Archivi tag: risotto per bambini

Risotto alla Rucola e Stracchino: fare scarpetta è la sua nuova passione!

Con l’arrivo dell’Autunno i piatti in tavola cambiano: più zuppe, tanti risotti e ricette sugose. Sul fondo del piatto rimangono sempre salse e cremine, così la piccola Greta ha imparato a raccogliere tutti i sughi facendo la classica scarpetta prima con il dito, poi con il pane. Da chi avrà preso? Stavolta mi metto di persona in gioco: io adoro raccogliere il fondo del piatto e ripulirlo alla perfezione e intendo ogni genere di preparazione: da zuppe e pastasciutte ad arrosti e dolci. E il pane inzuppato nelle ultime due dita di brodo di carne dei tortellini? Vogliamo parlarne? Mi è venuta voglia solo al pensiero… stasera li preparo!
E così ormai Greta ripulisce ogni piattino che si trova davanti. Ieri ho preparato questo risotto, semplice e delicato, dolce grazie al porro, molto cremoso per la presenza dello Stracchino, che ho usato per mantecare il riso, evitando burro o altro e con al suo interno tanta rucola fresca presa al mercato, poco amata sino a qualche giorno fa dalle mie bimbe (vi ricordate i miei Rigatoni al Pollo con Pomodorini e Rucola che hanno conquistato la ciurma?).
Alla fine di questo risotto, sul fondo del piatto, una cremosa salsina è lì che attende di essere raccolta con un pezzettino di pane caldo… ed è lì, che io e la piccola Greta, ci godiamo l’ultimo magico boccone che lascia in bocca quel bel sapore fine pasto! Soddisfatte possiamo passare alla frutta e attendere il prossimo piatto della nostra Favola in tavola!

Ingredienti:

300gr di riso carnaroli La Pila
80gr di rucola fresca
120gr di Stracchino Nonno Nanni allo Yogurt
1 porro
3 cucchiai di parmigiano reggiano
brodo vegetale q.b.
olio evo q.b.

In un tegame con due cucchiai di olio evo fate appassire il porro tagliato sottile. Unite il riso e fate tostare per qualche minuto. Aggiungete piano piano il brodo vegetale portando a cottura, l’ultimo minuto abbassate il fuoco e unite la rucola ben pulita e tagliata grossolanamente.

20140817_194229

Mescolate delicatamente e spegnete la fiamma. A questo punto unite lo stracchino, mantecando bene il risotto e il parmigiano.

20140817_194903

Impiattate e servite ben caldo!

20140817_194854
Mi raccomando non dimenticate il pane per la scarpetta!

Risotto con salsiccia, raspadura e fichi: non avrei scommesso un euro!

Quando ho visto il Risotto Affumicato ai fichi della mia amica Maria Grazia (correte a vedere il suo blog Gli esperimenti di Mary Grace) mi son detta: questo lo voglio assaggiare, è spettacolare! In frigorifero 5 fichi, gli unici superstiti alla mia maratona sui fornelli per preparare la marmellata di fichi e cannella. Eh si, perché dopo la borsina che mi aveva regalato Gloria, ho trovato al mercato dei fichi e così ho comprato una bella cassettina e mi sono data da fare! Niente ricotta affumicata e speack, sostituiti con formaggio Raspadura, tipico della mia zona, che oltretutto è senza lattosio quindi perfetto per me e salsiccia mantovana fresca che avevo comprato al mercato quella stessa mattina. Ho voluto provare anche un riso nuovo e ha tenuto molto bene la cottura! Una versione meno delicata e raffinata della sua, ma avevo troppa “gola” di provare un risotto con i fichi.  Mi metto ai fornelli, quando si avvicina Serena e mi dice :”Mamma, che si mangia stasera?”. Oddio, risotto con i fichi per le bimbe??? Non avevo pensato a loro!
“Sorpresa” gli rispondo, cercando di mantenermi più tranquilla possibile, mal che vada lo mangiamo io e Mauro e a loro si fa sempre in tempo a preparare una frittatina con le zucchine e un piatto veloce di spaghetti al pomodoro: uova già sul piano di lavoro e di corsa il sugo fuori dal frigo… “tanto finirà così” mi dico!
Agitata come non mai porto in tavola questo meraviglioso risotto dal profumo eccezionale: Mauro, affamato più del solito, si fionda sul piatto; Greta prende il suo cucchiaino e inizia a mangiare e Serena?? è lei il vero critico!
“Mamma, è buonissimo, ma ci sono dentro i fichi!!! “Si, si amore mio, è buonissimo!” e chi lo avrebbe detto? già… non ci avrei scommesso un euro su questo suo giudizio e avrei perso!
Descrivervi questo piatto? Saporito, leggermente dolce, cremoso e delicato: una vera delizia che ha arricchito la tavola e ha reso magica come non mai la nostra Favola!
Grazie Mary Grace per l’ispirazione!

Ingredienti per 4 persone:

280gr di riso carnaroli La Pila (prima prova)
5 fichi
1 scalogno
300gr di salsiccia mantovana
100gr di formaggio Raspadura Bella Lodi
1 bicchiere di vino bianco
noce moscata q.b.
brodo vegetale q.b.
olio evoq.b.
sale q.b.

Tritale lo scalogno e mettetelo a soffriggere in una casseruola insieme a tre cucchiai di olio, unite la salsiccia sbriciolata e lasciate rosolare per bene. Unite il riso, fate tostare bene e sfumate con il vino bianco.

20140922_185657

20140922_190000

20140922_190402

Ora aggiungete il brodo piano piano, portando a cottura. A pochi minuti dalla fine unite 4 fichi tagliati a pezzettini.

20140922_192456

Spegnete il fuoco, aggiungete la raspadura, fate ben mantecare, aggiustate di sale e lasciate riposare un minuto.

20140922_193102

Tagliate l’ultimo fico in fettine, spolverizzatele di noce moscata e una volta servito il riso nei piatti decoratelo con le fettine.

20140922_193730

Le foto questa volta non rendono onore al piatto… urge macchinetta nuova! ;-))

 

Risotto vongole e borlotti: Yessss… anche la seconda è andata!

Voi non potete capire la mia soddisfazione nel vedere Serena mangiare i fagioli: ricordo ancora quando, se li vedeva nel piatto, si alzava da tavola e si rifiutava di mangiare. Grazie di cuore alla cucina toscana che con i suoi fagioli all’uccelletto ha fatto apprezzare questo legume alla mia principessa, portandola a diventare meno diffidente quando li trova nel piatto. Così, dopo le mie polpettine di fagioli, ho voluto provare a lasciarli interi: non potevo che fare il risotto, primo piatto adorato in famiglia!
E’ nato un mare e monti: pesce, in questo caso delle vongole (i lupini, quelle piccoline che avevo usato anche qui per condire gli spaghetti) e i nostri borlotti. Un risotto buonissimo, profumato di mare grazie all’aggiunta dell’acqua delle vongole in cottura e delicatamente cremoso con la purea di parte dei fagioli.
Voi sapete che le ricette che pubblico devono essere approvate dalla ciurma, in particolare dalle due monelle: la mia filosofia non cambia, i bambini devono imparare a mangiare tutto gradualmente(salvo casi di allergie o altro naturalmente) cercando di capire loro stessi quali sono gli alimenti preferiti e noi mamme dobbiamo avere la pazienza, la costanza e la fantasia di portare in tavola tutto, sempre in modo diverso per non annoiarli!
Il risotto è stato divorato, forse avrei anche dovuto farne in maggiore quantità visto che mi hanno chiesto il bis! Ora non mi resto che preparare i fagioli all’uccelletto, su richiesta esplicita di Serena e vedere se anche Greta apprezza. Un’altra sfida mi attende… la favola continua con profumi toscani!

Ingredienti:

350gr di riso carnaroli
350gr di borlotti lessati
500gr di vongole lupini
1 spicchio d’aglio
1 bicchiere di vino bianco
brodo vegetale + acqua delle vongole
prezzemolo
olio evo
sale q.b.
peperoncino facoltativo

Mettete le vongole in una padella con olio e aglio in camicia, coprite e fate aprire a fuoco vivace. Sgusciatele, filtrate il liquido di cottura e tenete da parte.
Frullate più della metà dei fagioli

20140813_185316

mettete la purea ottenuta in un tegame con i restanti fagioli interi, un cucchiaio di olio, aggiustate di sale e cuocete per un paio di minuti.
Preparate il risotto versandolo in una capiente pentola e fatelo tostare con due cucchiai di olio evo, bagnate con il vino bianco, fate evaporare e proseguite la cottura con il brodo caldo. Quando è quasi pronto unite l’acqua filtrata, il condimento di vongole e quello di fagioli, mescolate bene e portate a cottura finale.

20140813_190708

Decorate con prezzemolo fresco e servite in tavola.

20140813_194132

Per i grandi vi consiglio una spolverata di peperoncino: una bomba!!

20140813_194111

Risotto al pomodoro con crescenza e zucchine croccanti: piatto d’autunno in piena estate

Eccomi tornata in mezzo a voi, dopo qualche giorno di assenza. No, non sono andata in ferie, quest’anno si salta. Mi sono dedicata al 100% alla mia ciurma, passando ogni minuto della giornata con le mie bimbe mentre il marito era al lavoro. Le giornate piovose non mi hanno molto aiutato, anzi la piccola Greta si è presa anche la febbre e Serena ha lottato contro il mal di gola. Non mi restava altro che coccolarle e accudirle con tutto il mio amore e con tanti buoni piatti. La ricetta di oggi ha riscosso un grande successo tra di loro: nonostante i 39° di febbre Greta è riuscita a mangiare tutto. Il risotto al pomodoro, ricetta semplice e da sempre una delle prime dello svezzamento dei bimbi. Ma si cresce, e alcuni sapori possono stufare ai piccini, tanto quanto a noi grandi. Così ho inventato un abbinamento nuovo, più goloso e particolare, per accontentare tutta la famiglia!

Ingredienti per 4 persone:

400gr di riso
400ml di passata di pomodoro (io ho usato la mia, fatta in casa)
basilico fresco
125gr di crescenza senza lattosio
1 zucchina
1 cucchiaino di curcuma
farina di riso
olio evo
olio per friggere
1 porro
brodo vegetale q.b.
sale e pepe q.b.

In un largo tegame fate soffriggere con due cucchiai di olio il porro tagliato a fettine sottili, aggiungete il riso e fate tostare. Unite la passata di pomodoro e il brodo piano piano, portando a cottura.
Nel frattempo preparate un mix di farina di riso, curcuma, sale e pepe. Tagliate la zucchina a listarelle sottili, passetela nel mix di farina e friggetela in abbondante olio bollente. Scolate su carta assorbente e lasciate intiepidire. Aggiungete metà crescenza al riso, spegnete la fiamma e mantecate aggiustando di sale. Servite nei piatti, aggiungete un cucchiaio di crescenza fresca e le zucchine croccanti.

20140801_190827

Il piatto è pronto: bello e buono, i vostri bambini se ne innamoreranno. Se riuscite poi a preparare voi la salsa di pomodoro fatta in casa, il risultato sarà eccellente.

20140801_190816

La crescenza, o un altro formaggio a pasta molle a vostra scelta, darà la cremosità giusta, contrastando l’acidità del pomodoro e le zucchine, croccanti e leggere, esploderanno in bocca al primo cucchiaio!

20140801_191047

Risotto Fiori di Zucchina, Zucchine e Raspadura: il profumo della bontà

Greta lo mangia con le mani e Serena fa la scarpetta alla pentola: il risotto per la ciurma è il primo piatto per eccellenza. Quando erano più piccole, in fase di svezzamento, prima con Serena e poi con Greta, preparavo il riso a giorni alterni, su consiglio di Nonna, che diceva sempre che riso e polenta erano le farine e i cereali migliori per far crescere sane e forti le bimbe, proprio come si faceva ai suoi tempi. Dal risotto al pomodoro (Greta lo adora), al classico giallo con lo zafferano e funghi, dal risotto al pesto (il preferito di Serena) a quello con la salsiccia… man mano che crescevano e che crescono porto in tavola piatti sempre diversi in modo da fargli assaggiare ogni alimento. I bambini si annoiano se fanno sempre le stesse cose giusto? A tavola vale lo stesso principio: cambiate spesso, proponete sempre piatti diversi ma semplici, coinvolgeteli nella preparazione, vedrete che si divertiranno a scoprire nuovi sapori. Così almeno una volta alla settimana, in ogni stagione, il risotto si presenta sulla nostra tavola, utilizzando i prodotti stagionali dell’orto, proprio come in questo caso: i fiori di zucca, regalo magnifico del mio amico contadino, sono stati i protagonisti di questa cena. Ripieni al forno, come vi ho proposto qui, e all’interno di un cremoso risotto, con le zucchine e il formaggio tipico lodigiano, la Raspadura (uno dei pochi che riesco a tollerare) che ormai conoscerete, visto che è presente spesso nelle mie ricette!

Ingredienti per 4 persone:

320gr di risotto carnaroli
10 fiori di zucca
2 zucchine
formaggio raspadura
olio evo q.b.
pepe q.b.
brodo vegetale q.b.

20140713_191245

Lavate bene le zucchine e grattugiatele finemente. Mettetele in un tegame con un due cucchiai di olio evo e con il riso e fate tostare tutto insieme. Aggiungete piano piano il brodo portando a cottura il riso.

20140713_192803

Nel frattempo pulite i fiori eliminando il picciolo interno, lavateli e asciugateli delicatamente.
Aggiungeteli al risotto all’ultimo minuto, mescolate bene, spegnete la fiamma e mantecate il tutto con il formaggio Raspadura. Spolverizzate pepe a piacere e servite!

20140713_193705 20140713_194401

Un risotto dai profumi BUONI, leggero e cremoso. I fiori si sciolgono in bocca, i sorrisi compaiono sui visi e la favola continua…

20140713_194353

Consiglio: utilizzate zucchine fresche, dalla buccia tenera … quelle più dure renderebbero il risotto meno delicato.  Potete anche tagliarle a cubetti se preferite.

Idea salvavanzi: difficilmente in casa il risotto avanza, ma vi ricordo che è sempre ottimo ripassato in forno stile tortino oppure perfetto per i classici arancini di riso!

Risotto al Pompelmo con salmone: Auguri a tutte le mamme!

20140510_160415 il mio amore… Serena!!

Auguri a tutte le Mamme del Mondo! La ricetta di oggi è dedicata a loro: un risotto insolito e veramente gustoso, che soddisferà il palato anche dei più esigenti, un insieme di sapori straordinari, una combinazione meravigliosa di freschezza agrumata del pompelmo e il gusto delicato del salmone! Poche parole … vi mostro subito la ricetta e rinnovo gli auguri a tutte noi Mamme (ora vi saluto, oggi c’è la confessione di Serena … una giornata in festa)!

20140510_125649

Ingredienti per 4 persone:

320gr di risotto carnaroli
2 pompelmi (succo e buccia grattugiata)
250gr di salmone fresco
brodo vegetale
olio evo
burro vegetale
sale q.b.

In un tegame con due cucchiai di olio fate tostare il riso, sfumate con il succo dei pompelmi e mescolate bene.

20140510_122718

Aggiungete il brodo e iniziate la cottura. Il salmone vuole circa 15 minuti di cottura quindi appena il primo mestolo di brodo è stato assorbito dal riso aggiungete il salmone. Portate a cottura unendo via via il brodo.

20140510_123429

Nel frattempo grattugiate la buccia del pompelmo e a fine cottura aggiungetela al risotto a fiamma spenta insieme ad una noce di burro per la mantecatura. Io non utilizzo formaggio, ma a voi la libera scelta!

20140510_125224

Servite ben caldo e gustate questo buonissimo risotto dal profumo invitante, ottimo abbinamento fra gusto e calorie, con tante proprietà benefiche, ricco di vitamine e perfetto per i bambini grazie anche all’apporto di omega 3 date dal Salmone!

20140510_125709