Archivi tag: ricetta di pesce

Filetto di Trota Salmonata all’arancio su purea di cavolfiore: lascialo ancora un po’…

Ma voi … quando tirate via gli addobbi Natalizi? Visto che le feste sono passate, io vorrei anche tirare via tutto, ma la ciurma non vuole :”mamma, lascialo ancora un pò l’albero, la casa è più bella”! Si, in effetti è vero, l’albero porta con se quella atmosfera magica propria del Natale… ma ormai il natale è passato e pure la befana! Non voglio essere “brutale”, ma fra un mese sarà già Carnevale! Oddio come passa il tempo, queste feste sono volate… troppo velocemente! Mi ero già organizzata per “ripulire” il tutto: oggi tiravo via tutti gli addobbi in casa, albero compreso e domani invece mi dedicavo a quelli esterni, luci e ghirlande varie appese qua e là su scale, balconi e giardino! Direi perfetto: per lunedi tutto è già in box negli scatoloni e così avrei approfittato dell’aiuto del marito! Invece no, per oggi la ciurma ha già altri programmi e domani “non se ne parla proprio” testuali parole del consorte! Toccherà approfittare della pausa pranzo in settimana per fare tutto, naturalmente da sola: aiutooooo!!!!! Ieri sera, mentre discutevamo proprio di tutto questo,  mi sono messa ai fornelli e su richiesta esplicita della ciurma ho preparato pesce, in particolare dei filetti di trota salmonata. La trota salmonata non è una Specie ibrida o a sé stante, bensì una trota iridea della quale si pigmentano le carni attraverso l’alimentazione particolarmente ricca di carotenoidi. E’ un pesce ricco di proteine e di acidi grassi Omega 3 e povero di grassi e di colesterolo. Le sue carni contengono potassio e ferro, vitamina B1 e PP e una gran quantità di carotenoidi antiossidanti. E’ pertanto un pesce che fa molto bene specialmente nei periodo in cui si sta seguendo una dieta disintossicante. Perfetta quindi per questo periodo POST-ABBUFFATE NATALIZIE! Una cottura semplice, in padella con succo di arancio e servito non con il classico purè di patate (che avrei dovuto fare se non mi fossi accorta che avevo solo 2 patate a disposizione), ma su una cremosa purea di cavolfiore che per la prima volta ho portato in tavola e che ha conquistato la ciurma inaspettatamente. Eh si, perché anche se le mie principesse adorano cavoli, broccoli e broccoletti, presentarli a tavola in “vestiti” differenti dai soliti, spesso porta a diffidenza nell’assaggio! Una ricetta facile, in entrambe le preparazioni, da arricchire con spezie ed erbe aromatiche a piacere. Un sereno week end a tutti Voi!

Ingredienti per 4 persone:

4 filetti di trota salmonata
1 cavolfiore (circa 400gr)
2 patate
1 arancio
latte senza lattosio q.b.
timo q.b.
sale e pepe q.b.
olio evo q.b.

Risciacquate i filetti sotto acqua corrente, asciugateli bene e con l’aiuto di una pinzetta tirate via le eventuali spine. Grattugiate la buccia dell’arancia e tenete da parte, tagliate a metà il frutto e spremetelo. In una padella ben grande mettete 3 cucchiai di olio evo, il timo e quando è calda adagiate delicatamente i filetti di trota dal lato della pelle. Versate il succo di arancia, salate, pepate e mettete il coperchio facendo cuocere per una decina di minuti a fiamma media. Rigirate delicatamente i filetti senza romperli e cuoceteli anche da questo lato per altri 10 minuti, bagnando con altro succo di arancia se necessita. Nel frattempo cuocete a vapore le patate sbucciate e il cavolfiore: io ho usato il classico cestello. Quando sono cotti con l’aiuto del classico schiacciapatate, riduceteli a purea raccogliendo il tutto in una ciotola. Aggiustate di sale e pepe e con il frullatore ad immersione date una leggera frullata al tutto, per rendere questo purè più cremoso. Riversate in un tegame con due cucchiai di olio, aggiungete un pochino di buccia di arancia grattugiata, fate scaldare ed unite un pochino di latte per ottenere una consistenza molto morbida.

20151126_192939

Ora non vi resta che portare in tavola: potete presentare come ho fatto io, fondo di purea e filetto di trota sopra, con una spolverata di buccia di arancia; oppure ognuno con il suo filetto e la purea a parte! Insomma, fate voi!

20151126_192855

20151126_192919

Calamari ripieni di Broccoletti, Mandorle e Peperoncino

Il Venerdì si cucina per i nostri eroi di casa e per la Rubrica “L’Angolino del Papà”. Oggi prepariamo un secondo molto gustoso a base di pesce e affronto una sfida importante: portare in tavola il CALAMARO, un mollusco dalla carne magra, poco amato dal nostro papà di casa. Eh si, l’unico modo per farglielo mangiare è nel classico FRITTO MISTO.  Ma al contrario io adoro questo mollusco e mi piace tantissimo nella versione ripiena. Così ho deciso di prepararlo con una farcia di stagione usando i Broccoletti, aggiungendo del peperoncino fresco e tante Mandorle tritate.  Una cottura lenta che ha portato ad un risultato magnifico: teneri e saporiti, meravigliosi alla vista e sorprendentemente buoni al palato! Vice capitano conquistato … con ciurma al seguito!

Ingredienti:

2 calamari grandi già puliti
1 broccoletto
3 cucchiai di mandorle tritate grossolanamente
1 bicchiere e mezzo di vino bianco
1/2 peperoncino rosso
1 spicchio aglio
prezzemolo fresco tritato q.b.
olio evo q.b.
sale q.b.

Lessate il broccolo in acqua salata tenendolo ancora croccante. Per i calamari io li ho presi freschi dal mio pescivendolo già puliti, ma l’operazione di pulizia è molto facile: sciacquate i calamari sotto acqua corrente, staccate la testa dal mantello e poi delicatamente estraete la penna di cartilagine trasparente che si trova nel mantello. Risciacquate sotto l’acqua e ora tirate via le interiora, che vanno buttate, e la rispettiva sacca di inchiostro che si trova nella cavità interna (che potete svuotare e utilizzare il nero per farci un bel risotto o della pasta fresca come ho fatto io qui). Ora non vi resta che eliminare la pelle esterna, incidendo con un coltellino delicatamente la parte finale sollevando la pellicina e strappate il rivestimento esterno piano piano.  Ora riprendete la testa e  tirate via i tentacoli, tritateli al coltello e metteteli in una padella con uno spicchio d’aglio schiacciato, il peperoncino tritato e tre cucchiai di olio evo. Aggiustate di sale e cuocete un paio di minuti, sfumando con mezzo bicchiere di vino bianco. Portate a cottura, spegnete il fuoco e unite il broccoletto lessato, le mandorle e il prezzemolo tritato. Assaggiate e regolate di sale se serve.

20151128_173138

Prendete il calamaro e riempitelo con calma con la farcia lasciando un pochino di spazio verso la chiusura per sigillare con uno stuzzicadenti. Io ho preparato due calamari, uno per noi e uno per le bimbe e naturalmente il loro ripieno era senza peperoncino. In una padella alta ai bordi mettete i calamari con due cucchiai di olio, fate rosolare entrambi i lati a fiamma media, poi abbassate, versate il bicchiere di vino bianco, mettete il coperchio e fate cuocere per circa 15 minuti o fino a quando non sono cotti. Fate raffreddare qualche minuto, tirate via lo stuzzicadente e tagliate a fette con un coltello ben affilato.

20151128_184844

20151128_185314

Non vi resta che impiattare e gustare questo meraviglioso piatto di pesce senza glutine e senza lattosio, perfetto per grandi e piccini (naturalmente senza o con pochissimo peperoncino)!

20151128_185340

Buon appetito!

Tortino di patate, platessa e alloro: primi passi di … meringa… no di MERENGUE!

Mentre vi scrivo ho ancora le lacrime agli occhi… oddio che ridere! Come vi avevo raccontato il mese scorso, Serena quest’anno ha abbandonato il suo amato HIP HOP per buttarsi in una nuova avventura: i balli latinoamericani e di sala. La gioia e l’entusiasmo quando esce dal corso il martedi è indescrivibile e questo mi riempie di gioia. Al rientro a casa dopo ogni lezione c’è il riassunto dei passi mentre stiamo cenando e appena finito, in attesa del caffè sul fuoco, c’è la dimostrazione dal vivo, dove spesso chiede il mio aiuto specialmente per i balli di coppia (non ridete… me la cavo abbastanza bene). Martedì mentre stavamo gustando la ricetta che vi presento oggi, con un’ enfasi particolare e saltando giù dalla sedia pronta a ballare, ci racconta che ha imparato un nuovo ballo latino: la meringa! Io e Mauro siamo scoppiati a ridere come due matti “Serena, no meringa, il MERENGUE!”. E così con questa canzone messa da Mauro in sottofondo ( la nostra canzone del viaggio di nozze in Messico), ci siamo dati tutti e quattro alle danze ridendo come matti!

Tornando alla ricetta di quella sera … visto il rientro per le 19.15 a casa, cerco sempre il martedì sera di preparare qualcosa in anticipo, da infilare nel forno mentre ci facciamo la doccia, così da sedersi a tavola tutti insieme senza dover correre ai fornelli.  Avevo in frigorifero dei bellissimi e freschi filetti di platessa (può mai mancare il pesce sulla nostra nave?)  così ho deciso di prepararli in un modo nuovo, inventando un piatto unico che ci soddisfatte a pieno. E’ nato questo tortino, con alloro che dà al piatto un sapore e profumo meraviglioso, patate e platessa: buonissimo, gustoso e leggero, perfetto per una cena. Basta una buona insalata come accompagnamento, magari con pomodorini e finocchi e il gioco è fatto: le bimbe hanno apprezzato tantissimo, provate!
Bailando nel salone della nostra meravigliosa nave, sempre in viaggio, si è conclusa un’altra splendida giornata!

Ingredienti:

6 patate grandi
1,400 kg di filetti di platessa (circa 12 filetti)
6 foglie di alloro
sale e pepe q.b.
olio evo
pangrattato senza glutine q.b.
parmigiano grattugiato q.b.

Fate lessare le patate con la buccia per 20 minuti in acqua bollente (devono essere abbastanza cotte ma compatte e non sfaldarsi), scolatele, sbucciatele e una volta fredde tagliatele a fette di mezzo centimetro l’una. Prendete una teglia rettangolare, ungete il fondo con olio evo e spolverizzate con pangrattato. Adagiate le fette di patate, salate e pepate, sopra due foglie di alloro e poi i filetti di pesce

20141125_170827

irrorate con un filo di olio e spolverizzate con parmigiano grattugiato. Fate un altro strato di patate e procedete come sopra. Cospargete l’ultimo strato con un mix di pangrattato e parmigiano e un filo di olio evo. Infornate in forno caldo a 200° per 20 minuti!

20141125_171529 20141125_194928

Aspettate qualche minuto e poi servite a porzione in tavola.

20141125_195326

Il piatto è pronto: veloce, semplice, economico e gustosissimo!

20141125_195317