Riccioli di Amaranto con crema di carciofi e timo: e vai di batteria!

Pianoforte, flauto traverso, chitarra, violino e percussioni… questi gli strumenti a scelta per le medie, naturalmente per chi volesse fare musica. Cosa poteva scegliere Serena ? Il violino? Noooo! Il Flauto? ma scherziamo? Il Pianoforte! e no… troppo scontato! LEI VUOLE IMPARARE A SUONARE LA BATTERIA! Si avete capito bene… LA BATTERIA, quella cosa che fa un casino allucinante! Da un lato sono contentissima perché è uno strumento che amo molto, dall’altro il pensiero di averla in casa mi terrorizza. Il primo anno probabilmente ci salveremo dall’ingresso in casa di questo mastodontico strumento… ma andando avanti sicuramente dovremo organizzarci. Lei è entusiasta, non vede l’ora: “mamma per me è uno sfogo, li posso scaricare tutte le mie paure e pensare solo al ritmo”…. come dargli contro… la mia piccola bimba diventa Grande. Nel frattempo per Pasqua mio cognato gli ha regalato una “batteria” elettronica, quelle da tavolo, dotata di bacchette e, per mia fortuna, di cuffie: così tutto avviene nel silenzio totale… evvai!  Lo devo ammettere… è una figata, ci divertiamo un po’ tutti a suonarla! Parlando di Pasqua… passata bene? Noi ci siamo “isolati” dal resto del mondo e abbiamo dedicato del tempo solo a noi: gita in un parco naturale, passeggiate sulle colline Piacentine e relax sul divano! I pasticci non sono mancati, ma nessuna abbuffata. Tornare a regime è stato facile e in questi giorni post-festa abbiamo voluto provare qualche pasta nuova, in particolare quelle che avevamo preso alla Fiera di Rimini. AMARANTO prelibatezze senza glutine della GLUTEN FREE HOUSE di Salsomaggiore è una linea di pasta che mi ha conquistato già al primo assaggio in Fiera. A casa ne ho portati alcuni pacchi tra i quali quella di oggi: Riccioli di Amaranto 100% senza glutine, senza lattosio, senza uova. Il mio condimento è molto semplice, con una verdura di stagione che amiamo tantissimo: una crema di carciofi e timo. Ricetta veloce e gustosa, che piacerà anche ai vostri bimbi visto che i carciofi si sono trasformati in una deliziosa crema, molto gustosa e leggera, profumata di timo. Il formaggio è un obbligo e noi abbiamo optato naturalmente per del parmigiano stagionato 48 mesi che è privo di lattosio. La pasta è buonissima, tiene molto bene la cottura: non vi resta che provarla! Buon inizio di settimana a tutti!

Ingredienti per 4 persone:

350gr di pasta Riccioli di Amaranto
3 carciofi
1/2 cipolla bianca
1 rametto di timo
brodo vegetale q.b.
olio evo q.b.
sale e pepe q.b.
prezzemolo fresco q.b.
parmigiano grattugiato q.b.

Pulite i carciofi dalle foglie dure esterne, tagliateli a metà, togliete la barbetta e tagliateli a spicchi. In una casseruola con due cucchiai di olio mettete a rosolare a fuoco basso la cipolla tritata con il timo, aggiungete poi gli spicchi di carciofo e fare insaporire il tutto. Unite un bicchiere di brodo vegetale (o acqua) e fate cuocere sino a quando sono teneri, aggiungendo brodo o acqua se necessita. Con l’aiuto di un frullatore ad immersione, frullate il tutto sino ad ottenere una crema. Aggiustate di sale e pepe e tenete da parte. Cuocete la pasta, scolatela al dente, tenendo un po’ di acqua di cottura da parte e riversatela nella pentola. Unite la crema e mantecate il tutto con del parmigiano grattugiato, unendo un pochino di acqua di cottura della pasta. Servite in tavola con una macinata di pepe fresco, una grattugiata di parmigiano e una spolverata di prezzemolo.

20160315_113822

20160315_113830

20160315_113850

16 pensieri su “Riccioli di Amaranto con crema di carciofi e timo: e vai di batteria!

  1. Claudia

    Che buona questa pasta.. particolare di amaranto non l’aevo mai vista!!!! Avete fatto bene a ritagliarvi del tempo all’aria aperta in famiglia… Per il resto.. la batteria?? ahahahaha auguri!!!!che bordello allucinante. Mi ricordo quando ne regalammo una giocattolo in miniatura per il nostro nipotino.. Mia cognata ci ha odiato!!! Un abbraccione

    Rispondi
  2. ricettedacoinquiline

    Che tenera! Anche io volevo imparare a suonare la batteria, ma purtroppo vivendo in appartamento era un po’ difficile da mettere… E soprattutto non esistevano corsi per imparare a suonarla se non in conservatorio 😦

    Rispondi
  3. Cix79

    Il piatto è decisamente e davvero super invitante! Quel tipo di pasta non l’ho mai mangiata ma sembra molto buona!
    Per quanto riguarda la batteria… con la batteria elettronica può andare avanti tantissimo e la differenza con quelle standard è pochissima!
    Una mia collega ha entrambi i figli che suonano da anni la batteria ed in casa ne hanno una elettronica base ed una un po’ più professionale (con più pezzi). Quindi dal punto di vista del rumore con quella potete stare tranquilli.. chiaramente occupa un po’ di spazio 🙂
    Invitato ad un loro saggio l’anno scorso tra l’altro ho visto che in uno dei complessi di ragazzini delle medie che si sono esibiti c’era anche una ragazza batterista.. quindi come si dice in un famoso film “SI PUO’ FAREEEEEE”

    Buon Lunedi 🙂

    Rispondi
  4. Affy

    Grande Serena … hai scelto bene! La batteria è uno strumento nobile ed emette un’armonia di suono e timbro che è una cannonata! 😀
    Come una cannonata è questa pasta che solo a guardarla fa venir fame. La ricetta è squisita perchè i carciofi sono pur sempre una meraviglia dell’orto e accompagnati dal timo rendono al palato tutta la loro fragranza.
    Approvo e apprezzo le vostre scelte, in poche parole le condivido! 😉
    un bacione alla cara ciurma ❤

    Rispondi
  5. The Master Of Cook

    Ricordo che quando ero piccolo un amico aveva costruito una simil-batteria usando i fustini del detersivo (quando ancora si vendeva in fustini) dello scotch e altri strumenti di fortuna come bottiglie e coperchi. Faceva un chiasso allucinante, non era per nulla melodica ma ci divertivamo molto a suonarla.

    Sono sicuro che Serena si divertiraà molto e poi se sono batteristi… pesteranno! 🙂

    Rispondi
  6. zia Consu

    Non si può dire che tua figlia segua il “branco”, ha le idee ben chiare ed una bella personalità..devi andarne fiera ^_^
    Anche x me la Pasqua è stata molto tranquilla e light, quindi sono tornata alla mia alimentazione senza troppa fatica 🙂
    Fantastica questa ricetta..l’amaranto lo proverò presto, mi incuriosisce moltissimo 🙂

    Rispondi
  7. Daria

    Non conoscevo questa pasta, deve essere buonissima! Spero di trovarla anch’io! Anche il condimento è super. Ottima scelta musicale quella di tua figlia!

    Rispondi
  8. Paola

    Buoni i carciofi! Non conosco questa pasta, ma il sugo è una cannonata. E voto per la batteria, che dà il tempo a tutta l’orchestra 🙂

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...