Archivi tag: polpette per bambini

Polpettine di Cavolfiore e Salsiccia: Raccolta “L’orto del Bimbo intollerante” di Gennaio

Il rapporto bambino-verdura è da sempre uno dei più difficili da gestire per una mamma: spesso i nostri piccoli si rifiutano categoricamente di mangiare un ortaggio semplicemente senza neanche assaggiarlo, solo per l’aspetto poco invitante o l’odore sgradevole. E’ difficile ma non impossibile … ve lo assicuro: basta un po’ di fantasia e di voglia per creare piatti deliziosi che invoglino i nostri piccoli all’assaggio … e da lì il gioco è fatto, ve lo assicuro! Il Cavolfiore è stato una delle prime verdure che vi ho presentato e con cui ho affrontato il viaggio di questo blog: piatti per tutta la famiglia, in particolare per i nostri bambini, ricchi di frutta e verdura, piatti facili  per le mie amiche mamme, trucchetti semplici per non farsi dire mai di no! E così in tavola abbiamo portato le crocchette di cavolfiore, adorate dalle mie bimbe, la pasta , dalle Plumcake salato con fontina e pomodorini.  Pochi giorni fa vi ho anche presentato il Cavolfiore in veste di Purea, delizioso accompagnamento per carni e pesci. Questo mese nella Raccolta “L’Orto del bimbo intollerante” ospitata dalla mia amica Leti di Senza è Buono, trattiamo l’intolleranza al lattosio e vi abbiamo proposto la MELA come frutta e proprio il CAVOLFIORE come verdura. Così mi sono trovata di fronte ad una nuova sfida: cosa posso proporre di nuovo per il mio adorato bimbo intollerante? Non potevo che chiedere suggerimento alla ciurma, che mi ha rigirato un’altra domanda:”Mamma cosa mangiano più volentieri i bambini?”. Greta ha risposto per me : “le polpette!”. Ed ecco allora che con un pizzico di fantasia e con quello che avevo in frigorifero ho portato in tavola un piatto nuovo, buonissimo, semplice e veloce: POLPETTE DI CAVOLFIORE E SALSICCIA, senza glutine e senza lattosio… una vera bontà! Potete utilizzare anche prosciutto al posto della salsiccia, io ne avevo un po’ in frigorifero e ho pensato di aggiungerle, per dare più gusto alle polpette e renderle più speciali. Mi raccomando controllate sempre che tutti gli ingredienti siano giusti per la vostra intolleranza: la mia salsiccia magra, presa dal mio macellaio di fiducia, è senza lattosio e senza glutine. Se utilizzate prodotti confezionati leggete bene l’etichetta. Pronti per la ricetta?

Ingredienti:

250gr di cavolfiore lessato
100gr di salsiccia magra (senza glutine e senza lattosio)
1 uovo
pangrattato senza glutine q.b.
sale e pepe q.b.
olio evo q.b.

Sgranate la salsiccia e mettetela in una ciotola, unite il cavolfiore lessato e con una forchetta schiacciatelo amalgamandolo alla salsiccia. Aggiungete l’uovo e iniziate a lavorare il tutto, unendo un pochino di pangrattato per asciugare l’eventuale acqua ancora presente nel cavolfiore. Per ovviare a tutto ciò e dover aggiungere troppo pangrattato Vi consiglio di lessare il cavolfiore a vapore, nel classico cestello così eviterete l’assorbimento eccessivo di acqua. Aggiustate di sale e pepe e formate delle piccole polpettine schiacciate. Disponetele su un vassoio e lasciatele in frigorifero per 10 minuti. Sporcate una padella antiaderente con un cucchiaio di olio e “friggete” le polpettine: un paio di minuti per lato, devono colorarsi bene. Fatele scolare su carta assorbente ed eccole qui… buonissime, croccanti fuori e morbide all’interno… provatele!!!

20160117_120221

20160117_120308

Potete naturalmente cuocerle in forno.. ma la polpettina fritta è un’altra cosa!

20160117_120311

20160117_120319

Volete vedere l’interno?

20160117_120341

Morbidissimo!

QUESTA RICETTA E’ IL MIO CONTRIBUTO FUORI GARA PER LA RACCOLTA DI GENNAIO “L’Orto del Bimbo intollerante”

Crocchette di Tonno e Ricotta: coccoliamo la piccola marinaia ammalata

La piccola Greta si è ammalata, l’influenza che c’è in giro l’ha colpita in pieno, con febbre alta che non scende neanche con la tachipirina. Ma lei è un fenomeno: nessun lamento se non la sola voglia di stare abbracciata alla sua mamma e farsi fare tante coccole. Prende le medicine senza batter ciglio, mangia qualsiasi cosa gli metto davanti: la mia piccola eroina! Ieri sera, per coccolarla al meglio, gli ho preparato una delle sue ricette preferite: le crocchette di tonno e ricotta, cotte al forno, gustose, saporite, croccanti fuori e morbide dentro! Perfette come piatto unico accompagnate da un contorno di verdure o, in versione mini, come antipasto/aperitivo se avete ospiti a cena. Vi assicuro per esperienza che i bambini le adorano e … non solo loro!!!
Eccovi la ricetta … il Capitano torna in cabina a riempire di baci la sua piccola marinaia ammalata, con la speranza che i venti portino via presto questa brutta influenza!

Ingredienti:

250gr di ricotta magra
200gr di tonno in scatola al naturale senza glutine
1 cucchiaio di curcuma
timo fresco
parmigiano grattugiato
pangrattato grattugiato senza glutine (coop)
sale e pepe q.b.

In una ciotola lavorate il tonno al naturale ben sgocciolato con la ricotta, unite la curcuma, il timo e un cucchiaio di parmigiano. Aggiustate di sale e pepe e controllate la consistenza, se dovesse essere troppo umida unite poco pangrattato. Date la forma di una crocchetta (o di una polpetta), passate in altro pangrattato e disponete su una teglia rivestita con carta forno.

20150121_171431

Lasciate in frigorifero per una ventina di minuti mentre il forno raggiunge la temperatura di 200°. Infornate per 30 minuti, controllando bene di farle dorare su tutti i lati.
Servita accompagnate da una buona maionese vegana e da tante verdure!

20150121_193518

20150121_193636

Quella crosticina croccante… e quel ripieno umido e morbido… gnam gnam!

C’Era una Volta… Lilli e il Vagabondo e gli Spaghetti con le Polpette

E’ arrivato il giorno della mia bellissima Rubrica “C’era una Volta…”! Per il mese di Dicembre ho pensato di raccontarvi una favola che mi piace tanto e che riguardo spesso proprio sotto le feste di Natale, perché tutto inizia proprio il giorno di Natale… Lilli e il Vagabondo!

” E’ Natale! Da un pacco sotto l’albero spunta una cagnolina con un fiocco rosso. Si chiama Lilli ed è un tenero regalo di Gianni caro per la moglie Tesoro.

untitled (3)

Lilli è molto amata dai suoi padroni e cresce felice, passa il tempo a giocare e a correre nel loro splendido giardino. La cagnolina è diventata grande e mostra il collare nuovo ai suoi amici, il saggio Whisky e il vecchio Fido. Lilli annuncia ai suoi amici che presto Gianni e Tesoro avranno un bimbo e proprio in quel momento passa il Vagabondo, un cane randagio che la mette subito in guardia: “i marmocchi portano scompiglio in casa!”.

images (5)

Il bambino appena nato è davvero grazioso e in casa è tutto tranquillo e la cagnolina dimentica le parole del vagabondo. Gianni e Tesoro devono partire e arriva Zia Sara per occuparsi del bimbo, con lei i suoi dispettosi gatti siamesi che fanno tanti dispetti a Lilli: vogliono rovesciare la boccia del pesce e Lilli non riesce a fermarli.

images (6)

Zia Sara incolpa Lilli e arrabbiata gli mette la museruola, allora Lilli scappa e incontra tre cani randagi che vogliono aggredirla. Il Vagabondo la salva “ehi Bimba! Cosa ci fai qui?” chiede il Vagabondo. La cagnolina non riesce a parlare e allora si affida al nuovo amico che sa come toglierli la museruola. Una volta libera grazie all’aiuto di un castoro, il Vagabondo la invita a cena da Tony: spaghetti con le Polpette, musica e tanto romanticismo!

untitled (4)

(Gli spaghetti con le polpette sono il piatto preferito di mia sorella Greta).
Il giorno dopo il Vagabondo gli mostra il suo gioco preferito: spaventare le galline, ma Lilli non si diverte e quando torna a casa Zia Sara la lega fuori alla sua cuccia, così non può più scappare. La cagnolina è triste e non vede l’ora che tornino i suoi padroni. All’improvviso Lilli vede che un ratto enorme sta entrando in casa. Il Vagabondo sente Lilli abbaiare forte e corre in suo aiuto: entra in casa e salva il bambino dal topo.

images5U0067ET

Tutto questo trambusto sveglia Zia Sara che minaccia il Vagabondo con la scopa e chiama gli accalappiacani per farlo portare via, senza accorgersi del topo. Per fortuna Gianni e Tesoro arrivano e Lilli gli fa vedere il topo morto nella camera: i due corrono a liberare il Vagabondo mentre Whisky e Fido già sono sulle tracce del furgono dell’accalappiacani. Con il loro fiuto infallibile lo trovano, si spaventano, i cavalli si spaventano e rovesciano il carro. Il vagabondo è libero!
E’ di nuovo Natale e in casa è tornata la felicità. Ora assieme a Lilli e il Vagabondo ci sono i loro quattro cuccioli, pronti a fare festa con gli zii Whisky e Fido.”

images (7)

Questa storia mi piace molto perché ti insegna che vale la pena passare un guaio per aiutare qualcuno anche sconosciuto, essere buoni è molto importante.
Ci vediamo con l’anno nuovo, buone feste a tutti, passo la parola alla mamma!
Serena

La scelta di oggi è stata facilissima, non potevamo non preparare i famosi Spaghetti con le Polpette: simbolo dell’amore nato proprio tra Lilli e il Vagabondo. Pensate che questo piatto in America è l’emblema della nostra cucina! Io lo porto in tavola spessissimo, specialmente nella stagione fredda: la ciurma impazzisce per le polpette e ama molto i piatti unici. Basta chiacchierare, mettiamoci ai fornelli!

Ingredienti per 4 persone:

200gr di salsiccia
300gr di carne macinata mista
1 uovo
prezzemolo tritato
3 fette di pane integrale in cassetta
latte di riso Bio q.b.
700ml di passata di pomodoro (fatta in casa)
100gr di concentrato di pomodoro STAR
350gr spaghetti Alce Nero
1 spicchio di aglio
sale integrale q.b.
olio evo q.b.
parmigiano grattugiato

Pulite l’aglio e tagliatelo in due parti, mettetelo in un tegame con tre cucchiai di olio evo e lasciate soffriggere, unite poi la passata di pomodoro, il concentrato e aggiustate di sale.

20141127_140522

Qualche foglia di basilico fresco ci starebbe bene, ma in questo periodo le mia piantine sono a riposo.
Preparate le polpette: spezzettate il pane e mettetelo in una ciotola con un pochino di latte per ammorbidirlo, unite la carne macinata, la salsiccia, l’uovo, il prezzemolo e un pizzico di sale. Lavorate bene tutti gli ingredienti in modo da amalgamarli al meglio. Prendete un pochino di composto alla volta e fate delle polpettine: c’è chi le preferisce molto grandi, io faccio una misura intermedia!

20141127_141014

Togliete l’aglio dal sugo e unite le polpettine, tenete la fiamma al minimo e fate cuocere semi coperto per 1 ora circa. In altre versioni, le polpette prima vengono fritte e poi aggiunte alla salsa: noi preferiamo questa versione più leggera!

20141127_141425

Togliete le polpette dal tegame e tenetele al caldo giusto il tempo di preparare i piatti. Dopo aver lessato al dente gli spaghetti, scolateli e fateli saltare nel sugo.

20141127_193129

Servite gli spaghetti e aggiungete su ogni piatto un po’ di polpettine. A piacere una spolverata di parmigiano grattugiato!

20141127_193640

volete assaggiare?

20141127_193810

Vi salutiamo lasciandovi Cullar con questa bellissima canzone, Vi Aspettiamo a gennaio con una nuova Favola!

Serena e Manu

 

IMMAGINI PRESE DAL WEB

Polpettine di quinoa e zucca al profumo di noce moscata: esci dal branco e pensa con la tua testa!

We Are 1 – Esci dal branco e diventerai grande il bellissimo spot che Sky ha messo in onda alla 4 puntata di X FACTOR. Spot interpretato dai ragazzi e dai giudici del programma. Un messaggio importante per tutti i giovani di oggi: io ho voluto farlo vedere a Serena, che anche se piccola, 9 anni, ha attraversato situazioni difficili che l’ hanno portata a cambiare carattere, a vedere le cose in modi diversi, a non usare la sua testa per non sentirsi diversa. La mia fortuna di mamma è che con lei ho un dialogo aperto, mi racconta sempre tutto, bello e brutto, e questo permette a me e Mauro di “proteggerla” e “aiutarla” ad affrontare questa realtà difficile e brutta di oggi. Non voglio raccontare cosa ci è accaduto, niente di gravissimo, ma a volte anche piccoli e ingenui comportamenti, possono rovinare la vita a bambini e ragazzi. Io, come mamma, voglio solo dire a tutti i genitori di essere più attenti ai loro figli, di insegnare loro IL RISPETTO per chi è diverso da loro, dall’aspetto fisico, al carattere, ai gusti di ogni genere. MIA FIGLIA è uscita dal branco, mia FIGLIA pensa con la sua tesa, mia FIGLIA diventerà grande e forte ed è un bellissimo esempio per sua sorella: mia FIGLIA sarà il capitano di una grande nave che condurrà benissimo e che rispetterà la rotta delle altre navi, sempre.
Come una sferzata di aria fresca, dopo quella chiaccherata, Serena si è messa in cucina con me e abbiamo preparato queste deliziose polpettine: quinoa e zucca! Sono buonissime, croccanti fuori e ancora morbide dentro, dal buon sapore di zucca e dal profumo di noce moscata! La quinoa è ottima per queste preparazioni! Vi racconto subito la ricetta molto semplice e gustosa!

Ingredienti per 4 persone:

300gr di quinoa
200gr di zucca già cotta
prezzemolo
pangrattato senza glutine ipercoop
1 uovo
1 cucchiaino di noce moscata
olio evo
sale q.b.

Sciacquate bene la quinoa prima di passare alla sua cottura, per eliminare tutte le tracce di saponine presente sui suoi chicchi. Versatela poi in una pentola e aggiungete due volte il suo volume d’acqua, portate a ebollizione, coprite con un coperchio e lasciate cuocere per circa 15 minuti (seguite eventualmente le indicazioni sulla confezione). Una volta cotta, lasciate raffreddare e poi trasferite in una ciotola dove unirete la zucca già cotta, l’uovo, il prezzemolo tritato, sale e noce moscata e iniziate ad amalgamare gli ingredienti. Se il composto fosse troppo umido unite un pochino di pangrattato. Formate delle polpettine un po’ schiacciate, passate nel pangrattato, mettete in un vassoio e lasciate in frigorifero una decina di minuti prima di cuocere.

20141111_181326

Se non volete usare l’uovo, potete frullare la quinoa cotta. Io ho provato anche l’altra versione, ma questa ci piace molto di più perchè risultano più croccanti fuori!
In una padella con due cucchiai di olio fate friggere le polpettine che devono dorarsi per bene su entrambi i lati.

20141111_181335

Fate scolare su carta assorbente e servite in tavola con salsine a piacere.

20141111_183127

20141111_184700

sono deliziose… con la salsina poi…

20141111_184718

Mini Pie con polpettine alla Menta: le bimbe in cucina!

Siamo a fine giugno ma se si guarda fuori dalla finestra, certo non sembra di essere in piena estate: temporali e vento freddo si alternano a spiragli di sole caldo. Accendere il forno, che in questa stagione solitamente rimane spento, è diventato “normale”: torte, pane e la ricetta di oggi hanno riempito il week end appena passato. Le bimbe si stavano annoiando e avevano voglia di polpette, così tutti insieme ai fornelli. Carne di tacchino macinata, menta fresca, pisellini dell’orto e salsa di pomodoro home made, il tutto ricoperto da una croccante sfoglia: ecco gli ingredienti della ricetta di oggi!

Ingredienti:

600gr di macinata di tacchino
30 foglie di menta fresca
300gr di pisellini freschi
400ml di salsa di pomodoro home made
1 scalogno
olio evo
sale q.b.
farina di riso
pasta sfoglia senza glutine

In una ciotola unite la macinata di tacchino con le foglie di menta tritate, un pizzico di sale e impastate bene il tutto. Prelevate poco composto alla volta e formate tante palline della grandezza che preferite, Serena le ha fatte grosse come una pallina da golf, mentre Greca alcune più piccole.

20140617_161658 20140617_162510

Nel frattempo in una casseruola con due cucchiai di olio fate rosolare i pisellini con uno scalogno tritato.
Passate le polpettine nella farina  e poi mettetele nella casseruola, facendole rosolare su tutti i lati.

20140617_162038

Aggiungete la salsa di pomodoro, regolate di sale e fate cuocere per 15 minuti circa.

20140617_162619

Accendete il forno a 200°, prendete le pirofile,versate parte delle polpettine con il sugo sino a raggiungere il bordo e aggiungete qualche foglia di menta fresca.

20140617_185738

Ritagliate dei cerchi di pasta sfoglia del diametro della pirofila,coprite le polpettine inumidendo bene i bordi con un pochino di acqua in modo che aderisca bene e bucherellate la superficie (Serena è stata molto brava, mentre Greca si impastrugnava la faccia con il sugo rimasto nella casseruola).

20140617_185959

Infornate per 20 minuti circa sino a quando la pasta non è dorata.

20140617_192736

Ecco pronte le nostre Mini Pie: un profumo meraviglioso di menta è fuoriuscito appena rotta la crosta di pasta sfoglia … magicamente le pirofile si sono svuotate in un batter d’occhio!

20140617_192749

20140617_192835

Bocconcini di carote e ricotta: happy hour del sabato sera!

Come vi ho detto ieri mattina, il tempo per stare ai fornelli non c’è stato, così per cena ho pensato di fare una cosa che alla ciurma piace molto: un bel happy hour! Mi sono organizzata per tempo e oltre all’impasto della pizza (che ho farcito e infornato insieme ai bocconcini per poi tagliarla a cubetti) ho preparatodegli spiedini di verdure e formaggio di capra e il composto per queste piccole polpettine, che ho infornato mentre eravamo tutti in doccia. Una cena simpatica, veloce che porterà gioia in famiglia!

20140512_183626

Ingredienti:

200gr di ricotta magra
4 carote
1 cucchiaio di curcuma
noce moscata
parmigiano
1 uovo
olio evo
sale q.b.

In una ciotola lavorate la ricotta con le carote grattugiate, l’uovo, le spezie e il parmigiano. Mescolate bene, aggiustate di sale e coprite il composto con la pellicola. Mettete in frigorifero a riposare.

20140512_114200
Accendete il forno a 180°, prendete il composto e formate delle palline che disporrete su una teglia ricoperta da carta forno e leggermente unta. Infornate per 40 minuti.

20140512_173957

Ecco dei bocconcini sfiziosi, morbidi e gustosi, perfetti per una cena in piedi e che possono diventare un buonissimo secondo piatto se accompagnati da un buon contorno di verdure!

20140512_184036