Spinacino Ripieno con Carciofi, Mele e Timo: rivisitiamo un piatto di mamma!

Lo Spinacino o Tasca di Vitello è un piatto legato alla mia infanzia, una di quelle ricette che ti porti dietro per tutta la vita, una delle prime che prepari quando hai la tua famiglia. Ricordo che mamma lo preparava sempre la domenica, alternandolo all’arrosto con le patate, dopo le sue meravigliose lasagne. Quando rientravo da Messa, trovavo mamma che preparava la tavola, così io, super affamata (una cosa che mi porto dietro da sempre), mi fiondavo in cucina e di nascosto ne mangiavo una fetta direttamente dal tegame, fredda: dio come era buono! Ancora oggi mamma lo prepara spesso quando andiamo, con la stessa ricetta di sempre, un ripieno di spinaci o erbette e formaggio. Solo che adesso chi “ruba” la fetta di carne è Serena!
Adoro queste ricette, perché si possono preparare anche il giorno prima, conservare in frigorifero e portare in tavola il giorno successivo, dopo una semplice riscaldata. Io faccio proprio così: il sabato organizzo e preparo il pranzo della Domenica (lasagne o pasta al forno per esempio, arrosto o spinacino), così il giorno dopo, al rientro dalla Catechesi, metto tutto in forno e via … insieme tranquilli a tavola!
Il mio Spinacino però è diverso, anzi diversi! Si, perché di farce all’interno ne ho cambiate molte. Quella che vi propongo oggi è una delle preferite da Mauro: carciofi, mele e timo. Un ripieno dolce e cremoso, molto profumato che si sposa benissimo con la carne tenera del vitello, cotta in un mix di vino rosso e latte.
Per questa ricetta ho usato l’ultimo sacchettino di carciofi freschi che avevo nel congelatore (questa primavera papà mi ha procurato una cassetta di carciofi piccoli, quelli più teneri. Una parte li abbiamo fatti sott’olio con mamma, l’altra l’ho pulita bene e congelata per l’inverno) e delle succose mele Golden bio prese al mercato.
Un piatto molto buono, che ha conquistato sin da subito la ciurma: la piccola Greta adora questo ripieno che preparo sempre in abbondanza per farci anche delle golose polpettine fritte. Si, lo ammetto, sono un Capitano troppo tenero, ma adoro viziare la mia ciurma e penso che sia più bello mangiare davanti ad un buon piatto tutti insieme chiaccherando felici.

Ingredienti:

500gr di spinacino di vitello tagliato a tasca
8 carciofini piccoli tagliati a spicchi oppure 2 grandi
1 scalogno tritato
1 mela Golden
1 uovo
3 rametti di timo
1 rametto di rosmarino
3 foglie di salvia
1 1/2 bicchieri di vino rosso
1 cucchiaino di farina di riso
1/2 bicchiere di latte di riso
sale e pepe q.b.
olio evo q.b.

ago e filo per cucire la tasca

20141006_173117

In una larga padella con due cucchiai di olio evo fate ammorbidire lo scalogno con il timo (2 rametti), unite i carciofi e la mela e fate cuocere sino a quando la mela non si è ammorbidita. Fate raffreddare e poi frullate grossolanamente il tutto con il mixer ad immersione.

20141006_115237

Aggiustate di sale e pepe e unite l’uovo, lavorate bene il composto e farcite la carne.

20141006_173355

Cucitela e rosolate lo spinacino su tutti i lati in un tegame con un filo di olio evo, il timo, la salvia e il rosmarino.

20141006_174225

Unite il vino e il latte, regolate di sale e pepe e lasciate cuocere a fiamma dolce per circa 40/45 minuti, rigirando ogni tanto. Se dovesse essere necessario bagnate con del brodo.
Queste sono le polpettine fritte di cui vi parlavo prima, perfetto antipastino in attesa che la carne sia pronta!

20141006_191215
Quando la carne è cotta, spostatela su un tagliere, copritela con della stagnola e fate raffreddare prima di tagliare a fette.

20141006_190518

Nel frattempo fate addensare un pochino il sughino nel tegame aggiungendo un cucchiaino di farina di riso. Spostate le fette nel tegame, fate insaporire con il sughino e servite in tavola ben caldo con un contorno a piacere, io ho scelto delle croccanti patate!

20141006_191738

Buona domenica a tutti!

20141006_191434

17 pensieri su “Spinacino Ripieno con Carciofi, Mele e Timo: rivisitiamo un piatto di mamma!

  1. sandra pilacchi

    ultimamente io e la carne rossa abbiamo uno strano rapporto: da quando mia figlia ha deciso di essere vegetariana mi fa un certo effetto cucinare la carne, ma questo è un signor modo!
    buonissimo il ripieno!
    un abbraccio
    Sandra

    Rispondi
    1. Una Favola in Tavola - Il Mondo di Ortolandia Autore articolo

      Ciao Sandra, io non porto in tavola molto la carne, non ne vado particolarmente matta ( a differenza di mia figlia grande che la mangerebbe tutti i giorni e rossa). Così cerco di cucinarla in modi particolari e sfiziosi come questo spinacino. Non deve essere facile quando alcuni famigliari cambiano regime alimentare… ti tocca fare più piatti. Però è una scelta sana… io sono sarei capace, solo perché non riuscirei a stare senza le 4 porzioni a settimana di pesce!! 😉
      un abbraccio e buona settimana

      Rispondi
  2. marilenainthekitchen

    Che bello avere “il pranzo della Domenica” da organizzare. …. il tuo spinacino dev’esserere buonissimo con tutto il ricordo della tua infanzia che si porta dentro poi……. diventa un piatto speciale, vero Manu? Felice Settimana a te Cara😘

    Rispondi
  3. Pingback: Cardi e Carciofi fritti in pastella senza glutine: il regalo del papà! | Una Favola in Tavola " Il Mondo di Ortolandia"

  4. Pingback: Scaloppine di Pollo allo Zafferano e Nergi: l’unione fa la forza | Una Favola in Tavola " Il Mondo di Ortolandia"

Rispondi a Patrizia M. Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...