Archivi tag: cipolla rossa di tropea

Pasta di sorgo con carote viola al Tonno, Cipolla, Zucchine e Zenzero

Tra i tanti regali che ho ricevuto per il mio compleanno ce n’è stato uno che ho apprezzato tantissimo e che nell’ “aprirlo” mi sono sentita bambina: un grande scatolone, colmo di prodotti “nuovi”, mai provati! Solo una persona poteva farmi una sorpresa così bella, una Donna eccezionale che ha imparato a conoscermi, una persona con un cuore immenso e una bravissima cuoca: la mia Amica Leti (andate a trovarla sul suo blog Senza è buono).
Farine di ogni genere, bevande, pasta e tanto altro, naturalmente tutto senza glutine e senza lattosio, perfette per le mie intolleranze! Tra i vari tipi di pasta ce n’è stata una che mi ha colpito subito e che non ho perso tempo a portare in tavola, non solo per me, ma per tutta la ciurma: PASTA DI SORGO con CAROTE VIOLA, ricca di ferro e fosforo, a basso indice glicemico e fonte di vitamine B1 e B3.
Una pasta particolare, che va “curata” nella cottura perché potrebbe sfaldarsi e creare il classico “pappone”, con un gusto unico e che fa bene alla salute. Sono una mamma molto fortunata perchè le mie bimbe, a prescindere da quello che si trovano davanti, assaggiano sempre tutto prima di dire SI o NO! L’unico mio compito è fare in modo che la risposta sia sempre positiva: portare in tavola piatti belli e buoni, con ingredienti che a loro piacciono!
Come rendere appetitosa questa nuova pasta dal colore un po’ strano? Semplicemente arricchendola con uno dei condimenti preferite dalle bimbe: Tonno, Cipolla e Zucchine e una grattugiata di Zenzero fresco.
Votazione unanime: SI!

Ingredienti:

350gr di pasta di Sorgo con carote Viola
1 zucchina grande
1 cipolla rossa di Tropea
350gr di tonno al naturale
basilico fresco q.b.
Zenzero fresco q.b.
olio evo q.b.
sale q.b.

Lavate la zucchina e tagliatela a cubetti. Affettate la cipolla e mettetela in una larga padella con 3 cucchiai di olio. Fate rosolare a fuoco lento, unite le zucchine a cubetti, aggiustate di sale e fate cuocere per una decina di minuti. Spegnete il fuoco e aggiungete il tonno al naturale, mescolate il tutto e unite del basilico fresco.
Lessate la pasta stando molto attenti alla cottura, scolatela delicatamente e versatela nella padella del sugo. Fate insaporire bene il tutto, grattugiate dello zenzero fresco e servite!

Spaghetti alla crema di Cipolle Rosse di Tropea: ma che bontà!

Rieccomi qui tra Voi, dopo un lungo e intenso week end, tra festeggiamenti in famiglia per il compleanno del mio papà (super grigliata in giardino)e l’esibizione serale di domenica di Serena con la sua scuola di ballo (bravissima)! Tanta gioia e divertimento, una super dose di affetto famigliare ma anche tanta stanchezza. Ieri mi sono dedicata totalmente al riordino di casa e giardino oltre ad un giro al mercato per riempire la dispensa. Così per cena, ho deciso di preparare un primo piatto semplice e veloce ma di una bontà unica: delle buonissime Cipolle Rosse di Tropea insieme a qualche dolce pomodorino hanno condito meravigliosamente dei semplici spaghetti senza glutine lasciando letteralmente tutta la ciurma, capitano compreso, a bocca aperta!
La Cipolla Rossa di Tropea è una delle nostre preferite, e a Serena in particolare piace tantissimo, ma non avevo mai pensato di prepararci una crema per condire la pasta. Ieri sera invece, avendo poco tempo a disposizione e sinceramente poca voglia di accendere i fornelli, ho pensato di usarla come condimento e devo ammettere di aver preparato un sugo da leccarsi i baffi!
Vi lascio la ricettina al volo e torno dalle mie pupe.. dimenticavo.. Vi aspetto domani con i nuovi ingredienti per la Raccolta “L’Orto del bimbo intollerante” di Luglio!

Ingredienti per 4 persone:

320gr di spaghetti senza glutine Garofalo
4 cipolle rosse di Tropea
20 pomodorini perini
1 bicchiere di vino bianco secco
basilico fresco
olio evo q.b.
sale q.b.
peperoncino (facoltativo)

In una padella con due cucchiai di olio evo mettete i pomodorini a pezzetti e la cipolla rossa di tropea tagliata ad anelli. Fate cuocere per un paio di minuti, aggiungete il vino bianco e fate stufare per 10/15 minuti sino a quando la cipolla non è trasparente e bella morbida.

20150623_172558

Aggiustate di sale e unite il basilico fresco.
Una volta pronta, fate raffreddare leggermente e con l’aiuto di un mixer ad immersione frullate bene il tutto, creando una crema.

20150624_182445

Nel frattempo cuocete la pasta in abbondante acqua salata in ebollizione, scolatela e fatela saltare nel tegame del sugo, aggiungendo se serve un pochino di acqua di cottura.
Servite con un giro di buon olio evo e a piacere una spolverata di peperoncino tritato!

20150624_191646 A domani!

Pane rustico di farro con cipolle rosse di tropea e semi di lino: lezione di cucina-salute alla mamma

Quando mamma viene a stare qualche giorno da noi, come in questi giorni che avevo bisogno, oltre a godersi le nipotine, fruga nella mia dispensa. Se sino all’anno scorso certi alimenti non li voleva neanche vedere, oggi sia lei che papà, mangiano pasta integrale, hanno inserito certi cereali nell’alimentazione e hanno tirato via alcuni condimenti pesanti come la panna, preferendo la versione vegan. Questo dimostra che niente è impossibile se ci si ama e si pensa sempre alla propria salute.
Fruga, fruga ha trovato una confezione di semi di lino: “cosa ci fai con questi? non servono mica per i capelli?” mi ha chiesto. E così ho iniziato a spiegarle cosa sono e il bene che fanno: contengono numerosi elementi nutritivi in particolare gli omega 3, sali minerali, proteine e vitamine del gruppo B. Per questo sono importantissimi per chi ha problemi di digestione, per prevenire malattie all’apparato circolatorio e cardiovascolare, per combattere e prevenire osteoporosi e ipertensione e per chi soffre di stitichezza. Inoltre hanno la capacità di attivare i processi depurativi del nostro organismo. Di recente, negli Stati Uniti, alcuni studiosi sostengono la possibilità che essi riescano ad agire positivamente nella prevenzione di tumori al seno, al colon e alla prostata. La loro assunzione regolare sarebbe inoltre utile per prevenire le emorroidi e per favorire lo sviluppo della corteccia cerebrale del feto durante la gravidanza. Insomma … sarebbe utile inserirli nella propria alimentazione! Come? Un modo semplice e veloce è metterli nell’impasto del pane: così è stato!
Ho preparato una bella pagnotta con farina di farro integrale Bio, delle buone cipolle rosse di Tropea e i nostri amati e salutari semi di lino: calda e profumata l’ho presentata ieri sera a cena in tavola a mamma per accompagnare delle verdure ripiene. “Domani, quando torno a casa, vado a fare la spesa e li prendo subito … devo preparare questo pane a tuo padre!” … che soddisfazioni!

Ingredienti:

500gr di farina integrale di farro
150gr di semi di lino
2 cipolle rosse di tropea (piccole)
1 bustina di lievito
250ml di acqua tiepida
1 cucchiaino di sale
1/2 bicchiere di acqua
olio evo

20140523_081342

Pulite le cipolle, affettatele sottilmente e mettetele a stufare in una padella con un cucchiaio di olio evo e il mezzo bicchiere di acqua. Aggiustate di sale e fate cuocere sino a quando non saranno completamente trasparenti.
Nel frattempo preparate l’impasto unendo la farina con i semi, aggiungete l’acqua dove avrete fatto sciogliere il lievito e iniziate a impastare. Quando l’impasto è liscio e omegeneo, formate una palla, coprite con uno straccio e lasciate lievitare per 1 ora e mezza in un posto caldo.

20140523_120846

Trascorso il tempo riprendete l’impasto, apritelo e unite le cipolle stufate rimpastando bene il tutto. Riformate una palla e fate lievitare ancora per un’ora.

20140523_120930
Versate l’impasto nella teglia ricoperta da carta forno, praticate un’incisione a croce e lasciate lievitare il tempo che il forno raggiunga la temperatura di 200°, infornate e lasciate cuocere per circa 35-40 minuti, deve crearsi una bella crosta in superficie.

20140523_125200
Fate raffreddare e … gustatevi questo delizioso pane molto rustico!

20140523_165530

20140523_165418

Muffin alla Cipolla e robiola: Brutti ma buonissimi!

Eccoci finalmente al 15 maggio, giornata dello spettacolo di fine anno scolastico di Serena. Stasera nella piazza del paese i bambini si esibiranno in danze e canti: Serena è agitatissima da giorni, anzi da settimane, dovrà ballare il walzer. Le ultime settimane sono trascorse alla ricerca di un bel vestito per l’occasione e settimana scorsa finalmente lo abbiamo trovato! Ma non finisce qui, quest’anno la scuola ha organizzato un buffet di dolci tipici italiani e stranieri preparati dai genitori. Serena ha deciso per me: “Mamma tu prepari lo strudel di mele del trentino … è uno dei tuoi dolci preferiti così ti diverti a farlo”. Quindi oggi pomeriggio mi dedicherò alla preparazione di questo meraviglioso dolce per la festa di stasera.
Visto che alle 20.00 dobbiamo già essere fuori casa, stamattina presto mi sono subito messa ai fornelli e ho preparato per la cena dei muffin salati, che preparo spesso, per accompagnare una semplice insalata caprese (visto il buffet di dolci che ci aspetta, stasera si cena leggero).
Muffin senza uova, senza burro, senza latte: leggeri sino al midollo, ma insaporiti dalla buonissima cipolla rossa di tropea, da una freschissima robiola e da tanto timo fresco. L’aspetto non è per niente invitante, ma il profumo e il sapore vi lasceranno piacevolmente sorpresi: in un morso morbido e soffice tutti i gusti perfettamente abbinati esploderanno in bocca deliziando le vostre papille gustative!

Ingredienti:

2 cipolle rosse di tropea stufate
250gr di farina 00
150ml di acqua (se preferite anche latte)
100gr di robiola fresca
2 cucchiaini di timo fresco
1 cucchiaino di lievito istantaneo
olio evo
sale q.b.

Per prima cosa fate stufare la cipolla rossa di tropea in un largo tegame a fuoco basso con un filo di olio di oliva e del brodo vegetale sino a quando non sarà completamente trasparente.
In una ciotola mettete la cipolla cotta, unite la robiola e iniziate a mescolare. Aggiungete la farina, il lievito, il timo e un cucchiaino di sale e iniziate a mescolare incorporando piano piano l’acqua. Quando il composto risulterà ben amalgamato (assaggiate per vedere se è salato abbastanza) riempite gli stampini che avrete prima unto leggermente con olio evo.

20140512_171705 20140512_172047

Infornate, in forno preriscaldato, a 180° per 25 minuti.
Sfornate, fate raffreddare e poi sformate dagli stampini.

20140512_182755

Se non li servite subito, prima di portarli a tavola metteteli un paio di minuti in forno. Perfetti sostituti del pane con salumi o formaggi!

20140512_182905

Caserecce integrali con Salsiccia e Cipolla Rossa di Tropea

Quando ho visto queste meravigliose Cipolle Rosse di Tropea sul banco del mercato, mi si sino illuminati gli occhi!

20140506_120338

Senza esitare le ho subito comprate e ho deciso di preparare questo buonissimo primo piatto, che trovo uno dei più buoni in assoluto. Salsiccia magra abbinata alla Cipolla rossa di Tropea, senza dubbio la mia preferita, dolcissima, croccante e rossa e giustamente definita per le sue qualità, “Oro Rosso di Calabria”: un sugo gustoso e saporito per condire una semplice pasta integrale. Naturalmente la ciurma ha apprezzato questa cenetta (la cipolla cucinata nel modo che poi vi mostrerò, diventerà crema e risulterà perfettamente digeribile anche per i bambini) in modo particolare il marito che ha accompagnato il pasto con un buon bicchiere di vino rosso.

Ingredienti per 4 persone:

320gr di caserecce integrali
1 grande cipolla rossa di tropea
500gr di salsiccia magra
menta fresca
1 bicchiere di vino rosso
1 bicchiere di brodo vegetale
2 cucchiai di pecorino grattugiato
olio evo
sale q.b.

Affettate la cipolla molto sottile e mettetela in una larga padella con un cucchiaio di olio evo e fate stufare a fuoco medio, aggiungendo il brodo vegetale sino a quando la cipolla non sarà trasparente e morbida, circa 15 minuti.

20140509_182524

A questo punto aggiungete la salsiccia magra (è importante che sia magra in modo che il suo sapore risulti più delicato e meno pesante per i bambini, e non solo, e poi se proprio usiamo la salsiccia almeno prendiamola buona e poco grassa).
Sfumate con il vino rosso, aggiustate di sale e portate a cottura, circa 20 minuti, aggiungendo eventualmente altro brodo. La salsiccia deve essere ben cotta mi raccomando.

20140509_183216

Cuocete la pasta integrale in acqua salata in ebollizione, scolatela al dente e fatela saltare nella padella del sugo. Aggiungete menta fresca spezzettata e mantecate con due cucchiai di pecorino.

20140509_192613
Servite ben calda con un filo di olio a crudo.
La cipolla cremosa con il suo gusto dolce contrasta perfettamente con il salato della salsiccia e del pecorino e la freschezza della menta alleggerisce magicamente questo piatto!

20140509_192947