Che Natale è … senza purè!

Un manto bianco di neve ha ricoperto tutto il villaggio e nell’aria si respira un’atmosfera di festa per l’arrivo del Natale.
Nella piazza un pino addobbato con luci, palline colorate e un’immensa stella luminosa che brilla sulla punta. Sotto la poltrona di Gnomo Natale che riceve i piccoli baby-gnomi per la richiesta dei regali.
Intanto come ogni anno il capo villaggio Goffrey, aiutato da gnoma Asata e gnomo Mariaci, sta ultimando i preparativi per il pranzo di Natale che si terrà dentro il teatrino del villaggio.
– Asata, mi raccomando anche quest’anno devi preparare il tuo super purè! –
– Certo Goffrey, tranquillo! Ho già pulito tutte le patate, devo solo mettermi ai fornelli! – risponde la gnoma – Piuttosto possiamo ricontrollare insieme la lista degli invitati al pranzo? Sai, non vorrei aver dimenticato qualcuno, mancano solo due giorni a Natale!

-Brrrr che freddo! – dice Monello stringendosi a Musti – dobbiamo uscire per forza amico mio, non abbiamo più legna per il camino e con il freddo che c’è, non possiamo rimanere senza fuoco -.
Lo gnomo indossa il suo mantello e infreddolito sale in groppa all’amico puzzola per andare alla falegnameria del villaggio.
Sulla strada incontra Goffrey – Ciao Monello! Auguri di buone feste! Che cosa farai di bello a Natale? –
-Starò al calduccio a casa mia! Anzi sono di fretta, devo andare a prendere la legna! Ciao! – e con il suo fare maleducato si allontana frettolosamente.
“Che gnomo strano… non capisco perché deve fare così. Ed io che volevo invitarlo al pranzo di Natale! Vado a cercarlo per dirglielo“ pensa il capo villaggio prendendo la strada per la falegnameria.

Arrivato a destinazione Monello, riceve una brutta notizia: la legna è finita.
-Avresti dovuto ordinarla! Lo sai che appena inizia l’inverno non raccogliamo più legna – dice gnomo Saci.

Monello sale in groppa a Musti e triste e pensieroso si avvia verso casa. Goffrey lo vede allontanarsi con il carretto vuoto “ oh no! Come farà con questo freddo senza fuoco?” pensa rientrando di corsa verso il teatrino.
– Asata, Mariaci dove siete? – dice il capo villaggio guardandosi attorno.
– Sono qui Goffrey – dice Mariaci – Asata è andata dai baby gnomi per controllare lo spettacolo di Natale -.
– Per favore amico mio, aggiungi alla lista per il pranzo di Natale gnomo Monello e ricordati di andare a prenderlo la mattina di Natale! -.

Il giorno di Natale è arrivato, tutti gli gnomi felici scartano i doni portati da Gnomo Natale.  Intanto in una piccola casetta gnoma Asata è intenta a preparare il suo super cremoso purè di patate per il pranzo

Gialla o bianca, viola o rossa tu sei piccola o anche grossa,

con o senza pellicina di ogni pasto sei la regina,

negli gnocchi o nel purè tu hai sempre il tuo perché

fatta al forno o al vapore tu hai sempre un fantastico sapore”

Gnomo Monello infreddolito, accovacciato vicino a Musti, cerca di scaldarsi accanto al piccolo fuoco ormai quasi spento del camino.
-Che freddo! Non riesco neanche a muovermi per andare a prendere qualcosa da mangiare – dice Monello stringendosi alla puzzola.
Proprio in quel momento qualcuno bussa alla porta.
Monello stupito si alza tremante e va ad aprire – Buon Natale! – di fronte a lui gnomo Mariaci con un enorme pacco in mano – Questo è un regalo per te. Ora preparati perché verrai con me alla festa di Natale e Goffrey non accetta un no -.

Monello senza parole prende il regalo e lo scarta subito: tra le mani un mantello di morbida e calda lana e una pesante coperta.
– Musti guarda, possiamo stare al calduccio ora! – dice lo gnomo felice andando a coprirla subito con la nuova coperta.

Canti di festa, una tavola imbandita di squisitezze e un dolce calore accolgono Monello al pranzo di Natale. Goffrey e gli altri gnomi andandogli incontro lo abbracciano per fargli gli auguri.
-Tutti a tavola! – urla il capo villaggio che prende Monello sottobraccio e lo accompagna al suo posto vicino – Tu oggi starai vicino a me così sono sicuro di farti mangiare! -.
Un delizioso piatto pieno di purè caldo e cremoso appare davanti agli occhi di Monello – Buon appetito! – gli dice gnoma Asata invitandolo a mangiare.

Lo gnomo prende il suo cucchiaio e i suoi occhi si spalancano sorpresi dalla bontà del piatto, è senza parole ….quel sapore gli fa tornare alla mente dolci ricordi d’infanzia, la sua mamma, e un gran sorriso appare sul suo volto.
Goffrey lo guarda felice “ ci voleva un gran purè per sciogliere il cuore di quel burbero gnomo” .

Un pensiero su “Che Natale è … senza purè!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...