un dolce senza glutine e senza lattosio (viste le mie intolleranza oramai in casa gli ingredienti in dispensa sono questi, salvo qualche farina per pane e pizza di alta qualità) golosissimo, morbido, succoso grazie alle pere e con quella nota croccante data dalle nocciole intere: un piacere unico! Il pomeriggio è volato come un lampo tra balli e risate, le bimbe erano soddisfatte e contente e il marinaio Serena era al settimo cielo per la bella figura fatta con le amiche.

Gli ospiti passeggeri sono stati accompagnati giù dalla nave : “Issate l’ancora marinai! Riprendiamo la rotta”!

Ingredienti:

90gr di farina di riso Bio
90gr di burro vegetale
120gr gocce di cioccolato fondente F.lli Rebecchi (senza glutine e senza lattosio)
20gr di cacao amaro Pedon (senza glutine)
60gr di nocciole
2 uova
1 pera
1 pizzico di sale
200gr di zucchero a velo senza glutine

Sciogliere a bagnomaria il cioccolato, unite il burro vegetale e mescolate bene.

20140919_153315

Fate raffreddare e unite le uova precedentemente sbattute. Poi aggiungete la farina setacciata insieme allo zucchero e al cacao e mescolate rapidamente. Incorporate le pere sbucciate e tagliate a pezzetti e le nocciole, amalgamate e versate tutto in una teglia rettangolare rivestita di carta da forno.

20140919_154603

Infornate a 180° per 30 minuti.
Fate raffreddare, tagliate a cubetti e spolverizzate con zucchero a velo!

20140919_174047

Torta light al cioccolato senza glutine e senza lattosio con crema pasticcera light al mandarino

La ricetta di oggi per la Rubrica “Bellissime Mamme” è un dolce golosissimo e completamente light, interamente dedicato alla mia amica blogger Affy. Una torta super cioccolatosa, senza uova, senza burro, senza grassi, senza glutine, soffice e leggera che si scioglie in bocca. Accompagnata da una crema pasticcera al mandarino delicata e con pochissime calorie. Che dici Affy, sei contenta? Un dolce da divorare senza sensi di colpa, perfetto per la Rubrica del martedì e con tutte le caratteristiche del DOLCE goloso che tanto invidiavi ai nostri papà. Preferisci un thè caldo o un forte caffè? Ti aspetto!!!

Ingredienti:

200gr di farina di riso Almaverde
150gr di zucchero di canna
50gr di cacao amaro senza glutine
50gr di cioccolato extrafondente senza glutine
1 bustina di lievito pane angeli senza glutine
300ml di latte di soia (o latte normale)

per 250gr di crema pasticcera (circa 125 calorie per 100g):

100ml di succo di mandarino
150ml di latte di soia (o normale)
25gr di amido di mais
1 uovo intero e 1 tuorlo
scorza buccia mandarino
2 cucchiaini di stevia

In una ciotola unite gli ingredienti secchi per la torta: farina, zucchero, cacao amaro e lievito. Sciogliete a bagnomaria il cioccolato e poi unitelo al latte che farete riscaldare leggermente. Unite a filo il latte con il cioccolato agli ingredienti nella ciotola e mescolate fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo. Versate il tutto in una tortiera ricoperta da carta forno e infornate a 180° per 25 minuti circa.
Preparate nel frattempo la crema: fate riscaldare in un pentolino il succo di mandarino, il latte di soia e la scorza grattugiata del mandarino. In una ciotola lavorate bene le uova con la stevia e l’amido di mais fino a quando non otterrete una crema liscia e senza grumi. Aggiungete ora il latte caldo e il succo di mandarino a filo e rimettete sul fuoco a fiamma bassa. Cuocete mescolando per far addensare la crema.
Sfornate la torta, fate raffreddare e spolverate con zucchero a velo. Servite accompagnata dalla crema profumata al mandarino!

20141110_113811

Affy, la tua fetta di torta è pronta!!

20141110_114014