Archivi tag: carota

Centrifugato Carote, Pesca e Pompelmo: energia e depurazione in un solo sorso!

Stamattina la Rubrica “Bellissime Mamme” vi propone un centrifugato energizzante grazie alla nostra amica Carota e nello stesso tempo depurativo e disintossicante grazie al Pompelmo. Il tutto reso particolarmente dolce dalla pesca, una primizia italiana direttamente dal mio fruttivendolo di fiducia, il mio papà!

Ingredienti:

1 carota
1 pompelmo
1 pesca noce bianca

20140522_173342

Spremete il pompelmo e aggiungetelo alla centrifuga di carote e pesca. Mescolate bene e il vostro drink tutta salute è pronto! Ora la vostra giornata parte con il piede giusto!

20140522_174214

Buon fine settimana!

Biscotti morbidi alla Carota e Cocco: la merenda della ballerina!

Il temporale di ieri ha portato via tutti i pollini fastidiosi dei giorni scorsi, il sole splende alto nel cielo e un vento fresco rende questa giornata meravigliosamente vivibile. Stamattina una bella passeggiata con la mia piccola Greta e la mia amica Gloria, ancora con il braccio ingessato dopo uno sfortunato incidente in bicicletta. Un pranzetto veloce, la piccolina messa a nanna per il pisolino e il mio incontro settimanale con il ferro da stiro. Prima di mettermi al lavoro ho deciso però di preparare dei biscottini veloci, da portare a Serena come merenda in palestra prima della sua lezione settimanale di hip hop. Ci avviciniamo allo spettacolo di fine anno e la lezione è molto più dura e più lunga. Così ci vuole qualcosa di leggero ma energetico: biscottini morbidi, che si sciolgono in bocca, tanta carota con le sue vitamine e gusto esotico del cocco … aspettiamo che si svegli Greta per la prova di assaggio!

Ingredienti:

300gr di carote lessate
100gr di zucchero di canna
1 uovo
120gr di farina 00
70gr di cocco grattugiato
1 cucchiaino di lievito istantaneo
100gr di burro vegetale Burrolì
un pizzico di sale

Dopo aver lessato le carote, passatele al passaverdure e mettete da parte a raffreddare.
Lavorate il burro a temperatura ambiente con lo zucchero e un pizzico di sale. Unite l’uovo e amalgamate bene il tutto. Aggiungete la farina e il cocco, mescolate e incorporate il passato di carote. Lavorate bene il composto e a cucchiaiate disponete sulla placca da forno precedentemente ricoperta di carta forno.

20140512_154247
Infornate, in forno preriscaldato, a 180° per 20 minuti.
Fate raffreddare, spolverizzate con zucchero a velo e gustate i biscottini.

20140512_165005

Greta ha aperto gli occhi … ne ha mangiati subito due con un buon bicchiere di succo di arancia rossa senza zuccheri: sacchettino per la merenda di Serena e le sue amiche è pronto, andiamo a ballare!

20140512_165531

La Carota

In questo mese di Maggio ci occuperemo di tre verdure sempre presenti nei nostri frigoriferi e nelle nostre dispense: Una di queste è la nostra amatissima CAROTA!
Per le altre due vi rimando ai prossimi post!
Il nome “carota” deriva dal greco “Karotòn”, mentre in botanica è nota come “Daucus carota”.

Sebbene le sue origini risiedano in Oriente, dov’è stata coltivata per migliaia di anni, già gli antichi Greci e i Romani utilizzavano le carote, non tanto a uso culinario (a causa della tipica consistenza legnosa e dura del vegetale), quanto come piante officinali.
La coltivazione della carota è molto diffusa in tutta Europa, nell’Africa del nord e nel continente asiatico. E’ una pianta erbacea perenne, appartenente alla famiglia delle Ombrellifere: la parte commestibile della carota è la radice.

20140428_101705

Quando si acquistano le carote controllare che siano sode e prive di macchie e provenienti da colture biologiche: è garanzia di una maggiore quantità di principi attivi e assenza di pesticidi. In tal caso, mangia anche la buccia, la parte più ricca di betacarotene. Più il colore è intenso, maggiore è il contenuto di betacarotene. Conservarle in frigorifero in un sacchetto per non più di 7 giorni. Cercate di consumarle subito appena tagliate e poco dopo la cottura: la lunga conservazione può sviluppare sostanze cancerogene.
Per quanto riguarda le proprietà nutritive, la carota è una vera e propria miniera di minerali: ferro, calcio, magnesio, rame, zinco. La carota apporta pro-vitamina A (carotenoidi), vitamina B e C; tra tutti i vegetali rappresenta la fonte più ricca di beta-carotene, trasformato in vitamina A dall’organismo in caso di bisogno. Il carotene è il pigmento responsabile della tipica colorazione arancione della carota: proprio per questo motivo, i caroteni vengono estratti dalla radice ed impiegati come colorante naturale nell’industria agro-alimentare (E160).
La radice di carota è ricca di riserve zuccherine, mentre nella parte erbacea si trovano moltissimi flavonoidi, furano cumarine ed olio con molecole a basso peso molecolare.
Questa radice è un prezioso alleato contro i radicali liberi e la degenerazione cellulare; i suoi principi attivi aiutano occhi, pelle e sistema immunitario. Inoltre rinforza il sistema immunitario e consumarla quotidianamente riduce il rischio di contrarre tumori soprattutto ai polmoni, alla pelle e al colon.
Grazie ai Sali minerali che contiene, è un toccasana anche per il fegato, migliorando il metabolismo dell’intestino. Il passato di carote è impiegato come rimedio per le diarree, in particolar modo nei bambini.
L’olio di semi di carota trova largo impiego in profumeria, per accendere note fresche e dolci: è molto utilizzato anche per il suo bassissimo costo. Nel settore cosmetico, unito ai caroteni, è sfruttato anche per la formulazione di creme abbronzanti, anti-invecchiamento e in prodotti che stimolano la crescita dei capelli. Inoltre, l’industria cosmetica prevede l’utilizzo della polpa di carota per il trattamento di scottature, foruncoli, pelli secche e screpolate, e per risanare piaghe.

carote+viola

La radice fresca di carota può essere utilizzata anche per il decotto: in questo modo può esplicare proprietà diuretiche ed espettoranti, per contrastare tosse e raucedine. Alla carota sono legate anche altre proprietà: potrebbe essere sfruttata per le sue capacità diuretiche e carminative, per alleggerire disturbi come calcoli, cistiti e problemi urinari.

In cucina il suo uso è illimitato, da piatti salati a dolci. A differenza di altre verdure che perdono parte del contenuto vitaminico e minerale con la cottura, la carota cotta (per poco tempo e non ad alte temperature) vede aumentare la biodisponibilità di betacarotene (come succede anche al pomodoro che durante la cottura libera una maggiore quantità di licopene).
Questo mese coloreremo le nostre tavole di Arancione: prepariamoci all’estate!

20140429_181859

Centrifugato per bambini contro influenza

Quando i bambini non stanno bene, spesso non mangiano e noi mamme, già preoccupate, entriamo nel pallone tempestando di telefonate il pediatra con la speranza che ci dia qualche rapido ricostituente. Essere preoccupate è giustissimo, ma farsi prendere dall’ansia un po’ meno. Voi, quando state poco bene, avete fame? Io no! Certo i bambini sono più “fragili” di noi, ma vi assicuro che il loro corpicino si crea da solo delle buone autodifese. Possiamo aiutarlo semplicemente affidandoci alla natura che può venirci incontro anche in questa situazione, senza ricorrere a medicinali. Centrifughe e frullati possono tranquillamente sostituire un pasto, apportando tutti i nutrienti necessari per affrontare il periodo di malattia. Oggi vi propongo una centrifuga, preparazione che permette di mantenere a pieno le proprietà dei singoli alimenti, per i vostri bambini contro l’influenza gastrointestinale.

Ingredienti:

¼ di patata
¼ di mela
1 limone
1 carota

Mettete tutti gli ingredienti nella centrifuga, mescolate bene il succo e fatelo bere appena pronto!
Un cocktail di un bel color arancione e dal sapore molto delicato.