Archivi tag: broccolo romano

Zuppa di Sorgo con broccolo romano, zucca e castagne: scoprire insieme nuovi cereali

A che ora torni stasera? Perché volevo preparare una calda zuppa di Sorgo” domanda carina e gentile della sottoscritta “Che roba prepari? Cos’è sto .. Sorgo?” risposta scorbutica del marito! Sempre diffidenti questi uomini, il mio poi è il primo ad arricciare il naso quando in tavola compare qualcosa di “nuovo”, mai assaggiato prima! Devo dire però che non si tira mai indietro e l’assaggio non manca mai! Presentiamo quindi questo new entry nella nostra dispensa: IL SORGO, cereale antico dalle origini millenarie.  Il sorgo è uno dei primi cereali a essere stato coltivato dall’uomo, vista la sua capacità di resistere alla siccità e agli agenti atmosferici. Si pensa che la pianta cominciò a essere coltivata in Africa Nordorientale (tra l’odierna Etiopia e il Sahel semi-desertico) addirittura intorno all’8000 a.C. Successivamente il sorgo si è diffuso e adattato a numerosi ambienti: dall’India alla Cina, fino ad arrivare in Europa, nelle Americhe e in Australia. Attualmente il maggiore produttore mondiale di sorgo sono gli Stati Uniti. In Italia viene coltivato in Emilia Romagna, Toscana, Marche e Umbria. E’ ricco di fibre, è un cereale privo di glutine e altamente digeribile. Contiene importanti sali minerali come ferro, calcio, potassioVitamina come la B3 e la vitamina E che rendono quest’alimento ricco di proprietà nutritive. Contiene inoltre antiossidanti naturali e fitocomposti quali acidi fenolici, fitosteroli e flavonoidi. Cento grammi di sorgo bianco forniscono circa 380 calorie.
Era da un po’ di tempo che volevo provarlo e durante la mia visita alla Fiera di Rimini Gluten Free 2015 ho avuto l’occasione di conoscerlo e portarlo a casa sia in formato di chicchi bianchi decorticati senza tannini ( vi ricordo che i tannini sono sostanze antinutrizionali che ostacolano la digeribilità e l’assimilazione delle proteine; per questo motivo nonostante siano utili a proteggere il chicco dagli agenti atmosferici e da muffe, si preferisce decorticare la granella e renderla priva di questa sostanza) che in farina.

20151214_175055

Proprio con questa granella particolare ho deciso di preparare una deliziosa zuppa, con verdura di stagione come broccolo romano, zucca e castagne. E’ un cereale che necessita di ammollo, almeno 1 – 2 ore prima di iniziare a cuocerlo. Dopodiché ha bisogno di una cottura lenta, circa 40 minuti. Lo so, è una procedura un po’ lunga, ma vi assicuro che otterrete una zuppa magnifica e assaggerete un cereale stupendo e molto buono, con un sapore delicato ma gustoso. Lo trovo perfetto come sostituto del riso, conferisce alla zuppa un non so che di rustico e vi assicuro che non avrete problemi a portarlo in tavola: marito  e bimbe completamente conquistate, addirittura Serena e Greta hanno esordito con  la frase “meglio del riso “, lasciandomi a bocca aperte visto il loro amore folle per questo cereale!

Ingredienti per 4 persone:

200gr di sorgo
750ml di brodo vegetale
1/2 cipolla dorata
1 broccolo romano
150gr di zucca
25 castagne lessate
olio evo q.b.
rosmarino q.b.
salvia q.b.
sale e pepe q.b.

Lasciate il sorgo in ammollo per almeno un’ora, poi risciacquate bene e tenete da parte. In una casseruola con due cucchiai  di olio fate rosolare la cipolla tritata finemente, aggiungete la zucca pulita e tagliata a cubetti, il sorgo, le erbe aromatiche tritate e fate insaporire il tutto. Unite ora il brodo ben caldo, aggiustate di sale e pepe e fate cuocere per una ventina di minuti mescolando bene. Aggiungete a questo punto il broccolo romano pulito e diviso per fiori, allungate con brodo o acqua se necessita e lasciate sul fuoco per una decina di minuti aggiungendo per ultimo le castagne. Fate insaporire bene il tutto, regolate di sale e pepe se necessita e lasciate sul fuoco ancora dieci minuti per un totale di cottura della zuppa di circa 40 minuti. La zucca sarà morbida ma non si sfalderà così come il broccolo che rimarrà leggermente croccante. Le castagne, essendo già cotte, insaporiranno la zuppa sbriciolandosi leggermente.

20151209_185535

Servite la zuppa ben calda con una macinata di pepe fresco e a piacere una spolverata di parmigiano reggiano, che vi ricordo stagionato 36 mesi non contiene lattosio.

20151209_185518

20151209_185531

Manteniamoci leggeri prima delle abbuffate di Natale!

Risotto con Porro, Pancetta e Broccolo Romano: fiori da mangiare

“Mamma, andiamo a supemeccato? Io voio fioi da mangiae!”  A 3 anni riesce a sorprendermi in un modo unico, la mia piccola Greta. Il suo amore per il cibo è qualcosa di indescrivibile, adora andare a fare la spesa e di fronte ai banchi di frutta e verdura gli si illumina il viso: quanti colori e quante forme diverse, per lei un parco giochi! Sapete cosa sono i fiori da mangiare? semplicemente i broccoli e i broccoletti! Lei li adora (e speriamo duri tutta la vita!!) lessati leggermente e conditi semplicemente con olio, sale e aceto di mele. Messi nel piatto interi, divisi a “fiore” che lei prende per il gambo e mangia con le mani.
Così gettata l’ancora, siamo andate a fare la spesa al mercato e questa volta, la piccola Greta è rimasta affascinata dal broccolo romano, bellissimo, di colore verde chiaro brillante, con queste cimette di forma davvero particolare e affascinante per la regolarità con cui si ripetono. E insieme a questo meraviglioso broccolo, nelle borse della spesa ha voluto mettere peperoni e pomodorini, di un rosso acceso, il suo colore preferito, porro a volontà, per far contenta Serena e qualche piccola zucchina, con qui ho preparato un ottimo contorno che vi proporrò i prossimi giorni.
Una volta risaliti a bordo siamo andate direttamente nella cucina: che fare con questo grande broccolo? Una parte l’abbiamo gustata in insalata e l’altra ha arricchito il risotto che vi propongo oggi, particolarmente gustoso grazie alla pancetta affumicata e dolce e saporito per il porro e il broccolo, che la ciurma ha trovato perfetto abbinato a questi ingredienti!
Un piatto buono e bello… con tanti fiori da mangiare!

Ingredienti:

300gr di risotto Carnaroli
1/2 broccolo romano già lessato
1 porro
150gr di pancetta affumicata
parmigiano grattugiato
1 bicchiere di vino bianco
brodo vegetale q.b.
olio evo
sale e pepe q.b.

In un tegame con due cucchiai di olio fate rosolare il porro pulito e tagliato a rondelle, unite il riso e tostatelo leggermente.

20141031_173027

Sfumate con il vino bianco unite la pancetta affumicata a cubetti e fate insaporire.

20141031_181651

A questo punto aggiungete il brodo vegetale piano piano, lasciandolo assorbire ogni volta, sino a portare a cottura il riso.

20141031_184510

A qualche minuto dalla fine unite le cime di broccolo romano,

20141031_185926

una generosa quantità di parmigiano grattugiato, aggiustate di sale e pepe e a fiamma spenta mantecate delicatamente il riso.
Servite!

20141031_190826

20141031_190841

Un risotto perfetto per avvicinare i bimbi a questo ortaggio e magari a tavola si può raccontare la Favola del nostro amico gnomo Broccoletto e del suo incontro con gnomo Monello (“La Leggenda del Cavolo“) !

Con questa ricetta partecipi al Contest di Pixelicious “Cavoli che Ricetta!”

bannercavolo72dpi