Pane rustico di farro con cipolle rosse di tropea e semi di lino: lezione di cucina-salute alla mamma

Quando mamma viene a stare qualche giorno da noi, come in questi giorni che avevo bisogno, oltre a godersi le nipotine, fruga nella mia dispensa. Se sino all’anno scorso certi alimenti non li voleva neanche vedere, oggi sia lei che papà, mangiano pasta integrale, hanno inserito certi cereali nell’alimentazione e hanno tirato via alcuni condimenti pesanti come la panna, preferendo la versione vegan. Questo dimostra che niente è impossibile se ci si ama e si pensa sempre alla propria salute.
Fruga, fruga ha trovato una confezione di semi di lino: “cosa ci fai con questi? non servono mica per i capelli?” mi ha chiesto. E così ho iniziato a spiegarle cosa sono e il bene che fanno: contengono numerosi elementi nutritivi in particolare gli omega 3, sali minerali, proteine e vitamine del gruppo B. Per questo sono importantissimi per chi ha problemi di digestione, per prevenire malattie all’apparato circolatorio e cardiovascolare, per combattere e prevenire osteoporosi e ipertensione e per chi soffre di stitichezza. Inoltre hanno la capacità di attivare i processi depurativi del nostro organismo. Di recente, negli Stati Uniti, alcuni studiosi sostengono la possibilità che essi riescano ad agire positivamente nella prevenzione di tumori al seno, al colon e alla prostata. La loro assunzione regolare sarebbe inoltre utile per prevenire le emorroidi e per favorire lo sviluppo della corteccia cerebrale del feto durante la gravidanza. Insomma … sarebbe utile inserirli nella propria alimentazione! Come? Un modo semplice e veloce è metterli nell’impasto del pane: così è stato!
Ho preparato una bella pagnotta con farina di farro integrale Bio, delle buone cipolle rosse di Tropea e i nostri amati e salutari semi di lino: calda e profumata l’ho presentata ieri sera a cena in tavola a mamma per accompagnare delle verdure ripiene. “Domani, quando torno a casa, vado a fare la spesa e li prendo subito … devo preparare questo pane a tuo padre!” … che soddisfazioni!

Ingredienti:

500gr di farina integrale di farro
150gr di semi di lino
2 cipolle rosse di tropea (piccole)
1 bustina di lievito
250ml di acqua tiepida
1 cucchiaino di sale
1/2 bicchiere di acqua
olio evo

20140523_081342

Pulite le cipolle, affettatele sottilmente e mettetele a stufare in una padella con un cucchiaio di olio evo e il mezzo bicchiere di acqua. Aggiustate di sale e fate cuocere sino a quando non saranno completamente trasparenti.
Nel frattempo preparate l’impasto unendo la farina con i semi, aggiungete l’acqua dove avrete fatto sciogliere il lievito e iniziate a impastare. Quando l’impasto è liscio e omegeneo, formate una palla, coprite con uno straccio e lasciate lievitare per 1 ora e mezza in un posto caldo.

20140523_120846

Trascorso il tempo riprendete l’impasto, apritelo e unite le cipolle stufate rimpastando bene il tutto. Riformate una palla e fate lievitare ancora per un’ora.

20140523_120930
Versate l’impasto nella teglia ricoperta da carta forno, praticate un’incisione a croce e lasciate lievitare il tempo che il forno raggiunga la temperatura di 200°, infornate e lasciate cuocere per circa 35-40 minuti, deve crearsi una bella crosta in superficie.

20140523_125200
Fate raffreddare e … gustatevi questo delizioso pane molto rustico!

20140523_165530

20140523_165418

8 pensieri su “Pane rustico di farro con cipolle rosse di tropea e semi di lino: lezione di cucina-salute alla mamma

  1. Erica Di Paolo

    Un pane di solo farro integrale è difficilissimo da fare, perché questa farina non ha forza sufficiente a sviluppare una maglia glutinica che lo gonfi e lo renda elastico. Tu hai saputo creare un pane fragrante e sicuramente rustico.
    I semi di lino? Amici preziosi. Io li uso tutte le mattine, spezzati, nella mia frittatina proteica. Negli impasti sono perfetti. Ricorda, però, che vanno sempre spezzati, perché tutte le proprietà si trovano all’interno e il nostro organismo non è in grado di scomporre il piccolo guscio esterno. Mangiarli interi vuol dire non mangiarli ^_^
    Ti abbraccio forte, manine d’oro. Avrei voluto venedere la faccia della tua mamma, ahahahahahahah.
    Un bacione.

    Rispondi
  2. rosalba

    brava se hai sbalordito mia cognata lo faccio anch’io……ho della farina x pane con un mix di farine ( farro camut integrale e….SEMI di lino ) quindi aggiungo la cipolla e il gioco è fatto …..baci baci

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...