Archivi tag: fagiolini

Bucatini con fagiolini al pomodoro e cacioricotta: 6 tappa …. Puglia!

$_35Il meraviglioso Contest #girodeiprimi indetto da Pasta di Canossa e La Melagrana Food  per questa 6° tappa ci porta in una splendida regione del Sud Italia: La Puglia. Il tacco dello Stivale, è una regione incantevole, una striscia di terra che si allunga nel mare con spiagge meravigliose e per tutti i gusti e con paesaggi mozzafiato nella parte interna. Questa regione è davvero una terra al plurale, un luogo che cela anime diverse, sospese tra natura, storia, tradizione, gusto e spiritualità. La Puglia offre un ampio ventaglio di luoghi che raccontano le antichi origini di questa terra: dalla preistoria alla Magna Grecia, dall’età imperiale al Rinascimento, ai fasti del barocco di Lecce e del Salento. untitled (76) I trulli offrono una suggestiva testimonianza del passato rurale della regione mentre numerosi castelli impreziosiscono le coste del Sud, in ricordo di un tempo in cui merci e pericoli arrivavano dal mare. Che dire della cucina pugliese? Una tradizione gastronomica da fare invidia: il menù pugliese è semplice e sostanzioso ed è basato sulla combinazione di elementi genuini, come pasta, pesce, formaggi, olio e verdura. I piatti soddisfano ogni tipo di palato anche per chi segue una dieta vegana e vegetariana. Insomma una cucina semplice e genuina  con sapori unici ed incontaminati. Se vi sono dei piatti comuni, le ricette variano da provincia a provincia, e talvolta, da città a città, così per esempio le ricette tipiche delle province di Bari, Brindisi e Taranto, adagiate sul mare, non sono uguali a quelle praticate nella  provincia di Foggia, più collinosa, e di Lecce, più terragna.  Tante sono le ricette che presenta questa cucina, che ha poi una particolarità che la distingue dalle altre, di offrire piatti diversi in relazione alle diverse stagioni: durante le stagioni più miti, cioè in primavera e in estate, viene data preferenza alle verdure e al pesce, mentre nelle altre predominano i legumi, la pasta fatta in casa condita con vari sughi. bp75md-mix%20di%20formaggi%202I piatti più tipici sono quelli delle Orecchiette al ragù di carne di cavallo” e le Orecchiette con le cime di rapa”, la “cicoria con la purea di fave”, e quelle che ricollegano il territorio al Mediterraneo, come i “Cavatelli con le cozze” o il riso al forno alla barese chiamato pure patate, riso e cozze. Non dimentichiamoci anche i formaggi Pugliesi, alimenti versatili e gustosi. In passato erano utilizzati come merce di scambio tra i pastori che abitavano numerosi le campagne e i pescatori che vivevano asserragliati, a causa degli assalti dei pirati, in poche cittadelle fortificate sul mare. La ricotta di pecora, la giuncata, la stracciatella, la ricotta forte, il pecorino e il cacioricotta sono i formaggi più conosciuti ed apprezzati della regione.   Nella bella stagione i banchi di frutta e verdura pugliesi si arricchiscono di preziosi prodotti locali di stagione come i fagiolini verdi freschi, verdura ricca di vitamine e proteine: i fagiolini hanno numerose proprietà nutrizionali salutari, sono a basso contenuto calorico e sono teneri e gustosi, tanto da essere tra le verdure più amate anche dai bambini. In Puglia si usano per preparare un sughetto, a base di pomodoro fresco che viene utilizzato per condire la pasta; il piatto “tricolore” si completa solitamente con una spolverata di ricotta marzotica o, per un sapore più deciso con la ricotta forte detta “scuanta”, o ancora con il cacioricotta, formaggio tipico stagionato dal sapore delicato e gradevole ottenuto da latte ovino, caprino o misto, utilizzato come formaggio da grattugia per il condimento di piatti tradizionali come quello che vi propongo oggi! Per questa tappa in Puglia l’abbinamento prevede l’uso dei BUCATINI di Pasta di Canossa: un prodotto straordinario a km zero! Una pasta interamente trafilata a bronzo, lavorata a lenta essicazione e il prodotto finale è una pasta che sa accogliere e raccogliere bene il condimento con cui viene abbinata. Che dite di scendere in cambusa e preparare questo buonissimo Primo piatto ?

Ingredienti per 4 persone:

400gr di fagiolini
320gr di Bucatini Pasta di Canossa
600gr di pelati
1 cipolla rossa dell’orto
olio evo q.b.
sale e pepe q.b.
cacioricotta q.b.

20160725_164958

Pulite i fagiolini, spuntateli eliminando le estremità, lessateli per 5 minuti e poi scolateli bene. Pulite la cipolla, tagliatela finemente e mettetela a rosolare a fuoco basso in un largo tegame. Unite i fagiolini lessati, mescolate, fate insaporire il tutto e aggiungete i pelati. Con l’aiuto di una forchetta schiacciateli bene, aggiustate di sale e pepe e lasciate cuocere per una decina di minuti: i sapori si devono ben amalgamare e il sugo si deve restringere. Cuocete i bucatini, scolateli al dente e versateli nel tegame del sughetto facendo si che raccolgano bene il condimento. Spolverate con una generosa grattugiata di cacioricotta e pepe, mescolate il tutto e servite ancora con formaggio.

20160725_194435

20160725_194426

20160725_194448

Con questa ricetta partecipo al contest #girodeiprimi di La Melagrana Food e Pasta di Canossa

13015204_10209140493170571_2249955182184067451_n

 

Fagiolini al pomodoro: più gusto

I fagiolini sono dei legumi appartenenti alla famiglia delle Fabaceae. Hanno proprietà nutrizionali differente dai più comuni legumi: l’apporto calorico è inferiore, solo 18kcal per 100gr; pochissime proteine come una bassissima percentuale di grassi; il colesterolo e carboidrati praticamente assente, il resto è acqua. fagiolinoA differenza contengono un’elevatissima quantità di potassio, calcio, fosforo e ferro e ottime qualità di vitamina A, C e K. Inoltre  sono una buona fonte di acido folico e di vitamine del gruppo B.  Svariati sono i motivi per portare in tavola questo buonissimo ortaggio:
– stimolano il transito intestinale
– contrastano ritenzione idrica
– proteggono dai radicali liberi
– rinforzano sistema immunitario
– hanno un basso indice glicemico
– alleviano i sintomi di gastrite e reflusso
– prevengono osteroporosi

Per mia fortuna la ciurma adora i fagiolini: la piccola Greta li mangia così, anche semplicemente lessati e conditi in insalata. Perché non provare a prepararli dando un gusto in più? renderli ancora più saporiti? Ecco allora un ottimo contorno, come sempre facile e veloce da preparare, che renderà i fagiolini molto più gustosi e perfetti per accompagnare qualsiasi secondo piatto: basta aggiungere del buon pomodoro come la Polpa Più Cirio, ricca e corposa, dal profumo intenso del pomodoro fresco, qualche erba aromatica e via il gioco è fatto!

Ingredienti:

600gr di fagiolini
1 lattina di Polpa Più Cirio da 400gr
1 spicchio d’aglio
1 rametto di timo
1 rametto di rosmarino
olio evo q.b.
sale e pepe q.b.

Pulite i fagiolini, lavateli e lessateli in acqua salata. Scolateli al dente e fateli raffreddare. In un largo tegame fate soffriggere con due cucchiai di olio lo spicchio d’aglio schiacciato insieme alle erbe. Aggiungete i fagiolini, la salsa di pomodoro, aggiustate di sale e pepe e fate cuocere per 10/15 minuti.

20160511_120053

Un profumo meraviglioso vi travolgerà. Non vi resta che spegnere e portare in tavola!

20160511_183746

Se volete altre idee per portare in tavola i fagiolini eccole qui: Quiche di Fagiolini, Torta salata di fagiolini, Strudel, Fagiolini e patate.

Quiche con fagiolini, porri e finocchi senza glutine: tempo!

“Tempo comunque vadano le cose lui passa
e se ne frega se qualcuno in ritardo
puoi chiamarlo bastardo ma intanto già andato
e fino adesso niente lo ha mai fermato
e tutt’al più forse lo hai misurato
con i tuoi orologi di ogni marca e modello
ma tanto il tempo resta sempre lui quello
l’unica cosa che ci data di fare
avere il tempo da poter organizzare…
…Tempo,quando stai bene lui va via come un lampo
quando ti annoi un attimo sembra eterno
il paradiso può diventare inferno
tempo, ti frego e con il ritmo ti catturo
e ti chiudo in una ritmica di aspetto molto duro
e ti organizzo in battute in quattro quarti
allora non avrai tempo di liberarti
e con le gambe muovo anche il cervello
e allora il tempo sarà mio fratello
e come lui mi darà sempre una mano
mi darà tempo per andare lontano
e come Ulisse cercherò di ritrovare
quella mia isola ma intanto viaggiare
sarà piacevole, sarà indispensabile
anche se l’isola sarà irraggiungibile…”
(Jovanotti – Non m’annoio)

In questi ultimi tempi quello che ci manca di più è proprio il TEMPO: tempo di fare una tranquilla colazione tutti insieme, tempo per una passeggiata, tempo per giocare, tempo per raccontarsi… semplicemente … tempo! Un periodo frenetico, sveglia la mattina, di corsa a scuola e poi all’asilo, divisi tra lavoro e l’impegno della suocera; spesso si salta il pranzo (lo so …non si fa, ma ci sono giorni che non riesco) e poi di corsa a recuperare le bimbe e in un lampo, tra compiti e studio arriva sera. Tutto normale vero? lo so.. si aspettava il week end per “stare insieme” ma purtroppo neanche il fine settimana in questo ultimo periodo ci “regala” tempo da dedicare a noi… che fare? Bisogna trovarlo questo benedetto tempo, non solo per me ma anche per la mia ciurma! E allora riorganizziamo tutto, respiriamo a fondo, allontaniamo lo stress più possibile e cerchiamo di vivere questa Vita in modo più sereno e tranquillo … vero CAPITANO? Ho un carattere troppo ansioso, vivo tutto con troppa frenesia e questo non mi aiuta, specialmente in questo nuovo periodo della nostra vita. DEVO ASSOLUTAMENTE rallentare e imparare a dare delle priorità. E allora eccoci qui, lasciamo andare le cose come devono andare, non accolliamoci troppe responsabilità e organizziamo giorno per giorno… domani si vedrà! Così questa settimana è iniziata con uno spirito nuovo, una maggiore leggerezza in tutto, cucina e ricette comprese. Ieri il tempo “obbligava” a stare fuori, un sole meraviglioso e una temperatura fantastica. La piccola Greta sta un pochino meglio, febbre e otite passati. Così ieri abbiamo passato quasi tutto il giorno in giardino con la nonna, all’ombra del gazebo abbiamo colorato, giocato a carte e fatto le costruzioni. Un pranzo veloce con una pastasciutta con pesto di zucchine e per cena una semplice e gustosissima QUICHE con fagiolini, finocchi e porro! Il Porro è un ortaggio fantastico, disinfettante, anti anemico e digestivo, abbassa il colesterolo, irrobustisce le articolazioni, ringiovanisce la pelle e dissolve la stanchezza d’inverno. E’ ricco di acqua, poco calorico, ricco di vitamina A, vitamina C e discrete quantità di vitamine del gruppo B, oltre a ferro, magnesio e acido fosforico, sodio, zolfo e silice, manganese, potassio e calcio (toccasana per le ossa). Il suo gusto delicato conquista il nostro palato maggiormente rispetto all’amica cipolla e io trovo che sia un ingrediente meraviglioso in cucina, buono con tutto…   e le mie bimbe lo adorano.  Ricetta semplice e gustosa: verdure leggere, uova fresche bio arrivate dalla cascina dietro casa, pasta sfoglia senza glutine, panna di soia ed erbe aromatiche. Un piatto profumatissimo che la ciurma ha divorato accompagnato da una mega insalatona e io … sorrido, mentre vi scrivo queste cose,  perché sono arrivata a sera senza essere nervosa e facendo tutto: le bimbe erano contente, la nonna stava bene, la casa era comunque in ordine, ho persino lavato e steso i panni e tutti hanno mangiato lasciando i piatti vuoti! E io …. sono una sciocca e in questi mesi ho perso tanto TEMPO a vivere male! Sbagliando si impara, come dice sempre la mia bimba saggia Serena… vi lascio la ricetta al volo e … ci vedremo presto!

Ingredienti:

1 rotolo di pasta sfoglia senza glutine Buitoni
400gr di fagiolini
1 finocchio
2 porri
4 uova
100ml di panna di soia
100ml di raspadura
timo ed erba cipollina q.b.
sale e pepe q.b.
olio evo q.b.

Per prima cosa pulite i fagiolini togliendo le estremità e lavateli bene. Pulite e lavate i finocchi e tagliateli a spicchi. Lessate entrambi in acqua salata, scolateli bene e lasciateli raffreddare. In una padella antiaderente con un filo d’olio evo fate rosolare il porro tritato, aggiungete le verdure lessate e fate insaporire il tutto. Unite le erbe aromatiche e aggiustate di sale e pepe. Stendete la sfoglia in una teglia, bucherellate il fondo e versate tutte le verdure raffreddate. Sbattete le uova in una ciotola con la panna e con questo composto ricoprite le verdure nella sfoglia. Aggiungete in superficie la raspadura e infornate a 180° per 40 minuti circa.

20160225_191139

Una volta pronta, fate raffreddare e portate in tavola! Buon appetito!

20160225_192217

20160225_192429

20160225_192442

Strudel salato con fagiolini, bacon e raspadura: dal banco alla tavola

Ieri al mercato sono stata attratta da un banco di meravigliosi e freschi fagiolini: così ne ho preso un bel kg e ho deciso di sperimentare una ricetta per farli mangiare a Serena. La piccola Greta, come spesso Vi racconto, mangia quasi tutto e adora i fagiolini in insalata, che mangia con le mani come fossero patatine. Serena invece fa molta fatica, ne assaggi giusto qualcuno che gli finisce nel piatto insieme alle patate lesse. Avevo bisogno di un piatto veloce, da riscaldare o cuocere al rientro da danza, giusto il tempo della doccia e pronto in tavola! Non c’è niente di meglio per questi momenti di piatti freddi oppure delle classiche e sempre gradite torte salate. Stavolta però ho optato per un formato diverso, visto che la pasta sfoglia a disposizione era rettangolare: un fantastico strudel!
Insieme agli ostili fagiolini due dei suoi alimenti preferiti: bacon e raspadura (che per chi non lo sapesse è un formaggio tipico della nostra zona ed è senza lattosio). Piatto buonissimo e risultato garantito: Serena ne ha mangiate due fettone e si è leccata le dita!
Con questa ricetta auguro a tutti voi un sereno week end… la nave ha attraccato stamattina in una piccola baia deserta: silenzio e pace … la ciurma e il suo capitano hanno solo bisogno di quello!

Ingredienti:

1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare
100gr di bacon
100gr di raspadura
300gr di fagiolini freschi
1 uovo
1 cucchiaino di curcuma
foglie di basilico
olio evo q.b.
sale e pepe q.b.

Per prima cosa dovete pulire i fagiolini, lavateli bene sotto l’acqua e lessateli. Una volta che sono teneri, fateli saltare in una padella un minuto con un cucchiaio di olio evo insieme alla curcuma e il bacon tagliato a pezzetti.  Insaporite con sale e pepe e lasciate raffreddare. Srotolate la pasta sfoglia e disponetela su una teglia rivestita di carta forno. Farcite con i fagioli e il bacon e aggiungete il formaggio, nel mio caso la raspadura e foglie di basilico fresco.

20140907_181642

Richiudete i due lati uno sopra l’altro e sigillate bene le due estremità. Sbattete l’uovo e spennellate tutto lo strudel.

20140907_182116

Infornate, a forno preriscaldato a 180°, per 20 minuti circa: deve dorare bene la superficie.

20140907_185118

Fate raffreddare e portate in tavola.

20140907_191538

20140907_191548