Archivi tag: polpette senza glutine

Un Pesciolino nel piatto: C’era una Volta… Nemo!

images (48)“Quando la vita si fa dura sai che devi fare, Marlin?
No, non lo voglio sapere.
Zitto e nuota, nuota e nuota, zitto e nuota e nuota e nuota. E noi che si fa? Nuotiam, nuotiam! “

Questo mese di Giugno per la Rubrica mensile “C’Era una Volta…” vi portiamo in mezzo al mare e facciamo un bellissimo viaggio in compagnia di piccoli amici … siete pronti?

“C’era una Volta una coppia di pesci pagliaccio, Marlin e Coral: vivevano in fondo al mare in un’anemone. Fra pochi giorni sarebbero diventati genitori: tantissime piccole uova di pesce erano pronte a schiudersi. Mentre chiacchieravano su come chiamare i lori piccolini, un enorme barracuda li attacca! Marlin si sveglia e aprendo gli occhi si accorge che Coral non c’è più e che tutte le uova erano scomparse: il barracuda aveva distrutto la sua famiglia. Ma proprio in quel momento si accorge di un piccolo uovo: eccolo qui… il suo piccolo Nemo! Nemo cresce e a differenza degli altri pesciolini ha una pinna più piccola dell’altra. Per questo Marlin è sempre molto protettivo con lui, anche il primo giorno di scuola: Nemo era felicissimo! images (52) Arrivati a scuola, Nemo conosce il suo maestro Ray e i suoi compagni: oggi gita al limite della barriera! Quando Marlin lo scopre corre da suo figlio e quando arriva trova Nemo con i suoi amici che osservano  una barca “Il motoschifo” in lontananza e tra di loro si sfidano per chi ha il coraggio di andare a toccarla. Preoccupato Marlin sgrida Nemo, dicendogli di non muoversi e di non allontanarsi. Ma il piccolo pesciolino, che inizialmente non aveva nessuna intenzione di allontanarsi, decide di sfidare il suo papà e inizia a nuotare verso la barca. Proprio in quel momento un sub gli appare davanti scattandogli qualche foto e catturandolo. Marlin corre in aiuto del figlio ma purtroppo la barca è più veloce e sparisce in lontananza. untitled (74)Continuando a nuotare disperatamente Marlin incontra Dory, una simpatica pesciolina che però soffre di amnesia. Nel frattempo Nemo arriva a Sidney e viene buttato in acquario dove conosce altri pesci con un solo obiettivo: riuscire a scappare e tornare in mare aperto. Marlin nel frattempo, con l’aiuto di Dory, sta cercando la strada giusta e incontra Bruto, uno squalo che sta cercando di diventare buono e di non mangiare gli altri pesci. Ma Dory si fa male e del sangue provoco Bruto che impazzito vuole mangiare Dory e Marlin che scappando trovano in fondo al mare una maschera di sub. nemo1 (1)Marlin la riconosce: è quella del sub che ha preso Nemo. Una scritta sulla maschera indica dove si trova il pesciolino: ma chi sa leggere? E così Dory sorprende Marlin, decifrando la scritta e iniziando a guidare l’amico verso Sidney! Il viaggio è lungo e un incontro con un gruppo di meduse porta i due pesciolini ad incontrare tantissime tartarughe che portano i due nella corrente giusta per arriva a Sidney. nemo1 (3)Marlin diventa famoso in tutto l’oceano e le sue avventure vengono raccontate e arrivano anche a Nemo, grazie all’amico pellicano che cerca di aiutare i suoi amici a scappare dall’acquario! Nemo è felice che il papà lo sta venendo a cercare, così decide di scappare perché il suo futuro non sarà bello: il sub che lo ha catturato è un dentista e vuole regalare nemo a sua nipote, una bimba molto cattiva. Nemo finge così di essere morto e viene buttato nello scarico. In quel momento Marlin con l’aiuto del pellicano arriva da Nemo e vede tutta la scena credendo che il suo piccolino è morto veramente. Tornato in mare, triste e solo riprende il cammino verso casa. Ma Nemo è vivo e riesce ad uscire dalle fogne e arrivare in mare, dove incontra Dory che dopo averlo riconosciuto lo porta da Marlin. Proprio quando i due si ritrovano una rete da pesca li divide ancora, ma il piccolo pesciolino è coraggioso e con la fiducia di suo papà riesce a liberarsi e riabbracciare tutti.  Si torna a casa: Nemo ora va a scuola tranquillo, con un nuovo compagno Guizzo, la tartarughina. Dory è rimasta a vivere con loro e anche Bruto è tornato bravo! Come in ogni finale… vissero tutti felici e contenti!” imagesZKWZVCQ7

Adoro questa storia, anche se all’inizio la mamma di Nemo muore e tutto sembra così triste, andando avanti le cose cambiano e si capisce quanto l’amicizia sia importante per superare gli ostacoli e le cose brutte della vita. E poi quante avventure e quanti personaggi simpatici! E’ un cartone e una favola divertente, che non mi stuferei mai di vedere! Ora lascio la parola alla mamma e alla ricetta buonissima che abbiamo preparato insieme! Ci rivediamo a Luglio! Ciao Serena

Ingredienti:

600gr di sogliola (o pesce a vostra scelta)
400gr di patate lessate
1 uovo
prezzemolo q.b.
pangrattato q.b.
farina di mais q.b.
olio evo q.b.
sale q.b.
curcuma 1 cucchiaino
capperi q.b.

Mettete il pesce in una ciotola e frullatelo riducendolo a polpa. Aggiungete le patate lessate schiacciate con l’apposito attrezzo, l’uovo, la curcuma e un pizzico di sale. Amalgamate bene il tutto. In un piatto preparate l’impanatura mescolando del pangrattato e della farina di mais: questo renderà le polpettine di un bel colore dorato con una crosticina croccantissima! Prendete un pochino di impasto, fate una polpettina ovale, passatela nell’impanatura e poi adagiate su una placca ricoperta da carta forno. Ora tocca ai bimbi divertirsi dando alla polpettina la forma di un pesciolino, e aggiungendo un cappero come occhietto.

20160623_183916 20160623_184327

Una volta finito mettete in frigorifero e lasciate per almeno 10 minuti. Per quanto riguarda la cottura potete sia infornarli a 180° per 15/20 minuti, ricordandovi di ungerli leggermente in superficie oppure cuocendoli in padella con un pochino di olio, come ho fatto io.

20160623_184206 20160623_185017

Scolateli su carta assorbente e poi portateli in tavola, magari divertendovi a decorare il piatto come abbiamo fatto noi!

20160623_191040

20160623_191103

Sono carini vero? e anche buonissimi! Un successo garantito!!!

20160623_191024

 

Polpette di Pollo: si corre, corre, corre e non ci si ferma mai!

Due su due, una più attiva dell’altra, ma come è possibile? Non sono mai stanche! Serena presa tra scuola, danza e corso di inglese extra scolastico e ora anche la piccola Greta segue i passi della sorella maggiore: asilo, ginnastica artistica e da ieri Danza. E la mamma corre, corre, corre e non si ferma mai, naviga per km di mare destreggiandosi tra scogli e tempeste per portare puntualmente a destinazione la sua ciurma. Tutti i pomeriggi della settimana sono ormai ripartiti tra loro due ed organizzarsi per arrivare a cena è una delle mie priorità, specialmente in quei giorni dove il rientro a casa è per l’ora di cena. Piatti veloci, semplici da preparare e se possibile anche in anticipo. Ecco allora che tornano in tavola le polpette, adorate da grandi e piccini, versatili e veloci da preparare, sempre buone.  Da noi non si BUTTA VIA NIENTE, così da mezzo pollo arrosto avanzato sono nate queste deliziose polpettine, morbide e gustose, leggermente speziate. Come ho fatto io potete prepararle tranquillamente in anticipo, conservarle in frigorifero e cuocerle in un filo di olio poco prima di sedersi a tavola, così da gustarle ancora calde calde!

Ingredienti:

400gr di pollo avanzato già cotto
2 uova
la punta di un cucchiaino di curcuma
1/2 cucchiaino raso di zenzero in polvere
1/2 cucchiaino raso di noce moscata
latte di riso q.b.
pangrattato senza glutine q.b.
pepe bianco q.b.
sale q.b.
olio evo q.b.

Tritate il pollo con l’aiuto di un mixer, raccogliete il tutto in una ciotola e unite le uova, la curcuma, noce moscata, zenzero, una grattugiata di pepe bianco, una presa di sale e iniziate a lavorare il composto.

20150925_170209

Aggiungete un pochino di latte per rendere il composto piuttosto morbido e non asciutto. Prendete un pochino di composto per volta e formate delle polpettine che passerete nel pangrattato e disporrete su un vassoio. Una volta finito riponete tutto in frigorifero sino al momento di cuocerlo.

20150925_170718

Potete metterle in forno, oppure “friggerle” in una padella con un filo di olio evo facendole colorare bene su tutti i lati.

20150925_202033

20150925_202222

Le polpettine sono pronte, morbide dentro e molto saporite, leggere e gustose, perfette per un pasto post-allenamento!

20150925_203029

20150925_203036

prima di portare in tavola … bisogna assaggiare ;-P

20150925_203105

Polpettine di pollo alla paprica dolce e origano: pranzetto per le pupe

Oggi a pranzo ho coccolato le mie pupe con queste deliziose polpettine. Avendo anche Serena a casa, ieri è stata poco bene, ho voluto preparare un piatto leggero e semplice, ma nello stesso tempo sfizioso e, visti i piatti vuoti e i sorrisi sui loro volti, penso di aver fatto proprio centro! Vi lascio al volo la ricetta, che potete accompagnare con qualche salsina a vostro piacere, e naturalmente una buona insalata e delle patate lesse. Corro dalle mie bimbe, ci attende un pomeriggio di coccole sul divano e tanti cartoni da vedere!

Ingredienti:

1 petto di pollo
1 cucchiaino di paprica dolce
1 cucchiaino di origano
2 cucchiai di latte di riso
un pizzico di sale
latte di riso q.b.
pangrattato senza glutine q.b.
olio evo q.b.

Pulite il petto di pollo, dividetelo in pezzetti e mettetelo nel bicchiere del frullatore insieme alla paprica, all’origano e al latte di riso.

20150512_121827

Frullate e amalgamate bene il tutto, versate in una ciotola, salate leggermente e formate tante polpettine. Passatale prima nel latte e poi nel pangrattato.

20150512_122709

Foderate una teglia con carta da forno, disponete le polpettine, irroratele con un filo di olio di oliva e infornate a 180° per 15 minuti: devono dorare.

20150512_123349

20150512_195727

Salate leggermente e via in tavola!

20150512_195754

Polpette di broccoli (senza glutine e senza lattosio): un’idea per la raccolta

Avrete capito che la novità di cui Vi avevo parlato le settimane scorse riguarda il post di ieri: la Raccolta “L’orto del bambino intollerante” con la collaborazione della mia amica blogger Leti di “Senza è buono” (trovate tutte le regole per partecipare qui). La ricetta di oggi è la mia proposta per l’abbinamento di questo mese: un piatto senza lattosio, con broccoli o kiwi. Io ho optato per il salato e vi presento delle deliziose polpette di broccoli, che come avrete letto dal titolo sono anche senza glutine, con l’aggiunta di un formaggio senza lattosio, leggere e gustose, un piatto che ai bambini intolleranti e non piacerà di sicuro!
Le monelle di casa hanno approvato la ricetta al 100% gustando queste polpettine, ancora tiepide, con una maionese vegana e con una buona insalata di pomodorini!
Ora aspettiamo le Vostre ricette, mi raccomando, il bimbo intollerante ha bisogno delle Vostre idee in cucina!

Ingredienti per 4 persone:

500gr di broccoli
2 uova
100gr di Philadelphia senza lattosio
1 cucchiaino di curcuma
1 cucchiaio di olio evo
sale e pepe q.b.
pangrattato senza glutine q.b.

Mettete sul fuoco un tegame con acqua fredda salata e versate il broccolo precedentemente pulito e lavato. Quando è cotto scolatelo e con l’aiuto di una forchetta, schiacciatelo e riducete in purea. Aggiungete le uova, la curcuma, l’olio, un pizzico di sale, pepe e iniziate a mescolare bene. Unite il pangrattato un pochino per volta, lavorate il composto e formate delle polpettine con le mani (deve rimanere abbastanza umido).

20150226_165028

Disponete su una teglia ricoperta da carta forno e continuate fino a terminare il composto.

20150226_170438

Mettete la teglia in frigorifero mentre il forno raggiunge la temperatura di 180°.
Infornate per 15/20 minuti, sino a quando non diventano leggermente dorate: non esagerate perché altrimenti si asciugano troppo!

20150226_193530

Spolverate di sale e portate in tavola con il contorno che preferite!

20150226_193657

dimenticavo… l’odore del broccolo è sparito e l’interno, come vedete dalla foto, è morbidissimo!

Crocchette di Tonno e Ricotta: coccoliamo la piccola marinaia ammalata

La piccola Greta si è ammalata, l’influenza che c’è in giro l’ha colpita in pieno, con febbre alta che non scende neanche con la tachipirina. Ma lei è un fenomeno: nessun lamento se non la sola voglia di stare abbracciata alla sua mamma e farsi fare tante coccole. Prende le medicine senza batter ciglio, mangia qualsiasi cosa gli metto davanti: la mia piccola eroina! Ieri sera, per coccolarla al meglio, gli ho preparato una delle sue ricette preferite: le crocchette di tonno e ricotta, cotte al forno, gustose, saporite, croccanti fuori e morbide dentro! Perfette come piatto unico accompagnate da un contorno di verdure o, in versione mini, come antipasto/aperitivo se avete ospiti a cena. Vi assicuro per esperienza che i bambini le adorano e … non solo loro!!!
Eccovi la ricetta … il Capitano torna in cabina a riempire di baci la sua piccola marinaia ammalata, con la speranza che i venti portino via presto questa brutta influenza!

Ingredienti:

250gr di ricotta magra
200gr di tonno in scatola al naturale senza glutine
1 cucchiaio di curcuma
timo fresco
parmigiano grattugiato
pangrattato grattugiato senza glutine (coop)
sale e pepe q.b.

In una ciotola lavorate il tonno al naturale ben sgocciolato con la ricotta, unite la curcuma, il timo e un cucchiaio di parmigiano. Aggiustate di sale e pepe e controllate la consistenza, se dovesse essere troppo umida unite poco pangrattato. Date la forma di una crocchetta (o di una polpetta), passate in altro pangrattato e disponete su una teglia rivestita con carta forno.

20150121_171431

Lasciate in frigorifero per una ventina di minuti mentre il forno raggiunge la temperatura di 200°. Infornate per 30 minuti, controllando bene di farle dorare su tutti i lati.
Servita accompagnate da una buona maionese vegana e da tante verdure!

20150121_193518

20150121_193636

Quella crosticina croccante… e quel ripieno umido e morbido… gnam gnam!

Polpette di zucchine, paprika e noce moscata con salsa dolce al basilico: accontentiamo la piccina!

Oggi per pranzo una ricetta veloce e semplice: le polpette! La mia piccola Greta le adora, specialmente quelle di zucchine. Oggi ho deciso di preparale in modo diverso da quelle fatte settimana scorsa nella versione classica (zucchine frullate, uovo, farina). Non amo mai fare gli stessi piatti, mi piace sperimentare un pò nei limiti che possono piacere alla mia ciurma. Le polpette di oggi hanno una marcia in più data dalla noce moscata e dalla paprika nell’impasto e sono senza glutine (così le ho mangiate anch’io); inoltre le ho accompagnate ad una salsina particolare… andiamo subito alla ricetta!

Ingredienti:

500gr di zucchine
1 uovo
80gr di parmigiano reggiano grattugiato
4 cucchiai di farina di mais
1 cucchiaio di paprika dolce
1 cucchiaio di noce moscata
farina di riso q.b.
sale q.b.
olio evo q.b.

5 pomodori ramati
1 cucchiaio di miele di acacia
basilico fresco q.b.

Grattugiate le zucchine e mettetele in uno scolapasta, disponete sopra un peso e lasciate che perdano la loro acqua per 20 minuti.

20140715_171126

Nel frattempo preparate la salsa: incidete i pomodori e metteteli per qualche minuto in acqua bollente salata. Scolateli e tirate via la pelle. Metteteli nel frullatore insieme ad una decina di foglie di basilico e riduceteli in passata. Versate la salsa in un tegame con un cucchiaio di olio evo e fate cuocere per 5 minuti. Aggiungete un cucchiaio di miele e lasciate sul fuoco sino a che non diventerà una vera e propria salsa densa.
Riprendete le zucchine, strizzatele e unitele in una ciotola all’uovo, al formaggio, alle spezie e alla farina di mais.

20140715_182757

Mescolate bene il tutto, prendete un po’ di composto per volta e formate delle polpette. Passatele in un mix di farina di riso e sale e friggetele in un tegame con olio evo sino a quando non si sarà formata sopra una bella crosticina croccante.

20140715_182900

Scolatele su carta assorbente, salatele e portatele in tavola con la salsina di pomodoro dolce.

20140715_183358 20140715_184243

Le zucchine, insaporite dalla nota speziata della noce moscata e della paprika, sono buonissime e ancora tenere all’interno e la leggera, croccante e salata crosticina, si abbina alla perfezione con la salsa dolce profumata al basilico, creando un contrasto di sapori meravigliosi!

20140715_184309

Ne ho tagliate 4 alla piccola Greta versandogli sopra un po’ di salsa, dopo 5 minuti :” Mamma, ancoa!! buoneeee” con il classico ditino sporco di sugo sulla guancia!
Se lo dice lei dovete assolutamente provarle. Dimenticavo… la favola continua!

20140715_184343

Consiglio: il passaggio più importante è quello delle zucchine: strizzarle bene bene dalla loro acqua altrimenti le polpette si sfalderanno in cottura!

Idea salvavanzi: si conservano in frigorifero un paio di giorni e riscaldate in forno rimangono croccanti! Per chi ama la carne come Mauro questa salsina dolce è ottima in abbinamento!

Piovono … Polpette di melanzane al sugo!

Stasera PIOVONO POLPETTE! Sì, perché Serena ha fatto una richiesta specifica per la cena: tante polpette al sugo! Non volendo farle di carne, ho ripiegato per quelle vegetariane, usando le mie adorate melanzane. L’impasto di queste polpette è uguale a quello degli hamburger che ho preparato settimana scorsa nella mia cena TEX-MEX, qui ho semplicemente cambiato la forma e affogato il tutto in un buonissimo sugo di pomodoro!

Ingredienti:

Impasto hamburger di melanzane
500ml di salsa di pomodoro bio
Basilico fresco
1 cucchiaio di curcuma
Olio extra vergine
Parmigiano grattugiato
Sale q.b.

Preparate le polpette prendendo un po’ di composto e formando delle palline. Adagiatele su una teglia con carta forno e infornate a 170° per 20 minuti.

IMG_8225
Nel frattempo in un tegame preparate il sugo, mettendo un cucchiaio di olio, la salsa di pomodoro, la curcuma, del basilico fresco e regolate di sale.

IMG_8270
Trascorso il tempo, prendete le polpette e gettatele nel tegame del sugo in modo che s’insaporiscano bene.

IMG_8271
Servite ben calde con una spolverizzata di parmigiano grattugiato e preparatevi a una fantastica scarpetta!

IMG_8273