Auguri … PAPA’

Oggi è LA FESTA DEL PAPA’: il mio uomo speciale. Un uomo del Sud, cresciuto al Nord. Partito da Palermo giovanissimo dopo la morte del nonno, è arrivato a Milano con la nonna e una sorella, la mia adorata Zia Rosalba. Le altre, già grandi e sposate, sono rimaste in Sicilia. Subito a lavorare per mantenere le sue donne di casa, una cosa che ha sempre fatto anche quando ha sposato mamma e siamo arrivati io e, dopo 7 anni, mio fratello Emi. Un uomo che si è sempre fatto in quattro per non farci mai mancare niente, dividendosi in mille lavori pur di lasciare a casa mamma per occuparsi di noi. Usciva la mattina alle 4 e rientrava alle 14 dopo aver fatto i mercati di ortofrutta, mangiava e poi si riposava un paio di ore. Usciva ancora alle 17 per il secondo lavoro di guardiano e rientrava alle 23.30, tutti i giorni, dal lunedì al sabato. L’unico giorno dove era tutto mio era la domenica: insieme sin da piccina andavamo allo Stadio a vedere l’Inter, una passione e un amore che mi ha trasmesso per questa squadra e per questo sport. Pranzavamo di corsa e poi via in macchina verso San Siro, cuscinetto, sciarpa e cappello sottobraccio. In macchina gli leggevo la gazzetta e commentavamo la formazione che sarebbe andata in campo… parlavamo solo di questo. Nessuna domanda mai su scuola, amici o altro: riservato lui e riservata io, sapevamo tutto l’uno dell’altra grazie a mamma. Quindi quelle ore della domenica dovevano solo essere uno spazio tra noi, la nostra passione da vivere insieme senza i problemi di tutti i giorni. Si tornava a casa e insieme sul divano guardavamo tutti i gol in tv, per poi cenare tranquilli e dedicarci all’altra nostra passione: la lettura. Io nel mio letto e tu sul divano, ancora oggi leggi due libri a settimana. Gli anni passavano, crescevo, le prime uscite, i primi amori, lo studio e poi il lavoro, ma la domenica era sempre nostra. Sino a quando ho deciso di andare via di casa: chiunque si sarebbe aspettato che quella parte meridionale di te venisse fuori, la tua unica figlia femmina che a 20 anni va via di casa. Invece no, con molta dolcezza mi hai chiesto, hai accettato nonostante tutti mi fossero contro, sei venuto a vedere dove sarei andata a vivere, la mia nuova casa, ti sei accertato che io potessi stare bene e mi hai abbracciato. Lavorando ancora a Milano, riuscivo almeno un paio di volte a settimana ad avere la pausa pranzo dopo le 14, così passavo dai miei e mangiavo un boccone con papà, che categoricamente mi riempiva la macchina di frutta e verdura. Quando ho iniziato a convivere con Mauro è comparso un sorriso sul tuo volto: tra voi sempre un bellissimo rapporto e questo ti permetteva di essere più sereno, non ero più tutta sola. Abbiamo iniziato a parlare di più, mi chiedevi con garbo ed io ti rispondevo felice. Poi il matrimonio, quanta felicità nei tuoi occhi e … l’arrivo di Serena dopo qualche anno: da papà a NONNO! Un meraviglioso nonno! Tutti i gesti di affetto che non hai mai dato ai tuoi figli, non perché non ci amassi, ma perché tu sei così li dai ai tuoi nipoti: Sere e poi Greta stravedono per te! Per loro sei una pedina fondamentale della loro vita … come lo sei della mia! Non vi dico mai ti voglio bene, lo so, mamma mi riprende ancora oggi che ho 38 anni: “ e dammi un bacio ogni tanto!” mi dice sempre.
Ma tu mi capisci, perché io sono come te: stesso segno zodiacale, due soli gg ci dividono, un fuoco dentro e pacati fuori, toccateci tutto ma non la famiglia, riservati ma aperti con chi merita, loquaci ma anche silenziosi, simpatici e lunatici.
Tanti auguri Papà: il mio uomo speciale!

11 pensieri su “Auguri … PAPA’

  1. Rebecca Antolini

    Ciao Manuela 🙂 Adoro leggere i raconti dei altri… che bello è la vita, anche se a volte e difficile e fatticoso.. ma si fa e poi rimangono ricordi … un film della propria vita… auguri a titti padi del mondo … Pif

    Rispondi
      1. Rebecca Antolini

        mio padre mi diceva una volta la vita di valore e la vita del dolore… da piccola non ho capito… ma ora si..

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...