Archivi tag: san valentino

Biscotti al Profumo di Rosa Canina e gocce di cioccolato … la storia di San Valentino

100x-amore-cuore-in-legno-matrimonio-tavolo-decorQuesto nostro appuntamento mensile con la Rubrica “Bellissime Mamme” cade il giorno prima di San Valentino.
San Valentino, nato a Interamna Nahars, l’attuale Terni, nel 176 d.C. era un vescovo romano che era stato martirizzato.  È considerato il patrono degli innamorati poiché la leggenda narra che egli fu il primo religioso che celebrò l’unione fra un legionario pagano e una giovane cristiana:
Si dice che un giorno San Valentino sentì passare, vicino al suo giardino, due giovani fidanzati che stavano litigando. Allora gli andò incontro con in mano una rosa che regalò loro, pregandoli di riconciliarsi stringendo insieme il gambo della stessa, facendo attenzione a non pungersi e pregando affinché il Signore mantenesse vivo in eterno il loro amore. Qualche tempo dopo la coppia gli chiese la benedizione del loro matrimonio. Quando la storia si diffuse, molti decisero di andare in pellegrinaggio dal vescovo di Terni il 14 di ogni mese, il giorno dedicato alle benedizioni. Poi la data è stata ristretta solo a febbraio, perché in quel giorno del 273 San Valentino morì.
rosa-caninaPer questo meraviglioso giorno ho voluto preparare dei semplicissimi biscotti al profumo di Rosa Canina, senza glutine e senza lattosio, con gocce di cioccolato, in ricordo della rosa donata da San Valentino. La Rosa Canina è un arbusto spinoso, appartenente alla famiglia delle Rosaceae. Già conosciuta al tempo degli Antichi Romani, la rosa canina deve il suo nome a Plinio il Vecchio che curò, dai sintomi della rabbia, un soldato della legione romana morso da un cane infetto, facendogli bere un decotto ricavato dalle radici di questa pianta. Sempre Plinio il Vecchio, poi, utilizzò la rosa canina per altri scopi terapeutici e raccolse in un trattato tutti i suoi utilizzi. Risalgono al Medio Evo erbari medici con la descrizione di vari rimedi naturali a base di rosa canina; per lo più tisane e sciroppi per curare le affezioni delle vie respiratorie, ma anche marmellate e salse utilizzate per preparare dolci tipici di quel periodo storico. Durante la Seconda Guerra mondiale, in Inghilterra, la rosa canina venne utilizzata massivamente, per la preparazione di uno sciroppo da somministrare ai bambini come integratore di vitamina C, al posto delle arance. Ai giorni nostri, si fa largo uso di tisane e infusi a base di rosa canina. E’ proprio con uno di questi infusi che ho voluto profumare i miei biscotti.
Ma prima della ricetta scopriamo le caratteristiche di questo magnifico arbusto:
uid_1555eeef9dd-650-340La rosa canina è ricchissima di vitamina C, tanto che 100 grammi di queste bacche hanno lo stesso contenuto di vitamina C che può avere un chilo di arance. Altre vitamine in essa contenute sono le vitamine A, E, K e alcune del gruppo B. Contiene inoltre, acido folico, flavonoidi, tannini, carotenoidi (tra cui licopene e beta-carotene) e acidi grassi (tra cui acido oleico, palmitico, oleanolico, stearico e linoleico). E’ ricca anche come contenuto di sali minerali, in particolare ferro, zinco, rame, calcio, manganese, boro, sodio, fosforo, potassio e magnesio. Le bacche di rosa canina sono ricche di acqua (75%) e fibre (24%), proteine (7,2%), pectina (5,1%).
Le bacche le trovate in qualsiasi erboristeria. * L’infusione va fatta con acqua calda, ma non bollente, altrimenti si perde in contenuto vitaminico, per almeno 10 minuti. Filtrare e dolcificare a piacere con miele o succo d’agave. Gustare la bevanda calda, per un effetto rilassante, oppure anche fresca, per un effetto rinvigorente.
Non mi resta che lasciarvi la ricetta e augurare a tutti voi un FAVOLOSO SAN VALENTINO!

Ingredienti:

70gr di farina di riso Almaverde
70gr di maizena
70gr di farina di mais per dolci senza glutine
80gr di olio di mais
80gr di zucchero di canna integrale
cioccolato senza glutine e senza lattosio (io ho usato Cioccolato fondente Leoni)
1 uovo
1 pizzico di sale
1 cucchiaino di lievito per dolci S.Martino senza glutine
infuso di rosa canina*

Preparate l’infuso di rosa canina come descritto sopra* e lasciatelo raffreddare. Tritate il cioccolato grossolanamente e unitelo alle farine setacciate insieme al lievito. Lavorate l’uovo con lo zucchero, il pizzico di sale, aggiungete le farine e iniziate a lavorare. Ora unite un pochino di infuso di rosa canina, fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo. Avvolgetelo nella pellicola e lasciate riposare in frigorifero per 30 minuti.
Stendete l’impasto con l’aiuto di altra farina e ritagliate i vostri biscottini con la formina a cuore. Noi ne abbiamo fatti un po’ a cuore e un po’ a forma di sole.
Infornate a 180° per 10 minuti circa. Spolverate con zucchero a velo a piacere!

20160322_175004

20160322_174946

Petto di Pollo allo Spumante profumato al Ginepro e Rosmarino

La Rubrica “L’Angolino del Papà” oggi vi fa compagnia di Sabato e vi propongo un secondo piatto semplicissimo, leggero e molto molto gustoso: PETTO DI POLLO ALLO SPUMANTE profumato al GINEPRO E ROSMARINO! Ricetta improvvisata, ma di grande successo, almeno sulla mia tavola: il papà di casa ha apprezzato tantissimo! Potrebbe essere un’idea interessante anche per la cena di San Valentino… festa dell’amore che si sta avvicinando: in pochi semplici passi porterete in tavola al vostro amato un piatto strepitoso! Vi lascio  la ricettina al volo e vi auguro un Favoloso week end!

Ingredienti per 2 persone:

1 petto di pollo intero
3 bicchieri di spumante non dolce
1 rametto di rosmarino
3 bacche di ginepro
1 cucchiaio di amido di mais
olio evo q.b.
sale e pepe q.b.

Per questa ricetta usiamo il classico petto di pollo intero. Per prima cosa lasciatelo a marinare con lo spumante, il rosmarino e le bacca di ginepro per una decina di minuti. Trascorso il tempo, in un tegame dai bordi alti, con due cucchiai di olio, mettete il petto di pollo, con il rosmarino e le bacche di ginepro e rosolatelo su tutti i lati per qualche minuto. Aggiustate di sale e aggiungete lo spumante della marinatura, coprite e portate a cottura controllando sempre che il liquido non si asciughi mai troppo rischiando di bruciare il petto di pollo (aggiungete eventualmente un pochino di acqua o brodo). Una volto cotto togliete dal tegame e trasferite su un tagliere. Aspettate che si raffreddi un pochino e poi tagliate a fette. Nel frattempo al fondo di cottura unite l’amido di mais, così da restringere un pochino il sughetto e creare quella salsina gustosa e profumata dove “ritufferete” le fettine di petto di pollo così da insaporirle ulteriormente. Il piatto è pronto, non vi resta che impiattare, spolverare con un macinata di pepe e portare in tavola!

20170108_132118

photogrid_1486800033551

Lunedi non perdetevi la ricetta dei miei biscottini di San Valentino e della magnifica favola che accompagna questo speciale giorno!

Dolce Cuore di San Valentino

Stasera non può di certo mancare un dolce in tavola … così ho preparato una soffice tortina ripiena di crema alla gianduia ricoperta da cioccolato bianco e Serena, appena tornata da scuola, ha decorato il tutto con fragola e riccioli di cioccolato. Ora non ci resta che attendere la cena, dove tutti insieme gusteremo questo Dolce Cuore di San Valentino.

Ingredienti:

100gr di farina 00
1 cucchiaino di lievito
50gr di zucchero
40ml di latte di soia
1 cucchiaino di burro
1/2 fialetta aroma alla vaniglia
50gr di crema alla gianduia
100gr di gocce di cioccolato bianco
fragole
riccioli di cioccolato

In una terrina montate il burro con lo zucchero. Aggiungete il latte, la vaniglia e mescolate bene. Unite la farina e il lievito. Mettete il composto in uno stampino a forma di cuore leggermente imburrato e infarinato e infornate per 15 minuti a 180°.
Sfornate e fate raffreddare su una graticola.

IMG_7344
Sciogliete il cioccolato bianco a bagnomaria.

IMG_7346
Tagliate a metà il tortino e farcitelo con la crema alla gianduia.

IMG_7345

Richiudetelo e ricopritelo con il cioccolato bianco sciolto.

IMG_7347

Decorate a piacere e, prima fate raffreddare a temperatura ambiente, poi riponete in frigorifero.

IMG_7348
Tenete fuori dal frigo almeno 10 minuti prima di servirlo in tavola: W L’AMORE!

IMG_7355

Zuppetta di pesce

“Ci vogliamo tanto bene”
Un abbraccio assai sincero ci scambiam di amore vero
e sentiamo tanto affetto che ci scoppia dentro il petto!
Non possiamo più aspettare e perciò dobbiam gridare:
“Ci vogliamo tanto bene e staremo sempre insieme
non importa che faremo, ma non ci separeremo!”.

San Valentino, festa degli innamorati … io sono innamorata di mio marito e delle mie stupende bambine e con loro festeggio il giorno dell’amore con una cenetta al profumo di mare: zuppetta di pesce!
Dal mio pescivendolo di fiducia, mi sono fatta preparare circa 1 kg di pesce misto già pulito, tra cozze, gamberi, calamari, seppie, rombo e coda di rospo. Avevo congelato del brodetto di pesce che è stato utilissimo per la zuppa, ma potete usare anche del brodo vegetale in alternativa, certo il risultato non è lo stesso. Per il resto ci vuole solo un po’ di accortezza e tanto amore!

Ingredienti:

1kg di pesce per zuppa
500gr di pomodori pelati
400ml Brodo di pesce
Prezzemolo
1 spicchio di aglio
1 limone bio
Peperoncino
Olio evo
Sale

In un tegame mettete lo spicchio di aglio in camicia con l’olio e fate rosolare senza farlo bruciare. Togliete l’aglio e aggiungete il pesce, sfumate con il vino bianco e aggiungete i pelati. Aggiustate di sale e aggiungete il brodo, lasciate cuocere lentamente per circa 30minuti (i pezzi di pesce della mia zuppa non erano molto grandi quindi mezz’ora è stata sufficiente).

Spegnete il fuoco e aggiungete una bella manciata di prezzemolo tritato e la buccia del limone grattugiata, mescolate con cura.

IMG_7425
Servite con una spolverizzata di peperoncino (per noi grandi) e del buon pane al limone: una zuppa semplice dal sapore ricco e unico che vi trasporterà in riva al mare.

IMG_7435

Verona … Shakespeare in Love

Una giornata in famiglia in una delle città più belle d’Italia per festeggiare, anche se in anticipo, San Valentino. Verona, una splendida città d’arte avvolta nella storia millenaria e consegnata al mito dal capolavoro shakespeariano “Romeo e Giulietta”.
La bella giornata di sole, inaspettata, e l’entusiasmo delle bambine ha reso tutto più magico. L’anfiteatro Arena, monumento più famoso di Verona, ti riporta ai tempi degli antichi romani;

IMG_7132 IMG_7136

IMG_7265

Passeggiando tra le vie del centro si scopre un immenso patrimonio artistico e architettonico grazie a stupendi campanili e a chiese che contengono tesori inestimabili.

IMG_7264 IMG_7218

IMG_7224 IMG_7221

Botteghe artigiane, negozi antichi, eleganti caffè, storiche osterie e negozi d’alta moda si alternano nelle vie di questa città.

IMG_7143 IMG_7226

Ma quello che si respira maggiormente nelle strade di Verona è la storia dei famosi innamorati: Romeo Montecchi e Giulietta Capuleti, ”: i rappresentanti dell’ amore giovanile, un amore nato in breve tempo ma intenso che non conosce limiti, neanche la morte è riuscita a dividerli.

IMG_7256
Per una bambina come Serena questa fiaba è “ una storia molto romantica ma anche triste che fa capire l’amore vero” … le sue semplici parole rappresentano esattamente il succo dell’opera. Quello che desiderava di più era vedere i luoghi dove “i fatti sono accaduti”, così quando siamo arrivati davanti alla casa di Giulietta questa giornata ha avuto ancora più senso per lei.
Ed eccoci qui, dentro la casa di Giulietta …

IMG_7200 IMG_7206

IMG_7204 IMG_7205

IMG_7194
… affacciate al balcone dove si svolge una delle scene più belle di tutta l’opera con Serena emozionatissima al pensiero di Giulietta appoggiata che guardava in basso il suo amato.

IMG_7181 IMG_7186
“Quale luce spunta lassù da quella finestra? Quella finestra è l’oriente e Giulietta è il sole! Sorgi, o bell’astro, e spengi la invidiosa luna, che già langue pallida di dolore, perché tu, sua ancella, sei molto più vaga di lei. Non esser più sua ancella, giacché essa ha invidia di te. La sua assisa di vestale non è che pallida e verde e non la indossano che i matti; gettala. E’ la mia signora; oh! è l’amor mio!
oh! se lo sapesse che è l’amor mio! Ella parla, e pure non proferisce accento: come avviene questo? E’ l’occhio suo che parla; ed io risponderò a lui. Ma è troppo ardire il mio, essa non parla con me:
due fra le più belle stelle di tutto il cielo, avendo da fare altrove, supplicano gli occhi suoi di voler brillare nella loro sfera, finché esse abbian fatto ritorno. E se gli occhi suoi, in questo momento, fossero lassù, e le stelle fossero nella fronte di Giulietta? Lo splendore del suo viso farebbe impallidire di vergogna quelle due stelle, come la luce del giorno fa impallidire la fiamma di un lume; e gli occhi suoi in cielo irradierebbero l’etere di un tale splendore che gli uccelli comincerebbero a cantare, credendo finita la notte.
Guarda come appoggia la guancia su quella mano! Oh! foss’io un guanto sopra la sua mano, per poter toccare quella guancia!”

“Oh Romeo Romeo perché sei tu Romeo!?
Rinnega tuo padre, rifiuta il tuo nome, o se non vuoi, giura che mi ami e non sarò più una Capuleti.
Solo il tuo nome è mio nemico: tu sei tu.
Che vuol dire “Montecchi”?
Non è una mano, né un piede, né un braccio, né un viso, nulla di ciò che forma un corpo. Prendi un altro nome.
Che cos’è un nome? Quella che chiamiamo “rosa” anche con un altro nome avrebbe il suo profumo.
Rinuncia al tuo nome, Romeo, e per quel nome che non è parte di te, prendi me stessa.”

E’ arrivata l’ora di pranzo, entriamo in un ristorantino proprio vicino al centro attirati dal nome “Le Cantine de l’Arena”. Dentro tutto molto bello, affreschi e bottiglie di vino riempiono le pareti.

IMG_7153 IMG_7157

IMG_7161
Abbiamo mangiato molto bene, piatti leggeri e molto gustosi, accompagnati dal mio vino preferito: crostini di frisella con verdure, risotto con radicchio rosso e Amarore!

IMG_7266 IMG_7146 IMG_7149
E i dolci? Che dire … ottimi: tortino di pan di spagna con mousse al pistacchio e tiramisù speciale!

IMG_7242 IMG_7243
Con la pancia piena abbiamo fatto l’ultimo giretto prima che la pioggia ci obbligasse a rientrare a casa …

IMG_7219 IMG_7227

IMG_7237

Una splendida città, una magnifica giornata con i miei grandi amori!

IMG_7261