Archivi tag: noci

Pasta fredda di grano saraceno … ultimi giorni di scuola!

” E’ arrivata l’estate
con campi di papaveri rossi
e rondini che volan basse.
Tanti insetti nei prati
svolazzano indaffarati.
Frutti buoni e gustosi,
dolci gelati sfiziosi.
E’ tempo di vacanza!
Chi va al mare
a nuotare
chi in montagna
a passeggiare.
I grilli son canterini
e allegri giocano i bambini
tutto è rigoglioso
semplicemente meraviglioso!
Giugno luglio e agosto…
caro stress non ti conosco.”

E’ arrivata la bella stagione e … il gran caldo, che di certo non aiuta ad affrontare questi ultimissimi giorni di scuola! Serena è cotta, e non amando particolarmente queste alte temperature, sta facendo molta fatica a portare a termine questo suo primo anno di scuole medie. La stanchezza è tanta come la voglia di rilassarsi e di spegnere il cervello per qualche settimana. Un anno impegnativo che, come sempre, ha affrontato alla grande dandoci tante soddisfazioni. Come aiutarla? Per prima cosa facendole trovare al rientro piatti freschi, leggeri, sani e nutrienti. La Pasta fredda è uno dei suoi piatti preferiti e così ogni settimana cerco di portargliela in tavola con sapori e colori diversi, utilizzando sempre profumi e ortaggi di stagione. Nel piatto di oggi utilizzo PASTA DI GRANO SARECENO, che vi avevo già proposto qui Penne di grano saraceno con asparagi, zenzero e anacardi, naturalmente SENZA GLUTINE, condita con TONNO, POMODORI, CAPPERI, OLIVE, MAIS, RAVANELLI dell’orto del vicino, NOCI, SEMI DI LINO e il mio adorato BASILICO, che non manca mai nel mio orto in giardino!
Il grano saraceno non è un cereale ma un seme della stessa famiglia del rabarbaro e dell’acetosa, è ricco di potassio e magnesio, ottimo per il benessere del sistema cardiovascolare e perfetto per tenere sotto controllo il colesterolo cattivo e la pressione alta. La pasta di grano saraceno è, quindi, indicata anche come “ricostituente” naturale nei periodi di affaticamento e stress, essendo ricca di proteine nobili e di antiossidanti e minerali. Come condire questa pasta eccezionale? Tonno (sotto vetro e di ottima qualità), pomodori, capperi, olive e basilico è l’abbinamento da noi preferito. Che dite di aggiungere colore e freschezza? Ecco allora dei croccanti e freschi RAVANELLI, direttamente dall’orto del mio vicino di casa: Diuretici, disintossicanti e anche rilassanti, sono poveri di calorie, ricchi di acqua e hanno un basso indice glicemico. Contrastano l’azione dei radicali liberi, la ritenzione idrica e cellulite, abbassano la pressione arteriosa,  sono in grado di bloccare la diffusione batterica e il prurito provocato dalle punture di insetti. Vi ricordate la mia  Macedonia di Fave, Mela Verde e Ravanelli?
E non deve mancare il MAIS: questi piccoli chicchi gialli,  dal nome Zea mays che vuol dire “traggo la vita”. In base alla sua etimologia, il mais è dunque un alimento utile alla vita. Questo cereale originario dell’America è arrivato in Europa, come molti alimenti del Nuovo Mondo, grazie a Cristoforo Colombo. È una fonte di acido folico e vitamina B1, presenta una buona quota di ferro e di altri minerali. È particolarmente digeribile ed è ricco di fibra alimentare, per questo motivo è un alleato prezioso per stomaco e intestino. Le fibre contenute nel mais rallentano l’assorbimento degli zuccheri, contribuendo  a mantenere bassi i livelli di glicemia nel sangue. Grazie alle sue proprietà contribuisce, inoltre, a tenere bassi i valori di colesterolo “cattivo”.
Abbiamo finito? Direi di no! NOCI e SEMI DI LINO, il tocco finale!
Sapete bene quando io ami la frutta secca e le noci in particolare. Tantissime ricette sulla mia tavola contengono questo meraviglioso alimento ( Frullato Tonificante e Depurativo alla Pesca con Zenzero, Curcuma e Noci di Macadamia, Insalata di Spinaci con Mela, Arancia e Noci, Risotto al pesto di basilico e noci con ricotta salata, Pasta al Cacao con Erbette, Fonduta di Taleggio e Noci, Ravioli al mandarino ripieni di ricotta e noci, Strudel salato con Spinaci, Gorgonzola e Noci) pieno di proprietà e benefici. Le noci sono ricche di sali minerali, come magnesio, potassio e calcio, fonte di vitamina E, contengono omega 3, melatonina, antiossidanti. Contribuiscono ad abbassare il colesterolo LDL ci proteggono dalle infiammazioni; Contengono inoltre acido ellagico, un antiossidante benefico per il sistema immunitario e in merito a cui la scienza sta approfondendo le proprietà anticancro. Sono benefiche per il cervello e riducono il rischio di mortalità per ictus. Prevengono l’ipertensione, aiutano a perdere peso e contribuiscono a prevenire il diabete.
Ma c’è un alimento nuovo di cui voglio parlarvi : i SEMI DI LINO, piccoli scrigni di omega 3 che rinforzano le cellule celebrali, riducono il colesterolo e regolarizzano l’intestino. Li adoro! Ho iniziato da poco a utilizzarli al meglio: sostituti delle uova in tante ricette o semplicemente bevendo il loro infuso per sgonfiare l’addome e riattivare il colon. Li aggiungo ovunque, nelle zuppe e nelle insalate, nei frullati o per impanare carne, pesce e verdure. Per assimilarli al meglio andrebbero macinati, così ridotti in polvere grezza li unico ai miei piatti aggiungendone sempre qualche cucchiaio interi, semplicemente perché mi piacciono da vedere nel piatto.

Direi che non ci resta che unire tutti gli ingredienti e portare in tavola questo buonissimo piatto di pasta!

Ingredienti per 4 persone:

350gr di pasta di grano saraceno (senza glutine)
350 gr di tonno sott’olio
10 pomodorini ciliegia o 4 pomodori grandi
1 cucchiaio di capperi sotto sale
olive nere q.b.
200gr di mais
15 ravanelli
10 noci
1 cucchiaio di semi di lino da macinare
1 cucchiaino di semi di lino interi
basilico q.b.
olio evo q.b.
sale e pepe q.b.

Mentre la pasta cuoce preparate in una ciotola il condimento. Tagliate i pomodorini a cubetti, aggiungete le olive tagliate a metà, il mais, i capperi ben sciacquati dal sale, i ravanelli tagliati a pezzetti, le noci tritate grossolanamente, i semi di lino interi e i semi di lino macinati. Scolate bene il tonno e unitelo agli altri ingredienti. Una volta che la pasta è cotta, scolatela e trasferitela in una ciotola che mettere a bagno all’interno di una altra ciotola più grande piena di ghiaccio: così raffredderete la pasta senza fargli fare un bagno sotto il rubinetto. Unite l’olio e continuate a girare la pasta fino a quando non si è raffreddata. Versate la pasta nella ciotola dei condimenti, aggiustate di sale e pepe, aggiungete altro olio se serve e unite tanto basilico fresco.
La pasta è pronta per raffreddare in frigorifero qualche oretta prima di essere gustata!

Insalata di finocchi, mela verde e sgombro con salsa al basilico

Amiche mamme-donne eccoci al nostro appuntamento del martedì con la Rubrica “Bellissime Mamme”. Oggi ricettina light molto gustosa, fresca e sfiziosa, con ottimi ingredienti come il finocchio, la mela verde, e un pesce che, insieme al salmone, amo molto e che consumiamo spesso in casa: lo sgombro. Appartiene alla famiglia del pesce azzurro, quindi è particolarmente ricco di acidi grassi polinsaturi, protegger dalle malattie cardiovascolari e l’abbondante presenza di grassi “buoni” conferisce alle carni un sapore caratteristico, deciso e gustoso. Lo sgombro è ricco di proteine facilmente digeribili ed ha un apporto calorico modesto.
Ho aggiunto qualche rondella di olive nere, pinoli e ho condito il tutto con una salsina che io amo tantissimo, light e super leggera, profumata e ottima: basilico fresco, noci e yogurt greco magro.
Mettiamoci al lavoro!

Ingredienti:

1 finocchio bio
1/2 mela verde bio
1 scatoletta di filetti di sgombro al naturale
10 olive nere
1 cucchiaio di pinoli tostati
3 cucchiai di yogurt greco magro
5 noci
10 foglie di basilico
olio evo q.b.
sale e pepe q.b.

20140702_130734

Prepariamo subito la salsa: nel bicchiere del mixer unite basilico, noci, yogurt, un pizzico di sale e iniziate a frullare fino a creare una crema che conserverete in frigorifero.
Pulite il finocchio e tagliatelo a rondelle, lavate la mela e tagliatela a fette con la buccia e tagliate le olive a rondelle.

20150511_114428

Componete il piatto: sul fondo le rondelle di finocchio, sopra le fettine di mela, lo sgombro, pinoli, rondelle di olive e per ultimo condite con un filo di olio evo, la salsa al basilico e una generosa macinata di pepe fresco!

20150511_112943

Buon appetito!

20150511_113031

Con questa ricetta partecipo al progetto Diario di Un’esaurita felice #esaurita!

Ciabatta di farro alle Noci: ben arrivato 2015

AUGURI DI BUON ANNO: CHE QUESTO 2015 SIA UN ANNO MIGLIORE PER TUTTI!
Il nostro 2015 è iniziato con un nuovo progetto: una nuova rotta di navigazione, una direzione precisa per realizzare i nostri desideri, un anno intenso da affrontare con un gigante sorriso sul volto!
La cucina di bordo e tutta la nave è stata invasa da un solo e unico profumo il primo dell’anno: quello del pane, la mia prima ricetta dell’anno nuovo! Un pane delizioso, profumato, con farina di farro e tante gustose noci. Mi ero ripromessa di preparare il pane nell’anno nuovo con la pasta madre(ma il tempo a mia disposizione nei giorni di festa non è stato molto). Questa versione è con il lievito fresco, ma… la pasta madre prima o poi salirà a bordo!
In questi giorni di festa non ci siamo abbuffati come gli altri anni, la nostra alimentazione è stata quella di sempre con qualche dolce di troppo e la ciurma, che adora il pane, ha apprezzato tantissimo questa ciabatta croccante e leggera, che le bimbe hanno divorato insieme alle polpettine in umido con le patate. E come dice un famoso proverbio: “Non c’è cibo da re più squisito del pane” !
Rimettiamoci in viaggio…

Ingredienti:

500gr di farina di farro Mulino Marino
50gr di noci
12gr di lievito di birra fresco
5gr di sale
un pizzico di zucchero
270ml di acqua

In una ciotola fate sciogliere il lievito nell’acqua con lo zucchero. Aggiungete piano piano la farina, il sale e per ultime le noci spezzettate grossolanamente. Lavorate l’impasto sino ad ottenere un panetto liscio e omogeneo.

20141108_101554

Coprite con un telo e lasciate lievitare in un luogo caldo per 2 ore. Riprendete l’impasto, adagiatelo delicatamente su una placca da forno rivestita di carta forno, date la forma di una ciabatta, incidete la superficie con un coltello, ricoprite con il telo e lasciate lievitare per 3 ore. Infornate a 180° per circa 20 minuti.
Sfornate, fate raffreddare su una graticola e portate in tavola!

20141108_203724

La mollica è morbidissima e arricchita dalle noci e la crosta è croccantissima

20141108_204710

 

Torta salata con funghi, salsiccia e noci: mai programmare un’uscita!

Un classico di sempre, organizzare un’uscita e poi … TAC, all’ultimo minuto l’inconveniente: Greta con mal di pancia e dissenteria! Venerdì avevamo deciso di andare fuori a cena, Mauro aveva trovato una pizzeria che preparava la pizza senza glutine e voleva farmela provare. Ogni tanto piace anche a me farmi servire ma… sarà per un’altra volta!
Ore 19.00 … eh mò che preparo da mangiare? Come sempre in piedi davanti alla dispensa e al frigorifero aperti. Faccio mente locale, guardo a destra e a sinistra e inizio a tirare fuori: un rotolo di pasta brisè, salsiccia e funghi surgelati. Qualche verdura come contorno e via, prepariamo la classica torta salata salvacena con un po’ di contorni vari.
Alle 20.15 siamo tutti a tavola: per Greta riso in bianco e purè di patate, povera la mia fagiolina. Per noi invece una cenetta niente male: torta salata, dal profumo molto invitante e un ottimo contorno come la mia padellata di carciofi e verdure al forno e, anche per noi, dell’ottimo purè fatto in casa. Serena e Mauro hanno gradito tantissimo questo ripieno, molto gustoso e goloso, profumatissimo e delicato: insomma, salsiccia e funghi è da sempre un abbinamento meraviglioso e l’aggiunta delle noci dà quel tocco croccante e rustico che ci sta proprio bene, come ha detto la mia grande signorina Sere. Il piccolo marinaio Greta si è ripreso velocemente, piatti caldi e leggeri,  fermenti lattici  e del buon riposo in cuccetta,  l’hanno riportata alla sua forma ottimale in un paio di giorni: la ciurma è tornata al completo e in gran forma per continuare a navigare serenamente! La favola continua!

Ingredienti:

1 rotolo di pasta brisè
500gr di funghi misti surgelati
400gr di salsiccia mantovana
2 uova
100ml di panna di riso
100ml di latte di riso
100gr di parmigiano reggiano
50gr di gherigli di noce
1/2 bicchiere vino rosso
prezzemolo
1 rametto di rosmarino
olio evo q.b.
sale e pepe q.b.

Rosolate in una padella con un cucchiaio di olio evo i funghi surgelati. Quando si sono completamente scongelati e la loro acqua è evaporata, unite la salsiccia, il prezzemolo tritato e fate rosolare.

20141010_165306

Sfumate con mezzo bicchiere di vino rosso e fate cuocere portando la carne a cottura (circa 20 minuti).

20141010_165516

Nel frattempo foderate uno stampo con la pasta srotolata mantenendo la sua carta forno. Punzecchiate il fondo, copritelo con altra carta e legumi secchi. Infornate per 15 minuti a 180°.

20141010_172841

Mescolate le uova con la panna, il latte, il formaggio, gli aghi di rosmarino tritati, salate e pepate e aggiungete la salsiccia e i funghi. Riversate il tutto sul fondo della pasta brisè, cospargete con i gherigli di noce e infornate per 25 minuti.

20141010_180602

Il gioco è fatto, la torta è pronta!

20141010_185734

Se volete un effetto più gonfio, aumentate la dose di uova (almeno ancora 2) e usate la pasta sfoglia, che io fatico ad usare ultimamente perché a Serena non piace tanto.

20141010_185800

chi vuole una fetta?

20141010_190401

Insalata di radicchio e kiwi

Ecco il contorno per il mio carpaccio: insalatina fresca e originale dal sapore particolare!

Ingredienti:

1 cespo radicchio rosso
2 kiwi maturi ma sodi
3 gherigli di noci
olio evo
sale e pepe q.b.

Mondate, lavate e asciugate il radicchio, poi tagliatelo e mettete in una terrina. Sbucciate i kiwi, tagliateli a tocchetti e uniteli al radicchio. Condite con olio, sale e pepe.
Mescolate bene e guarnite con i gherigli di noci tritate grossolanamente: pronta per essere gustata!

Polpettine di tacchino all’Arancia con insalatina invernale

Dopo la mega merenda di oggi che io e le piccole ci siamo concesse  (cioccolata calda con panna e biscottoni al cocco), per restare nel tema del mese, questa sera a cena ho ben pensato di preparare qualcosa di leggero ma molto saporito: polpettine di tacchino all’arancia!

Ingredenti:

400gr macinata di tacchino
qualche rametto di timo
1/2 cucchiaino di curcuma
sale e pepe q.b.
2 finocchi
1 radicchio
2 arance
noci
semi di zucca

IMG_4911

In una capiente ciotola mettete la carne macinata con le spezie e il timo. Lavorate il tutto con le mani leggermente unte e formate delle piccole polpettine. Mettetele in un largo tegame con un goccio di olio e fatele rosolare.

IMG_4912

Sfumate il tutto con il succo di un’arancia, coprite e lasciate cuocere per 15minuti a fuoco medio-basso facendo assorbire tutto il succo alle polpette.

IMG_4913

Una volta assorbito il succo togliete il coperchio e fate dorare le polpette.

Preparare nel frattempo  l’insalata: lavate e tagliate i finocchi e il radicchio, aprite le noci e pulite a vivo l’arancia. Raccogliete in un bicchierino il succo dell’arancia rimasta, unite olio e sale e preparate una emulsione con cui condirete l’insalata subito prima di servirla a tavola.

IMG_4915

In una ciotola raccogliete tutte le verdure tagliate, disponete sopra le fettine di arancia con noci e semi di zucca e portate in tavola insieme alle polpettine calde servite con pomodoro e qualche fettina di arancia.

IMG_4918

IMG_4921

Visto che l’insalata  non è un contorno molto apprezzato dalle mie bimbe e non amo obbligarle a mangiare “di forza” qualcosa che a loro non va, (semplicemente perché penso che le porterei ad odiare quel cibo per sempre), gli ho preparato un buon purè caldo che vedrete postato nel prossimo articolo!

Buona cena a tutti !!!