Archivi tag: Gnocchi

Gnocchi di barbabietole: un gioco da ragazzi!

Come ben sapete non amo molto preparare la pasta fresca in casa, ora più che mai vista la mia intolleranza al glutine. Mia suocera, cuoca in pensione, ci vizia ancora con i suoi vassoi pronti almeno una volta alla settimana: tagliatelle, tortelli, ravioli e tanto altro (che io tristemente non posso più mangiare). Una cosa però ha iniziato a piacermi, e molto … preparare gli gnocchi! Oltretutto è un piatto che riesce a consumare chi è intollerante come me, visto che la dose di farina è minima e può essere sostituita tranquillamente da quella senza glutine. Eh si, dopo quelli di ceci e quelli di spinaci, mi sono sbizzarrita anche in quelli di barbabietole, verdura ostile in cucina. Non pensavo, ma è stato un gioco da ragazzi! Facilissimi da fare, belli da vedere e buonissimi da mangiare! Serena e Greta mi hanno aiutato, divertite entrambe nel vedere queste palline rosa che si formano sul tagliere, per passare sul vassoio, essere tuffate in acqua bollente e finire nei loro piatti. Tutto questo in 40 minuti! Un piatto che mai avrei pensato di preparare, ma che ci ha dato enormi soddisfazioni, tanto che ne ho preparati ancora il giorno dopo e fatto i sacchettini da congelare per le occasioni “last-minute” come dico io. Ho preparato un impasto semplicissimo, con barbabietole e farina di riso, ho legato con 1 uovo e aromatizzato con il mio adorato pepe di jamaica, quello che ho usato per la marmellata di albicocche (trovate qui la ricetta). Per la prima volta ho optato per un condimento semplice come un sugo di pomodoro e basilico, ma secondo la ciurma, anche con del gorgonzola o del taleggio farebbero un figurone. Così, senza rendermene conto, la ciurma ha mangiato ancora una volta la barbabietola e con estremo entusiasmo. Nuovi alimenti e nuove ricette entrano nella mia cucina, nuovi piatti vengono portati in tavola per continuare la nostra Favola!

Ingredienti:

400gr di barbabietole cotte al forno
1 uovo
100gr di parmigiano grattugiato
500gr di farina di riso
100gr di parmigiano
pepe di jamaica q.b.
salsa di pomodoro fatta in casa oppure passata già pronta
aglio
basilico
olio evo q.b.
sale q.b.

Io ho usato una salsa di pomodoro che avevo preparato i giorni scorsi, facendo semplicemente scottare dei pomodori incisi in acqua, sbucciati e frullati. Mettete la salsa in un tegame con un filo di olio evo, lo spiccio d’aglio in camicia, qualche foglia di basilico e salate. Fate insaporire qualche minuto, togliete l’aglio e spegnete la fiamma.
Prendete le barbabietole, sbucciatele dalla pelle esterna e passatele nello schiacciapatate. Versate in una ciotola e unite metà farina e l’uovo iniziando ad impastare. Unite il formaggio, una spolverata di pepe di Jamaica e piano piano la restante farina sino a quando non avrete ottenuto un composto morbido e liscio. La dose di farina varia naturalmente se usate quella normale, quindi vi consiglio di unirla graduatamente. Riporre il composto in frigorifero per 10 minuti.

20140812_112826

Riprendetelo, formate dei serpentelli e con l’aiuto di un coltellino tagliate gli gnocchetti, disponete su un vassoio infarinato. Mettete l’acqua sul fuoco, salate quando bolle e versate gli gnocchi che scolerete come sempre quando tornano a galla.

20140812_190929

Versateli nel tegame del sugo, fate saltare brevemente e servite in tavola!

20140812_191216

Gnocchetti di Spinaci al sugo di pomodoro e basilico: il piatto perfetto per ogni stagione

I pomodorini dell’orto del suocero sono già pronti, dolci e perfetti per un buon sugo con tanto basilico fresco: il condimento perfetto per ogni primo piatto! Purtroppo in questo periodo non sta molto bene … così, con la scusa che la scuola è finita, andiamo più spesso a trovarlo: le bimbe cercano di risollevargli un po’ l’umore. Come sempre mia suocere ci vizia e ci prepara il solito vassoio di pasta fresca da portare a casa: questa volta dei magnifici gnocchetti di spinaci! Gli gnocchi… buoni in ogni stagione e veloci da preparare.
Mi sono fatta dare le dosi … il sugo è pronto … eccovi questa semplicissima ricetta di una bontà unica!

Ingredienti per 4 persone:

100gr di farina
500gr di spinaci
500gr di patate
sale q.b.

300gr di pomodorini
20 foglie di basilico fresco
olio evo
sale q.b.
parmigiano reggiano

Mondate gli spinaci e fateli lessare in poca acqua salata. In un’altra pentola fate cuocere le patate mettendole a lessare con la buccia per 30-40 minuti. A cottura ultimata, scolate gli spinaci, strizzateli bene e metteteli su un tagliere e tritateli con un coltello. Quando le patata sono cotte, lasciatele raffreddare per qualche minuto e sbucciatele. Schiacciatele con uno schiacciapatate e disponete la purea ottenuta su un piano infarinato, unite gli spinaci tritati e amalgamate tutti gli ingredienti, aggiungendo la farina fino ad ottenere un impasto compatto. Dividete l’impasto e formate dei filoni che taglierete a tocchetti con un coltello.

20140609_122337

In un tegame con tre cucchiai di olio evo fate cuocere i pomodorini per 20 minuti, la buccia deve ammorbidirsi e i pomodorini spezzarsi. Unite il basilico e fate insaporire il tutto. Spegnete il fuoco e con l’aiuto di un mixer frullate il sugo, aggiustate di sale e rimettete sul fuoco.

20140609_122105

Lessate gli gnocchetti in acqua salata e quando vengono a galla scolateli e trasferiteli nel tegame del sugo. Fate saltare e amalgamare il tutto, servite con una spolverata di parmigiano questo meraviglioso e perfetto piatto!

20140609_122857

La ciurma adora questo piatto e questo tipo di pasta è un modo per far mangiare gli ostili spinaci a tutti i bambini!

20140609_123321

Consiglio: mia suocera mi ha sempre detto di non lavorare troppo l’impasto degli gnocchi, altrimenti diventano duri. Di solito, quando io li preparo, non lesso gli spinaci ma li faccio saltare in padella… a voi la scelta!

Idea salvavanzi: questi gnocchetti sono favolosi anche messi in una pirofila con qualche pezzetto di mozzarella, spolverizzati con tantissimo parmigiano e fatti gratinare in forno a 200° sino a quando sopra non si è formata la classica crosticina.

Gnocchetti con crema di ricotta al limone

Il piatto tradizionale del giovedì, secondo il detto, sono gli Gnocchi! Difficile restare indifferenti davanti a un piatto di gnocchi fumanti: nutrono e appagano, sono economici e digeribili, si cuociono in un attimo e acquistano cento sapori diversi, basta condirli con sapienza.
Se fosse per Serena, dovrei portare in tavola gli gnocchi ogni giorno, comprensibile il suo amore per questo piatto poiché ci è praticamente cresciuta. Quando sono rientrata dal lavoro dopo la sua maternità, Serena andava in un nido solo la mattina ed erano i miei suoceri che la prendevano e la tenevano con loro per pranzo sino al mio rientro poco dopo. Come vi avevo già detto in qualche articolo fa, mia suocera è la Signora della pasta fatta in casa: ogni giorno regolarmente lei la prepara, dagli gnocchi agli spaghetti, dalle lasagne alle tagliatelle, insomma … tutto fatto ancora come una volta, spianatoia e mattarello! Vederla è una cosa che mi affascina sempre molto, sembra di tornare un po’ indietro nel tempo, alle radici della Vera cucina. Quindi almeno tre volte la settimana Serena mangiava gnocchi o chicche della nonna. L’unico problema erano i condimenti: decisamente troppo “grassi”. Qui sono subentrata io, sia per il bene della bimba che per i miei suoceri e ho portato un po’ di modernità e leggerezza nella cucina della nonna Teresa: sughi e condimenti sicuramente più semplici, meno soffritti e limitare al minimo il burro. Avendo a disposizione le primizie dell’orto di mio suocero tutto è stato più facile per lei e i risultati si sono visti: colesterolo nella norma!
Io stasera ho deciso di portare in tavola gli gnocchi in formato mini, conditi con una crema delicata e squisita, leggera e semplice, gustosa e raffinata, insomma … una Favola! Ecco la mia ricetta!

Ingredienti:

600gr di gnocchetti
1 carota
200gr di ricotta magra
1 limone bio buccia e succo
Olio evo
Sale e pepe

In un pentolino mettete a lessare la carota tagliata a rondelle fini così che cuocia in breve tempo. Non buttate l’acqua di cottura ma tenetele per lessare gli gnocchetti in modo da non perdere le proprietà e le vitamine della carota.

IMG_7687

Scolate la carota e mettetela in un bicchiere da mixer con un cucchiaio di olio evo e frullate. Aggiungete la ricotta, il succo di mezzo limone, la buccia grattugiata del limone e frullate tutto. Aggiustate di sale e pepe e lasciate riposare.

IMG_7688 IMG_7689 IMG_7690
Lessate gli gnocchetti, scolateli al dente e fateli saltare con la crema di ricotta al limone brevemente.
Servite ancora fumanti e addentate questi piccoli bocconcini che come caramelle vi si scioglieranno in bocca, irresistibili e suadenti.

IMG_7700

Gnocchetti di ceci con scampi e carciofi

Adoro il pesce, crudo in particolare, i crostacei e ogni genere di alimento proveniente dal mare! Quando trovo del buon pesce fresco, non esito a comprarlo e a portarlo in tavola. Così quando ho visto questi magnifici scampi, il primo pensiero è stato di preparare una deliziosa ricettina per stasera.
La carne degli scampi è molto pregiata, dal gusto delicato, morbido e gustoso per questo il prezzo è molto elevato. Il periodo migliore per comprarli fresco è quello invernale, ma se volete gustarli sempre lì trovate tutto l’anno surgelati. Sono molto nutrienti, ricchissimi di fosforo e calcio, hanno un ridotto contenuto di grassi e carboidrati ma hanno un elevato tasso di colesterolo proprio come i gamberi.
Vanno cucinati pochissimo e possibilmente interi per non disperdere il loro sapore unico.
Come cucinarli, in una sana ricetta, per farli mangiare alle bambine?
Così ho pensato di preparare degli gnocchetti con un impasto insolito e un condimento di carciofi, creando un piatto che abbina mare e terra!

Vi presento la mia ricetta.

Ingredienti:

450gr di ceci lessati
50gr di farina integrale + q.b. per la spianatoia
6 scampi freschi (o surgelati)
3 carciofi
Prezzemolo
Sale
Olio evo

Preparate gli gnocchetti frullando i ceci lessati e riducendoli a crema.

IMG_6931 IMG_6934
Aggiungete la farina, un pizzico di sale e mescolate bene il composto sino alla consistenza necessaria.

IMG_6936
Infarinate una spianatoia e realizzate con un po’ d’impasto dei cilindri che taglierete ogni 2-3 cm o alla misura che a voi più piace.

IMG_6940 IMG_6941
Mettete gli gnocchetti così ottenuti su un vassoio sempre infarinato e mano a mano poneteli in frigorifero per fare in modo che si mantengano sodi. Vi consiglio di prepararli almeno qualche ora prima.

Sgusciate e private tre scampi della testa, che userete per un brodetto: in un pentolino mettiamo le teste, l’acqua e facciamo andare.

IMG_6987
Puliamo i carciofi e tagliamoli a fettine sottili, compreso il gambo. Trasferiamoli in una ciotola con del limone in modo che non anneriscano. Per evitare di pulire i carciofi e perdere tempo, potete tranquillamente usare una confezione di quelli surgelati pronti all’uso.

IMG_6985
Rosolate i carciofi in una padella con dell’olio e piano piano aggiungete il brodetto di pesce, salate e alla fine aggiungete gli scampi interi e le code a pezzetti di quelli senza la testa.

IMG_6986 IMG_6988

IMG_6991
Cuocete gli gnocchetti in acqua calda salata e quando vengono a galla, scolateli velocemente. Essendo più delicati dei classici gnocchi di patate, vi consiglio di utilizzare la schiumarola. Trasferiteli nel tegame del condimento e fate insaporire il tutto, unendo del prezzemolo.

IMG_6994
Servite in tavola e gustatevi quest’ottimo piatto!

IMG_6996

La ciurma in casa ha mangiato tutto con gusto e gli gnocchetti sono stati molto apprezzati! Un pizzico di peperoncino avrebbe dato quel tocco in più al piatto, ma se avete bimbi piccoli come la mia Greta è meglio non utilizzarlo, vi assicuro che è ugualmente buonissimo!

Le chicche di nonna Teresa al ragù di verdure

Questa buonissima ricetta non è tutta farina del mio sacco: la pasta fresca in generale non è una cosa che amo fare, infatti, le rare volte è opera di mio marito aiutato da Serena, forse perché onestamente non mi piace molto, e avendo chi me la prepara non mi pongo neanche il problema di farla. La mia fortuna è avere una suocera cuoca. Anche se in pensione prepara la pasta fatta in casa almeno 5 volte la settimana: tagliatelle, tortelli, ravioli, panzerotti, cannelloni, insomma di tutto e di più e anche i preferiti in casa nostra GNOCCHI E CHICCHE. Mia figlia Serena ne mangia due piattoni e onestamente non so dove li mette! Le chicche che vedrete nella ricetta di oggi sono opera sua, ecco da qui il nome del piatto.

Ingredienti per le chicche:
1 kg di patate
300gr farina
1 uovo
50gr parmigiano grattugiato
Noce moscata
Sale

per il ragù:
100gr polpa di zucca
1 zucchina
½ cipolla
250gr lenticchie in barattolo
2 foglie salvia
1 rametto rosmarino
1 foglia alloro
2 cucchiai di pangrattato
Olio evo
Sale e pepe q.b.

Per le chicche lessate le patate per circa mezz’ora dall’ebollizione. Scolatele, sbucciatele e passatele allo schiacciapatate su una spianatoia infarinata. Aggiungete al passato metà farina setacciata, il parmigiano, pizzico di sale e formate una fontana, dove al centro unirete l’uovo e una grattugiata di noce moscata. Iniziate a lavorare il tutto aggiungendo man mano altra farina. Il composto deve risultare morbido ma con una buona consistenza. Dividete l’impasto formando dei cilindretti che taglierete a tocchetti di circa 1 cm e ½. Scaldate l’acqua per la cottura delle chicche.

IMG_5170

Preparate il ragù facendo scaldare in una padella due cucchiai d’olio, aggiungete la cipolla tritata con la salvia, la foglia di alloro, la zucca e la zucchina a cubetti e cuocete per 5 minuti.
IMG_5160

Eliminate l’alloro e unite le lenticchie scolate e sciacquate dal liquido di conservazione, versate un bicchiere di acqua calda, salate, coprite e cuocete per altri 10min.

IMG_5161 IMG_5164

Nel frattempo in un tegamino scaldate un cucchiaio di olio con il rametto di rosmarino, dopo un paio di minuti eliminatelo e aggiungete il pangrattato facendolo dorare.

IMG_5166 IMG_5169

Tuffate le chicche in acqua salata e appena a galla scolatele e passatele nella padella delle verdure, fatele saltare stando attenti a non sfaldarle, cospargetele di pangrattato e mescolate.

IMG_5171 IMG_5172

Servite subito a tavola ben calde.

Io personalmente essendoci già il pangrattato non aggiungo formaggio grattugiato ma lo porto a tavola ugualmente perché le mie bimbe invece amano metterlo sulle chicche della nonna!

La Patata

La prima Verdura di cui voglio parlarvi è la regina della cucina: LA PATATA!

Originaria delle regioni delle Ande, nell’America centro-meridionale, pare che sia stata portata in Europa da esploratori inglesi, spagnoli e italiani verso la fine del XVI secolo, ma è merito degli Inglesi aver diffuso la coltivazione. In Italia solo nei primi decenni dell’Ottocento la coltura della patata cominciò a diffondersi, a partire dal Piemonte e oggi è uno degli ortaggi più diffusi di cui ormai non potremmo più farne a meno.

In cucina è tra gli ortaggi più versatili: piace a tutti in qualsiasi modo venga preparata (fritta, al forno, lessata, saltata e ….); la cosa importante è scegliere quella giusta per la perfetta riuscita del piatto.

In linea generale è possibile fare una prima selezione in base al colore della buccia (gialla o rossa) e quella della pasta (dal bianco al giallo carico): i tuberi gialli a pasta gialla sono indicati un po’ per tutte le preparazioni; quelli gialli a pasta bianca per purè e dolci; e quelli rossi a pasta gialla per fritto e gnocchi.

Al di là del colore il criterio fondamentale per scegliere al meglio è quello della consistenza e della farinosità della pasta: patate a polpa soda (fritte, al cartoccio, al vapore, per gli gnocchi) e patate abbastanza farinose (purè, gattò, timballi).

Diciamo che oggi al supermercato troviamo già sulla confezione l’indicazione per l’uso migliore, ma per chi di voi ama ancora andare al mercato a fare la spesa questi piccoli consigli possono esservi utili e comunque non dimenticatevi mai di chiedere al vostro ortolano di fiducia!