Archivi tag: bacche di goji

Mini Strudel alle Pesche, More di Gelso e bacche di Goji: lontano dalla tempesta

In questi ultimi mesi come ben sapete, tante cose sono cambiate a bordo: la ciurma si è allargata e un nuovo membro è entrato in famiglia, la nonna! Gli equilibri familiari, dopo un periodo di duro rodaggio, si sono finalmente ristabiliti e con il timone stretto tra le mani, la nave ha ricominciato a navigare in acque meno tormentate. Siamo alla ricerca di un mare più calmo e di allontanarci più possibile dalla tempesta che ci ha travolto, ritrovando serenità e pace. Non posso negare di averne risentito più di tutti, sia fisicamente che mentalmente. Per ritrovare pace fuori e dentro ho dovuto obbligatoriamente trascurare qualcosa e qualcuno e questo non è stato facile.  Ma ci sono momenti delle vita dove, per il bene proprio e dei propri cari, bisogna fare delle scelte, che piacciono oppure no… e io ho scelto nuovamente loro, la mia ciurma perché sono gli unici che possono farmi tornare il capitano di prima. Anche entrare qui, nel mio piccolo spazio che amo tanto, dove condivido con voi le mie passioni era  diventato pesante, quasi un obbligo. QUESTO NON  MI PIACE, perché io qui voglio solo trovare serenità : non voglio fama, non voglio gelosie, nessuna gara e nessuna competizione… non è la mia vita, la mia vita è fuori di qui! Non pensate che io voglia chiudere il blog, io amo questo mio spazio, ma di certo vivrò tutto in maniera diversa, come il ritrovare il mio amore per la cucina che in questi ultimi tempi era diventato quasi un peso il mettermi ai fornelli. Insomma…il capitano, ora che la ciurma è di nuovo imbarcata e segue correnti calde e tranquille, deve ritrovare se stessa! Già settimana scorsa vi avevo postato una ricetta mia, un dolcetto semplice e sano, veloce e  leggero: le tortine con le pesche appena raccolte. Si, quella sono io, quella è la mia cucina, come la ricetta di oggi: dei mini strudel alle Pesche, more di Gelso e bacche di Goji che in questo ultimo periodo io e Greta abbiamo preparato spesso e che piacciono tanto alla nonna. Un dolcetto velocissimo, gustoso, con frutta di stagione e facilissimo! Naturalmente è la mia versione senza glutine, ma basta cambiare sfoglia!  Sentivo il bisogno di condividere con voi questo mio particolare momento e ringrazio tanti di voi che mi sono stati accanto nonostante ci conoscessimo solo virtualmente: il mondo non è poi così brutto!  Un abbraccio di gruppo a tutti voi dalla ciurma!

Ingredienti:

1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare (io senza glutine Schar)
2 Pesche noci
2 cucchiai di bacche di Goji
3 cucchiai di more di Gelso
1 cucchiaio di zucchero di canna integrale
1/2 bicchiere di Vin Santo
menta fresca
1 uovo

20160606_203255

20160606_195621Pulite le pesche, sbucciatele, tagliatele a pezzetti e mettetele in una padella con le bacche di goji, le more di Gelso e lo zucchero. Fate caramellare per qualche minuto, unite il vin santo, fate evaporare e assorbire il liquido, aggiungete la menta e poi spegnete. Fate raffreddare.20160606_195803 Srotolate la pasta sfoglia, dividetela in quattro rettangoli e farcite ognuno con il ripieno. Chiudete ogni rettangolo a modo strudel, sigillate bene (altrimenti vi si apriranno come è successo a noi) bucherellate la superfice e praticate dei leggeri taglietti (Greta ha un po’ esagerato, ma la perfezione non fa parte della mia cucina). 20160606_200413 Sbattete l’uovo e spennellate bene tutta la superficie. Infornate a 180° per 10/15 minuti circa. Sfornate, fate raffreddare e gustate! Ottimi tiepidi ma anche freddi, specialmente se li accompagnate da un buon thè freddo!

20160606_203201

20160606_203349

20160606_203416

Biscotti Farfalla al profumo di limone con bacche di goji: volare con la fantasia

“La Fantasia non potrà mai invecchiare, per la semplice ragione che rappresenta un volo verso una dimensione che giace al di là del tempo” (Walt Disney)
Crescere bambini in questa triste e crudele realtà non è facile: noi cerchiamo di farlo al meglio, dando loro ogni giorno in mano “una tavolozza di colori” per dipingere meravigliosamente la loro giornata e un sacchettino di polvere magica: la “voglia di vivere”. E fin quando riusciamo le teniamo lontane dalle cattive notizie, indossiamo delle meravigliose ali luccicanti e voliamo con la fantasia in posti lontani, navighiamo oceani, attraversiamo montagne e corriamo in grandi prati verdi pieni di fiori e non smetteremo mai di farlo, perché è linfa vitale per noi. In questi giorni, dove la primavera ci ha abbandonato, abbiamo giocato con la fantasia in casa e abbiamo deciso di Costruire le nostre ali e … mangiarle! Così ecco i nostri biscottini Farfalla, profumati di limone, friabili e leggeri, arricchiti con bacche di goji, in una versione senza lattosio e senza glutine. Pasta frolla semplicissima che già vi avevo mostrato qui, differente solo per l’assenza dell’arancia e una maggiore presenza di limone. Per il resto delle bellissime formine a forma di farfalla decorate sulle ali da piccole bacche di goji… belli e buoni!

Ingredienti:

70gr di farina di riso Almaverde*
70gr di maizena *
70gr di farina di mais per dolci*
80gr di olio di mais
80gr di zucchero di canna integrale
1 uovo
1 pizzico di sale
1 cucchiaino di polvere lievitante Decorì *
2 limoni bio non trattati
bacche di goji

*certificati senza glutine

Unite e setacciate le farine insieme al lievito. Lavorate l’uovo con lo zucchero, il pizzico di sale la scorza dei limoni, aggiungete le farine e iniziate a lavorare. Ora unite un pochino di succo di limone alla volta, fino ad ottenere un composto liscio e omogeneo. Avvolgetelo nella pellicola e lasciate riposare in frigorifero per 30 minuti.
Trascorso il tempo, stendete l’impasto con il mattarello e con un po’ di farina: ora non vi resta che prendere la formina e creare i vostri biscottini. Adagiateli su una teglia ricoperta da carta forno e decorate le ali con le bacche di goji.

20160428_173043

Infornate a 170° per 10/12 minuti circa.
Fate raffreddare e spolverate con zucchero a velo (senza glutine se intolleranti o celiaci)!

20160428_182919

20160428_183204

…ora non vi resta che spiccare il volo…

20160428_183749

 

Porridge Vegan con mandorle: stimoliamo il metabolismo pt.4

Non esistono scorciatoie che siano in grado di garantirci di perdere peso rapidamente da un giorno all’altro. Vi sono però alcuni alimenti che si rivelano particolarmente utili. Con la Rubrica del Martedi “Bellissime Mamme”, stiamo affrontando da qualche settimana un percorso per accelerare il metabolismo, che è uno dei migliori espedienti per bruciare più calorie e quindi perdere peso più velocemente. Il metabolismo basale, infatti, non è altro che la velocità e l’efficacia con cui l’organismo brucia le calorie di cui ha bisogno per soddisfare le sue necessità vitali: aumentare il metabolismo e stimolarlo vuol dire anche aumentare il proprio fabbisogno calorico quotidiano e se si riduce la quantità di cibo, riattivando il metabolismo, il risultato sarà un dimagrimento più facile e veloce.
Dopo Pompelmo, Thè Verde e Yogurt oggi parliamo di MANDORLE.

images (13)

Grazie al loro elevato contenuto di proteine e, soprattutto, di calcio, le mandorle sono in grado di riattivare il metabolismo. Contengono proprietà curative e il loro consumo migliora l’aspetto della pelle. Contengono fosforo, potassio, magnesio, calcio, ferro, zolfo, alluminio, manganese, rame, zinco, vitamine A, E, B1, B2 e PP. Le mandorle sia sbucciate che intere, hanno soprattutto molta vitamina E e sono una delle fonti non animali più ricche di calcio. Aiutano a fortificare il sistema immunitario, riducono il colesterolo, aiutano a ridurre il rischio di malattie cardiache e di altri tipi di malattie. Le mandorle inoltre sono ricche di grassi omega 3: queste preziose sostanze aiutano a stabilizzare il metabolismo, I grassi buoni contenuti in questo tipo di alimento (purché consumato fresco e non tostato) agiscono riducendo la resistenza insulinica (causa di ingrassamento) e aumentando la sensibilità delle cellule all’insulina (che invece stimola il dimagrimento attraverso l’uso tempestivo dell’energia disponibile). Troviamo in commercio il buonissimo Latte di Mandorle e il fantastico Burro di Mandorle, ma mi raccomando, dato il loro alto contenuto calorico vanno assunti con moderazione.

images (14)

Mangiare al mattino i cibi giusti permette di mettere in moto il metabolismo e di perdere peso più velocemente: la colazione è il pasto più importante della giornata, deve saziare in modo adeguato, in modo da non rischiare di sentire quel classico buco allo stomaco a metà mattina che porterà inevitabilmente a rifugiarsi negli snack più grassi e più calorici. La colazione, inoltre, deve avere un certo contenuto di fibre e naturalmente contenere un alimento che stimoli il nostro metabolismo. Aggiungere una buona quantità di mandorle alla propria prima colazione riduce l’impatto glicemico del pasto, garantendo una migliore regolazione dell’appetito non solo durante la mattina, ma anche durante il resto della giornata.
L’unica osservazione da fare è per le persone con una particolare sensibilità al nichel: in questo caso è ancor più utile evitare di scegliere semi tostati e usare il più possibile le controparti “fresche”.
Dedichiamoci ora alla ricetta per la nostra Rubrica e prepariamo un piatto tipico della cucina inglese  che si serve a colazione:  Una crema calda da mangiare al mattino quando fa freddo, per affrontare la giornata nel modo giusto, prepariamo il PORRIDGE  VEGAN con avena, latte di soia, kiwi, bacche di goji e mandorle, senza glutine e senza lattosio. L’avena è un cereale che possiede molte sostanze benefiche per l’organismo. In particolare, contiene i beta-glucani, ovvero fibre idrosolubili ad alto potere saziante, utili perciò a mantenere sotto controllo il peso corporeo: ma ne parleremo più avanti, perché questo alimento fa parte dei 15 cibi che stimolano il metabolismo. Ricetta semplice, un piatto  facilmente personalizzabile, dove potete inserire gli alimenti che più vi piacciono. Forse l’aspetto del porridge non sarà molto invitante, ma è buono ed è una colazione leggera e altamente saziante. Il mio consiglio è di utilizzare frutta poco zuccherina, come mele, pere, kiwi, fragole) e aggiungere ingredienti con un bacco indice glicemico, come albicocche secche oppure bacche di goji e naturalmente frutta secca come le mandorle.

Ingredienti per 1 porzione:

40gr di fiocchi di avena integrale PROVENA senza glutine*
125gr di latte vegetale (io di soia)
1 cucchiaino di miele
1 kiwi
1 cucchiaio di bacche di goji
5 mandorle intere fresche
1 cucchiaio di mandorle in granella
acqua q.

* spesso si trovano in commercio fiocchi di avena con glutine, mi raccomando controllare sempre che ci sia la spiga sbarrata o la scritta SENZA GLUTINE. Io questi li acquisto tramite internet qui.

In un pentolino mettete l’avena e copritela con l’acqua e metà latte. Fate cuocere per 5 minuti circa, i liquidi tenderanno ad assorbirsi e l’avena diventerà morbida. Aggiungete il restante latte, il miele, e la granella di mandorle. Fate cuocere ancora per un paio di minuti e nel frattempo tagliate il kiwi a pezzetti. Versate il tutto nella ciotola della colazione, aggiungete la frutta, le bacche e le mandorle intere.

20151130_102438

Non vi resta che rilassarvi e godervi questa deliziosa colazione inglese!

20151130_102447

20151130_102503

Plum cake al Pompelmo con bacche di Goji: elisir di lunga vita

Sperimentiamo queste preziose e famose bacche di Goji, comprate settimana scorsa in un negozietto Bio. Il Goji, dal nome latino Lycium Barbarum, proviene dalla Mongolia interna ed è un arbusto deciduo perenne della famiglia delle solanacee (stessa famiglia di melanzane, pomodori, patate, peperoncino e peperoni) che cresce su viti rampicanti.
Nel paese della Grande Muraglia queste bacche sono considerate da più di 2000 anni come un rimedio naturale che aiuta a mantenere l’organismo in buono stato di salute, tanto da meritarle il nome di “frutto della longevità”.
Offrono un valido sostegno nella regolazione e rigenerazione dei processi metabolici, delle risposte immunitarie e delle attività neurologiche, donano tono ed energia, aiutano rinforzare il sistema immunitario, a disintossicare il fegato, a migliorare la resistenza muscolare, a sostenere l’organismo durante i periodi di forte stress e a supportare l’idratazione e l’elasticità della pelle.
Insomma dovevo provarle … ma come? La mia ricetta deve andare bene per tutta la famiglia, bambini in particolare. Così ho pensato al classico dolce da merenda e colazione: il plumcake! Preparato senza uova, senza burro e senza latte con farina, zucchero di canna, pompelmo e queste meravigliose bacche: il risultato è stato stupefancente! Croccante in superficie, soffice e leggero come una nuvola all’interno, impreziosito dal sapore dolciastro di queste rosse bacche e dal profumo del pompelmo rosa. Semplicemente divino!

20140527_154637

Ingredienti:

350gr di farina di riso Nutrisi
200gr di zucchero di canna
250ml di succo di pompelmo rosa
80gr di olio di semi
1 bustina di lievito senza glutine
25gr di bacche di goji

In una terrina mettete la farina, lo zucchero, la bustina di lievito e le bacche.

20140527_123337

Mescolate tutto, unite l’olio e il succo di pompelmo e con l’aiuto di una frusta mescolate bene il tutto.

20140527_123709

Foderate con carta forno uno stampo da plum cake, versatevi il composto e infornate a 180° per 45 minuti circa (fate sempre prova stecchino).

20140527_124611

Una volta pronto, non ha bisogno di niente, se non di una spolverata di zucchero a velo!

20140527_154647

20140527_164436

Consiglio: Le bacche di Goji si possono assumere giornalmente da 1 a 3 cucchiai al giorno. Attenzione però, nei bambini la dose consigliata è misurata in cucchiaini e non in cucchiai, da 1 a 3 al giorno.