Archivi categoria: Pane, pizza, focacce,Torte Salate & co

Tartarughe di pane con latte e menta: C’era una Volta …”Le avventure di Sammy”

Siete pronti ad una avventura fantastica attraverso mari e oceani? Forza seguitemi!

sammydvd“C’era una volta Sammy, un piccolo tartarughino marino che fin dal suo primo giorno inizia a conoscere i pericoli della vita.  Appena uscito dal suo guscio, la piccola tartarughina finisce nel becco di un gabbiano. E’ Shelly, un’altra piccola tartarughina, che riuscirà a salvarlo. images (52) Questo incontro però dura poco e i piccoli amici si perdono subito di vista. Così Sammy intraprende il suo viaggio in mezzo al mare e qui incontra subito il suo compagno di avventura, Ray che diventerà il suo migliore amico. sammy_8 I due condividono una zattera improvvisata e insieme attraversano mari, incontrano altre tartarughe, pesci e si imbattono purtroppo anche negli umani che li catturano e li separano. Sammy riesce a liberarsi ma è rimasto troppo  tempo al sole e senza acqua e di nuovo in mare perde i sensi. Un delfino lo salva e viene trasportato dalle onde su una spiaggia dove un gruppo di umani buoni, con il loro gatto Flu flu,  si prendono cura di lui e gli dipingono sul guscio il simbolo della pace. sammy_15Gli umani vengono però cacciati via dalla spiaggia e Sammy si ritrova solo. Così dopo alcuni giorni si ributta in mare e qui per caso rincontra Shelly e la salva da uno squalo. le_avventure_di_sammy_1I due amici si ritrovano e iniziano un lungo viaggio verso il passaggio segreto che porta all’oceano di ghiaccio. Ma una volta trovato il passaggio segreto Shelly non riesce ad oltrepassarlo perché trascinata via dalla corrente. Così Sammy si ritrova di nuovo da solo, nuotando in mari freddi e ghiacciati e rischiando la vita. Le-avventure-di-Sammy-Il-passaggio-segreto-immagini-dal-film-36_bigViene nuovamente salvato dagli umani e scopre che Shelly è viva. Una volta guarito e liberato in mare, nuota alla ricerca della sua amica e qui rincontra Ray, in pericolo, e riesce a salvarlo. E’ proprio Ray che aiuta Sammy a ritrovare Shelly e i due finalmente insieme dichiarano il loro amore. il-poster-di-sammy-e-shelly-da-le-avventure-di-sammy-il-passaggio-segreto-187181Come ogni bella favola … vissero tutti felici e contenti!”

Dedico questa storia alla mia sorellina Greta, perché a lei piace tantissimo e ogni volta che lo vediamo insieme i suoi occhi  brillano di gioia nel vedere il mare, i colori e tutti gli animali che lo abitano. Lei adora il mare! Ma questa storia è anche triste perché mostra  quanto noi umani stiamo rovinando questo bellissimo posto, con l’inquinamento e con la pesca sbagliata, come quella alle balene. E mi fa arrabbiare tantissimo, perché stiamo uccidendo il nostro mondo.

A presto Serena!

Ogni volta che Greta lo vuole vedere non riesco a non sedermi accanto a lei e guardarlo: è una storia bellissima e per noi che amiamo il mare è vivere un’avventura unica! Ora tocca mettersi ai fornelli! Decidere il piatto per questa favola è stato semplicissimo: dovevamo fare Sammy! E così sono nate queste TARTARUGHINE DI PANE LATTE E MENTA, BELLE, PROFUMATE E BUONISSIME! Un impasto semplicissimo, senza lattosio, di un bel colore verde dato dallo sciroppo di menta, così da rendere questi panini ancora più somiglianti ad una tartaruga. Le bimbe si sono divertite tantissimo in cucina e hanno divorato questi buonissimi panini chi con marmellata chi con crema di nocciole! Ci rivediamo  ad Agosto con un’altra fantastica FAVOLA….

Ingredienti:

500gr di farina 00
100gr di burro senza lattosio
70gr di zucchero di canna
100ml di sciroppo di menta
60ml di latte di riso
25gr di lievito di birra
2 uova + 1 per spennellare
1 pizzico di sale
gocce di cioccolato fondente senza lattosio

20160718_104223

20160718_105242Scaldate il latte in un pentolino, fate raffreddare e poi sciogliete il lievito all’interno. Unite la menta e mescolate. In una ciotola unite la farina con lo zucchero, aggiungete le uova, il sale e il burro ammorbidito a pezzetti. Iniziate a lavorare con un cucchiaio di legno gli ingredienti e versate piano piano il latte e menta. Continuate ad impastare per una decina di minuti, date la forma di una palla, coprite e lasciate lievitare per un paio di ore. 20160718_131055Riprendete l’impasto e con l’aiuto dei vostri bimbi fate delle tartarughine, aggiungendo le gocce di cioccolato come occhi. 20160718_153220Lasciate lievitare ancora per un’ora. Sbattete l’uovo con un pochino di latte e spennellate la superficie di ogni tartarughina. Poi con l’aiuto di un coltello praticate le incisioni sul guscio a formare una griglia di rombi. Infornate a 180° per 30 minuti.
Che dite? Non sono bellissime? Noi siamo rimasti molto soddisfatti e poi… che buone!!!

20160718_164414

20160718_164404

Sammy-05“Ci sono tante cose oltre queste acque, io voglio vedere il mondo!”

 

Plumcake salato con lievito madre senza glutine e senza lattosio, erbette, ricotta e salame

A chi non piace il Salame? Direi a nessuno! Se poi è di qualità eccellente come il SALAME CLAI nessuno può resistergli. La CLAI è una Cooperativa agricola che opera nell’agroalimentare sia nel settore dei salumi, con una particolare specializzazione nel segmento del salame, che in quello delle carni fresche bovine e suine.
L’azienda opera principalmente in due stabilimenti: a Sasso Morelli di Imola (BO) dedicato alla produzione dei salumi e a Faenza (RA) dove si effettuano macellazione e sezionamento dei bovini e dei suini, adottando le procedure operative più avanzate per assicurare il benessere animale e alti standard di qualità nel sistema di trasformazione e lavorazione. Tutti i salumi CLAI sono prodotti utilizzando prevalentemente carni fresche italiane, coniugando la sapienza di esperti maestri salumieri con le migliori tecnologie produttive per garantire il massimo livello di gusto e sicurezza. Tutti garantiscono l’assenza di glutine, molti con l’aggiunta della spiga barrata, sono privi di latte e derivati. CLAI aderisce al progetto FEDAGRI QUI DA NOI 20160517_120412Tutti i salumi CLAI rispettano un rigoroso disciplinare che ne stabilisce gli ingredienti, la filiera, la lavorazione, a tutto vantaggio della qualità e del gusto per i consumatori. Tutti garantiscono l’assenza di glutine, molti con l’aggiunta della spiga barrata, sono privi di latte e derivati. CLAI aderisce al progetto FEDAGRI QUI DA NOI e mi ha gentilmente omaggiato di alcuni dei suoi straordinari SALAMI, che abbiamo immediatamente voluto assaggiare: sono irrestistibili! Oltre al classico PANE E SALAME, che di meglio non c’è , ho voluto preparare un piatto che alla ciurma piace tantissimo e che spesso porto in tavola al posto del pane: il plumcake salato che ho arricchito con erbette, ricotta senza lattosio e naturalmente salame, il campagnolo! 20160519_112607Una versione rustica, con farine senza glutine: un profumo meraviglioso e un sapore eccezionale! Vi lascio al volo la ricetta!

Ingredienti:

100gr di farina di riso integrale
200gr di mix-brot Schar per pane rustico
80gr di ricotta senza lattosio
1 mazzetto di erbette
8 fette di salame Campagnolo Clai
3 uova
2 cucchiai di olio evo
200gr di latte di soia naturale senza zuccheri
150gr di lievito madre senza glutine
sale e pepe q.b.

Lavate le erbette e lessatele in acqua bollente salata. Scolatele e tagliatele al coltello. Sciogliete il lievito madre nel latte, unite le uova con l’olio e aggiungete poi piano piano la farina. Incorporate le erbette con la ricotta e il salame tagliato a cubetti.

20160519_095634 20160519_100316

Aggiustate di sale e pepe e travasate tutto il composto nello stampo da plumcake rivestito da carta forno precedentemente inumidita e strizzata. Cuocete in forno a 180° per 35/40 minuti.
Non vi resta che estrarlo dallo stampo e farlo raffreddare su una graticola per qualche minuto.

20160519_112423

20160519_112519

Torta salata con zucchine, fiori di zucchina, crescenza e prosciutto

Ieri è stato il mio compleanno: una giornata totalmente in famiglia e ai fornelli! E per di più è stato anche il 14° anniversario di nozze: eh sì.. tantissimi anni insieme! Ero una donnina quando ho conosciuto il vice capitano… e ora siamo una grande famiglia! Con la nonna rientrata da pochi giorni dall’ospedale è impossibile per ora organizzare qualcosa fuori casa, così abbiamo pensato ad un bel pranzo a base di pesce (spiedini di manzancolle, spaghetti alle vongole e pesce spada) , impegnativo e sostanzioso e per la cena qualcosa di leggero e veloce come questa gustosa Torta salata senza glutine e senza lattosio con Zucchine, Fiori di zucchina, Crescenza e Prosciutto! Verdure di stagione sempre in tavola, una delle preferite dalle bimbe, le zucchine e i suoi meravigliosi fiori, e la cipolla rossa di tropea, insieme ad un formaggio cremoso e fresco come la crescenza, in questo caso senza lattosio, del semplice prosciutto cotto senza glutine e senza lattosio.  Le torte salate sono uno dei piatti che più piace alla ciurma, alle bambine in particolare, puoi farcirle come meglio credi, con i loro ingredienti preferiti e aggiungere tante verdure, anche solo per nasconderle, cosa che io evito di fare, preferisco sempre dire alle mie bimbe tutto ciò che hanno nel piatto. Oltretutto è una di quelle preparazioni semplici che si possono tranquillamente fare in loro compagnia: Greta ultimamente adora lavare le verdure e tagliarle a pezzetti e queste piccole zucchine erano proprio adatte a lei.  Una semplice insalatina di pomodori e rucola ha accompagnato il tutto: per una cena leggera e saporita al punto giusto!

Ingredienti:

1 rotolo di pasta sfoglia rotondo senza glutine
10 zucchine piccole
10 fiori di zucchina
cipolla rossa di tropea
150gr di crescenza senza lattosio
200gr di prosciutto cotto*
basilico fresco
olio evo q.b.
sale q.b.

*senza glutine e senza lattosio

20160614_172311

20160614_175016Tagliate la cipolla a rondelle e mettetela in una padella con due cucchiai di olio a rosolare. Lavate le zucchine, tagliatele a rondelle e unitele al porro, fate cuocere per 10 minuti a fuoco medio.  Nel frattempo pulite i fiori dal picciolo interno, lavateli, asciugateli e tagliateli a listarelle. Una volta trascorso il tempo di cottura, spegnete il fuoco e aggiungete i fiori in padella. Fate raffreddare e poi unite la crescenza, il prosciutto cotto tagliato grossolanamente e le foglie di basilico fresco. Mescolate bene il tutto.  Srotolate la pasta sfoglia e rivestite una teglia, versate tutto il ripieno all’interno e infornate in forno preriscaldato a 180° per 30/35 minuti circa. Voilà, in poco tempo un piatto buonissimo in tavola!

20160614_190618

20160614_190746

 

 

Pane alla lavanda senza glutine con lievito madre: pace e serenità

cop“Quando sei contenta per te stessa, la gioia ti riempie. Quando lo sei per qualcun altro, sgorga” (cit. Da Il profumo del pane lavanda”).
Avete mai letto questo libro? Io mi ci sono imbattuta per caso su consiglio di mia nipote ed è stata subito MAGIA: un romanzo che parla con dolcezza d’amore, di rimpianto e di perdono. Nonne, madri, amiche e nemiche si intrecciano accompagnate da piatti a base di fiori e frutti magici… un giardino incantato e un melo come amico.  Un libro leggero, poco impegnativo, da leggere tutto d’un fiato, che regala sensazioni positive: pace e serenità … proprio come la Lavanda! Sono una fan di questa meravigliosa pianta aromatica di origini mediterranee: adoro il suo aspetto e sono innamorata del suo meraviglioso profumo. La storia della Lavanda si perde nella notte dei tempi. Conosciuta e utilizzata dall’uomo da oltre 2500 anni, veniva anticamente impiegata per la preparazione di talismani portafortuna e incantesimi d’amore, per il suo profumo intenso e inebriante. images (46)Il nome di questa pianta deriva dal latino ”lavare” e si riferisce all’uso che ne facevano  greci e romani che raccoglievano i suoi fiori per profumare l’acqua delle terme in cui si immergevano, abbandonandosi a bagni rilassanti e profumati. Può curare disturbi molto comuni, come mal di testa, insonnia, ipertensione, malattie respiratorie, dolori reumatici ecc. e i suoi  fiori conservano a lungo il loro profumo, anche se secchi: nonna riempiva i sacchettini di tela e li metteva nei cassetti e negli armadi, è un ottimo antiparassitario.  Il suo colore che sfuma dal blu al lilla evoca il silenzio, la calma e la tranquillità: in aromaterapia viene infatti utilizzata per ritrovare il giusto equilibrio tra gli estremi, come tranquillizzante e riequilibrante del sistema nervoso. Single_lavendar_flower02Sono molto conosciute le sue virtù antinfiammatorie e antireumatiche, le sue proprietà analgesiche e antinevralgiche ed è un efficace battericida. ha note proprietà antisettiche e cicatrizzanti e favorisce la guarigione di ferite infette, allevia il dolore delle bruciature e il fastidio delle punture d’insetti e di ragni. Il profumo della Lavanda non piace alle zanzare che ne vengono infastidite: è consigliabile, dunque, nelle afose sere estive, frizionarsi con acqua di Lavanda per rinfrescarsi e, nello stesso tempo, evitare fastidiose punture. E’ un valido aiuto in caso di raffreddore per il suo potere decongestionante e per le sue proprietà balsamiche che si sprigionano respirandone il vapore. images (45)Per purificare la stanza e per conciliare il sonno dei bambini che faticano ad addormentarsi (come la mia piccola Greta fino a un anno fa) e per quelli iperattivi, non c’è niente di meglio  dell’Olio Essenziale di Lavanda, il cui profumo discreto, fresco e delicato avrà un immediato effetto tonificante e calmante (basta qualche goccia sul cuscino o nel diffusore) . In casa mia questo olio non manca mai (qui vi avevo anche mostrato un tonico e un Balsamo) , come i prodotti d’igiene, shampo-bagnodoccia-crema corpo, alla lavanda! E naturalmente eccola nel mio orto in giardino, quella in terra e quelle in vaso.

untitled (73)

 20160608_142144Anche in cucina la LAVANDA trova il suo spazio: già vi ho presentato la marmellata mela e lavanda e  lo Strudel di Ciliegie e lamponi all’infuso di lavanda. Dopo aver letto questo libro, dove il profumo di lavanda scorre tra le pagine, ho deciso di preparare proprio un pane profumato alla lavanda.  Ricetta semplice, con mix di farine senza glutine e il mio lievito madre     , lievitazione di 8 ore e naturalmente infuso di lavanda. Si va in cucina!

Ingredienti:

280gr di Mix Pane Revolution
220gr di Mix Pane Nutrifree
160gr di Lievito madre senza glutine
400gr di Infuso di lavanda
2 cucchiai di olio evo
5gr di sale
1 cucchiaio di miele al timo

20140922_093919Sciogliete il lievito madre nell’infuso alla lavanda con il miele. Lasciate riposare qualche minuto e poi unite le farine iniziano a lavorare a mano l’impasto che risulterà appiccicaticcio. Quando è amalgamato unite sale e olio e lavorate ancora fino a quando otterrete un impasto omogeneo. 20160125_181534 Fate una pagnotta e lasciate riposare per 15 minuti. Riprendete l’impasto e fate qualche piega tirando un pezzo di lato e riportandolo al centro. Ripete questa operazione 4 volte lasciando sempre riposare tra una e l’altra almeno 15 minuti. Prendete l’impasto e mettetelo a lievitare dentro una capiente ciotola infarinata per 8 ore. 20160207_171453 Trascorso il tempo riversate su un foglio di carta forno, praticate i tagli che vi piacciono, spennellate con un pochino di acqua e olio e infornate a 220° per 15 minuti, abbassate a 190° e cuocete per circa 50 minuti. Prima di sfornare bussate il pane sotto: se suona vuoto vuol dire che è cotto.

20160428_073954

Non vi resta che farlo raffreddare e poi servire in tavola!

20160428_074127

informazioni e immagini prese dal WEB

Focaccia con Pomodorini, Cipolla, Olive Siciliane e origano: …alla nonna

alla-nonna

Avere accanto i nonni durante la crescita è un dono e una gran fortuna per ogni bambino. Mio marito, che non ha mai conosciuto i suoi nonni, né materni né paterni, lo dice sempre ed io, che sono cresciuta con le mie nonne, lo so bene: nel mio cuore per sempre! Le mie bimbe sono fortunate, hanno conosciuto tutti e 4 i nonni, anche se quest’anno hanno affrontato il primo grande dolore di perderne uno.  Così la nonna rimasta sola è ancora più presente nella famiglia e accanto a loro. La nonna cuoca, la suocera, la mamma ottantenne: quella da riempire di coccole ora più che mai! La ricetta che vi lascio oggi è stata la nostra cena di Sabato sera, preparata proprio per lei, che aveva una gran voglia di qualcosa di sfizioso. Il Sabato sera per noi è PIZZA-FOCACCIA sul divano con un bel cartone Disney in tv, un bel vassoio di formaggi e affettati e qualche fetta di pizza e focaccia home made… che volere di più?! Come ben sapete sono un soggetto intollerante al glutine: questo non vuol dire che io non possa mangiare alimenti che lo contengono, ma devo sicuramente limitarli e quelli che arrivano sulla mia tavola devono essere prodotti con farine possibilmente integrali, non raffinate, macinate a pietra e di ottima qualità. Una volta alla settimana quindi, su ordine medico, reinserisco il glutine, ma lo faccio con la convinzione che quello che porto in tavola sia OTTIMO! Per la Focaccia che ho preparato con Greta (si, lei adora impastare) per la Nonna, ho utilizzato la MISCELA DI FARINA PER PIZZA DOLCEVITA , omaggiatami gentilmente da Dolcevita.

20160430_183132

Un mix di farina di grano tenero, estratti d’oliva e bucce d’uva rossa, farina di grano Khorasan e farro spelta, farina di lino e germe di grano. Ingredienti che sono fonti naturali di fibre solubili, polifenoli e omega 3 (acido Alfa Linonelico) con proprietà antiossidanti e di riduzione dell’innalzamento della glicemia post-prandiale (ideale come farina per diabetici). Il Risultato? Una Focaccia leggerissima e digeribile, a basso indice glicemico! Abbiamo scelto come condimento pomodorini ciliegia, le ultime olive siciliane in dispensa, origano di sicilia e  anelli di cipolla dorata, il tutto accompagnato da del buon Crudo di Parma Dop. Una cena PERFETTA e la ciurma soddisfatta al COMPLETO!

Ingredienti:

500gr di Miscela per Pizza Dolcevita
10gr di lievito di birra
270ml di acqua tiepida
1/2 cucchiaino di miele
1 cucchiaino di sale
2 cucchiai di olio evo
pomodorini q.b.
olive q.b.
1/2 cipolla d’orata
origano q.b.
olio evo q.b.
1 cucchiaio di sale grosso

Fate sciogliere il lievito nell’acqua insieme al miele. Versate la farina in una grande ciotola e unite piano piano il mix di acqua e lievito, iniziano ad impastare il tutto. Unite il sale e l’olio e continuate a lavorare l’impasto sino a quando non è ben liscio ed elastico. Fate una palla, coprite con un telo pulito e lasciate lievitare per almeno 4 ore. Trascorso il tempo, riprendete l’impasto, che avrà raddoppiato il suo volume e stendetelo in una teglia unta. Ricoprite nuovamente e lasciate lievitare ancora per 3 ore. Una volta pronto, mentre il forno raggiunge la temperatura di 220°, farcite la focaccia con pomodorini, anelli di cipolla, olive e origano. Cospargete la superficie di sale grosso e olio

20160424_173905

Infornate per 10 minuti sulla parte più bassa del forno e altri 10 a metà … la Focaccia è pronta! Non vi resta che disporre su un tagliere e servire questa buonissima Focaccia: croccante sulla base e soffice e leggera all’interno, gustosa e saporita, deliziosa nella sua semplicità e perfetta come accompagnamento ad ottimi affettati!

20160424_190156

20160424_190236

Con questa focaccia partecipo alla raccolta di Panissimo ideata da Sandra e Barbara questo mese ospitata da Consuelo

Panissimo

Pizza senza glutine con funghetti, provola e carciofini

Per la Rubrica del Venerdì “L’Angolino del Papà” portiamo in tavola una buona Pizza farcita, senza glutine, con funghetti, provola  e carciofini, accompagnata da una buona Birra Rossa senza glutine Brunehaut. Da quando ho scoperto di essere intollerante al glutine, tutta la ciurma, marito compreso, si è avvicinato a questa nuova alimentazione, assaporando e scoprendo prodotti nuovi e buonissimi. Il mio lievito madre senza glutine mi ha aiutato tantissimo per la preparazione di ottimi panificati, leggeri e digeribili come la Pizza che vi propongo oggi e che ho preparato esclusivamente per il papà di casa: Funghetti sott’olio, carciofini della nonna e provola senza lattosio …. buonissima!

Ingredienti:

200gr di Mix Farmo Lp Low Protein
200gr di Mix per Pizza Nutrifree
280gr di lievito madre
380gr di acqua
1 cucchiaino di miele
25gr di olio evo
10gr di sale
funghetti sott’olio q.b.
carciofini sott’olio q.b.
120gr di provola senza lattosio
5 cucchiai grandi da cucina di salsa di pomodoro
olio evo q.b.
sale q.b.

In una ciotola sciogliete il lievito nell’acqua insieme al miele e piano piano aggiungete le farine, lavorando bene l’impasto. Unite olio e sale per ultimo amalgamando bene il tutto. Coprite con canovaccio e lasciate lievitare lontano da correnti d’aria per due ore. Riprendete l’impasto e capovolgetelo su una teglia precedentemente unta, con la punta delle dita stendetelo delicatamente su tutta la superficie della teglia. Condite con la salsa di pomodoro, olio e sale. Fate lievitare nuovamente per un’altra ora. Aggiungete funghetti e carciofini e mettete in forno preriscaldato a 200° per 25 minuti circa. Nel frattempo tagliate la provola a fettine, estraete la pizza, ricoprite con la provola e infornate nuovamente per altri 10 minuti.

20160213_194241

Servite in tavola e gustatela bella calda!

20160213_194411

Croccante sulla basa, soffice all’interno, gustosa e saporita… anche le bimbe hanno voluto assaggiarla: buonissima!

20160213_194419

Quiche con fagiolini, porri e finocchi senza glutine: tempo!

“Tempo comunque vadano le cose lui passa
e se ne frega se qualcuno in ritardo
puoi chiamarlo bastardo ma intanto già andato
e fino adesso niente lo ha mai fermato
e tutt’al più forse lo hai misurato
con i tuoi orologi di ogni marca e modello
ma tanto il tempo resta sempre lui quello
l’unica cosa che ci data di fare
avere il tempo da poter organizzare…
…Tempo,quando stai bene lui va via come un lampo
quando ti annoi un attimo sembra eterno
il paradiso può diventare inferno
tempo, ti frego e con il ritmo ti catturo
e ti chiudo in una ritmica di aspetto molto duro
e ti organizzo in battute in quattro quarti
allora non avrai tempo di liberarti
e con le gambe muovo anche il cervello
e allora il tempo sarà mio fratello
e come lui mi darà sempre una mano
mi darà tempo per andare lontano
e come Ulisse cercherò di ritrovare
quella mia isola ma intanto viaggiare
sarà piacevole, sarà indispensabile
anche se l’isola sarà irraggiungibile…”
(Jovanotti – Non m’annoio)

In questi ultimi tempi quello che ci manca di più è proprio il TEMPO: tempo di fare una tranquilla colazione tutti insieme, tempo per una passeggiata, tempo per giocare, tempo per raccontarsi… semplicemente … tempo! Un periodo frenetico, sveglia la mattina, di corsa a scuola e poi all’asilo, divisi tra lavoro e l’impegno della suocera; spesso si salta il pranzo (lo so …non si fa, ma ci sono giorni che non riesco) e poi di corsa a recuperare le bimbe e in un lampo, tra compiti e studio arriva sera. Tutto normale vero? lo so.. si aspettava il week end per “stare insieme” ma purtroppo neanche il fine settimana in questo ultimo periodo ci “regala” tempo da dedicare a noi… che fare? Bisogna trovarlo questo benedetto tempo, non solo per me ma anche per la mia ciurma! E allora riorganizziamo tutto, respiriamo a fondo, allontaniamo lo stress più possibile e cerchiamo di vivere questa Vita in modo più sereno e tranquillo … vero CAPITANO? Ho un carattere troppo ansioso, vivo tutto con troppa frenesia e questo non mi aiuta, specialmente in questo nuovo periodo della nostra vita. DEVO ASSOLUTAMENTE rallentare e imparare a dare delle priorità. E allora eccoci qui, lasciamo andare le cose come devono andare, non accolliamoci troppe responsabilità e organizziamo giorno per giorno… domani si vedrà! Così questa settimana è iniziata con uno spirito nuovo, una maggiore leggerezza in tutto, cucina e ricette comprese. Ieri il tempo “obbligava” a stare fuori, un sole meraviglioso e una temperatura fantastica. La piccola Greta sta un pochino meglio, febbre e otite passati. Così ieri abbiamo passato quasi tutto il giorno in giardino con la nonna, all’ombra del gazebo abbiamo colorato, giocato a carte e fatto le costruzioni. Un pranzo veloce con una pastasciutta con pesto di zucchine e per cena una semplice e gustosissima QUICHE con fagiolini, finocchi e porro! Il Porro è un ortaggio fantastico, disinfettante, anti anemico e digestivo, abbassa il colesterolo, irrobustisce le articolazioni, ringiovanisce la pelle e dissolve la stanchezza d’inverno. E’ ricco di acqua, poco calorico, ricco di vitamina A, vitamina C e discrete quantità di vitamine del gruppo B, oltre a ferro, magnesio e acido fosforico, sodio, zolfo e silice, manganese, potassio e calcio (toccasana per le ossa). Il suo gusto delicato conquista il nostro palato maggiormente rispetto all’amica cipolla e io trovo che sia un ingrediente meraviglioso in cucina, buono con tutto…   e le mie bimbe lo adorano.  Ricetta semplice e gustosa: verdure leggere, uova fresche bio arrivate dalla cascina dietro casa, pasta sfoglia senza glutine, panna di soia ed erbe aromatiche. Un piatto profumatissimo che la ciurma ha divorato accompagnato da una mega insalatona e io … sorrido, mentre vi scrivo queste cose,  perché sono arrivata a sera senza essere nervosa e facendo tutto: le bimbe erano contente, la nonna stava bene, la casa era comunque in ordine, ho persino lavato e steso i panni e tutti hanno mangiato lasciando i piatti vuoti! E io …. sono una sciocca e in questi mesi ho perso tanto TEMPO a vivere male! Sbagliando si impara, come dice sempre la mia bimba saggia Serena… vi lascio la ricetta al volo e … ci vedremo presto!

Ingredienti:

1 rotolo di pasta sfoglia senza glutine Buitoni
400gr di fagiolini
1 finocchio
2 porri
4 uova
100ml di panna di soia
100ml di raspadura
timo ed erba cipollina q.b.
sale e pepe q.b.
olio evo q.b.

Per prima cosa pulite i fagiolini togliendo le estremità e lavateli bene. Pulite e lavate i finocchi e tagliateli a spicchi. Lessate entrambi in acqua salata, scolateli bene e lasciateli raffreddare. In una padella antiaderente con un filo d’olio evo fate rosolare il porro tritato, aggiungete le verdure lessate e fate insaporire il tutto. Unite le erbe aromatiche e aggiustate di sale e pepe. Stendete la sfoglia in una teglia, bucherellate il fondo e versate tutte le verdure raffreddate. Sbattete le uova in una ciotola con la panna e con questo composto ricoprite le verdure nella sfoglia. Aggiungete in superficie la raspadura e infornate a 180° per 40 minuti circa.

20160225_191139

Una volta pronta, fate raffreddare e portate in tavola! Buon appetito!

20160225_192217

20160225_192429

20160225_192442