Albicocca

L’albicocca è un frutto appartenente alla famiglia delle Rosacee e alla specie Prunus Armeniaca, è originaria della Cina, dove era già conosciuta nel 3.000 avanti Cristo. Fu diffusa in tutta Europa dai romani dopo la conquista dell’Armenia e da questa regione, dove era chiamata mela d’Armenia, ( Armeniacum malum ) prese anche il nome. Stati Uniti, Spagna, Italia, Francia e Grecia sono i maggiori stati produttori di albicocche a livello mondiale. Le varietà di albicocche sono molte, le più pregiate e le più coltivate sono: Baracca, Monaco, Reale di Imola, Precoce di Cremonini, Val Venosta, Boccuccia, Cafona e la Pesca di Nancy.

images (8)

E’ composta in gran parte da acqua (85% circa), proteine in minima parte, glucidi e fibra alimentare, Sali minerali come il potassio, il calcio, fosforo, sodio e ferro. Per quanto riguarda le vitamine troviamo in buona percentuale la vitamina A, C e PP.
Grazie alla loro presenza e alla sua buona digeribilità, l’albicocca è un frutto con ottime proprietà nutrizionali. Particolarmente indicata per chi ha problemi di anemia o spossatezza, per le persone in convalescenza, per anziani e bambini in fase di crescita. La vitamina A presente è utile per lo sviluppo delle ossa e per il corretto funzionamento di tutti i tessuti del nostro organismo, oltre al fatto che stimola la produzione di melanina, sostanza che protegge la pelle e stimola l’abbronzatura. La stessa vitamina rende questo frutto un alleato per arginare gli effetti dei radicali liberi grazie al suo potere antiossidante.
Un tempo le donne cinesi mangiavano albicocche per favorire la fertilità. L’intuito femminile ha preceduto ciò che la scienza avrebbe poi confermato: le albicocche sono ricche di minerali indispensabili per la produzione degli ormoni sessuali.
Inoltre, l’alta percentuale di potassio presente nell’albicocca è in grado di prevenire vari disturbi a livello nervoso e muscolare. Ricordo che l’albicocca è leggermente lassativa grazie alla presenza del sorbitolo.
Sono inoltre alimenti ad alto contenuto di fibre, utili per dimagrire e tenere sotto controllo l’iperglicemia.
I semi contenuti nel nocciolo dell’albicocca contengono la vitamina B17, una sostanza che sembra in grado di aggredire e annientare le cellule malate dell’organismo, in particolare quelle di alcuni tipi di tumore.

imagesCADCER1H

L’albicocca è sconsigliata a chi soffre di calcoli renali.
Il suo apporto calorico è molto basso: 28 calorie per 100 grammi.
Utilizzata in cucina ma anche in cosmesi: questo mese tante ricette di ogni genere, per sfruttare al meglio le proprietà di questo buonissimo frutto!

4 pensieri su “Albicocca

  1. Pingback: Raccolta di Luglio “L’Orto del bimbo intollerante” | Una Favola in Tavola " Il Mondo di Ortolandia"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...