Archivi tag: Italian cuisine

Polpettine di tacchino all’Arancia con insalatina invernale

Dopo la mega merenda di oggi che io e le piccole ci siamo concesse  (cioccolata calda con panna e biscottoni al cocco), per restare nel tema del mese, questa sera a cena ho ben pensato di preparare qualcosa di leggero ma molto saporito: polpettine di tacchino all’arancia!

Ingredenti:

400gr macinata di tacchino
qualche rametto di timo
1/2 cucchiaino di curcuma
sale e pepe q.b.
2 finocchi
1 radicchio
2 arance
noci
semi di zucca

IMG_4911

In una capiente ciotola mettete la carne macinata con le spezie e il timo. Lavorate il tutto con le mani leggermente unte e formate delle piccole polpettine. Mettetele in un largo tegame con un goccio di olio e fatele rosolare.

IMG_4912

Sfumate il tutto con il succo di un’arancia, coprite e lasciate cuocere per 15minuti a fuoco medio-basso facendo assorbire tutto il succo alle polpette.

IMG_4913

Una volta assorbito il succo togliete il coperchio e fate dorare le polpette.

Preparare nel frattempo  l’insalata: lavate e tagliate i finocchi e il radicchio, aprite le noci e pulite a vivo l’arancia. Raccogliete in un bicchierino il succo dell’arancia rimasta, unite olio e sale e preparate una emulsione con cui condirete l’insalata subito prima di servirla a tavola.

IMG_4915

In una ciotola raccogliete tutte le verdure tagliate, disponete sopra le fettine di arancia con noci e semi di zucca e portate in tavola insieme alle polpettine calde servite con pomodoro e qualche fettina di arancia.

IMG_4918

IMG_4921

Visto che l’insalata  non è un contorno molto apprezzato dalle mie bimbe e non amo obbligarle a mangiare “di forza” qualcosa che a loro non va, (semplicemente perché penso che le porterei ad odiare quel cibo per sempre), gli ho preparato un buon purè caldo che vedrete postato nel prossimo articolo!

Buona cena a tutti !!!

 

La Patata

La prima Verdura di cui voglio parlarvi è la regina della cucina: LA PATATA!

Originaria delle regioni delle Ande, nell’America centro-meridionale, pare che sia stata portata in Europa da esploratori inglesi, spagnoli e italiani verso la fine del XVI secolo, ma è merito degli Inglesi aver diffuso la coltivazione. In Italia solo nei primi decenni dell’Ottocento la coltura della patata cominciò a diffondersi, a partire dal Piemonte e oggi è uno degli ortaggi più diffusi di cui ormai non potremmo più farne a meno.

In cucina è tra gli ortaggi più versatili: piace a tutti in qualsiasi modo venga preparata (fritta, al forno, lessata, saltata e ….); la cosa importante è scegliere quella giusta per la perfetta riuscita del piatto.

In linea generale è possibile fare una prima selezione in base al colore della buccia (gialla o rossa) e quella della pasta (dal bianco al giallo carico): i tuberi gialli a pasta gialla sono indicati un po’ per tutte le preparazioni; quelli gialli a pasta bianca per purè e dolci; e quelli rossi a pasta gialla per fritto e gnocchi.

Al di là del colore il criterio fondamentale per scegliere al meglio è quello della consistenza e della farinosità della pasta: patate a polpa soda (fritte, al cartoccio, al vapore, per gli gnocchi) e patate abbastanza farinose (purè, gattò, timballi).

Diciamo che oggi al supermercato troviamo già sulla confezione l’indicazione per l’uso migliore, ma per chi di voi ama ancora andare al mercato a fare la spesa questi piccoli consigli possono esservi utili e comunque non dimenticatevi mai di chiedere al vostro ortolano di fiducia!