Archivi tag: polenta

Polenta con sughetto piccante di vongole veraci

“L’Angolino del Papà” è il nostro appuntamento fisso del Venerdì: ricette gustose per accontentare i grandi eroi di casa! Il piatto di oggi è proprio uno di quelli, un piatto per il nostro Papà che ama tantissimo i frutti di mare, cozze e vongole potrebbero tutti i giorni far parte dei nostri pasti. Così  Terra e Mare si incontrano nuovamente, dopo gli Gnocchi all’Amatriciana con cozze,  ho deciso di portare in tavola le VONGOLE, ma non nel solito primo piatto di Spaghetti  o in un delizioso Risotto,  ma in una versione nuova, in un piatto unico gustosissimo, profumato, avvolgente e confortante, senza glutine e senza lattosio: una deliziosa POLENTA condita con un saporito e PICCANTE sughetto di VONGOLE veraci… una vera BOMBA!

Ingredienti per 4 persone:

500gr di farina di mais bramata
2lt di acqua
1 cucchiaio di olio evo
1 cucchiaio di sale
500gr di vongole veraci
400gr di polpa di pomodoro
1 spicchio di aglio
1 peperoncino
olio evo q.b.
sale q.b.

Preparate una ciotola con acqua e sale e versatevi dentro le vongole: lasciatele in ammollo almeno 8 ore, cambiando l’acqua almeno un paio di volte, così da farle spurgare bene dalla sabbia eventuale interna.

20151119_103121

In una grande pentola mettete i due litri di acqua, portate ad ebollizione e poi aggiungete il sale e l’olio e versate a pioggia piano piano la farina di mais continuando a mescolare. Fate cuocere per 1 ora circa. Se non avete tempo esistono in commercio le classiche Farine istantanee che spesso sono ugualmente buone. Vi ricordo se siete intolleranti al glutine o celiaci di controllare che ci sia la spiga sbarrata.
Risciacquate le vongole sotto acqua corrente. In una larga padella con 3 cucchiai di olio fate soffriggere lo spicchio di aglio in camicia insieme al peperoncino, unite poi la polpa di pomodoro, aggiustate di sale e fate restringere il sugo.  Abbassate la fiamma e unite le vongole, mettete il coperchio e nel giro di qualche minuto di apriranno, rilasciando la loro acqua che darà al sughetto un buonissimo sapore e profumo di mare.

20151119_193058

Mescolate bene il tutto e una volta che la polenta è pronta non vi resta che comporre i piatti. Io ho usato piatti fondi: un fondo di polenta e sopra un bel mestolo di vongole con tanto sughetto! La polenta avanzata e il sughetto rimasto portateli in tavola in due belle ciotole di coccio, copriteli, in modo che restino caldi e lasciate la libertà ai commensali di servirsi nuovamente!
In quantità più ridotte questo piatto può essere anche un delizioso antipastino di Natale!

20151119_193032

Questa ricetta la Regalo alle mie amiche di PENTAGRAMMI DI FARINA e partecipo al loro Contest “Le Personalità in cucina” nella categoria “La tradizionalista Terrona”.

untitled (13)

Pizza di Polenta: è piaciuta proprio a tutti!

La ricetta di oggi è di una semplicità unica, è buonissima e veloce e conquisterà proprio tutti, grandi e piccini: la pizza di Polenta! Sulla nostra tavola compare molto spesso la polenta (chi mi segue lo sa bene) e questo piatto è uno dei preferiti dalla ciurma, Serena in particolare ne va matta. Sabato scorso, avevo la mia migliore amica Maria qui a cena con la sua famiglia, così per non preparare la solita pizza, ho deciso di sorprenderli preparando questa versione. E’ stata una gioia immensa ritrovarmi il tagliere vuoto e sentirmi dire, in particolar modo da Sara (la mia nipotina acquisita) “Zia è buonissima”!
Quindi non vi resta che provarla: ricetta economica, veloce e semplice… cosa volete di più?
Buon week end amici miei, io torno in cambusa ai fornelli: devo terminare il buffet per la festina della mia piccola Greta!

Ingredienti per 1 teglia rotonda:

500gr di farina gialla (oppure 1 confezione di Polenta istantanea)
2 litri di acqua
1 cucchiaio di sale grosso
1 cucchiaio di oli evo

per la salsa home made:
1 kg di pomodori ramati
olio evo q.b.
basilico fresco
                                    oppure
salsa di pomodoro già pronta

1 Provola senza lattosio Latteria Soresina

Naturalmente per fare un piatto veloce dovete utilizzare la polenta istantanea e seguire le istruzione sulla confezione. Per chi di voi invece ha tempo e voglia vi lascio la ricetta classica per la polenta con la farina gialla. Per prima cosa portate ad ebollizione l’acqua, aggiungete poi il sale e l’olio e piano piano (mi raccomando) la farina gialla, mescolando continuamente con un mestolo di legno così da non formare grumi e sempre nello stesso verso. Se la polenta dovesse sembrarvi troppo dura, una volta che ha assorbito tutta l’acqua, aggiungetene ancora un mestolo. Fate cuocere, continuando a mescolare, per 40 minuti e quando inizia a staccarsi dai bordi è pronta. Per questa preparazione questo è il tempo sufficiente; se invece dovete gustarla per accompagnare per esempio uno stufato o un buon brasato allora vi consiglio di lasciarla cuocere ancora un po’: nonna mi diceva sempre che più cuoce e più è buona!

20150516_190154

Ungete leggermente la teglia della pizza e versatevi la polenta, livellatela bene e lasciate raffreddare. Nel frattempo preparate una buona salsa di pomodoro: lavate bene i pomodori, divideteli a metà e togliete i semi e l’acqua in eccesso. Metteteli in una pentola, coprite con il coperchio e lasciate cuocere sino a quando non saranno disfati. Metteteli nel classico passaverdure, raccogliete il sugo in una ciotola, riversate il tutto nella pentola, salate, unite un paio di cucchiai di olio evo e fate cuocere sino alla consistenza desiderata.
Tagliate la provola a fettine sottili.
Riprendete la teglia di polenta, conditela con la salsa di pomodoro, qualche foglia di basilico e le fettine di formaggio.

20150516_182622

Infornate a 200° per 15 minuti circa, deve leggermente diventare croccante la base e sciogliersi bene il formaggio.

20150516_190127

La Pizza di Polenta è pronta! Potete condirla come più di piace, anche con del prosciutto o delle verdure!

20150516_190308

Patatine di … Polenta!

Quando, per caso, mi sono imbattuta sul WEB in questa ricetta, me ne sono immediatamente innamorata e oggi è diventato un piatto fisso del week end! Sono loro, le patatine di polenta, una fantastica alternativa a quelle classiche. Noi adoriamo la polenta, presente sulla nostra tavola tutto l’anno in tantissime ricette (qui per esempio trovate la mia fantastica Torta di Polenta oppure qui i meravigliosi e croccanti cubotti di polenta con fagioli) , quindi preparare questo piatto sfizioso è sempre un piacere. La mia versione è facilissima, pochi e semplici ingredienti, come sempre, e perfetta per tutta la famiglia (Sul web troverete infinite versioni adatte ad ogni gusto). Vi lascio questa super ricetta e vi auguro un sereno week end: per noi sarà tutto rosa, sole Donne!

Ingredienti:

500gr di farina di mais (oppure Polenta istantanea)
2lt di acqua
olio evo q.b.
sale q.b.
salsine varie

Mettete sul fuoco l’acqua, salate e aggiungete due cucchiai di olio evo. Una volta raggiunto il bollore, versate a pioggia la farina di mais e continuando a mescolare fate cuocere per circa 40 minuti. Una volta che la polenta è pronta, versatela in una grande teglia rettangolare leggermente unta sul fondo, livellate bene e lasciate raffreddare completamente. A questo punto tagliate la polenta in bastoncini tipo patatina e adagiateli su una teglia da forno ricoperta da carta forno.

20150220_172357

Con un pennellino unto spennellate le patatine e infornate a 200° per 20 minuti circa, devono diventare belle croccanti.

20150220_190247

A questo punto non vi resta che salarle e portarle in tavola accompagnate dalle vostre salsine preferite (per noi ketchup e maionese vegana)

20150220_190735

                                                   … pronti a leccarvi le dita?

20150220_190759

Vi ricordo la nostra Raccolta “L’orto del bimbo intollerante”

raccolta

aspettiamo tutte le vostre ricette con broccoli, kiwi e senza lattosio!

Spezzatino alla birra con cuori di carciofo e polenta morbida al timo: brrrrr!

Vi sarete tutti accorti dalla nuova foto del profilo e dalle foto su facebook che … ho tagliato i capelli corti corti corti! Non sono impazzita, anche se molti amici lo hanno pensato: è la prima volta che li taglio così! Era un po’ che mi gironzolava per la testa la voglia di “cambiare” look totalmente e, visto che fra qualche mese festeggio 40 anni, mi ero detta che per l’occasione lo avrei fatto, così da “ringiovanire” la mia immagine (il mio spirito sarà sempre quello di una bambina sognatrice ma con i piedi per terra). Invece ho anticipato i tempi, sorprendendo tutti e … facendo NEVICARE! Non potete immaginare che freddo alla testa… il mio coppino abituato ad essere sempre coperto da una valanga di capelli ora è nudo e i brividi sul collo sono una cosa allucinante! Però mi piaccio, in 5 minuti sono sistemati e la comodità era quello che cercavo in un momento dove il tempo a mia disposizione è veramente poco e la vita è molto frenetica! E la ciurma? ha approvato anche questo nuovo look del capitano, rendendomi ancora più felice! Proprio nei giorni di gran freddo e di neve, dopo un pomeriggio a spalare con il vice capitano (completamenti bloccati in casa… questo è il problema di vivere in paesini di campagna) ho preparato questo tenerissimo spezzatino di vitello alla birra con dei cuori di carciofo che avevo nel congelatore (preparati dalle manine d’oro della mia mamma) e accompagnato dalla mia adorata polenta profumata al timo, che riesce sempre a riscaldarmi il cuore e non solo! Una ricetta molto semplice e molto buona, che voglio proporvi oggi viste le previsioni per i prossimi giorni: il ritorno di freddo, pioggia e … forse neve!
Corro a rimettermi al timone, devo cambiare rotta … questa volta non vogliamo rimanere bloccati!

Ingredienti per 4 persone:

500gr di spezzatino di vitello
8 cuori di carciofo congelati (home made)
200ml di salsa di pomodoro
1 bicchiere di birra
brodo vegetale q.b.
olio evo
sale e pepe q.b.
farina di riso q.b.
1 confezione di polenta Valsugana
2 rametti di timo fresco

Per prima cosa fate scongelare i cuori di carciofi, tagliateli a spicchi e metteteli da parte. Infarinate i bocconcini di carne e saltateli in una pentola con due cucchiai di olio evo. Sfumate con la birra, coprite e lasciate cuocere per 5 minuti. Unite i carciofi, la salsa di pomodoro, salate e pepate e unite il brodo (circa 2 bicchieri) lasciando cuocere per altri 20/25 minuti (La cottura varia molto dalla grandezza dei bocconcini di carne).

20150212_180008

 Una volta che lo spezzatino è cotto, preparate la polenta. Io per comodità, e avendo poco tempo, ho usato quella istantanea, ma voi se riuscite fate la polenta classica che è decisamente più buona.
Seguite le istruzioni sulla confezione e aggiungete del timo fresco alla farina di polenta.
E’ tutto pronto, non vi resta che portare in tavola e gustare questo buonissimo e caldo spezzatino con tanto sughino e una cremosa e profumata polenta!

20150212_191322

Dimenticavo… i carciofi così cucinati rimangono teneri e si sfaldano, rilasciando il loro delicato sapore senza infastidire: le bimbe hanno mangiato tutto… approvato al 100%.

20150212_191547

Brasato al barolo con polenta: Santa Lucia e i suoi doni

In alcune città d’Italia (e noi siamo tra quelle), oggi è Santa Lucia che ogni anno porta i doni ai bambini. Si racconta che Lucia fosse una bella fanciulla siciliana, figlia di un ricco nobile di Siracusa e tutti la conoscevano per la sua dolcezza ed amorevolezza. A quel tempo in Sicilia imperversava il paganesimo e Lucia mostrando un certo interesse per il Vangelo, decise di convertirsi al cristianesimo. I suoi genitori avevano deciso di farla sposare, ma Lucia non ne volle sapere primo perchè il futuro sposo non era cristiano e secondo perché lei aveva deciso di dedicare la sua vita al Signore. Questa decisione, però non venne rispettata dai famigliari della ragazza ed iniziò per lei una vera e propria persecuzione per farle cambiare idea. Ma Lucia non cambiò idea, non voleva rinnegare la propria fede, così le vennero strappati gli occhi ed infine fu uccisa. Da allora Santa Lucia fu considerata la protettrice degli occhi e della vista, ed il giorno del suo martirio, il 13 dicembre, inizia il suo viaggio col suo affabile e fedele asinello portando i doni ai bambini buoni.
Da piccolina, vivendo a Milano, non festeggiavo questo giorno, anche se mamma (nativa di queste zone dove vivo ora) e papà, da siciliano qual’è, me ne parlavano. Nonna materna però mi faceva lo stesso un regalino. Ora che vivo qui in provincia di Lodi e che ho le bimbe festeggiamo anche noi questo giorno, con qualche regalo sotto l’albero perché riserviamo comunque i doni più belli al caro e unico Babbo Natale!
Oggi avrei dovuto presentarvi gli Arancini di Riso, usanza siciliana per questo giorno. Ma la settimana appena trascorsa è stata parecchio intensa, quindi ho pensato di proporvi il mio piatto forte, quello con cui ho conquistato a pieni voti il consenso del mio papà, uomo siciliano molto critico e pignolo, che trova sempre qualcosa che non va anche dove, secondo tutti gli altri, tutto è perfetto: Il brasato al barolo. Un piatto che preparo spesso nella stagione fredda, la ciurma lo adora, e in particolar modo durante questa festa, che di solito, proprio come oggi, ho il piacere di passare con i miei genitori che felici, si svegliano con le nipotine per aprire i regali portati dalla Santa.
Una preparazione che tutti conoscete, semplice ma lunga per la marinatura della carne per almeno 24 ore. Un piatto buonissimo, rustico che trova la sua perfezione accanto ad una morbida polenta rigorosamente preparata nel modo classico e senza usare quella istantanea. Auguro a tutti una felice giornata sia che si festeggi Santa Lucia che non!

images (13)

Ingredienti per 6/8 persone:

1kg carne di manzo taglio cappello del prete
50gr di pancetta
1 bottiglia di Barolo
2 carote
2 coste di sedano
8 cipolline
5 chiodi di garofano
1 stecca di cannella
1 foglia di alloro
2 rametti di timo
olio evo q.b.
farina q.b.
sale q.b.

1kg di farina di mais bramata
2 cucchiai di olio evo
2 cucchiai di sale grosso
acqua

Steccate la carne con qualche listarella di pancetta, mettetela in una terrina con tutte le verdure tagliate a pezzetti,le erbe aromatiche (timo sfogliato) e le spezie.

20141128_183623

Versate il vino , coprite con la pellicola trasparente e lasciate marinare per 1 giorno in un luogo fresco (non in frigo), rivoltando la carne qualche volta.

20141128_183857

Trascorso il tempo scolate la carne e passatela leggermente nella farina, fatela rosolare in un tegame con due cucchiai di olio e la restante pancetta. Unite la marinatura, facendo attenzione a togliere i chiodi di garofano e la cannella.

20141129_084905

Salate, coprite e portate a cottura a fuoco basso, ci vorranno circa 40/45 minuti. Togliete la carne e tenetela al caldo, togliete la foglia di alloro e con l’aiuto di un mixer ad immersione frullate il sugo, rimettete sul fuco, addensatelo e regolate di sale. Tagliate a fette il brasato e versatelo nel sugo.

20141130_125727

Preparate la polenta: per 1 kg di farina ci vogliono circa 4 litri di acqua che metterete in una larga pentola, o meglio ancora in un paiolo, e farete bollire. A questo punto aggiungete il sale, l’olio e la farina a pioggia mescolando energicamente con una frusta per non far formare grumi. Posate la frusta e armatevi di un bel mestolo di legno e iniziate a mescolare sempre dallo stesso verso la polenta facendo ben assorbire tutta l’acqua, se comincia a diventare troppo dura e compatta aggiungete un mestolo d’acqua calda per renderla più morbida. Quando la polenta inizia a staccarsi dai bordi allora vuol dire che è pronta ma, come diceva mia nonna, più la polenta cuoce, più viene buona. Io di solito, sempre seguendo i suoi consigli, la faccio cuocere almeno per 1 oretta.
Polenta calda pronta, brasato cotto, non ci resta che portare in tavola e servire questo meraviglioso piatto!

20141130_133028

la carne si scioglie in bocca…. uaooooo!!!!

20141130_133133