Archivi tag: polpette

Polpette di Pollo: si corre, corre, corre e non ci si ferma mai!

Due su due, una più attiva dell’altra, ma come è possibile? Non sono mai stanche! Serena presa tra scuola, danza e corso di inglese extra scolastico e ora anche la piccola Greta segue i passi della sorella maggiore: asilo, ginnastica artistica e da ieri Danza. E la mamma corre, corre, corre e non si ferma mai, naviga per km di mare destreggiandosi tra scogli e tempeste per portare puntualmente a destinazione la sua ciurma. Tutti i pomeriggi della settimana sono ormai ripartiti tra loro due ed organizzarsi per arrivare a cena è una delle mie priorità, specialmente in quei giorni dove il rientro a casa è per l’ora di cena. Piatti veloci, semplici da preparare e se possibile anche in anticipo. Ecco allora che tornano in tavola le polpette, adorate da grandi e piccini, versatili e veloci da preparare, sempre buone.  Da noi non si BUTTA VIA NIENTE, così da mezzo pollo arrosto avanzato sono nate queste deliziose polpettine, morbide e gustose, leggermente speziate. Come ho fatto io potete prepararle tranquillamente in anticipo, conservarle in frigorifero e cuocerle in un filo di olio poco prima di sedersi a tavola, così da gustarle ancora calde calde!

Ingredienti:

400gr di pollo avanzato già cotto
2 uova
la punta di un cucchiaino di curcuma
1/2 cucchiaino raso di zenzero in polvere
1/2 cucchiaino raso di noce moscata
latte di riso q.b.
pangrattato senza glutine q.b.
pepe bianco q.b.
sale q.b.
olio evo q.b.

Tritate il pollo con l’aiuto di un mixer, raccogliete il tutto in una ciotola e unite le uova, la curcuma, noce moscata, zenzero, una grattugiata di pepe bianco, una presa di sale e iniziate a lavorare il composto.

20150925_170209

Aggiungete un pochino di latte per rendere il composto piuttosto morbido e non asciutto. Prendete un pochino di composto per volta e formate delle polpettine che passerete nel pangrattato e disporrete su un vassoio. Una volta finito riponete tutto in frigorifero sino al momento di cuocerlo.

20150925_170718

Potete metterle in forno, oppure “friggerle” in una padella con un filo di olio evo facendole colorare bene su tutti i lati.

20150925_202033

20150925_202222

Le polpettine sono pronte, morbide dentro e molto saporite, leggere e gustose, perfette per un pasto post-allenamento!

20150925_203029

20150925_203036

prima di portare in tavola … bisogna assaggiare ;-P

20150925_203105

C’Era una Volta… Lilli e il Vagabondo e gli Spaghetti con le Polpette

E’ arrivato il giorno della mia bellissima Rubrica “C’era una Volta…”! Per il mese di Dicembre ho pensato di raccontarvi una favola che mi piace tanto e che riguardo spesso proprio sotto le feste di Natale, perché tutto inizia proprio il giorno di Natale… Lilli e il Vagabondo!

” E’ Natale! Da un pacco sotto l’albero spunta una cagnolina con un fiocco rosso. Si chiama Lilli ed è un tenero regalo di Gianni caro per la moglie Tesoro.

untitled (3)

Lilli è molto amata dai suoi padroni e cresce felice, passa il tempo a giocare e a correre nel loro splendido giardino. La cagnolina è diventata grande e mostra il collare nuovo ai suoi amici, il saggio Whisky e il vecchio Fido. Lilli annuncia ai suoi amici che presto Gianni e Tesoro avranno un bimbo e proprio in quel momento passa il Vagabondo, un cane randagio che la mette subito in guardia: “i marmocchi portano scompiglio in casa!”.

images (5)

Il bambino appena nato è davvero grazioso e in casa è tutto tranquillo e la cagnolina dimentica le parole del vagabondo. Gianni e Tesoro devono partire e arriva Zia Sara per occuparsi del bimbo, con lei i suoi dispettosi gatti siamesi che fanno tanti dispetti a Lilli: vogliono rovesciare la boccia del pesce e Lilli non riesce a fermarli.

images (6)

Zia Sara incolpa Lilli e arrabbiata gli mette la museruola, allora Lilli scappa e incontra tre cani randagi che vogliono aggredirla. Il Vagabondo la salva “ehi Bimba! Cosa ci fai qui?” chiede il Vagabondo. La cagnolina non riesce a parlare e allora si affida al nuovo amico che sa come toglierli la museruola. Una volta libera grazie all’aiuto di un castoro, il Vagabondo la invita a cena da Tony: spaghetti con le Polpette, musica e tanto romanticismo!

untitled (4)

(Gli spaghetti con le polpette sono il piatto preferito di mia sorella Greta).
Il giorno dopo il Vagabondo gli mostra il suo gioco preferito: spaventare le galline, ma Lilli non si diverte e quando torna a casa Zia Sara la lega fuori alla sua cuccia, così non può più scappare. La cagnolina è triste e non vede l’ora che tornino i suoi padroni. All’improvviso Lilli vede che un ratto enorme sta entrando in casa. Il Vagabondo sente Lilli abbaiare forte e corre in suo aiuto: entra in casa e salva il bambino dal topo.

images5U0067ET

Tutto questo trambusto sveglia Zia Sara che minaccia il Vagabondo con la scopa e chiama gli accalappiacani per farlo portare via, senza accorgersi del topo. Per fortuna Gianni e Tesoro arrivano e Lilli gli fa vedere il topo morto nella camera: i due corrono a liberare il Vagabondo mentre Whisky e Fido già sono sulle tracce del furgono dell’accalappiacani. Con il loro fiuto infallibile lo trovano, si spaventano, i cavalli si spaventano e rovesciano il carro. Il vagabondo è libero!
E’ di nuovo Natale e in casa è tornata la felicità. Ora assieme a Lilli e il Vagabondo ci sono i loro quattro cuccioli, pronti a fare festa con gli zii Whisky e Fido.”

images (7)

Questa storia mi piace molto perché ti insegna che vale la pena passare un guaio per aiutare qualcuno anche sconosciuto, essere buoni è molto importante.
Ci vediamo con l’anno nuovo, buone feste a tutti, passo la parola alla mamma!
Serena

La scelta di oggi è stata facilissima, non potevamo non preparare i famosi Spaghetti con le Polpette: simbolo dell’amore nato proprio tra Lilli e il Vagabondo. Pensate che questo piatto in America è l’emblema della nostra cucina! Io lo porto in tavola spessissimo, specialmente nella stagione fredda: la ciurma impazzisce per le polpette e ama molto i piatti unici. Basta chiacchierare, mettiamoci ai fornelli!

Ingredienti per 4 persone:

200gr di salsiccia
300gr di carne macinata mista
1 uovo
prezzemolo tritato
3 fette di pane integrale in cassetta
latte di riso Bio q.b.
700ml di passata di pomodoro (fatta in casa)
100gr di concentrato di pomodoro STAR
350gr spaghetti Alce Nero
1 spicchio di aglio
sale integrale q.b.
olio evo q.b.
parmigiano grattugiato

Pulite l’aglio e tagliatelo in due parti, mettetelo in un tegame con tre cucchiai di olio evo e lasciate soffriggere, unite poi la passata di pomodoro, il concentrato e aggiustate di sale.

20141127_140522

Qualche foglia di basilico fresco ci starebbe bene, ma in questo periodo le mia piantine sono a riposo.
Preparate le polpette: spezzettate il pane e mettetelo in una ciotola con un pochino di latte per ammorbidirlo, unite la carne macinata, la salsiccia, l’uovo, il prezzemolo e un pizzico di sale. Lavorate bene tutti gli ingredienti in modo da amalgamarli al meglio. Prendete un pochino di composto alla volta e fate delle polpettine: c’è chi le preferisce molto grandi, io faccio una misura intermedia!

20141127_141014

Togliete l’aglio dal sugo e unite le polpettine, tenete la fiamma al minimo e fate cuocere semi coperto per 1 ora circa. In altre versioni, le polpette prima vengono fritte e poi aggiunte alla salsa: noi preferiamo questa versione più leggera!

20141127_141425

Togliete le polpette dal tegame e tenetele al caldo giusto il tempo di preparare i piatti. Dopo aver lessato al dente gli spaghetti, scolateli e fateli saltare nel sugo.

20141127_193129

Servite gli spaghetti e aggiungete su ogni piatto un po’ di polpettine. A piacere una spolverata di parmigiano grattugiato!

20141127_193640

volete assaggiare?

20141127_193810

Vi salutiamo lasciandovi Cullar con questa bellissima canzone, Vi Aspettiamo a gennaio con una nuova Favola!

Serena e Manu

 

IMMAGINI PRESE DAL WEB

Polpette croccanti di Pesce al Rosmarino

La Primavera è arrivata, anche se guardando fuori dalla finestra in questi giorni sembra proprio il contrario, e come vi dicevo nell’articolo sui cambi di stagione, Primavera: i bambini e il cambio di stagione, sono proprio i piccoli a risentirne di più. L’inappetenza e la stanchezza fanno da padroni, quindi bisogna portare a tavola piatti leggeri ma nutrienti, sfiziosi e golosi.
Così ieri sera per cena ho deciso di preparare delle polpettine di pesce, delicate e croccanti, veloci da fare e ottime anche fredde. Le ho servite con dei succosi pomodori in insalata, una salsina allo yogurt e i biscotti salati che avevo preparato nel pomeriggio: una cena leggera ma molto gustosa che le piccole, e non solo loro, hanno apprezzato moltissimo!
Io ho usato dei filetti di sogliola, un pesce azzurro molto delicato, magro e di facile digeribilità, ma per questa preparazione si può usare qualsiasi varietà di pesce, dal nasello, al merluzzo, alla platessa e così via. Ho aggiunto soltanto della mollica di pane integrale e un trito di rosmarino. Il tocco in più l’ha fatto la panatura, dove ho voluto aggiungere più croccantezza con le nocciole tritate. Eh… sì, ho ceduto alla frittura, perché al forno queste polpettine non sarebbero venute così croccanti: ogni tanto ci vuole!
Vi lascio la ricettina delle mie polpettine croccanti di pesce al rosmarino:

Ingredienti per 4 persone:

800 gr di filetti di sogliola
200gr di mollica di pane integrale
3 rametti di rosmarino tritato
1 bicchiere di latte di soia
Sale q.b.
Pangrattato
50gr di nocciole tritate
Olio extra vergine di oliva
Olio per friggere

In una ciotola mettete i filetti di sogliola a pezzetti, il trito di rosmarino, del sale e la mollica di pane ben strizzata che avrete prima messo in ammollo nel latte. Frullate il tutto con un frullatore a immersione.

20140325_115209 20140325_115512_2
Formate tante polpettine leggermente schiacciate e passatele prima nel latte e poi, ben scolate nel mix di pangrattato e nocciole tritate.
In un tegame con olio friggete le polpettine sino a doratura.

20140325_115747_3

Fatele scolare su carta assorbente e poi servitele, anche tiepide, con un buon contorno di verdure a scelta e una leggera salsina all’yogurt preparata con 125ml di yogurt greco, qualche goccia di limone e della menta tritata.

20140325_120721_2 20140325_121824_3
La leggerezza e il gusto in tavola!

 

 

 

Orzo ai carciofi con polpettine di tacchino profumate

Una buona alternativa alla classica pasta (possibilmente integrale) sono i cereali. Tra loro uno è particolarmente buono, ricco di proprietà benefiche che vale la pena introdurre regolarmente nell’alimentazione quotidiana: l’orzo! Viene considerato un cibo-medicina: Ippocrate ne vantava le proprietà disinfiammanti e rinfrescanti per l’apparato digerente, il professor Umberto Veronesi lo raccomanda nella sua dieta antitumore, per la medicina cinese migliora il funzionamento della milza e per l’Ayurveda è il cereale ideale per Pitta. Insieme all’avena ha il più basso indice glicemico, aiuta a rafforzare le articolazioni e il corpo, porta lucidità e chiarezza alla mente perché stimola il potere rigenerativo dell’organismo e proprio per questo è consigliato ai bambini e agli anziani. Inoltre è salutare sia per l’intestino che per i polmoni: Purifica il fegato ed è utile nelle affezioni infiammatorie.
Stasera sarà il protagonista in tavola di un piatto unico: cereali, verdure e proteine tutte insieme in un abbinamento delizioso.

Ingredienti:

200 gr di orzo perlato
4 carciofi
150 gr di tacchino macinato
1 albume
Parmigiano grattugiato
Farina integrale
olio extravergine d’oliva
2 dita di vino bianco
Timo fresco
succo limone
Sale e pepe

Fate bollire l’orzo in acqua salata per 7 minuti, scolalo, stendilo su un vassoio e lascialo raffreddare.

IMG_7439 IMG_7442
In una ciotola unite la macinata di tacchino, l’albume, un filo d’olio extravergine d’oliva, succo mezzo limone, sale, pepe e timo.

IMG_7440

Con l’impasto forma delle polpettine , sporcale nella farina integrale e scottale in padella con un filo d’olio extravergine d’oliva e timo fresco. Una volta rosolate, stendile su un vassoio con carta assorbente.

IMG_7441 IMG_7444

IMG_7445
Pulite i carciofi, tagliateli a fettine e fateli cuocere in un tegame con olio. Potete utilizzare tutte le verdure che volete in alternativa ai carciofi.

IMG_7437

Aggiungete l’orzo, sfumate con il vino bianco e bagnalo con un po’ di acqua, girandolo come se fosse un risotto per 5/6 minuti per portare a termine la cottura.

IMG_7449 IMG_7450

Qualche minuto prima che sia pronto, aggiungete in padella le polpettine di vitello.

IMG_7452
Mantecate con il parmigiano, aggiustate di sale e servite questo piatto che vi assicuro, è una bomba!

IMG_7453 IMG_7455

Polpette al timo con timballo di riso

Stasera vi propongo una ricetta su richiesta esplicita della mia bimba grande Serena. Prima di uscire da casa stamattina è venuta fuori con questa frase: “ Mamma, devi assolutamente mettere sul blog le tue buonissime polpette al sugo, quindi preparale per cena che ho voglia di mangiarle!”.

Che cosa rispondere? Agli ordini principessa!

Un piatto di facile preparazione, semplice e molto buono che piace sicuramente a tutti i bambini, se poi lo accompagnate con del riso bianco avrete un piatto completo che sazia senza ingrassare!

Ingredienti:

200gr di macinata di carne
125gr ricotta
25gr parmigiano
25gr pangrattato
1 punta di curcuma
400ml di salsa di pomodoro
200ml latte
4 rametti di timo o 2 cucchiaini di quello secco
Olio evo
Noce moscata
Sale
1 bicchiere di riso basmati ( o altro a vostra scelta)

In una ciotola mescolate la macinata di carne, la ricotta, il parmigiano, il pangrattato, noce moscata, timo e sale e formate delle palline.

IMG_6518

In una padella scaldate l’olio, unite la salsa e fate cuocere sino a bollore.

IMG_6516

Aggiungete le polpette e fatele cuocere per circa 6 minuti. Unite il latte caldo, aggiustate di sale e proseguite la cottura per altri 10-15 minuti, sino a quando la salsa non si è un po’ ristretta e le polpette sono cotte (più piccole sono più cuociono in fretta).

IMG_6522 IMG_6528

IMG_6538

Nel frattempo preparate il riso facendolo bollire in acqua salata, scolatelo, conditelo con un pochino di olio e del timo e fatelo raffreddare.

IMG_6541

Per rendere il piatto più scenografico e accattivante per i bimbi, preparo dei timballi di riso, mettendolo in stampini carini a raffreddare (ungete leggermente gli stampini e pressate bene il riso).

IMG_6542

Adagiate le polpette sul piatto da portata con il loro sugo, sformate il riso e decoratelo in modo simpatico. Servite subito e vedrete che successo!

IMG_6545