Archivi tag: more di gelso

Mini Strudel alle Pesche, More di Gelso e bacche di Goji: lontano dalla tempesta

In questi ultimi mesi come ben sapete, tante cose sono cambiate a bordo: la ciurma si è allargata e un nuovo membro è entrato in famiglia, la nonna! Gli equilibri familiari, dopo un periodo di duro rodaggio, si sono finalmente ristabiliti e con il timone stretto tra le mani, la nave ha ricominciato a navigare in acque meno tormentate. Siamo alla ricerca di un mare più calmo e di allontanarci più possibile dalla tempesta che ci ha travolto, ritrovando serenità e pace. Non posso negare di averne risentito più di tutti, sia fisicamente che mentalmente. Per ritrovare pace fuori e dentro ho dovuto obbligatoriamente trascurare qualcosa e qualcuno e questo non è stato facile.  Ma ci sono momenti delle vita dove, per il bene proprio e dei propri cari, bisogna fare delle scelte, che piacciono oppure no… e io ho scelto nuovamente loro, la mia ciurma perché sono gli unici che possono farmi tornare il capitano di prima. Anche entrare qui, nel mio piccolo spazio che amo tanto, dove condivido con voi le mie passioni era  diventato pesante, quasi un obbligo. QUESTO NON  MI PIACE, perché io qui voglio solo trovare serenità : non voglio fama, non voglio gelosie, nessuna gara e nessuna competizione… non è la mia vita, la mia vita è fuori di qui! Non pensate che io voglia chiudere il blog, io amo questo mio spazio, ma di certo vivrò tutto in maniera diversa, come il ritrovare il mio amore per la cucina che in questi ultimi tempi era diventato quasi un peso il mettermi ai fornelli. Insomma…il capitano, ora che la ciurma è di nuovo imbarcata e segue correnti calde e tranquille, deve ritrovare se stessa! Già settimana scorsa vi avevo postato una ricetta mia, un dolcetto semplice e sano, veloce e  leggero: le tortine con le pesche appena raccolte. Si, quella sono io, quella è la mia cucina, come la ricetta di oggi: dei mini strudel alle Pesche, more di Gelso e bacche di Goji che in questo ultimo periodo io e Greta abbiamo preparato spesso e che piacciono tanto alla nonna. Un dolcetto velocissimo, gustoso, con frutta di stagione e facilissimo! Naturalmente è la mia versione senza glutine, ma basta cambiare sfoglia!  Sentivo il bisogno di condividere con voi questo mio particolare momento e ringrazio tanti di voi che mi sono stati accanto nonostante ci conoscessimo solo virtualmente: il mondo non è poi così brutto!  Un abbraccio di gruppo a tutti voi dalla ciurma!

Ingredienti:

1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare (io senza glutine Schar)
2 Pesche noci
2 cucchiai di bacche di Goji
3 cucchiai di more di Gelso
1 cucchiaio di zucchero di canna integrale
1/2 bicchiere di Vin Santo
menta fresca
1 uovo

20160606_203255

20160606_195621Pulite le pesche, sbucciatele, tagliatele a pezzetti e mettetele in una padella con le bacche di goji, le more di Gelso e lo zucchero. Fate caramellare per qualche minuto, unite il vin santo, fate evaporare e assorbire il liquido, aggiungete la menta e poi spegnete. Fate raffreddare.20160606_195803 Srotolate la pasta sfoglia, dividetela in quattro rettangoli e farcite ognuno con il ripieno. Chiudete ogni rettangolo a modo strudel, sigillate bene (altrimenti vi si apriranno come è successo a noi) bucherellate la superfice e praticate dei leggeri taglietti (Greta ha un po’ esagerato, ma la perfezione non fa parte della mia cucina). 20160606_200413 Sbattete l’uovo e spennellate bene tutta la superficie. Infornate a 180° per 10/15 minuti circa. Sfornate, fate raffreddare e gustate! Ottimi tiepidi ma anche freddi, specialmente se li accompagnate da un buon thè freddo!

20160606_203201

20160606_203349

20160606_203416

Cheesecake alle more di gelso: un raccolto meraviglioso e la mia principessa ai fornelli

20160610_110019I meravigliosi campi dietro casa, immersi nella campagna, sono pieni di alberi di gelso e anche quest’anno ci siamo buttate nella raccolta, godendo di qualche pomeriggio di sole (perchè qui al nord l’estate tarda ad arrivare) e abbiamo riempito un immenso cesto. Per la piccola Greta è stata la prima volta e sono state più le bacche che ha mangiato che quelle che ha raccolto: non posso dimenticarmi i suoi baffetti viola! Ci siamo divertite e tanto e non c’è niente di meglio che passare con i bambini del tempo insieme in mezzo alla natura: fa bene a noi e fa bene a loro, corpo e anima rigenerati! 20160610_110037Le more di gelso sono frutti antichi: la pianta ormai non più molto diffusa come un tempo a causa della diminuzione del suo utilizzo per l’allevamento dei bachi da seta, è stata importata in Europa intorno al 1500. A scoprirla in Oriente fu Marco Polo che fra le tante meraviglie, narrò anche di questa pianta nei suoi diari di viaggio. E non dimentichiamoci  le ciitazione letteraria nel libro di Ovidio, “Le metamorfosi”: una leggenda spiega il perchè della differenza fra le more bianche e quelle nere: due giovani ragazzi babilonesi, Priamo e Tisbe, si amano contro il volere delle loro famiglie. Con il sangue delle loro morte prematura per amore colorarono le more bianche facendole diventare rosso intenso. Le more di gelso maturano e si raccolgono fra Luglio e Settembre, sono costituite dall’85% di acqua, sono ricche di fibre e zuccheri (fruttosio e glucosio) e per questo prolungano il senso di sazietà e sono ottimi per regolare la sudorazione. Come tutti i frutti di bosco anche le more di gelso sono ricche di resveratrolo, un potente antiossidante. 20160610_113921Le more di gelso sono, inoltre, ricche anche di vitamina C, rinfrescano, tonificano e depurano l’organismo, perchè contengono amminoacidi, rame, magnesio, zinco, potassio, acido folico e vitamine del gruppo B, C ed A.  Sfruttare al meglio le loro potenzialità di reintegratori è molto semplice: si può mangiarli crudi come si fa con le more, gustarli come ghiaccioli, farne uno sciroppo da aggiungere alle granite o ai dolci, preparare una marmellata, o farne un dessert speciale come la granita tipica siciliana. Di quel immenso cestino metà le abbiamo gustate nella loro totale semplicità “Mamma sono troppo buone”, continuava a dire Greta. Con quelle rimaste ho aiutato Serena nella preparazione di un  dolce estivo che alla mia grande principessa piace molto: la Cheesecake. Una versione molto leggera, senza cottura, con una mousse di yogurt magro e panna senza lattosio e una base di biscotti secchi senza glutine, fresca  e golosa, semplice e veloce. L’aroma della vaniglia e il gusto della salsa di more di gelso rende questo dolce unico!
E adesso non mi resta che lasciarvi la ricetta!

Per la base:
300gr di biscotti multicerele Nutrifree (senza glutine senza lattosio senza soia senza olio di palma)
130gr di Burro senza lattosio

Per la mousse:
500gr di Yogurt magro senza lattosio
300ml di panna senza lattosio
200 g di zucchero a velo
50ml di latte di riso
12 g di gelatina in fogli
1 stecca di vaniglia

Per la salsa:
200gr di more di gelso
50gr di zucchero di canna
1/2 limone succo
un cucchiaino di pectina
acqua necessaria a sciogliere la pectina

Sciogliete il burro a bagnomaria e lasciatelo intiepidire. Frullate grossolanamente i biscotti e versateli in una ciotola, aggiungete il burro raffreddato e amalgamate il tutto. Foderate una terrina con carta da forno e versate l’impasto di biscotti e pressando bene con la mano di modo da ottenere una base. Mettete in frigorifero a raffreddare.
Riscaldate il latte con la stecca di vaniglia. In un’altra ciotola montate la panna con lo zucchero a velo. Una volta pronta unite lo Yogurt mescolando con molta delicatezza per far sì che la panna non si smonti. Aggiungete poi il latte alla vaniglia dove precedentemente avrete fatto sciogliere la gelatina. Versate sulla base di biscotti e riponete in frigorifero per almeno due ore.
Per la salsa alle more di gelso: lavate bene i frutti, privateli del picciolo e del filetto interno, frullateli insieme allo zucchero e al succo di ½ limone. Versate in un pentolino a fuoco lento e unite la pectina sciolta in un poco di acqua. Fate cuocere sino a quando non inizia ad avere una buona consistenza. Riprendete lo stampo, versate sopra la mousse la salsa e riponete nuovamente in frigorifero sino al consumo.

20160618_193530

La forma non è perfetta, ma Serena è stata bravissima, ha praticamente fatto tutto da sola!!!

20160618_193610

20160618_193547