Archivi tag: cucinare con i bambini

Biscotti di sorgo integrale e cioccolato: C’Era una volta… La Papera Betta

C’era una volta la papera Betta, che viveva in una piccola casetta sul laghetto Smeraldino pieno di Ninfee insieme ai suoi due fratellini, tre sorelline, la mamma, il papà e i nonni paperi. Il giorno del suo compleanno decise di andarsene in giro per il mondo: prati, laghetti, fiumi e mari per conoscere nuovi amici. Davanti ad un’enorme torta piena di panna e cioccolata che le aveva preparato la nonna disse “Grazie per la buonissima torta e per tutti i regalini, ma io ho deciso di andare via dal laghetto Smeraldino per un pò di tempo perchè voglio vedere cose nuove”. La mamma paperina scoppiò a piangere e non voleva far partire Betta. Il papà invece abbracciò la figlia e disse: “Ti lascerò andare perchè devi fare le tue esperienze ma non sarà facile”. Così Betta, dopo aver baciato tutti, se ne andò. Durante il suo viaggio incontrò molti amici come il rospo Bibò, l’anatroccolo Arturo, l’oca Pamela ed anche animali poco socievoli, ma non di certo cattivi. Un giorno, mentre si trovava nel mare, fu attratta da una macchia marrone; non appena si fu avvicinata si sentì le ali incollate e non riusciva più a muoversi… quando non aveva più forze arrivò il Gabbiano Lorena e presa Betta con il becco la posò in terra e le disse: “Stai attenta perchè ci sono molti pericoli come questi”. Allora Betta pensò che doveva evitare tutte le macchie marroni. Mentre pensava, le venne fame: camminava in mezzo ad un prato pieno di violette, ranuncoli e panzè, quando vide un piccolo tronco marrone e bianco con l’estremità bruciacchiata, pensò che doveva provare un cibo nuovo. Lo beccò e capì immediatamente che era disgustoso, dopo un pò la sfortunata Betta cominciò a stare male… per fortuna arrivò Bibò, che la portò dal medico Agata che le diede come medicina petali di margherita e foglie di tulipani rossi. Quando si sentì meglio, Betta decise di tornare a casa perchè capì che c’erano molti pericoli contro cui non poteva difendersi; invece lì nel laghetto Smeraldino non c’erano macchie marroni collose o tronchetti velenosi. Così tornò nella sua casetta dove venne accolta da tutta la famiglia con molta gioia e baci.
Greta adora questa favola, che la mamma le racconta spesso la sera prima di addormentarsi e mi dice sempre “vedi Sere, non dobbiamo allontanarci da casa mai!” Mi fa troppo ridere, così piccolina ma anche tanto saggia! Che dite andiamo in cucina dalla nostra Mamma-Capitano? Lei e Greta ci stanno aspettando per preparare dei buonissimi biscottini! Alla prossima favola, un abbraccio Serena!
Come vi diceva Serena, la Papera Betta, è uno dei personaggi che più piacciono a Greta. Così abbiamo deciso di preparare “Betta” in versione biscotto, con una farina speciale come quella di sorgo integrale e con tanto cioccolato, in una versione senza glutine e senza lattosio! Inutile dirvi quanto la piccola si è divertita a preparare questi semplici ma buonissimi biscotti, che ci siamo anche azzardate a decorare per renderli più carini. Un sapore speciale, molto rustico, che inzuppati nel latte e cioccolato hanno reso la colazione di questi giorni veramente unica! Un saluto speciale a tutti voi dalla cambusa… QUA QUA!

Ingredienti:

200gr di farina integrale di sorgo
1\2 cucchiaino di lievito biologico
60gr di cioccolato fondente senza glutine e senza lattosio
80gr di burro senza lattosio
80gr di zucchero di cocco
1 uovo

Per prima cosa tritate il cioccolato.
In una ciotola unite il burro ammorbidito con lo zucchero e le uova.
Mescolate tutto insieme fino ad ottenere una bella cremina.
Aggiungete la farina, il lievito e il cioccolato tritato.
Impastate tutto insieme, formate una palla, ricoprite con la pellicola e mettete in frigorifero a riposare per 30 minuti.
Riprendete l’impasto, stendetelo e con la formina a papera create tanti biscotti che disporrete su una teglia ricoperta da carta forno.
Con gli zuccherini fate gli occhietti delle papere e infornate a 140° C ventilato per 10 minuti, poi alzate la temperatura a 175° C per ultimi 5 minuti di cottura.
Lasciate raffreddare e poi se vi va decorate i biscottini preparando della glassa bianca e gialla.

 

Tartine con Salsa all’Avocado e Salame allo Zenzero senza glutine e senza lattosio

Questa estate ho scoperto un lato di Serena che non conoscevo: la passione sfrenata per gli antipasti! Tramezzini, bruschette, tartine di ogni genere, piattini di affettati e formaggio… la sua estate è all’insegna di una cucina leggera e gustosa, piena di fantasia. Così, quando Clai mi ha omaggiato di una serie di prodotti eccezionali come il Salame allo Zenzero, Serena non ha perso tempo e si è cimentata nella preparazione di tantissimi stuzzichini da leccarsi i baffi. Come vi ho già detto qui, Clai è una Cooperativa Imolese, che aderisceaderisce al progetto FEDAGRI Qui da Noi . Opera sia nell’agroalimentare sia nel settore dei salumi, con una particolare specializzazione nel segmento del salame, che in quello delle carni fresche bovine e suine.
Il Salame Strolghino aromatizzato allo Zenzero è stata una fantastica scoperta: caratterizzato dalla facile pelabilità, dal gusto dolce, rimane tenero e scioglievole al palato. Il nome “strolghino” deriva dal verbo dialettale emiliano “strolgare”, trovare una soluzione, indovinare, perché, per le sue caratteristiche di stagionatura, veniva utilizzato per prevedere l’andamento della stessa per i salami di pezzatura maggiore. Un salame dal gusto unico,dove i sapori del territorio si sposano con le note orientali.
“Mamma, con questo salame ci vuole una salsa particolare… cosa mi consigli?” Ci vuole una salsa fresca, gustosa e che dia leggerezza al salame, dal sapore delicato e che si sposi bene con lo zenzero. In frigorifero un  bel Avocado maturo, perfetto per dare un tocco in più ai piatti, come a questa insalata di quinoa e bulgur o a questo riso venere con i gamberetti.  

Oltretutto l’ Avocado, come vi ho già detto qui, è un importante alleato per mantenersi in salute. E’ vero che contiene molte calorie perché è un frutto a pasta grassa, ma se lo mangi senza abusarne puoi gustarlo anche a dieta, anzi ti darà anche una mano a mangiare di meno perché assicura un elevato indice di sazietà. Oltre che un alleato per dimagrire, l’avocado è anche ricco di grassi monoinsaturi come acido linoleico e Omega 3 che fanno bene al cuore e al colesterolo. Grazie all’alto contenuto di antiossidanti, vitamine, sali minerali e grassi vegetali, l’avocado è particolarmente adatto quando hai bisogno di energie, ad esempio prima di fare sport o dopo l’attività, o quando devi recuperarle. E’ utile per tutti, donne, uomini e bambini, di ogni età e condizione fisica, grazie alla ricchezza di nutrienti di facile assimilazione.

Quindi care amiche mamme che tanto seguite la mia Rubrica “Bellissime Mamme” oggi per voi una salsa Avocado fantastica, semplice e perfetta da portare in tavola anche nei periodi di dieta! Concediamo ogni tanto anche qualche sfizio, come una di queste super tartine!!

Ingredienti:

pane da tramezzino senza glutine Orva
1 avocado maturo
radice di zenzero
100gr di formaggio cremoso senza lattosio
olio evo q.b.
sale e pepe q.b.
Salame allo zenzero Clai

Per prima cosa prepariamo la salsa: sbucciate l’avocado, togliete il nocciolo e tagliatelo a pezzetti. Mettete l’avocado nel bicchiere del frullatore, unite due cucchiai di olio evo, una grattugiata di zenzero fresco e frullate il tutto fino ad ottenere una crema. Unite il formaggio cremoso e una generosa macinata di pepe.
La crema è pronta, non vi resta che tagliare il pane da tramezzino nella forma desiderata, spalmare ogni fetta con la crema e finire il tutto con una fettina di salame allo zenzero! Un aperitivo originale e gustoso… provatelo!!

 

Ravioli al mandarino ripieni di ricotta e noci: la nostra STELLA

Cucinare con le mie pupe è una delle cose che amo di più fare: tutto diventa magico, colorato, divertente, uno splendido gioco! Momenti unici che riscaldano il cuore e che si fissano nella mente diventando dolci ricordi. Cerco di scattare sempre qualche foto, così, forse per paura che loro dimentichino e per lasciargli qualcosa di concreto … un giorno rivedendole si renderanno ancora più conto di quanto amore provo per loro.

20151203_180803

Si, sono malinconica in questo periodo… si avvicina il Natale, una festa meravigliosa che ho amato tanto fino a tre anni fa, quando nonna proprio in questo giorno ci ha voluto salutare per sempre. Mia nonna, la mia GRANDE Mamma, quella che mi ha insegnato a VIVERE e che mi ha reso la persona che sono. Una donna speciale, che ha lottato contro i dolori della vita con una forza unica senza mai mollare: il mio mito! La mia più grande gioia è averle permesso di vedere le mie bimbe: per Serena è stata per 7 anni la sua “Nonnona”, mi ha aiutato a crescerla, mi ha insegnato a fare la mamma. Greta invece no, troppo piccola per ricordarsela, solo 7 mesi…ma la foto tra le sue braccia pochi giorni dopo essere nata è tra quelle che più spesso guarda: “la nonna Maria mamma è il nostro angelo custode vero? è una stella lassù nel cielo!”.
E questo piatto è proprio per Lei, abbiamo voluto preparare dei Ravioli un po’ particolari: a forma di STELLA! Pasta fresca fatta in casa, senza glutine, con una nuova farina presa a Rimini alla Fiera Gluten Free Expo 2015, molto profumata grazie all’aggiunta di succo di mandarino, uno dei frutti preferiti da nonna…mamma mia quanti ricordi.. le bucce di mandarino sulla stufa che profumavano la casa…
Mentre io e Greta ci siamo dedicate alla preparazione della pasta, Serena si è occupata del ripieno: ricotta fresca senza lattosio, noci tritate e naturalmente buccia di mandarino grattugiata.
Che soddisfazione vederli cuocere senza aprirsi, hanno mantenuto la loro forma perfetta, si scioglievano in bocca e avevano un profumo meraviglioso. Condimento classico, burro (senza lattosio), salvia e scorza di mandarino grattugiataUNA VERA Bontà!

Ingredienti:

250gr di Mix Preparato per Pasta fresca senza glutine Il Pane di Anna
2 uova
2 cucchiai di olio evo
succo di mandarino q.b.
250gr di ricotta senza lattosio
15 noci tritate
scorza di mandarino q.b.
sale e pepe q.b.
burro senza lattosio q.b.
6 foglie di salvia

In una ciotola unite il mix di farina con le uova e l’olio. Iniziate a lavorare insieme gli ingredienti ed unite poi un pochino di succo di mandarino sino ad ottenere un impasto omogeneo e consistente. Formate una palla e lasciate riposare una decina di minuti.

20151205_114259

Preparate il ripieno unendo la ricotta, le noci e un pochino di scorza di mandarino in una ciotola. Lavorate il tutto sino ad ottenere una crema. Assaggiate, aggiustate di sale e pepe e tenete da parte.
Riprendete la pasta, tagliate un pezzetto e passatela nella sfogliatrice (oppure se siete così brave usate mattarello)fino ad ottenere una sfoglia dello spessore desiderato. Infarinate il piano di lavoro e stendete la sfoglia. Con un cucchiaino prelevate un po’ di ripieno e disponetelo sulla pasta lasciando la giusta distanza. Ripiegate la sfoglia su se stessa, sigillate i bordi facendo uscire l’aria in eccesso e con l’aiuto di uno stampo fate la forma che più vi piace. Sigillate bene i bordi della figura.

20151205_121404

20151205_121938

Disponete i ravioli su un piano infarinato e una volta terminato, lasciate in frigorifero per una mezz’ora.

20151205_115841

In una grande pentola portate l’acqua in ebollizione, salatela e versate i ravioli delicatamente: essendo pasta fresca hanno bisogno solo di un paio di minuti di cottura. Scolateli e rivesateli in una largo tegame dove avrete fatto sciogliere il burro con le foglie di salvia.

20151205_131156

Servite con una grattugiata di scorza di mandarino e per chi volesse del buon parmigiano grattugiato.

20151205_132026

Ricetta semplice, buona e preparata con tanto amore ! Forse è anche per questo che faccio così tante foto: per NON DIMENTICARE!

20151205_132156

Questa ricetta è anche la mia proposta fuori gara per la Raccolta di questo mese “L’Orto del bimbo intollerante” con Leti. Vi ricordo che avete tempo sino al 06 Gennaio, potete partecipare con tutte le ricette per le feste che voletefrutta e verdura di stagione a scelta, basta che rispettino l’intolleranza al glutine e al lattosio! Forza, Il bimbo intollerante aspetta le vostre proposte!

raccoltaDICEMBRE